Rilancio un lucido e profondo saggio di Claes G. Ryn, politologo, professore emerito di Politica all’Università Cattolica dell’America (CUA), sulla arroganza incontrollata e miope dell’establishment americano negli ultimi decenni. Tale contributo porta una luce profonda nella comprensione dell’attuale conflitto russo-ucraino. Il saggio è apparso su AgonMag. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Russia America USA bandiera Ucraina Orso Russo zio Sam

 

I conflitti internazionali richiedono un’abilità da statista. Richiede un tipo di leadership che si elevi al di sopra delle passioni del momento, che abbia una visione a lungo termine, che consideri gli interessi legittimi di tutti e che cerchi soluzioni creative. Il temperamento della statista è la prudenza e la moderazione. Questo tipo di leadership richiede non solo esperienza, ma anche prospettiva storica, distanza critica dal presente e immaginazione.

Inoltre, non ci può essere statista, né diplomazia, senza empatia, cioè senza la volontà di vedere un conflitto dal punto di vista degli avversari. Non ci può essere nemmeno compromesso e allentamento delle tensioni senza una certa dose di modestia. Presumere che tutto il bene sia dalla propria parte è incompatibile con la statualità. Tale arroganza è anche contraria alla vecchia visione occidentale della natura umana, sia essa classica o cristiana. È una ricetta per il conflitto e il disastro.

A richiamare alla mente queste considerazioni è il modo in cui l’America ha trattato con la Russia dopo lo sgretolamento dell’Unione Sovietica. Si può sostenere che la presunzione, l’ignoranza e la mancanza di empatia strategica abbiano giocato un ruolo troppo importante nella politica estera americana del periodo successivo alla Guerra Fredda.

Un osservatore può essere profondamente sospettoso nei confronti della Russia e, più di recente, deplorare l’invasione dell’Ucraina e continuare a considerare la politica statunitense nei confronti della Russia come una storia di arroganza e di opportunità mancate. Gli Stati Uniti, la Russia, l’Europa e il resto del mondo sarebbero stati meglio serviti da una politica molto diversa. Poiché il modo in cui l’America ha trattato la Russia può essere visto come non atipico rispetto a come ha trattato altre potenze negli ultimi decenni, questo articolo può essere letto come un caso di studio degli atteggiamenti che dominano l’establishment della politica estera americana. Questi includono una propensione all’arroganza, all’unilateralismo e alla miopia.

Un recente segretario di Stato americano offre un buon esempio di come si favorisca l’inflessibilità e il conflitto rispetto alla diplomazia. Mike Pompeo esprime questa preferenza nel titolo del suo nuovo libro, Never Give an Inch. È a dir poco paradossale, ma anche una forte prova a favore della tesi di questo articolo, che uno che mostra questa tendenza in forma estrema sia stato nominato diplomatico in capo dell’America.

Una breve rassegna delle relazioni tra Stati Uniti e Russia dopo la Guerra Fredda illustrerà la scarsa propensione americana a guardare le controversie dal punto di vista dell’avversario, a considerare le circostanze storiche e a impegnarsi nella diplomazia. La descrizione della condotta degli Stati Uniti servirà a capire cosa predispone gli Stati Uniti al conflitto piuttosto che alla flessibilità e al negoziato. Capire le ragioni di questo modello di politica estera è tanto più importante in quanto comporta gravi pericoli.

 

Dalla flessibilità pragmatica all’ostilità

Verso la fine della Guerra Fredda, ci furono alcuni segnali che indicavano che gli Stati Uniti avrebbero potuto scegliere un percorso diverso da quello appena descritto. Nel suo secondo mandato, il presidente Ronald Reagan si aspettava che l’Unione Sovietica avrebbe presto iniziato a crollare. Nel suo comportamento nei confronti dei leader sovietici, combinò la fermezza lasciata dal periodo peggiore della Guerra Fredda con una nuova flessibilità. Il suo ambasciatore in Unione Sovietica, Jack Matlock, che rimase in carica fino al 1991, ha raccontato a chi scrive, in una conversazione di qualche anno fa, che Reagan sottolineò con lui che gli Stati Uniti non dovevano cercare di trarre vantaggio militare dai grandi problemi con cui la Russia doveva confrontarsi nel momento in cui si lasciava alle spalle il comunismo. I leader russi avevano bisogno di un certo margine di manovra per affrontare le enormi difficoltà. Il presidente George H.W. Bush, il suo segretario di Stato James Baker e il suo consigliere per la sicurezza nazionale Brent Scowcroft inviarono segnali verbali simili a Mikhail Gorbaciov e ad altri leader russi. Poi, quando fu proposta la riunificazione della Germania, ai russi fu detto che non sarebbe stato fatto alcun tentativo di usare la riunificazione per espandere la NATO oltre il vecchio confine con la DDR. Era l’inizio di un’era di relazioni più cordiali con la Russia?

L’apparente interesse a trovare nuovi modi di interagire con la Russia non era tuttavia univoco o non controverso. Molti membri influenti del grande establishment della sicurezza nazionale e della politica estera degli Stati Uniti, sia all’interno che all’esterno del governo, sia repubblicano che democratico, erano profondamente sospettosi nei confronti della Russia e a disagio nel cercare di collegare la Russia alla famiglia delle nazioni occidentali. Era come se questo establishment o un elemento influente al suo interno avesse una volontà propria. Tale volontà ha generalmente resistito a un netto allentamento delle tensioni. Il falco neoconservatore, difficile da distinguere da un assertivo internazionalismo neoliberale, è rimasto forte in entrambi i partiti.

Più avanti si parlerà dell’ideologia democratico-umanitaria, profondamente radicata e ampiamente diffusa, con implicazioni chiaramente egemoniche, che contraddiceva le inclinazioni più pragmatiche e non conflittuali di molti leader americani. È risaputo che Dwight Eisenhower, quando lasciò la presidenza qualche decennio prima, mise in guardia dal potere del complesso militare-industriale. L’influenza di quest’ultimo è cresciuta solo negli anni successivi. Questo complesso non è principalmente un’impresa intellettuale, ma un’alleanza tra le grandi imprese, il Pentagono e l’intelligence; ma mentre l’Unione Sovietica si stava sgretolando, questa potente rete era ben servita dal tipo di ideologia appena menzionato, compresa la nozione di eccezionalismo americano, che dava una patina romantica e “idealistica” a una politica estera interventista e a una spinta per maggiori spese per la difesa. L’ideologia rendeva facile pensare che queste politiche non fossero finalizzate a un maggiore potere o arricchimento, ma fossero necessarie per contrastare i sempre nuovi cattivi attori nel mondo. La virtù richiedeva queste politiche.

