Proteina spike della SAR-COV-2 e quella dei “vaccini” COVID hanno qualcosa in comune. Leggete l’articolo. 

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jessie Zhang e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Immagine di risonanza magnetica di un cervello umano che mostra tutti i principali tipi di sclerosi multipla. (CamptolomaShutterstock via The Epoch Times)
Immagine di risonanza magnetica di un cervello umano che mostra tutti i principali tipi di sclerosi multipla. (CamptolomaShutterstock via The Epoch Times)

 

I ricercatori hanno scoperto che, sebbene la SARS-CoV-2 sia principalmente una malattia respiratoria, può anche causare la fusione delle cellule cerebrali, innescando malfunzionamenti che portano a sintomi cronici nel sistema nervoso.

Pubblicato su Science Advances il 7 giugno, il nuovo studio è un’esplorazione di come i virus alterino la funzione del cervello, hanno dichiarato gli autori Massimo Hilliard e Ramon Martinez-Marmol del Queensland Brain Institute.

“Abbiamo scoperto che il COVID-19 induce i neuroni a subire un processo di fusione cellulare, mai visto prima”, ha detto Hilliard, professore di neurobiologia molecolare e cellulare presso l’Università del Queensland.

“Dopo l’infezione neuronale con il SARS-CoV-2, la proteina Spike S diventa presente nei neuroni e, una volta che i neuroni si fondono, non muoiono”.

“O iniziano a sparare in modo sincrono, o smettono di funzionare del tutto”.

Per spiegarlo, ha usato l’analogia dei fili che collegano gli interruttori delle luci di una cucina e di un bagno che rappresentano i neuroni.

“Una volta avvenuta la fusione, ogni interruttore accende contemporaneamente le luci della cucina e del bagno oppure nessuna delle due”, ha detto.

“È una cattiva notizia per i due circuiti indipendenti”.

Le conclusioni dello studio offrono una potenziale spiegazione per la moltitudine di sindromi neuropsichiatriche che compaiono nelle prime fasi della malattia e persistono per mesi dopo l’infezione, in quella che recentemente è stata definita COVID lunga, spiegano i ricercatori.

“Nella comprensione attuale di ciò che accade quando un virus entra nel cervello, ci sono due esiti: la morte cellulare o l’infiammazione”, ha detto il ricercatore post-dottorato Martinez-Marmol.

“Ma noi abbiamo dimostrato un terzo possibile risultato: la fusione neuronale”.

La fusione cellulare potrebbe causare gli stessi effetti neurologici persistenti dopo un’infezione virale da HIV, rabbia, encefalite giapponese, morbillo, herpes simplex e virus Zika.

“La nostra ricerca rivela un nuovo meccanismo per gli eventi neurologici che si verificano durante un’infezione virale”, ha dichiarato Martinez-Marmol.

“Si tratta potenzialmente di una causa importante di malattie neurologiche e sintomi clinici ancora inesplorata”.


Lesioni cerebrali sono state riscontrate anche dopo le vaccinazioni COVID-19

In alcuni casi, gli scienziati hanno scoperto che la vaccinazione con l’mRNA COVID-19, e non l’infezione COVID-19 in sé, ha causato danni neurologici.

Alcuni di questi casi sono presentati in The Unseen Crisis (guardate questo documentario, ndr), un nuovo documentario che analizza le vite di coloro che convivono con i postumi debilitanti dei vaccini COVID-19, che sono stati lanciati con un’autorizzazione d’emergenza dopo un periodo di sperimentazione molto più breve del normale, nel clima di una pandemia globale.

“La verità è che la proteina spike è probabilmente uno dei composti più tossici a cui gli esseri umani possono essere esposti, e la sua tossicità passa attraverso molteplici vie diverse che stiamo appena iniziando a comprendere”, ha dichiarato il dottor Paul Marik a The Epoch Times.

Marik, medico di terapia intensiva, ha fatto notare che uno studio ha trovato l’mRNA iniettato nel corpo per ben 60 giorni.

Secondo Marik, anche il cervello sembra essere particolarmente vulnerabile. Questo potrebbe spiegare perché molte persone vaccinate che hanno avuto reazioni avverse hanno riportato sintomi neurologici.

“L’mRNA viene inserito in una nanoparticella lipidica. La nanoparticella lipidica è in realtà progettata per veicolare la chemioterapia al cervello”, ha detto. “Quindi attraversa la barriera emato-encefalica.

“Oltre l’80% dei pazienti post-vaccino presenta sintomi neurologici. È un dato molto caratteristico. I sintomi neurologici sono nebbia cerebrale, disfunzione cognitiva e disfunzione della memoria, che sono molto invalidanti”.


Anche casi lievi di COVID-19 possono portare a cambiamenti cerebrali

Il lavoro dei ricercatori australiani può anche far luce sui risultati di uno studio pubblicato su Nature che ha rilevato che anche casi lievi di COVID-19 sono legati a cambiamenti nel cervello.

Circa 785 persone sono state sottoposte a una TAC cerebrale e circa la metà è risultata poi positiva alla COVID-19. Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a una seconda scansione cerebrale, compresi quelli che erano sopravvissuti alla malattia.

I ricercatori del Wellcome Centre for Integrative Neuroimaging dell’Università di Oxford hanno analizzato le scansioni e hanno scoperto che i partecipanti infettati dal COVID-19 presentavano una riduzione dello spessore della materia grigia – che aiuta gli esseri umani a svolgere varie funzioni come prendere decisioni – e altri risultati negativi.

“Nonostante l’infezione fosse lieve per il 96% dei nostri partecipanti, abbiamo riscontrato una maggiore perdita di volume della materia grigia e un maggiore danno tissutale nei partecipanti infetti, in media 4,5 mesi dopo l’infezione”, ha detto l’autrice principale dello studio, la professoressa Gwenaëlle Douaud.

Hanno anche mostrato un maggiore declino delle loro capacità mentali di svolgere compiti complessi e questo peggioramento mentale era in parte correlato a queste anomalie cerebrali”. Tutti questi effetti negativi erano più marcati alle età più avanzate”.

Le scansioni, effettuate in media a distanza di 38 mesi l’una dall’altra, sono state fornite dalla UK Biobank, un database medico su larga scala che contiene informazioni su circa 500.000 residenti nel Regno Unito.

I soggetti di cui sono state analizzate le scansioni avevano un’età compresa tra 51 e 81 anni. Il motivo per cui lo studio non ha incluso persone più giovani è che tutti i partecipanti alla scansione avevano 40 anni o più, ha spiegato Douaud a The Epoch Times in una e-mail.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments