Da un articolo scritto da Rod Dreher, autore de L’Opzione Benedetto, pubblicata su theamericanconservative, che vi propongo nella mia traduzione.

 

Federica, moglie di Marco Sermarini
Federica, moglie di Marco Sermarini

 

Federica Sermarini, moglie di Marco e mamma di cinque splendidi figli, è morta questa settimana di cancro al pancreas. I suoi funerali si sono svolti il ​​29 settembre, a San Benedetto del Tronto. I lettori de L‘Opzione Benedetto sapranno tutto sui Sermarini. Ho detto a chiunque ascolterà che la loro piccola comunità di fedeli cattolici, i Tipi Loschi (sfacciatamente, “i soliti sospetti”), sono il miglior esempio dell’opzione Benedetto che abbia mai trovato. Sono gioiosamente controculturali e profondamente radicati nella loro fede. Chiunque pensi che l’opzione Benedetto riguardi la corsa sulle colline e il nascondersi con paura e senza gioia dovrebbe visitare i Tipi Loschi, che confutano tutte queste affermazioni.

Nel libro incontri Marco e Federica, ma soprattutto incontri Marco, perché l’inglese di Federica non era eccezionale. In Marco vedi un uomo italiano di gioia incontenibile, che deriva dalla sua sconfinata fede e amore per la vita. Dice tutto il fatto che è il capo della GK Chesterton Society italiana. Una volta alla TV francese mi è stato chiesto chi fosse il mio eroe, e io ho detto “Marco Sermarini”, spiegando che questo avvocato italiano, che vive in una piccola città lontana dai sentieri battuti, mi ha mostrato che tipo di vita gioiosa di creatività e amore è possibile con una grande fede.

Stamattina qualcuno mi ha mandato l’elogio funebre che Marco ha fatto per Federica al suo funerale. L’ho tradotto tramite DeepL e lo presento di seguito. Questa è una potente testimonianza di fede, speranza e amore. L’ho appena letto e sono seduto sulla mia poltrona in lacrime. Ve lo offro e prego che vi benedica come ha fatto con me. Questo è ciò che significa essere un vero cristiano:

Prima di tutto voglio ringraziare tutti per una serie di motivi, la vostra presenza qui ci porta molto.

Parlo a nome del clan Sermarini, ci conforta molto, ci fa molto piacere. Dovrei fare un elenco enorme di persone dei cinque continenti che hanno pregato per noi in questo periodo, e le preghiere hanno avuto i loro frutti, senza dubbio.

Dovrei fare una lista molto lunga di persone che ci hanno aiutato in tanti modi durante questi sei mesi di malattia e difficoltà, che puoi sicuramente capire.

Non farò nulla di questo, tuttavia, ti dico grazie. Poiché il nostro Chesterton ha detto che la gratitudine è la base della felicità, un uomo felice è sempre un uomo grato, solo un uomo grato può essere felice.

E siamo molto grati a Federica, quindi diciamo grazie.

Diciamo grazie al Signore per avercela donata, per averla lasciata stare con noi per questi anni e questo è già tanto, possiamo solo dire grazie. Anche perché mia moglie ci ha lasciato una grande consegna.

Tra ieri e oggi ho sentito tante persone che volevano esprimere la loro partecipazione al nostro dolore e molti di loro mi hanno detto che mia moglie era una persona brava ad accogliere, e credevo di saperlo, ma forse ora ho capito bene. Molti mi hanno detto che mia moglie era una persona capace di sorprendere, e io lo sapevo.

Ricordo una battuta fatta da un nostro amico, un libanese molto simpatico. Siccome mia moglie faceva sempre tante domande, le faceva così, non appena venivano da lei, e a un certo momento questa amica le diceva: “Ma Federica, sembri una bambina!”, e il suo essere è rimasto sempre così, fino all’ultimo secondo. E per questo sono molto grato.