Mentre la Russia lottava, i leader americani, primo fra tutti il presidente Bill Clinton, si mossero, non senza opposizione, per aggiungere alla NATO i Paesi europei precedentemente sotto il controllo dell’URSS. L’alleanza aveva avuto lo scopo di proteggere dall’Unione Sovietica e dal Patto di Varsavia, ma ora che la Russia stava abbandonando il comunismo e la vecchia contrapposizione militare stava per finire, la necessità della NATO non era più ovvia. Intraprendere un’enorme espansione della NATO potrebbe sembrare ancora più discutibile. Quale nuova minaccia o potenziale minaccia avrebbe potuto contrastare un’alleanza allargata? A prescindere dalle altre motivazioni dei leader americani, il mantenimento e l’espansione della NATO sembravano un caso di proiezione di potenza degli Stati Uniti. Indicava, tra l’altro, che gli Stati Uniti volevano impedire la formazione di un’architettura di sicurezza autenticamente europea e continuare a esercitare un’influenza decisiva in Europa, un’influenza che ora sarebbe stata estesa a molti più Paesi. Essere la potenza interamente dominante in una grande alleanza di Paesi economicamente avanzati o in via di sviluppo contribuirebbe inoltre, almeno superficialmente, a mantenere l’immagine dell’America come unica superpotenza mondiale.

Il tipo di ideologia melioristica che ha contribuito a ispirare e giustificare l’assertività globale americana nell’era successiva alla Guerra Fredda non era altro che una visione del mondo trasformato, da realizzare per mezzo della potenza americana. Questa concezione dell’obiettivo della politica estera americana è stata onnipresente nell’establishment della politica estera statunitense, sia nella sua iterazione repubblicana che in quella democratica. Ai fini di questo articolo, non è importante come etichettare questo schema mentale, quanto piuttosto indicarne le caratteristiche centrali e mostrare come esso contribuisca a spiegare la posizione globale di conflitto dell’America. Un termine generale spesso usato per questa grande influenza è “neoconservatorismo”, ma è molto simile all’internazionalismo liberale assertivo e alla promozione dei diritti umani.

Secondo la visione del mondo neoconservatrice, l’America è stata fondata su principi universali, solitamente riassunti nella preferenza per la “democrazia”, che hanno conferito agli Stati Uniti la missione storica di diffondere questi valori nel resto del mondo. La promozione della democrazia come obiettivo centrale della politica estera degli Stati Uniti è in accordo con un’ideologia generale che ha dominato a lungo le università, i media e la politica del mondo occidentale. Questa ideologia può essere chiamata “democratismo”, che è molto più di una guida alla politica estera. Si tratta di un’intera visione della vita e del mondo. In linea con questa ideologia, i membri dell’élite della politica estera degli Stati Uniti partono dal presupposto che i regimi che si oppongono alla grande e virtuosa causa americana debbano essere confliggenti e forse rimossi.

Se persone particolari con questa mentalità espansionistica e imperiale debbano essere chiamate “neoconservatori”, “internazionalisti liberali”, “attivisti per i diritti umani” o qualcos’altro, potrebbe essere argomento di un altro studio. In questa sede è sufficiente sottolineare che le persone di cui si sta discutendo sono tutte d’accordo su questo punto centrale: gli Stati Uniti sono una forza per il bene nel mondo e devono – come leader morale e nazione indispensabile – spingere ideologicamente, politicamente e militarmente per un mondo in cui tutti rispettino i principi che essi sostengono. Gli Stati o i movimenti che minacciano questo obiettivo devono essere attivamente confliggenti e sconfitti.

Tra i più noti sostenitori di questa visione del ruolo dell’America nel mondo, che hanno avuto una grande influenza sul pensiero della politica estera americana del dopoguerra, vi sono Robert Kagan, sua moglie Victoria Nuland, Paul Wolfowitz, Michael Novak, Irving Kristol, William Bennett, Charles Krauthammer e, più recentemente, Mike Pompeo. Questi individui sono solitamente chiamati “neoconservatori”. Tra le persone che potrebbero preferire un’etichetta diversa, ma che mostrano lo stesso zelo missionario democratico, vi sono Madeleine Albright, Richard Holbrooke, Samantha Power e Anthony Blinken. Dal punto di vista degli Stati che hanno dovuto affrontare le conseguenze politiche pratiche di questo tipo di pensiero, non ha avuto molta importanza il modo in cui determinati responsabili e teorici della politica estera statunitense hanno preferito essere conosciuti.

Le persone di tutto il mondo che non sono coinvolte nelle abitudini intellettuali del mondo occidentale dominato dagli Stati Uniti possono essere perdonate se pensano che questa ideologia americana appaia marcatamente egocentrica e egoista. Esiste, tuttavia, un parallelo storico molto stretto con questa mentalità americana. Anche i giacobini francesi, i leader intellettuali della Rivoluzione del 1789, enunciarono principi presumibilmente universali – “libertà, uguaglianza e fratellanza” – e nominarono un certo Paese, il loro, come liberatore dell’umanità. Anche loro si consideravano rappresentanti della “virtù”. L’establishment della politica estera statunitense ha designato come leader virtuoso del mondo non la Francia, ma l’America, il Paese di cui dirige la politica estera.

Chi è consapevole della grande portata e varietà del pensiero umano nel corso dei secoli, occidentale e non, può essere perdonato se pensa che ci sia qualcosa di curiosamente limitato e limitante, persino provinciale, nei presupposti intellettuali dell’establishment della politica estera statunitense. Considerando la pervasività della prospettiva di politica estera appena discussa, è facile dimenticare quanto essa sia in netto contrasto con le idee e il temperamento di coloro che hanno tracciato la strada dell’America primitiva e hanno prodotto la Costituzione degli Stati Uniti.

Per persone come George Washington o John Quincy Adams, il compito della politica estera americana era quello di tutelare gli interessi americani e proteggere gli americani. Non c’era nulla di più estraneo al loro pensiero che l’America dovesse guidare gli sforzi per diffondere i suoi principi in tutto il mondo. Inoltre, essi ritenevano che le relazioni dell’America con le altre nazioni dovessero essere improntate, per quanto possibile, a quel tipo di deliberazione, moderazione, rispetto reciproco e disponibilità al compromesso che contraddistingue ogni comportamento umano civile e che è incoraggiato dalla Costituzione.

Il neoconservatorismo e il progressismo liberale internazionalista sono, per alcuni dei loro sostenitori, preferenze ideologiche sinceramente sostenute che hanno determinate implicazioni pratiche. Per altri, l’ideologia deriva e serve interessi più o meno consapevoli ma non dichiarati. L’ideologia hawkish è uno strumento utile per portare avanti un’agenda politica o economica. Dietro la facciata idealistica di favorire un mondo migliore per tutti può nascondersi un importante motore dell’interventismo: il desiderio di rimuovere in altre società gli ostacoli all’accumulo di maggior potere e ricchezza.

La dinamica intellettuale e politica generata dal regime americano, sempre più oligarchico/plutocratico, meriterebbe uno studio a parte. Un’élite americana estremamente ricca e orientata al profitto è stata a lungo in grado di influenzare il mercato delle idee nelle università e nei media. Il sistema di governo che sta sostituendo le vecchie strutture costituzionali americane mostra sempre più la sua natura plutocratica e rapace sia all’interno che all’estero. Una delle manifestazioni interne della spinta a sopraffare l’opposizione è stato l’assalto Woke alle istituzioni tradizionali e ai vincoli morali e lo sviluppo di un’elaborata partnership pubblico-privata per censurare le opinioni e dichiarare la verità che corrisponde all’ortodossia dell’establishment. La corrispondente progressiva riduzione delle libertà tradizionali americane è evidente dal crescente uso di metodi da stato di polizia, tra cui la sorveglianza dei cittadini senza un mandato del tribunale.

