Pubblichiamo la traduzione dell’articolo del New York Post che annuncia il rovesciamento della Roe vs. Wade, la storica sentenza che legalizzò l’aborto negli U.S.A., da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America. Questo non significa naturalmente che l’aborto diventa illegale: significa che saranno gli americani a decidere stato per stato. Significa che fede, cultura e un pensiero favorevoli alla vita torneranno ad avere un peso, giocandosi la partita per le anime e per i corpi. Una bellissima notizia, un bellissimo giorno per l’America e per il mondo.

 

Feto di 12 settimane nel grembo materno
Feto di 12 settimane nel grembo materno

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la sua storica decisione Roe v. Wade di 49 anni fa che ha legalizzato l’aborto in tutti gli Stati Uniti, sostenendo una legge del Mississippi che vieta la procedura dopo 15 settimane di gravidanza e lasciando la decisione a ciascuno dei 50 stati.

Il parere di venerdì del giudice Samuel Alito ha anche ribaltato un caso del 1992, Planned Parenthood v. Casey, in cui la corte aveva stabilito che le leggi statali che limitano l’aborto non dovrebbero imporre un “onere eccessivo” alle donne che vogliono avvalersi della procedura.

“L’aborto presenta una profonda questione morale”, ha scritto Alito. “La Costituzione non proibisce ai cittadini di ogni Stato di regolamentare o vietare l’aborto. Roe e Casey si arrogarono tale autorità. Ora annulliamo quelle decisioni e restituiamo quell’autorità al popolo e ai suoi rappresentanti eletti”.

La decisione è stata presa più di otto settimane dopo che una bozza dell’opinione di Alito è trapelata da Politico, scatenando indignazione e proteste in tutto il paese. Folle di attivisti pro-aborto e anti-aborto si sono radunate insieme fuori dal tribunale dopo la sentenza di venerdì, anche se non ci sono state segnalazioni contestuali di arresti o violenze.

“Roe si sbagliava egregiamente fin dall’inizio”, ha scritto Alito con un linguaggio trattenuto nella bozza trapelata. “Il suo ragionamento era eccezionalmente debole e la decisione ha avuto conseguenze dannose. E lungi dal portare a una soluzione nazionale della questione dell’aborto, Roe e Casey hanno infiammato il dibattito e approfondito la divisione”.

Alito è stato confortato nella sua opinione dai giudici Clarence Thomas, Neil Gorsuch, Brett Kavanaugh e Amy Coney Barrett. Thomas, Kavanaugh e il giudice capo John Roberts hanno presentato pareri separati concordi con la sentenza di Alito.

Nel suo accordo, Roberts si è chiesto se rovesciare Roe e Casey fosse necessario per sostenere la legge sull’aborto del Mississippi, scrivendo che l’opinione di Alito era “ponderata e approfondita, ma quelle virtù non possono compensare il fatto che la sua sentenza drammatica e consequenziale non è necessaria per decidere del caso davanti a noi”.

“Ampie prove suggeriscono quindi che un divieto di 15 settimane fornisce tempo sufficiente, in assenza di eccezionali circostanze, per una donna ‘per decidere da sola’ se interrompere la gravidanza”, ha proseguito il capo della giustizia prima di aggiungere che sia l’opinione di Alito che il dissenso dei giudici liberali Stephen Breyer, Sonia Sotomayor ed Elena Kagan “mostrano un’implacabile libertà dal dubbio sulla questione legale che non posso condividere”.

Nel suo accordo, Kavanaugh ha dichiarato: “Poiché la Costituzione è neutrale sulla questione dell’aborto, anche questa Corte deve essere scrupolosamente neutrale. I nove membri non eletti di questa Corte non possiedono l’autorità costituzionale per ignorare il processo democratico e per decretare una politica di aborto pro-vita o pro-choice per tutti i 330 milioni di persone negli Stati Uniti”.

“Invece di aderire alla neutralità della Costituzione, la Corte di Roe ha preso posizione sulla questione e ha decretato unilateralmente che l’aborto era legale in tutti gli Stati Uniti fino al punto di vitalità (circa 24 settimane di gravidanza)”, ha continuato Kavanaugh. “La decisione odierna della Corte riporta correttamente la Corte in una posizione di neutralità e ripristina l’autorità del popolo per affrontare la questione dell’aborto attraverso i processi di autogoverno democratico stabiliti dalla Costituzione”.

Kavanaugh ha anche concordato con Alito che la decisione di venerdì non influisce sulle passate decisioni della Corte Suprema che legalizzano il matrimonio interrazziale e omosessuale o sanciscono il diritto di usare la contraccezione – come i sostenitori dell’aborto avevano adombrato dopo che la bozza di parere era trapelata.

“Sottolineiamo che la nostra decisione riguarda il diritto costituzionale all’aborto e nessun altro diritto”, ha scritto Alito. “Nulla in questa decisione dovrebbe essere inteso per mettere in dubbio i precedenti che non riguardano l’aborto”.

Thomas non era d’accordo, scrivendo nel suo accordo che la corte dovrebbe rivedere quei precedenti e tutte le decisioni come Roe e Casey basate sulla teoria legale del “giusto processo sostanziale”, che afferma che i diritti non enumerati nella Costituzione sono protetti dal 5 ° e 14 ° emendamento.

“Poiché qualsiasi decisione sostanziale sul giusto processo è ‘dimostrabilmente errata’”, ha scritto Thomas, “abbiamo il dovere di ‘correggere l’errore’ stabilito in quei precedenti”.

Nel loro dissenso, i liberals (progressisti, di sinistra, ndr) hanno accusato la maggioranza di aver demolito quello che hanno descritto come l'”equilibrio” raggiunto da Roe e Casey sulla questione dell’aborto.

“Dice che dal momento stesso della fecondazione, una donna non ha il diritto di parlare”, hanno scritto dell’opinione della maggioranza. “Uno Stato può costringerla a portare a termine una gravidanza, anche con costi personali e familiari più elevati”.

“Qualunque sia l’esatta portata delle prossime leggi [statali], un risultato della decisione di oggi è certo: la limitazione dei diritti delle donne e del loro status di cittadini liberi e uguali”, hanno aggiunto.

Mentre recenti sondaggi hanno rilevato che la maggioranza degli americani voleva che la Roe v. Wade fosse confermata, la decisione consentirà a 22 stati di attuare restrizioni all’aborto totali o quasi totali.

Questi stati includono Alabama, Arizona, Arkansas, Georgia, Idaho, Iowa, Kentucky, Louisiana, Michigan, Mississippi, Missouri, North Dakota, Ohio, Oklahoma, South Carolina, South Dakota, Tennessee, Texas, Utah, West Virginia, Wisconsin e Wyoming.

Prima della decisione di venerdì, i democratici al Congresso hanno tentato di codificare Roe v. Wade nella legge federale, ma il disegno di legge non è riuscito a superare un voto di prova nel Senato equamente diviso, raccogliendo solo 49 voti il mese scorso.

Il procuratore generale Merrick Garland ha detto che il Dipartimento di Giustizia “lavorerà instancabilmente per proteggere e promuovere la libertà riproduttiva”. Ha detto in una dichiarazione che oltre a proteggere i fornitori e coloro che cercano aborti negli stati in cui è legale “siamo pronti a lavorare con altre braccia del governo federale che cercano di utilizzare le loro autorità legali per proteggere e preservare l’accesso alle cure riproduttive”.

L’AG ha osservato che la Food and Drug Administration federale ha approvato l’uso del Mifepristone per gli aborti farmacologici ed ha avvertito che gli stati non potevano vietare il farmaco “sulla base del disaccordo con il giudizio degli esperti della FDA sulla sua sicurezza ed efficacia”.

Il caso Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization è stato discusso il 1 ° dicembre, e ha lasciato molti osservatori legali convinti che il blocco conservatore di sei membri avrebbe sostenuto la legge del Mississippi. Il futuro di Roe v. Wade è stato meno chiaro dopo le discussioni orali, anche se entrambe le parti nel caso avevano detto che i giudici avrebbero dovuto considerare il precedente del 1973 nel decidere il futuro della legge del Mississippi.

La questione ha fatto notizia a livello nazionale all’inizio di maggio, quando Politico ha pubblicato una bozza trapelata dell’opinione di Alito, una violazione senza precedenti del processo decisionale della Corte Suprema. Roberts ha ordinato un’indagine per identificare il leaker, che è in corso.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email