Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Craig Murray, pubblicato sul suo blog. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Gaza 9 ottobre 2023 (foto: afp)
Gaza 9 ottobre 2023 (foto: afp)

 

Incredibilmente il genocidio israeliano a Gaza sta raggiungendo nuove vette di violenza. Le cifre delle vittime non arrivano, perché gli attacchi sono così gravi che i corpi non possono essere recuperati, i medici non possono viaggiare e comunque non ci sono quasi più strutture mediche operative.

Ora vediamo che le ingiunzioni occidentali di non attaccare Rafah erano una cortina di bugie per mascherare la complicità. L’ultima sacca di Gaza è oggetto di una spietata pulizia etnica e le sue infrastrutture saranno distrutte come tutte le altre.

È sorprendente che tutto ciò sia accompagnato da un raddoppio assolutamente spudorato del sostegno a Israele da parte delle classi politiche e mediatiche occidentali. Qualsiasi pensiero che il loro isolamento dalla vasta opinione pubblica possa farli riflettere, deve essere abbandonato. I loro padroni sionisti al soldo delle lobby hanno tirato la catena e, invece di fare marcia indietro, stiamo assistendo a un raddoppio dei loro sforzi per sopprimere il dissenso e oscurare la verità.

Alcune di queste spudorate distorsioni sono così dissonanti rispetto alle presunte norme della società occidentale che è quasi impossibile credere che stiano accadendo. Ecco alcuni esempi.

1) Il dottor Ghassan Abu Sitta è un chirurgo ricostruttivo molto rispettato che ha continuato a lavorare eroicamente e instancabilmente nell’ospedale di Al Shifa, eseguendo un’operazione dopo l’altra, per lo più su donne e bambini, mentre l’ospedale veniva bombardato, mitragliato e cannoneggiato intorno a lui.

Era già un chirurgo di grande fama, con sede a Glasgow, dove ora è rettore dell’Università di Glasgow.

Quando la Germania gli ha vietato di entrare per parlare alla conferenza sulla Palestina, da cui sono stati esclusi anche Yanis Varoufakis e altri, è sembrata forse un’azione isolata, come parte della reazione estrema e panica della Germania all’espressione pro-palestinese.

Abbiamo capito che la Germania nutre un odio feroce nei confronti dei palestinesi, basato soprattutto sul trauma psicologico del senso di colpa ereditato dall’Olocausto. Sebbene si tratti di una psicosi nazionale confusa, palesemente immorale e sbagliata, almeno è possibile comprendere in che modo si sia prodotta.

Ma poi si è scoperto che il divieto di viaggio imposto dalla Germania al dottor Abu Sitta ha un effetto a livello di Schengen, in quanto gli è stato vietato anche l’ingresso in Francia. Anche in questo caso si è trattato di un incidente tecnico per quanto riguarda il resto dell’Europa.

Ma ora l’establishment politico occidentale ha raddoppiato il suo impegno vietandogli l’ingresso nei Paesi Bassi e questa volta il governo olandese ha chiarito di appoggiare il divieto, non limitandosi a una restrizione di Schengen.

Quindi i principali governi dell’Unione Europea stanno vietando a un illustre chirurgo di fornire prove mediche di prima mano del genocidio in corso. Non riesco a pensare a nulla che esponga in modo più netto la volontà della classe politica occidentale di abbandonare i principi più elementari della presunta “democrazia occidentale” nell’interesse di Israele.

2) La volontà degli Stati Uniti di usare la violenza estrema contro gli studenti filopalestinesi nei campus universitari è un’altra dimostrazione dello stesso abbandono della pretesa democrazia quando si tratta di Israele. Inoltre, illustra quella che è diventata una grave frattura generazionale nell’opinione pubblica occidentale, con i giovani fortemente motivati ad opporsi al genocidio (il che non significa che gli anziani siano a favore del genocidio, ma solo che sono più divisi, soprattutto negli Stati Uniti).

A ciò fa seguito un’altra folle legislazione pro-israeliana negli Stati Uniti, che cerca di definire antisemita e quindi illegale l’espressione anti-genocidio e pro-palestinese nei campus.