Per quanto paradossale possa sembrare ad alcuni, l’impulso interventista del neoconservatorismo e dell’internazionalismo liberale è oggi rafforzato da un’emergente alleanza globale Woke generata dall’Occidente, che entra in conflitto con le credenze e le pratiche tradizionali in tutto il mondo. Questa influenza, già ben rappresentata nell’establishment della politica estera statunitense, intensificherà il contraccolpo contro gli Stati Uniti e l’Europa nelle società non occidentali.

 

Interesse russo ignorato

Nei primi anni del periodo post-comunista, la Russia ha cercato di stringere legami più stretti con l’Europa e ha persino chiesto di aderire alla NATO, ma questi tentativi non sono stati presi sul serio o sono stati respinti. Chi si opponeva a legami più stretti con la Russia poteva citare l’incapacità di quest’ultima di soddisfare gli standard occidentali di democrazia e libertà civili, ma l’espansione verso est della NATO si basava principalmente sull’affermazione, più o meno implicita, che in qualche modo l’Unione Sovietica avrebbe potuto tornare in auge, una prospettiva che era anatema, soprattutto per i suoi ex satelliti. Putin non era forse una creatura dell’intelligence sovietica? Non aveva forse criticato il crollo dell’Unione Sovietica? Non aveva forse intrapreso, nonostante la sua rinuncia al comunismo, una restaurazione del vecchio impero russo?

Sembra che i politici statunitensi non abbiano voluto capire cosa non piacesse a Putin del crollo dell’Unione Sovietica. Si può essere aspramente critici nei confronti di Putin e non avere difficoltà a capire perché molti russi non comunisti disapprovino il modo in cui la Russia ha abbandonato l’economia di comando sovietica. Ad esempio, i futuri oligarchi russi, che avevano un sostegno finanziario all’estero, sono stati in grado di “comprare” molte delle attività economiche del vecchio Stato sovietico a prezzi stracciati. Questi “acquisti” equivalevano, di fatto, a un saccheggio. Gli economisti del libero mercato in Occidente, di tipo astratto e dogmatico, hanno difeso l’assoggettamento dell’economia russa a questo tipo di trattamento d’urto “capitalista”, ma non sorprende che molti russi non socialisti si siano risentiti di questo saccheggio su larga scala della Russia e della diffusione di una sorta di economia malavitosa.

Come spiegare che le ripetute proteste russe contro l’espansione della NATO non hanno frenato i politici statunitensi? Si sarebbe potuto pensare che incorporare i vecchi satelliti sovietici nella NATO, respingendo la Russia, sarebbe stato percepito da Mosca come, come minimo, altamente ostile e come, più probabilmente, fortemente provocatorio. Ancora una volta, perché la NATO, questa presunta alleanza difensiva, si stava espandendo? Quale minaccia stava contrastando in questo momento di fragilità russa? Non siamo più l’Unione Sovietica, hanno sottolineato i russi. Ma le loro proteste sono state ignorate. La Russia stava lottando per raggiungere la stabilità interna e affrontare grandi difficoltà economiche. Allo stesso tempo, era impegnata in un’importante condotta sinistra che rappresentava una minaccia acuta per l’America e l’Europa e richiedeva massicce contromisure?

Contrariamente agli impegni verbali dei precedenti leader americani, l’espansione della NATO ha spinto truppe, sistemi missilistici e altre armi fino al confine con la Russia. Qualunque fosse la motivazione degli Stati Uniti e della NATO, queste azioni dovevano essere viste da Mosca come una dimostrazione di scarsa o nulla considerazione per i suoi interessi. Chi, se non accecato dalla partigianeria, poteva non vedere che la Russia avrebbe visto l’espansione della NATO come provocatoria e come una grande sfida alla sicurezza?

La NATO è definita un’alleanza difensiva, ma la politica estera degli Stati Uniti negli ultimi decenni è stata fortemente orientata verso l’interventismo. Gli Stati Uniti hanno usato la NATO in parte come copertura e giustificazione dei loro progetti globali. Diverse importanti mosse di politica estera a guida statunitense, in particolare in Libia, Afghanistan e Iraq, hanno tradito una mentalità espansiva, persino combattiva. La già citata convinzione che l’America svolga un ruolo virtuoso nel mondo è ovviamente rilevante quando si cerca di stabilire il movente statunitense di queste azioni e dell’espansione della NATO. Le implicazioni pratiche dell’ideologia democratica a cui aderiscono sia i neoconservatori che gli internazionalisti liberali vanno fortemente nella direzione di un globalismo determinato che include la possibilità di cambiare regime e costruire una nazione.

È stato dopo molti anni di attività militari USA/NATO, comprese quelle che la Russia considerava altamente provocatorie e ostili, che l’Ucraina è diventata il fulcro delle tensioni tra Russia e Occidente. Un esempio tra i tanti delle pressioni esercitate sulla Russia sono state le manovre guidate dagli Stati Uniti che hanno coinvolto i soldati americani negli Stati baltici nel 2018. Nel settembre del 2021, le truppe della NATO hanno condotto esercitazioni congiunte in Ucraina con l’esercito ucraino. Queste manovre sono state precedute da grandi manovre navali e aeree della NATO nel Mar Nero che hanno coinvolto un gran numero di navi e aerei. I russi hanno protestato con forza. Le ostilità sono quasi scoppiate quando un cacciatorpediniere britannico ha virato in quelle che i russi considerano le loro acque territoriali.

Fin dalla dichiarazione del vertice di Bucarest del 2008 (di cui è stata artefice l’allora ambasciatore statunitense alla NATO e attuale sottosegretario di Stato Victoria Nuland), in cui la NATO ha formalmente approvato i Piani d’azione per l’adesione (MAP) per l’Ucraina e la Georgia, Washington ha semplicemente ignorato le numerose e forti obiezioni della Russia, espressamente dichiarate, all’adesione dell’Ucraina, storicamente strettamente legata alla Russia, alla NATO. Mentre le tensioni su questo tema crescevano, gli Stati Uniti hanno continuato l’integrazione militare non ufficiale dell’Ucraina nella NATO, fornendo armi e addestramento. Questa politica si è accelerata dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014. Il motivo per cui la Russia percepisce la condotta della NATO come minacciosa potrebbe essere spiegato chiedendo come avrebbero reagito i leader americani se i soldati e i sistemi d’arma russi avessero partecipato alle manovre a Cuba, mentre allo stesso tempo si prendeva in considerazione un’alleanza militare tra Russia e Cuba. La domanda è ovviamente puramente retorica. Eppure Cuba non è mai stata in alcun modo parte degli Stati Uniti. Qualche americano ha dubitato anche solo per un momento che gli Stati Uniti avessero ragione a rifiutare il dispiegamento dei missili sovietici a Cuba?

