“Alla sua radice, il movimento per i diritti dell’identità è un grido per un bisogno umano più profondo: quello di essere amati”. Per quanto strana sia la richiesta di Emile Rotelband, per quanto strano possa apparire questo movimento dei diritti, secondo Daniel Hart, autore dell’articolo, al fondo, è questa la ragione che muove.

Ecco l’articolo nella mia traduzione.

Foto: Emile Ratelband

Foto: Emile Ratelband

 

Un olandese di nome Emile Ratelband ha 69 anni, ma si sente come se ne avesse 49. La sua sensazione non è particolarmente notevole: penso che si possa dire che la maggior parte di noi non “sente” la sua età a seconda del giorno. Ma il problema è che il signor Ratelband (nella foto sopra) ha presentato un ricorso in tribunale per far sì che il governo olandese riconosca ufficialmente la sua percezione di essere giovane, cambiando il suo certificato di nascita in modo che rifletta l’età che sente di avere.

Perché oggi, in Europa e negli Stati Uniti, siamo persone libere”, ha detto Ratelband in un’intervista.  “Siamo liberi di decidere se cambiare il nostro nome o se vogliamo cambiare il nostro genere. Quindi voglio cambiare la mia età. La mia percezione sul mio corpo e sulla mia mente è quella di sentire di avere circa 40 o 45 anni”.

La domanda di Ratelband è l’ultimo esempio di una tendenza notevole che ha preso piede nei paesi occidentali nell’ultimo decennio. È l’insistenza che lo Stato riconosca legalmente tutte le scelte di vita, un movimento che chiamerò il movimento dei “diritti di identità”. Questo movimento moderno è probabilmente iniziato seriamente intorno al 2003, quando gli attivisti omosessuali hanno chiesto che lo Stato concedesse loro il diritto al matrimonio (legalizzato nel Massachusetts quell’anno), anche se non c’era il divieto per due persone dello stesso sesso di vivere insieme in una relazione domestica se lo avessero desiderato. Questo movimento è culminato nel 2015, quando la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito nella causa Obergefell v. Hodges che tutti gli stati dovessero riconoscere il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Il movimento transgender si è diffuso nella coscienza pubblica subito dopo, con gli attivisti che hanno richiesto che coloro che si identificano con il sesso opposto rispetto al loro sesso biologico riconosciuto alla nascita abbiano accesso a servizi igienici pubblici di sesso opposto, siano loro cambiati i certificati di nascita e sia consentita la partecipazione a sport di sesso opposto.

Sempre nel 2015, una donna di nome Rachel Dolezal ha guadagnato l’attenzione dei media a livello nazionale quando si è scoperto che da anni si atteggiava come donna nera, anche come presidente della sua locale sezione NAACP, ma che in realtà non aveva alcuna ascendenza africana. Anche se la sua causa non è stata ampiamente sostenuta dal movimento per i diritti di identità, Dolezal seguiva semplicemente la stessa logica: se le persone possono ottenere il riconoscimento dallo Stato di essere del sesso opposto a quello che si è in realtà, perché non posso scegliere anche l’etnia?  Anche la senatrice statunitense Elizabeth Warren (D-Mass.) sembra pensarla allo stesso modo.

In un mondo ossessionato dall’identità, la richiesta di Emile Ratelband che lo Stato mentisca pubblicamente sulla sua età reale non sembra così irragionevole, motivo per cui nessuno dovrebbe sorprendersi se il tribunale olandese accettasse di accogliere la sua richiesta. Ma ciò solleva la questione: fino a che punto si può arrivare? La società fino a dove traccerà la linea di demarcazione? Al momento, non sembra improbabile prevedere un giorno in cui le persone potranno legalmente dichiararsi più alte di quanto non lo siano in realtà, o di essere qualsiasi animale vogliano essere.  Seguire questa linea di logica legale fino alle sue estreme conseguenze è quella di garantire alle persone qualsiasi identità immaginabile vogliano evocare.

Ma ciò che il movimento per i diritti di identità non riconosce è che quando lo Stato concede il riconoscimento legale all’identità scelta da una persona, questo incide sui diritti degli altri. Chiedete a Jack Phillips, o Barronelle Stutzman, o Pascha Thomas. La lista si allunga sempre più.

Alla sua radice, il movimento per i diritti dell’identità è un grido per un bisogno umano più profondo: quello di essere amati. Quando le persone si identificano pubblicamente con qualcosa che non sono, stanno gridando per ciò che manca tragicamente nella loro vita, senza alcuna colpa propria. Come esseri umani, creati amorevolmente a immagine di Dio, è la nostra chiamata divina ad amarci l’un l’altro nel miglior modo possibile, a cominciare innanzitutto dalle nostre famiglie. È impossibile che questo tipo di amore autentico sia concesso dallo Stato. Questo è il motivo per cui la richiesta del movimento identitario di riconoscimento statale di tutte le identità è in definitiva un’impresa inutile – non darà mai loro l’affermazione che stanno veramente cercando.

In quest’epoca di crescenti movimenti identitari e di dominio della politica identitaria, è fondamentale per tutti i credenti testimoniare questa verità senza tempo: che Dio non commette errori. Il modo in cui siamo creati ci dice qualcosa su chi siamo. Non dobbiamo mai cercare l’approvazione degli altri per sapere quanta importanza rivestiamo per gli altri. Siamo stati tutti amati dal Creatore dell’universo – questa è l’unica identità che conta veramente.

 

Fonte: Frcblog

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1