E poi l’innegabile talento educativo di Federica, che non potrebbe essere spiegato solo a scuola, anche perché non insegnava nella nostra scuola, ma era una presenza costante e ti stava accanto finché non ti arrendevi. E così questo talento non si esprimeva solo nella sua famiglia, donna esigente, generale di corpo d’armata da questo punto di vista, ma si esprimeva ovunque si trovasse.

Uso il passato ma posso tranquillamente usare il presente, e questo è un altro dono che abbiamo coltivato nei nostri 27 anni e 12 giorni di matrimonio, che è il dono della fede cattolica.

La Fede Cattolica ci dice che dobbiamo credere nella Comunione dei Santi, quindi qui c’è l’Ecclesia Militans [Chiesa militante] che è la chiesa che combatte, e là c’è l’Ecclesia Triumphans [Chiesa Trionfante]. Siamo lo stesso esercito, ma per ora siamo in due reparti diversi, ma non cambia assolutamente nulla.

Parlando di guerre e battaglie, per quanto riguarda la lettura che abbiamo letto un attimo fa, è tratta dall’epistola che ci parla di una battaglia, anzi di una guerra. Una guerra che è una visione, ma è una guerra che c’è stata, che c’è davvero e che c’è ogni giorno. È la guerra tra il bene e il male, tra Dio e il male, e questa guerra è combattuta davanti a tutti da San Michele, capo delle milizie angeliche.

Quando ho visto che il funerale si sarebbe svolto oggi [29 settembre, festa degli Arcangeli], sono stato contento per questa occasione, perché la battaglia che ha combattuto Federica è stata una battaglia, l’ultima che abbiamo combattuto, ma una guerra che abbiamo iniziato da sempre, e in questa battaglia il grande drago voleva prevalere su di lei, ma non ci è riuscito.

“Il gran dragone, l’antico serpente, quello che chiamiamo diavolo e Satana, e che seduce tutta la terra, fu scagliato sulla terra, e con lui furono scagliati anche i suoi angeli”. (Apocalisse 12,9)

E ha realizzato ciò che abbiamo capito dall’inizio: che sarebbe stata una battaglia, e abbiamo intuito dall’inizio che avremmo potuto dare una testimonianza, e lo dice qui, ma sei mesi fa non lo sapevo. Non sapevo come sarebbe andata a finire e non sapevo che sarebbe andata a finire oggi.

Ora la salvezza, la forza e il regno del nostro Dioperché qui combattiamo per il nostro Re, che è Dio e la potenza del suo Cristo si è compiuta, perché è precipitato l’accusatore dei nostri fratelli, – che è colui che ci dice “tu sei inutile, la tua vita è inutile, la tua vita non è niente, tutto finisce in un buco nero”colui che li ha accusati davanti al nostro Dio giorno e notte.

Ma loro cioè noi, Federica lo hanno vinto per mezzo del sangue dell’Agnellodove Federica ha lavato le sue vesti per sei mesie grazie alla testimonianza del loro martirio” .

Cioè noi poveri soldatini spaventati, cioè quando ti dicono “tua moglie ha un tumore” (al pancreas, ndr), e non un brufolo, quello è uno dei peggiori, non è che vuoi saltare di gioia, ma poi arriva il coraggio e il coraggio ti dà la forza di dare testimonianza, cioè di fare come gli antichi cristiani, dove la prima cosa a cui hanno dato testimonianza è stata la risurrezione di Cristo, e noi diamo testimonianza del fatto che la vita non finisce qui, Cristo è risorto e ha dato la vita per noi e ha vinto la morte. Non abbiamo capito che dovevamo dare questa testimonianza, ma ci abbiamo provato strada facendo.

Il nostro Frassati [Beato Pier Giorgio Frassati, cui la comunità è devota] ci ha ricordato, e ieri mi è tornato in mente, che non siamo fatti per questa terra, ma per la nostra Vera Patria.

Quindi la battaglia è stata vinta. Qualcuno dirà “Ma come? Federica se n’è andata”, la battaglia è vinta.

Federica voleva morire a casa me lo diceva sempre. È morta con noi, con la nostra famiglia e gli amici intorno e con il conforto del sacerdote, che in questi mesi non è mai mancato.

E poi non è morta disperata, è morta serena, combattendo fino all’ultimo perché anche la morte è una battaglia da combattere, e devo dire che è stata molto coraggiosa, non si è mai tirata indietro. Ho cercato di darle più forza che potevo, o meglio ci abbiamo provato perché i nostri figli non si sono mai tirati indietro, non hanno mai avuto paura di affrontare questa cosa, o meglio l’hanno affrontata con coraggio, perché il coraggio segue la paura.

E in questi mesi ciò che ci ha accompagnato sono alcuni versi di una poesia del nostro Chesterton, che si intitola “La ballata del cavallo bianco”. È la storia di Re Alfredo che deve combattere contro i Vichinghi, e i Vichinghi erano pagani crudeli e lui doveva difendere il suo popolo e ad un certo punto ha un dialogo, una specie di visione, con la Madonna che gli dice:

“Ma tu e tutta la stirpe di Cristo siete ignoranti e coraggiosi, e avete guerre che difficilmente vincete e anime che difficilmente salvate. Non dico nulla per il vostro conforto, né per il vostro desiderio, dico solo: il cielo si sta già oscurando e il mare si fa più grande. La notte sarà tre volte più buia su di voi e il cielo diventerà un manto d’acciaio. Riuscite a provare gioia senza motivo, ditemi, avete fede senza speranza?”

Umanamente non avevamo grandi speranze, abbiamo mantenuto la Fede, che era la vera battaglia da vincere.

Posso solo darti questa testimonianza, ho potuto parlare per quattro giorni consecutivi di quanto fosse grande mia moglie nella vita, di quanto semplice, umile, buona, una buona madre, una buona moglie, piena di forza, indomita, mai piegata, mai a riposo, mai soddisfatta, ma questa è un’altra storia e un po’ lunga, ma molti di voi mi hanno portato questa testimonianza e io sono calmo e sereno.

Vi invito ad essere altrettanto calmi e sereni, altrettanto felici e direi anche allegri, e lo posso dire. Perché in ogni caso questo fa parte del nostro essere cristiani, abbiamo questa speranza, questa è la vera speranza, alla fine questo è ciò che conta amici miei.

Quindi siate allegri e pregate per l’anima di mia moglie, perché mancherà sempre qualcosa, pregate per noi che siamo e la battaglia continua, e noi non vogliamo tirarci indietro minimamente.

E con questo dico grazie anche ai sacerdoti che sono venuti, ai monaci, a tutti i cari amici e andiamo avanti, con coraggio.

Un amico che era al funerale mi ha inviato questa foto di Marco e del suo primogenito, Pier Giorgio (con la maglia bianca):

funerale Federica Sermarini
funerale Federica Sermarini

Il mio amico ha detto:

Guarda i volti di Marco e di suo figlio Pier Giorgio alla fine del funerale. Erano ancora più sorridenti del solito, testimoniando a tutti noi presenti la certezza della vita eterna.

Questi uomini erano al capezzale della moglie e della madre mentre lei esalava il suo ultimo respiro due giorni prima. E ora guardali. Questi sono uomini cristiani che sanno senza ombra di dubbio che la rivedranno un giorno. Come direbbe Marco, Grande! 

Non sono riuscito ad arrivare in Italia in tempo per il funerale, ma volevo fare qualcosa in memoria di Federica. Ho fatto una donazione al fondo edilizio per la Scuola Chesterton, la scuola cristiana classica che Marco e Federica hanno avviato. Se siete rimasti commossi dalle parole di Marco, e dalla testimonianza della vita e della morte di Federica Sermarini, prendete in considerazione di fare un dono per continuare il suo lavoro presso la scuola

E se potete, un giorno, andate a San Benedetto del Tronto e visitate la comunità Tipi Loschi. Lì hanno fede. Lì hanno speranza. Lì, soprattutto, hanno amore. Così dovrebbe essere la vita.

 

 

Facebook Comments