 

Sfere di influenza

Queste osservazioni sollevano la questione che i Paesi, soprattutto le grandi potenze, affermano sempre una sfera d’influenza all’interno della quale si aspettano o chiedono che i loro desideri vengano rispettati. Questa sfera si trova tipicamente all’estero e si fonda sulla storia. Oggi gli Stati Uniti rivendicano una sfera di influenza più ampia di quella di qualsiasi altro Paese. Già negli anni Venti del XIX secolo gli Stati Uniti dichiararono, con la cosiddetta Dottrina Monroe, che le potenze esterne all’emisfero occidentale non dovevano intervenire in nessuna parte delle Americhe. Si trattava di un’affermazione audace, certo, ma era più una strategia difensiva che un’espressione di ambizione imperiale. A prescindere da qualsiasi altra cosa le si possa rimproverare, la Dottrina Monroe non offriva certo una giustificazione ideologica per l’intervento degli Stati Uniti in diverse regioni del mondo. La dottrina si limitava a dichiarare che sarebbe stato contrario all’interesse nazionale degli Stati Uniti che potenze esterne all’emisfero – mi vengono in mente soprattutto alcune potenze europee – si affermassero nelle Americhe.

Ma sarebbero emerse idee e atteggiamenti molto diversi da quelli dominanti tra i primi leader americani, che avrebbero trasformato l’idea del “destino manifesto” in una giustificazione per un audace coinvolgimento americano oltreoceano. All’epoca del presidente Woodrow Wilson, un nuovo modo di pensare attribuiva agli Stati Uniti un ruolo missionario nel mondo. Il concetto di “rendere il mondo sicuro per la democrazia” si è rivelato lo scopo dell’America nella Grande Guerra.

Col tempo, gli Stati Uniti abbandonarono la vecchia e limitata nozione di “interesse nazionale”, sostituendola con una nozione ideologicamente carica di responsabilità ed egemonia globale. L’interesse nazionale americano è stato di fatto reso sinonimo di interesse dell’umanità. Nel XX secolo, Washington ha ampliato enormemente la sfera entro la quale si sentiva autorizzata ad affermare il proprio potere. Dopo la Seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti si sono fatti garanti ed esecutori di un ordine mondiale di cui erano gli stessi artefici. La sfera di influenza e di interessi dell’America divenne virtualmente illimitata, estendendosi persino agli affari interni dei Paesi i cui regimi interni erano ritenuti inaccettabili. La spinta all’egemonia mondiale armata era giustificata dall’ideologia democratica, rafforzata e intensificata dalla nozione neoconservatrice di eccezionalismo americano. La storia aveva designato l’America come leader nella grande missione di democratizzazione del mondo. I Paesi che sfidavano l’egemonia morale e militare americana venivano avvertiti che opporsi a Washington significava opporsi alla rettitudine e al Bene stesso.

I teorici con una mentalità astorica e puramente astratta possono disapprovare la nozione di sfera d’influenza e insistere sul fatto che avere il potere di affermare tale sfera non conferisce alcun diritto ad averla. Tuttavia, gli studenti realisti di storia e affari internazionali hanno sempre riconosciuto che, a torto o a ragione, tutti i Paesi, nella misura in cui possono, rivendicano e fanno valere una sfera d’influenza, soprattutto in materia di sicurezza nazionale. Cosa si possa legittimamente rivendicare è un’altra questione. La rivendicazione di una sfera d’influenza globale, o di un senso globalizzato dell’interesse nazionale, può essere considerata legittima?

Normalmente, si presume che la vicinanza geografica e il legame storico di uno Stato con un territorio conteso abbiano un peso sulla ragionevolezza delle sue rivendicazioni di interesse nazionale. Un grande paradosso relativo alla guerra in Ucraina è che, sebbene negli ultimi decenni gli Stati Uniti si siano sentiti legittimati ad avere una sfera di interessi essenzialmente globale, hanno agito nei confronti della Russia post-sovietica come se la Russia non avesse alcun interesse nazionale legittimo, né tantomeno una sfera di influenza al di fuori dei suoi confini formali. Mosca dovrebbe semplicemente accettare i dettami di Washington. La Russia non aveva motivo di protestare contro l’espansione della NATO. Doveva capire che la sua sfera di influenza e i suoi interessi di sicurezza non si estendevano nemmeno all’Ucraina, sebbene quest’ultima fosse storicamente profondamente intrecciata con la Russia. Secondo i politici statunitensi di oggi, la Russia non ha nemmeno il diritto di difendere quella che dal 1804 è la sua base navale di Sebastopoli in Crimea, né di proteggere l’etnia russa che vive in quella penisola. È sorprendente che, per quanto riguarda gli Stati Uniti, la storia non abbia alcuna rilevanza nella valutazione del punto di vista russo sull’attuale conflitto. È quindi irrilevante che solo nel 1954 l’Unione Sovietica abbia trasferito il controllo amministrativo della Crimea – che era una repubblica socialista “autonoma” all’interno della Federazione Sovietica – al governo dell’Ucraina?

Ignorare l’importanza di fattori politici e culturali con profonde radici nella storia viene naturale ai partigiani e agli ideologi. Non vogliono che nulla interferisca con le loro ambizioni e con la loro visione egoistica del mondo. È molto diverso per gli statisti e i diplomatici, per i quali la comprensione delle realtà concrete è necessaria per la risoluzione dei conflitti.

 

Pensiero e azione imperiale

Quando si cerca di valutare le motivazioni dell’America, è necessario capire che, sia in teoria che in pratica, i leader americani sono stati a lungo fortemente inclini a un pensiero imperiale più o meno consapevole: imperiale non nel senso antiquato di desiderare un territorio, ma nel senso di voler essere egemoni, in grado di sopraffare la volontà degli avversari attraverso l’uso del potere duro o morbido. Come già discusso, l’establishment della politica estera statunitense è stato fortemente attratto dalla teoria secondo cui gli Stati Uniti sono uno Stato chiamato a diffondere i propri valori in tutto il mondo. Il presidente George W. Bush ha esplicitamente fatto degli Stati Uniti il leader di quella che ha definito la “rivoluzione democratica globale”.

Questa frase, che esprime il futuro immaginato dal comunista russo Leon Trotsky, è stata inserita nella mente di Bush da un autore di discorsi neoconservatore e a Bush è piaciuta. Il suo guru neoconservatore della sicurezza nazionale Paul Wolfowitz e la vasta rete di internazionalisti neoconservatori/liberali nelle università, nei think tank e nei media hanno esortato Bush a fare degli Stati Uniti la punta di diamante per ripulire il mondo, a partire dal Medio Oriente. In un libro sul terrorismo, David Frum e Richard Perle hanno chiesto di porre “fine al male”, il titolo del loro libro.

Questo obiettivo era a dir poco ambizioso e i pensatori del passato che si fossero avvicinati alla vecchia visione occidentale della condizione umana lo avrebbero liquidato come utopico, per non dire assurdo. Gli attori militari-industriali come Dick Cheney e Donald Rumsfeld non erano intellettuali, ma hanno trovato l’ideologia dell’impero americano utile al loro interventismo da falchi. La pressione costante, le sanzioni, il conflitto e, se necessario, l’azione militare diretta erano ampiamente visti come il modo per affrontare i leader e i Paesi che resistevano alla grande causa globale dell’America. Le campagne di advocacy o di disinformazione, agevolate da un establishment mediatico complice, sono state parte integrante del funzionamento della rete imperiale. La preparazione all’invasione dell’Iraq è solo l’esempio più evidente del ruolo svolto dalla propaganda e persino dall’inganno.

Le proteste russe contro la condotta degli Stati Uniti e della NATO negli ultimi due decenni, che i russi ritenevano irrispettosa degli interessi russi, non hanno indotto gli Stati Uniti a ridurre la loro pressione. I russi hanno chiarito che non avrebbero mai accettato che l’Ucraina diventasse un membro della NATO. L’Ucraina doveva rimanere neutrale. Eppure, le azioni intraprese dagli Stati Uniti hanno mostrato il disprezzo per questi desideri. Anzi, ci si potrebbe addirittura chiedere se l’intento sia sempre stato quello di provocare qualche drastica contromossa russa. Nel 2014, ad esempio, gli Stati Uniti, sotto la supervisione di Victoria Nuland al Dipartimento di Stato americano, hanno incoraggiato e sostenuto un colpo di Stato in Ucraina che ha deposto un presidente eletto dal popolo e percepito dall’Occidente e da alcuni nazionalisti ucraini come troppo amico della Russia. All’epoca i russi si astennero da un’azione militare su larga scala, ma risposero infiltrando truppe in Crimea. Gli Stati Uniti sfruttarono l’acuirsi delle tensioni e lo spettro della guerra per intensificare l’integrazione militare non ufficiale dell’Ucraina nella NATO.

Nel novembre 2021, il segretario di Stato Anthony Blinken ha stipulato un “partenariato strategico” con l’Ucraina. Questo accordo ha formalizzato il sostegno degli Stati Uniti alla piena adesione dell’Ucraina alla NATO. L’accordo affermava inoltre che l’Ucraina aveva una legittima pretesa sulla Crimea. Una persona dal temperamento diplomatico piuttosto che da conflitto si chiede sempre come le possibili azioni saranno percepite dall’avversario. Quando Blinken ha concluso la partnership con l’Ucraina, la diplomazia era ovviamente lontana dalla sua mente. La reazione dei leader russi è stata, come ogni realista si aspetterebbe, di terrore esistenziale. Hanno dovuto contemplare la prospettiva di perdere la grande base navale del Mar Nero a Sebastopoli e di vedervi installate le forze della NATO: un incubo per la sicurezza nazionale.

Pochi mesi dopo la Russia ha invaso l’Ucraina. Una coincidenza? Si può considerare l’invasione come spietata, sconsiderata o una violazione del diritto internazionale, ma definirla non provocata o capricciosa suggerisce l’incapacità o la non volontà di vedere la condotta degli Stati Uniti dal punto di vista di un avversario.

Molto prima dell’invasione, i russi avevano dichiarato che oltre alla neutralità ucraina volevano la fine della guerra civile ucraina, che era diventata un “conflitto congelato”, e accordi speciali per i russofoni nell’est del Paese, ma quando l’invasione ha avuto luogo, i media occidentali hanno immediatamente avanzato l’idea che Putin volesse incorporare l’Ucraina nella Russia come primo passo di uno sforzo a lungo termine per costruire un nuovo impero russo. Date le capacità russe e le precedenti dichiarazioni russe su ciò che la Russia voleva e si opponeva, sembrava più plausibile un altro scenario: che Putin stesse cercando di prevenire una minaccia politico-militare inaccettabile nel suo cortile di casa e di prendere il controllo delle aree russofone.

Esiste un’interpretazione dell’invasione che corrisponde a come si sono svolti gli eventi sul campo, ma che differisce nettamente da quella sostenuta dai media occidentali. L’obiettivo primario della Russia era quello di mettere in sicurezza le aree a est del fiume Dnieper e, più in generale, di creare una buona posizione di contrattazione per i futuri negoziati sul futuro dell’Ucraina. Una campagna militare per occupare l’Ucraina avrebbe richiesto molte più forze di quelle impegnate o pronte dai russi. Ciò ha suggerito che l’apparente attacco a Kiev potrebbe essere stato in gran parte un diversivo volto a bloccare le truppe ucraine nel nord e a rendere più facile il raggiungimento degli obiettivi russi a est e a sud-est.

Sebbene le mosse militari russe e le precedenti dichiarazioni russe rendessero plausibile questa interpretazione, i media occidentali si sono uniformemente attenuti alla propria narrazione. Questa narrazione vedeva Putin come uno spietato imperialista le cui truppe avevano fallito completamente la loro missione. I media occidentali hanno anche praticamente ignorato il complesso contesto storico della guerra e altre informazioni di base necessarie per spiegare il conflitto o valutare le rivendicazioni delle parti. La “cronaca” dei media occidentali è stata talvolta palesemente semplicistica e tendenziosa. Questo ha messo gli osservatori più informati nella scomoda posizione di tacere sui fatti fondamentali o di rischiare di essere percepiti come sostenitori dell’invasione russa.

Si può affermare che, già nell’estate del 2022, i russi erano a portata di mano per raggiungere i loro obiettivi principali. Volevano creare le circostanze in cui le aree a est del Dnieper, quattro province in particolare, potessero essere pacificate e i russofoni potessero mantenere e promuovere la loro cultura e avere uno stretto legame con la Russia. Avevano anche riaffermato la loro tradizionale presenza militare in Crimea. Gli ucraini avevano subito grandi battute d’arresto ed erano militarmente esausti. I canali ufficiali in Occidente e in Ucraina hanno successivamente stimato il numero di vittime in circa 100.000 per ciascuna delle due parti, ma fonti confidenziali dell’esercito statunitense, consultate durante la stesura di questo articolo, hanno stimato che le perdite ucraine nella guerra sono circa sette volte quelle dei russi.

Eppure, spinta dai politici di Washington che cercano di superarsi l’un l’altro, l’amministrazione Biden ha continuato a inviare agli ucraini altre armi e altri aiuti (recentemente altri 2,5 miliardi in assistenza militare) per incoraggiarli a combattere fino all’inverno, come se sloggiare e respingere i russi fosse una prospettiva realistica. Poiché gli Stati Uniti e il governo Zelensky hanno opposto resistenza a colloqui di pace che tenessero conto delle richieste della Russia, la guerra si è trascinata, prolungando e intensificando le sofferenze degli ucraini innocenti. Gli Stati Uniti hanno messo sempre più miliardi di aiuti militari sulla carta di credito americana. La spesa americana (militare e non) per l’Ucraina e le nazioni alleate nel 2022 è stata di oltre 113 miliardi di dollari e altri miliardi devono ancora essere approvati dal Congresso degli Stati Uniti per il 2023. Insieme al mantra di sostenere l’Ucraina “per tutto il tempo necessario”, la fornitura di missili Patriot e di sistemi militari avanzati, nonché di soldati statunitensi per addestrare gli ucraini al loro uso, sono tra i segnali che lasciano presagire una guerra prolungata.

La resistenza di alcuni leader europei all’inflessibilità statunitense può far pensare a un desiderio di diplomazia vecchio stile, ma gli Stati Uniti hanno insistito sulla “unità”, cioè sull’adesione alle loro politiche, come quando, di recente, un cancelliere molto riluttante, Olaf Scholz, è stato costretto a inviare carri armati tedeschi in Ucraina. L'”unità” è stata resa evidente dall’invio di carri armati da parte degli Stati Uniti.

Data l’opposizione degli Stati Uniti e della NATO a un cessate il fuoco, è ragionevole pensare che i russi stiano ora apportando modifiche strategico-tattiche in preparazione di una fine più definitiva della guerra. Le evacuazioni parziali della Russia sono state dipinte dai media occidentali come segnali di un’inversione di tendenza nella guerra, ma queste mosse militari sono probabilmente più credibili se interpretate come un ridispiegamento della Russia in preparazione di una nuova offensiva, una volta che il congelamento del terreno avrà facilitato l’uso di carri armati e armi pesanti e saranno state introdotte più truppe russe. La situazione dell’Ucraina, già disperata, si è progressivamente aggravata a causa dei danni catastrofici alle infrastrutture e della mancanza di energia. I leader statunitensi si aspettano davvero che gli ucraini siano in grado di respingere i russi dall’Ucraina o pensano che armando i malconci ucraini questi ultimi possano sfiancare i russi in un’altra guerra infinita?

Una questione che non può essere affrontata in questa sede è che il coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Ucraina li rende co-belligeranti con l’Ucraina in una guerra contro la Russia. Questo è solo uno dei tanti esempi, dalla fine della Seconda guerra mondiale, di come l’establishment di Washington violi abitualmente e palesemente la Costituzione degli Stati Uniti iniziando o partecipando a guerre non dichiarate. Ciò illustra ancora una volta la grande distanza di intenzioni e di temperamento tra i Framers americani e coloro che oggi dettano il tono della politica estera degli Stati Uniti.

 

Putin l’intollerabile

Da quando Vladimir Putin è presidente della Russia, le tensioni tra Stati Uniti e Russia sono state presentate essenzialmente come un conflitto con lui. Personalizzare i conflitti in questo modo è tipico del modo in cui i neoconservatori o gli internazionalisti liberali statunitensi giustificano i loro obiettivi in determinati Paesi. In Medio Oriente, Muammar Gheddafi, Saddam Hussein e Hafez al-Assad sono esempi di leader considerati troppo malvagi per rimanere in carica, anche se l’alternativa al loro governo potrebbe essere peggiore per il rispettivo Paese.

Per quanto riguarda il modo in cui Washington tratta con Putin, non è ovvio che il suo presunto vizio abbia superato quello di altri leader con cui gli Stati Uniti scelgono di collaborare. Il fatto che negli ultimi anni Putin sia stato individuato come un male unico indica che l’establishment della politica estera americana e i grandi interessi commerciali e finanziari con cui è legato considerano la Russia come un ostacolo importante e particolarmente recalcitrante ai loro scopi. Non è questa la sede per entrare nello specifico di come la Russia resiste o sovverte gli obiettivi del regime oligarchico americano. Basti dire che il tentativo della Russia di limitare l’influenza straniera, di affermare l’indipendenza e la sovranità nazionale e di riaffermare un’identità culturale tradizionale non si presta alle ambizioni globaliste americane e occidentali. Per quanto riguarda le questioni economiche, le élite oligarchiche dominate dagli Stati Uniti ritengono insufficiente che la Russia venda ad altri Paesi le sue risorse naturali. Deve limitare la propria sovranità e aprirsi allo sviluppo e allo sfruttamento esterno.

Il mondo è pieno di leader brutali e corrotti, e gli Stati Uniti interagiscono e persino collaborano con molti di loro nell’interesse nazionale o nell’interesse privato di gruppi particolarmente potenti. Perché non impegnarsi diplomaticamente anche con il Cremlino? Perché Putin è eccezionalmente malvagio, ci dicono. Non può essere tollerato. I suoi servizi di sicurezza hanno ucciso delle persone! Non dimentichiamo che gli Stati Uniti uccidono abitualmente in guerre o interventi lontani e non dichiarati. I bombardamenti con i droni sono un metodo scelto per uccidere persone particolari. Ma questo è molto diverso dalla brutalità di Putin, gridano indignati gli attori imperiali americani. Putin è un tale demonio che deve essere considerato come l’Hitler del nostro tempo. È di nuovo Monaco di Baviera e dobbiamo diffidare dell'”appeasement”. L’obiettivo di Putin è quello di ripristinare qualcosa di simile al regime comunista sovietico che ha ridotto in schiavitù le persone e ucciso milioni di persone! Spesso si afferma che Putin è anche mentalmente instabile, imprevedibile e assolutamente spietato, il che corrisponde all’abitudine americana di demonizzare gli avversari.

I politici statunitensi credono davvero alle affermazioni sulle condizioni mentali di Putin? Se così fosse, il fatto di mettere all’angolo Putin, il presidente di una grande potenza nucleare, sembra del tutto avventato. La valanga di accuse denigratorie suggerisce che non è Putin il vero problema. Ciò che alla fine infastidisce i leader statunitensi è che la Russia non si adegua alle richieste dell’America. Il ritratto del presidente russo è l’ennesimo tentativo di giustificare una politica che preme sui desideri dell’America e non tiene conto di quelli della Russia.

L’Occidente ha convissuto per decenni con l’Unione Sovietica, un impero ideologico il cui scopo dichiarato era quello di seppellire l’Occidente. Aveva dichiarato apertamente le sue ambizioni globali. Ha dispiegato truppe, armi, intelligence e infiltrati di conseguenza. Gestiva uno stato di polizia totalitario e ha ucciso milioni di persone. Eppure, molti in Occidente sostenevano scambi culturali, sforzi per diminuire le tensioni, accordi di limitazione degli armamenti, ecc. La Russia di oggi svolge un ruolo internazionale molto meno ambizioso e assertivo e deve affrontare gravi difficoltà interne. Si tratta, probabilmente, di una “media potenza revisionista”: una grande potenza regionale che si sente sempre più insicura in un mondo multipolare, piuttosto che una grande potenza che aspira a proiettare il potere a livello transregionale.

Nonostante il suo passato nell’intelligence sovietica, il Presidente Putin non è un comunista. Alexander Solzhenitsyn, forse il più profondo anticomunista di tutti, riteneva che Putin fosse il tipo di leader di cui la Russia aveva bisogno per tenere insieme il Paese dopo la caduta dell’Unione Sovietica. La vastità del Paese, la diversità delle popolazioni e gli enormi problemi, comprese le lotte di potere interne, potrebbero sembrare richiedere poteri sovrumani. Il sistema di governo russo non è conforme alle attuali norme occidentali di democrazia liberale, ma si avvicina molto di più a questo tipo di governo rispetto a qualsiasi altro della tradizione politica russa, che ha spaziato dal governo autoritario a quello totalitario. Perché Putin è stato sottoposto a uno standard molto più rigoroso ed è stato giudicato più severamente rispetto a leader del mondo che sono almeno altrettanto brutali di Putin, ma a cui gli Stati Uniti concedono una notevole libertà d’azione?

L’influenza del democratismo, con la sua autocelebrazione morale e il suo contegno audace e imperiale, spiega in larga misura la riluttanza dell’America ad ascoltare le argomentazioni degli avversari e a impegnarsi nel “dare e avere” della diplomazia. Ma all’interno dell’establishment della politica estera americana si percepisce anche un’altra influenza: una sorta di animosità viscerale, quasi personale, verso tutto ciò che è russo. Molte persone in questa grande rete sembrano avere una forte avversione per il nazionalismo in generale, ma in particolare per quello russo. Questo spiega perché, fintanto che il nazionalismo ucraino è contrapposto a quello russo, è esentato dal duro esame occidentale. Il sostegno di Putin all’ortodossia russa e alle tradizioni ad essa collegate è tanto più irritante per i leader occidentali in quanto si combina con espressioni di disprezzo per quelli che oggi vengono chiamati “valori occidentali”. Il disprezzo di Putin per l’annullamento della cultura e della “wokeness” lo mette a disagio con il sentimento “populista” e “autoritario” dell’Occidente. Le fonti del sentimento anti-russo sono complesse, ma l’orientamento principale della politica statunitense nei confronti della Russia potrebbe essere descritto come emanato da un misto di arroganza e vendicatività.

Su questo tema generale aleggiano grandi e inquietanti interrogativi. In che modo la profonda ostilità verso la Russia è esattamente nell’interesse dell’America? In combinazione con la mentalità generale da crociata già discussa, l’avversione alla Russia ha minato le opportunità di riavvicinamento e ha spinto la diplomazia in secondo piano. Questo ostinato antagonismo non è in realtà pericoloso per l’America e per il resto del mondo? E come può l’interesse nazionale americano alimentare le fiamme di un conflitto sulla lontana Ucraina? Confondere le animosità personali e i gusti ideologici con l’interesse nazionale degli Stati Uniti o con l’interesse del mondo intero suggerisce una presunzione e una presunzione fuori dal comune.

Va tenuto presente che la coalizione statunitense contro la Russia non rappresenta nemmeno la spesso citata “coscienza della comunità mondiale”. L’Occidente ha solo un ottavo della popolazione mondiale e sta diventando sempre più isolato dal resto del mondo, che non è d’accordo con l’agenda americana. La Russia, con le sue enormi risorse naturali, e la Cina, con una potenza industriale pari o superiore a quella degli Stati Uniti, sono state spinte dalle politiche statunitensi ad allinearsi contro di noi. I neoconservatori e gli internazionalisti liberali possono dire a se stessi che questo è un prezzo che vale la pena di pagare per una politica estera virtuosa, ma, sicuramente, se una politica ha qualche pretesa di superiorità morale dipende dai suoi effetti a lungo termine e dal suo costo umano.

 

Il costo dell’arroganza

Possiamo pensare che sia giustificato disprezzare Putin e desiderare che se ne vada, ma nessuna potenza, indipendentemente dalla sua forma di governo – di certo non una grande potenza nucleare – sopporterà che altri ignorino semplicemente le sue dichiarate preoccupazioni di sicurezza nazionale. Eppure, ancora una volta, gli Stati Uniti hanno prestato poca attenzione alle proteste russe contro l’espansione della NATO e ai tentativi di rendere l’Ucraina un membro dell’alleanza occidentale, un obiettivo per il quale, un decennio e mezzo fa, la stragrande maggioranza degli ucraini aveva scarso interesse. Mostrare disprezzo per un avversario non è un buon inizio in diplomazia, ma questo atteggiamento è stato un punto fermo della politica estera degli Stati Uniti nei confronti degli avversari nel secondo dopoguerra. Sono mancate in modo eclatante l’empatia, la prudenza, la distanza critica, la comprensione storica e il pensiero a lungo termine che associamo alla statualità.

Considerato lo stato d’animo dei responsabili della politica estera degli Stati Uniti e il corrispondente stato dell’opinione pubblica americano-europea, punire la Russia per l’invasione dell’Ucraina era una cosa ovvia. Ma sembra che la punizione inflitta rifletta alcune delle stesse disattenzioni e miopie che da tempo caratterizzano la politica statunitense nei confronti della Russia. Forse è troppo presto per dirlo, ma a chi scrive è sembrato fin dall’inizio che le sanzioni e le altre azioni punitive avrebbero danneggiato più l’Occidente che la Russia.

I russi hanno ovviamente subito un impatto negativo dalle sanzioni, ma non sembrano esserne stati danneggiati più di tanto, anzi, per certi versi ne hanno tratto vantaggio. Un segno tra i tanti di come la guerra stia influenzando le parti in conflitto è che il valore del rublo è salito mentre quello della sterlina e dell’euro è sceso. Il dollaro USA, la valuta di riserva mondiale, da tempo minacciata dai nuovi modelli di pagamento nel commercio internazionale, è stato ulteriormente minato a causa della guerra.

L’esercito ucraino, gravemente decimato, è appeso a un filo e ha bisogno di aiuti militari statunitensi finanziati dal debito per continuare a tempo indeterminato, ma il desiderio di infliggere una dura sconfitta ai russi e il rifiuto di affrontare i fatti sul campo impediscono alla leadership occidentale e ucraina di perseguire un cessate il fuoco e i negoziati.

Al di fuori dell’Ucraina, è l’Europa che sta soffrendo e soffrirà di più. Quest’inverno alcune parti dell’Europa stanno tremando a causa dei prezzi elevati dell’energia o della sua carenza. I problemi di approvvigionamento perseguiteranno l’economia europea per il prossimo futuro. Alcune grandi industrie, non ultime quelle tedesche, potrebbero essere costrette a tagliare o interrompere la produzione. È probabile che si verifichino gravi fallimenti. Non è improbabile che i disordini sociali destabilizzino i governi. È probabile che la leadership dell’Unione Europea subisca una perdita di credibilità. I critici dell’UE possono accogliere con favore questo sviluppo, ma i singoli Paesi che lottano tra loro per ottenere risorse limitate o altri vantaggi potrebbero creare spaccature più gravi di quelle indotte in precedenza dall’eccesso di potere dell’UE. Ciò che ad alcuni nazionalisti sembrerà un’opportunità per ridefinire o smantellare l’UE potrebbe causare più di un dissenso e un conflitto transitorio. Nei Balcani ci sono tensioni acute.

In sintesi, l’Occidente guidato dagli Stati Uniti si è inflitto una ferita sempre più grande e profonda. Ma le voci interne di dissenso vengono messe a tacere in nome dell’unità. La politica statunitense è stata così distruttiva per gli interessi europei che ci si potrebbe persino chiedere se per alcuni leader statunitensi l’obiettivo sia stato quello di minare la capacità dell’Europa di competere economicamente con gli Stati Uniti. Le conseguenze per la Germania sono particolarmente dannose: per molti esponenti della politica estera statunitense il controllo della Germania è stato fin dall’inizio uno scopo non dichiarato della NATO.

L’arroganza morale e intellettuale e l’indisponibilità a guardare le questioni controverse dal punto di vista dell’altra parte sono sempre una ricetta per il conflitto, ma quando, come nel caso del conflitto attuale, si combinano con l’ignoranza apparentemente intenzionale, la miopia, per non dire la stupidità, possono far saltare il mondo. Richard Nixon riuscì a separare la Cina dall’Unione Sovietica durante la guerra del Vietnam, nonostante le affinità ideologiche tra i due Paesi. È stato un atto intelligente e creativo, un atto di abilità politica. Quello che hanno fatto i nostri attuali “esperti” di politica estera è stato mettere sia la Cina che la Russia fortemente contro di noi e far sì che molti altri Paesi prendessero le distanze da noi o si allineassero con i nostri avversari. Balbettiamo e facciamo il segno della virtù mentre danneggiamo noi stessi e i nostri alleati.

Non è affatto irrealistico sostenere che la guerra in Ucraina era del tutto evitabile. Un’autentica diplomazia, un vero dare e avere, avrebbe potuto allentare le tensioni e creare un accordo su un’Ucraina neutrale e indipendente, sulla fine della guerra civile, su una forma di indipendenza per le aree russofone della regione del Donbas e sulla supremazia russa in Crimea. Ma i leader americani, determinati ad avere la loro strada con la Russia, non hanno avuto alcuna propensione al compromesso. Considerando gli schemi della politica statunitense nei confronti della Russia nel periodo successivo alla Guerra Fredda, è difficile evitare l’impressione che, ai loro stessi occhi, i politici statunitensi indossino sempre il cappello bianco, mentre i loro avversari indossino sempre quello nero. Perché una potenza giusta dovrebbe scendere a compromessi con il male?

Nel mondo occidentale di oggi non c’è forma più comune di autoinganno che quella di far passare gli interessi personali o di gruppo come benevolenza morale.

 

Inganno autodistruttivo

Il contrasto tra il pensiero e il temperamento dell’attuale establishment della politica estera statunitense e quello di coloro che hanno progettato la Costituzione degli Stati Uniti non potrebbe essere più netto. La Costituzione americana partiva dal presupposto che gli esseri umani sono imperfetti e che l’onniscienza è fuori discussione. Nessun individuo o gruppo ha il monopolio della verità o della virtù. Una società migliore, persino un bene comune, può essere possibile, ma il suo raggiungimento richiede uno sforzo particolare. In particolare, è necessario contenere le nostre nature inferiori. La mera partigianeria e l’autoindulgenza devono essere tenute sotto controllo. I Costituenti hanno creato un sistema di pesi e contrappesi che incoraggiava la deliberazione genuina e il compromesso per il bene comune. L’altra parte in una controversia doveva essere ascoltata. Ci dovevano essere autocontrollo e rispetto per le minoranze. Le implicazioni di questa visione del policymaking per le relazioni estere sono ovvie. Si dà importanza al superamento delle differenze. Si consideri il contrasto tra questo modo prudenziale e realistico di gestire gli interessi in competizione e l’attuale assunto americano secondo cui gli avversari dell’America devono semplicemente cedere.

Per quanto riguarda l’Ucraina, Washington ha agito come se fosse determinata a far sì che la Russia abbandonasse semplicemente tutte le sue pretese o affrontasse una guerra per procura – o più – con gli Stati Uniti: questo a spese degli ucraini, che dovrebbero combattere e morire e subire la distruzione di gran parte del loro Paese. I politici statunitensi sembrano dire a se stessi che il rischio che il conflitto si trasformi in un’orrenda conflagrazione è moralmente giustificato. Militarmente, i membri europei della NATO sono poco più che protettorati americani e i loro leader, strettamente legati al regime imperiale oligarchico americano, sono sottoposti a pressioni permanenti per acconsentire alle richieste statunitensi.

Interpretare la politica degli Stati Uniti nei confronti della Russia e dell’Ucraina degli ultimi anni come finalizzata a scatenare un’invasione russa significherebbe attribuire ai leader americani un livello straordinario di spietatezza e cinismo, ma il risultato dell’invasione è stato quello di rafforzare il sostegno europeo alla campagna antirussa dell’America. La paura e l’emozione causate dall’invasione hanno spinto i leader europei ad assecondare l’opposizione degli Stati Uniti alla dipendenza europea dall’energia russa e ad altri legami più stretti tra Europa e Russia. Decisioni importanti, con implicazioni di vasta portata per il futuro, che avrebbero dovuto essere prese solo dopo una calma, lunga e approfondita deliberazione, sono state invece prese frettolosamente e nel mezzo della passione del momento. Un esempio di decisioni di grande importanza per determinati Paesi che sono state prese solo dopo una discussione breve e superficiale è la decisione di Svezia e Finlandia di chiedere l’adesione alla NATO, argomento che meriterebbe una trattazione a parte. Dopo l’invasione, alcuni leader europei hanno agito quasi come se mancassero di ogni distanza critica e storica dagli eventi del momento e, non ultimo nel caso delle sanzioni, come se ignorassero le possibili conseguenze disastrose per le rispettive popolazioni.

Eppure, il costo umano ed economico della guerra e delle sanzioni per gli europei sembra insignificante rispetto a quello degli ucraini. È la gente sul posto, in quel Paese, a pagare il prezzo orrendo dell’intransigenza e della mancanza di senso dello Stato da parte dei leader. Oltre a tutte le morti, le distruzioni e i disagi, gli ucraini stanno ora subendo l’indignazione di investitori stranieri che si precipitano a comprare case, imprese, edifici e altri beni ucraini per pochi centesimi di dollaro. Questo schema è spaventoso e familiare: le guerre che la diplomazia e i negoziati avrebbero dovuto scongiurare si rivelano, per gli investitori stranieri, grandi opportunità di arricchimento.

Un altro sconfortante paradosso derivante dalla mancanza di statismo è che quello che per gli ucraini è un disastro senza appello, per il complesso militare-industriale americano è un’altra bonanza. Nella cultura e nel sistema di governo americano, progressivamente oligarchico e plutocratico, una fonte permanente e importante di pregiudizio nei confronti della statualità è l’insaziabile desiderio di maggiori spese per la difesa.

Sottolineare l’arroganza e l’inflessibilità americana e la miope complicità europea non significa certo approvare Putin come leader o giustificare la sua invasione dell’Ucraina, ma non si può negare in modo plausibile che gli atteggiamenti americani contribuiscano a spiegare gran parte di questa condotta. Putin si scontra con una potenza che ha l’abitudine di dettare condizioni o demonizzare gli avversari e con molti leader che sembrano nutrire un particolare risentimento nei confronti della Russia.

L’assertività americana, venduta a se stessi e agli altri come ammirevole zelo morale, produce tensioni sempre nuove. L’indisponibilità a considerare gli interessi espressamente dichiarati di Putin e della Russia ne è un esempio, e ha messo il mondo in grave pericolo. L’orgoglio di coloro che dirigono la politica estera degli Stati Uniti sembra a volte non conoscere limiti, un argomento al quale chi scrive ha dedicato un notevole studio. La pretesa di superiorità morale dei neoconservatori e degli internazionalisti liberali è spesso spaventosa nella sua presunzione e nel suo potenziale di condotta intransigente. La Bibbia dice: “L’orgoglio precede la distruzione”. Gli antichi greci credevano che “chi gli dei vogliono distruggere, prima li fanno impazzire”.

Ammesso che una leadership americana sconsiderata e aggressiva non scateni un olocausto nucleare di portata mondiale, gli storici del futuro rimarranno senza dubbio sbalorditi dall’arroganza e dalla miopia con cui l’America ha trattato la Russia. In una situazione storica che richiede l’ampiezza di vedute, la moderazione, il dare e avere e la flessibilità della statistica, le decisioni più importanti vengono prese da uomini e donne dalla mentalità ristretta e dall’ego gonfio e irritabile.

Claes G. Ryn

 

Claes G. Ryn è professore emerito di Politica all’Università Cattolica. È direttore editoriale di AGON. Tra i suoi numerosi libri ricordiamo A Common Human Ground e il prossimo The Failure of American Conservatism.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments