Rilancio un articolo di Tyler Durden pubblicato su ZeroHedge. Eccolo nella mia traduzione. 

 

GASDOTTO NORD STREAM TRASPORTO GAS

 

Dopo la decisione di Putin di serrare ancora di più i rubinetti, in tutta Europa (e soprattutto in Germania) stanno crescendo i timori che il rubinetto non venga ancora una volta chiuso…se non  per sempre.

L’UE è pronta a rilasciare piani di emergenza per ridurre la domanda di gas in tutto il continente, che in gran parte dipende (in alcuni casi più di altri) dai gasdotti russi. Secondo la Reuters, l’obiettivo sarebbe una riduzione complessiva del 10-15% dell’uso di gas. Ciò consentirebbe di riempire i depositi di gas prima della potenziale fine delle forniture russe.

Come spiega Katharina Buchholz di Statista, un’interruzione completa delle forniture da parte della Russia avrebbe effetti disastrosi per le economie europee, secondo il FMI.

 

La perdita del PIL (in inglese GDP) stimata per ogni singolo paese 12 mesi dopo la ipotetica chiusura del gasdotto russo. Per l’Italia la perdita stimata sarebbe del 5,7%

 

Troverai altre infografiche su Statista

Dodici mesi dopo il blocco totale, l’organizzazione stima che alcuni Paesi potrebbero perdere diversi punti percentuali di PIL.

Alcuni Paesi dell’Europa centrale – Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia – e l’Italia sarebbero i più colpiti. Nel caso peggiore, in cui il continente non riuscisse a integrarsi rapidamente con il GNL (Gas Naturale Liquefatto, ndr), sperimentasse molti problemi di adeguamento e decidesse di proteggere le famiglie, e non solo le industrie, dalle carenze di gas, in questi Paesi si potrebbero perdere tra i cinque e i sei punti percentuali di produzione del PIL. La Germania e la Polonia se la caverebbero leggermente meglio, con perdite tra i due e i tre punti percentuali in questo scenario.

Poiché il gas naturale è ampiamente utilizzato in Europa per la fornitura di calore e acqua calda nelle abitazioni private, le tensioni si sono fatte sentire su chi dovesse avere la priorità in caso di una pressante carenza di gas nel prossimo inverno.

Anche per i Paesi europei che non utilizzano il gas russo, le ricadute potrebbero significare una riduzione del PIL fino allo 0,8% nel caso in cui uno degli scenari peggiori previsti dal FMI si abbattesse sul continente. Si tratta di Regno Unito, Irlanda, Portogallo, Belgio e Croazia. Poiché sempre più Paesi stanno tentando di passare rapidamente al GNL, i problemi di integrazione del mercato dell’UE potrebbero comportare perdite anche per i Paesi non dipendenti. Le perdite potrebbero essere di pari entità nel Regno Unito e in Irlanda e fino al 2,2% in Croazia.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email