Per molti versi questa è la reazione della classe dirigente in tutto l’Occidente. La loro reazione all’essere improvvisamente esposti come servi pagati di un Israele che non ha più il sostegno popolare e che ora provoca la repulsione dell’opinione pubblica, è semplicemente quella di tentare di vietare la libera espressione e di rendere specificamente illegale il disaccordo con loro.

3) Il Partito laburista britannico è diventato ancora più folle. Il Partito del Genocidio di Keir Starmer è un esempio lampante del successo della lobby israeliana nell’acquistare entrambi gli schieramenti e controllare l’intero unipartito neoliberale che si propone come depositario della “scelta” democratica in Occidente.

Starmer ha fatto del suo meglio per nascondere il suo esplicito “sostegno inequivocabile a Israele” e per recedere dalla sua diretta affermazione che Israele ha il diritto di tagliare cibo e acqua alla popolazione di Gaza. C’è stato un falso cambiamento, dal rifiuto della parola “cessate il fuoco” al sostegno di un cessate il fuoco temporaneo o di un cessate il fuoco “sostenibile” – quest’ultimo è un codice per un cessate il fuoco dopo che Israele ha raggiunto tutti i suoi obiettivi di pulizia etnica.

Ma poi David Lammy ha mandato tutto all’aria con un discorso ai senatori repubblicani statunitensi in cui ha fatto l’affermazione totalmente assurda che Nelson Mandela si sarebbe opposto alle proteste universitarie per la Palestina. Lammy è un individuo davvero spregevole, uno dei massimi esempi di politico corrotto la cui voce è comprata. Ma questa è stata una mossa ben oltre il limite.

4) Ancora oggi, i media occidentali continuano a diffondere la propaganda israeliana a pressione. Il Guardian, nonostante le migliaia e migliaia di donne e bambini morti che abbiamo visto sui nostri cellulari negli ultimi sette mesi, continua a fingere che l’attacco genocida sia stato compiuto contro “militanti di Hamas”.

I bombardamenti e i bombardamenti sui civili nelle tende vengono ancora descritti come “scontri”. Questa propaganda non funziona più, anche se può rafforzare il morale dei sionisti incalliti. Tutti gli altri l’hanno capito da mesi. Eppure continuano a persistere.

5) La partita finale sta diventando molto evidente. Gli Stati Uniti stanno completando il loro porto galleggiante per Gaza e Israele ha ottenuto il controllo del valico di Rafah in Egitto, dando agli Stati Uniti e a Israele il controllo totale dei punti di ingresso a Gaza. Israele ha annunciato che il valico di Rafah sarà consegnato a una forza mercenaria statunitense. Gli Stati Uniti possono quindi affermare di rispettare l’impegno di Biden di non mettere gli stivali delle forze statunitensi sul terreno a Gaza, mentre in realtà ne assumono il controllo.

L’attacco israeliano a Rafah è stato giustificato dagli Stati Uniti come “operazione militare limitata”, sostenendo così che non viola la presunta “linea rossa” di Biden, anche se Israele ha ordinato a più di un milione di sfollati a Rafah di evacuare di nuovo, verso il nulla.

Conclusioni:

L’unica conclusione possibile da tutto ciò è rafforzare la mia analisi che le classi politiche e mediatiche sioniste in Occidente, compresi Biden, Blinken, Trudeau, Macron, Sunak, Starmer, Scholtz, von der Leyen e tutti gli altri, sono partecipanti attivi e consenzienti a un programma di genocidio.

Hanno avuto numerose opportunità di tornare indietro. Abbiamo visto tutti cosa sta accadendo mesi fa. Non le hanno colte.

Il gioco finale rimane il trattamento della restante popolazione palestinese fuori da Gaza attraverso i punti controllati dagli Stati Uniti del valico di Rafah e del porto galleggiante, principalmente verso i campi nel deserto del Sinai. Le potenze occidentali stanno raddoppiando il loro genocidio e il loro progetto coloniale.

Non vedo nulla che indichi che possano avere in mente un qualsiasi altro obiettivo a lungo termine che non sia la completa annessione israeliana di Gaza e della sua popolazione civile. E voi cosa vedete?

Craig Murray

 

Craig Murray is an author, broadcaster and human rights activist. He was British Ambassador to Uzbekistan from August 2002 to October 2004 and Rector of the University of Dundee from 2007 to 2010.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments