Geert Vanden Bossche (DVM, PhD) in questo articoloillustra i rischi di una proliferazione di varianti, con tutte le nefaste conseguenze, e la vaccinazione di massa. Eccolo nella mia traduzione.

 

Geert Vanden Bossche
Geert Vanden Bossche
 

Il dibattito e la tensione sull’efficacia dei vaccini contro il Covid-19 stanno divampando. Le valutazioni comparative della protezione mediata dal vaccino da infezioni, malattie, ospedalizzazione e morte in persone vaccinate e non vaccinate sono ovunque, con risultati che vanno da prove convincenti di beneficio a prove convincenti di fallimento a seconda della fonte di informazioni. Coloro che sono diventati dipendenti da queste statistiche comparative sembrano dimenticare che misurare il successo dell’intervento umano in una pandemia significa misurare il successo in un fenomeno dinamico e che le istantanee scattate in determinate condizioni/impostazioni non forniscono informazioni sulla tendenza evolutiva generale e sul probabile esito sanitario di una pandemia. Quest’ultimo può essere monitorato solo misurando le variazioni temporali di parametri rilevanti per la salute pubblica e individuale.

A marzo 2021, gli epidemiologi molecolari avevano già espresso la loro preoccupazione per l’emergere di una supervariante che ” potrebbe avere qualsiasi combinazione di maggiore trasmissibilità, virulenza alterata e/o maggiore capacità di sfuggire all’immunità della popolazione” e, quindi, avrebbe goduto di un’enorme forma di vantaggio (1) . Allora, la loro preoccupazione era basata sull’analisi della selezione naturale basata sulla filogenetica che indicava che la pressione selettiva mediata dall’immunità sta guidando l’evoluzione convergente di uno spettro diversificato di mutazioni per assicurare la persistenza virale di fronte alla crescente pressione immunitaria dell’ospite, infettiva e indotta dai vaccini. 

I loro risultati portano a concludere che la vaccinazione di massa in presenza di varianti più infettive comporta inevitabilmente la convergenza guidata dalla selezione di mutazioni adattative compensatorie in siti genomici selezionati positivamente, e quindi promuove una maggiore espansione nella prevalenza di varianti di fuga immunitaria più trasmissibili. Ciò implicherebbe che l’efficacia del vaccino dovrebbe diminuire nel tempo mentre il tasso di infezione aumenterebbe progressivamente. È ragionevole presumere che la convergenza evolutiva di varianti di fuga immunitaria più infettive e il loro culmine in una “super-variante” causino anche la convergenza crescente di traiettorie distinte della pandemia in paesi/regioni soggetti a vaccinazione di massa.

Un aumento della pressione infettiva porta a un rischio più elevato di rapida riesposizione virale nella popolazione. Per quanto riguarda gli individui non vaccinati in precedenza asintomatici, la rapida riesposizione a SARS-CoV-2 può portare alla replicazione virale su uno sfondo di pressione immunitaria subottimale diretta da spike (S) (a causa di anticorpi anti-S subottimali e di breve durata [Abs] di bassa affinità) e anche a una maggiore suscettibilità alla malattia (dovuta alla soppressione della capacità funzionale innata di Ab (anticorpo, ndr) da parte dei suddetti Abs (anticorpi, ndr)  subottimali anti-S).

Poiché le dinamiche evolutive del virus nei paesi/regioni altamente vaccinati stanno ora ponendo un’enorme pressione di selezione immunitaria sul paesaggio di fitness virale (definito come il grado di adattamento virale all’ambiente ospite, ndr), è giusto postulare che lo spettro altamente diversificato di traiettorie evolutive di questa pandemia visto in diversi paesi altamente vaccinati si ridurrà rapidamente a un percorso più uniforme caratterizzato dalle seguenti caratteristiche prognosticamente sfavorevoli:

  • Il declino dell’efficacia del vaccino rispecchiato da un relativo aumento dei tassi di morbilità e mortalità nei vaccinati nel tempo

  • Un aumento relativo dei tassi di morbilità e mortalità nel tempo nei vaccinati rispetto ai non vaccinati

  • Un aumento relativo dell’immunità subottimale nel tempo sia nei vaccinati che negli individui non vaccinati (a causa rispettivamente della ridotta efficacia del vaccino e degli Abs (anticorpi, ndr) naturali subottimali), che può tradursi in un aumento relativo dei casi di ADE (Potenziamento Anticorpo-Dipendente della patologia della Covid-19)

  • Un aumento relativo del tasso di infettività di base nel tempo

  • Ondate continue di aumento dei tassi di infezione, morbilità e mortalità

  • Un aumento relativo della frequenza di varianti virali più infettive con fenotipi immuno-resistenti nel tempo

Conclusione: tutti gli esperti e le autorità di sanità pubblica sembrano concordare sul fatto che le dinamiche evolutive di una pandemia sono molto complesse e modellate da un’interazione tra la pressione infettiva esercitata dal virus sul sistema immunitario dell’ospite e la pressione immunitaria esercitata dall’ospite sull’infettività virale, e che una pandemia può finire solo quando si sviluppa un’immunità di gregge sufficiente per controllare il virus. È quindi sorprendente che nessuna di queste autorità sembri preoccuparsi dell’impatto che un massiccio intervento immunitario potrebbe avere sulle dinamiche evolutive di una pandemia che ora è caratterizzata da un diffuso dominio di varianti altamente infettive. L’impatto di qualsiasi intervento umano su queste dinamiche può essere valutato e misurato solo monitorando i cambiamenti nei tassi di infezione, morbilità e mortalità a livello di popolazione e confrontando questi tassi tra vaccinati e individui non vaccinati in funzione del tempo . Allo stesso modo, dovrebbero essere condotti studi di selezione naturale basati sulla filogenetica su sequenze virali per monitorare le dinamiche evolutive dell’adattamento di SARS-CoV-2 agli interventi di salute pubblica.

Se la vaccinazione di massa alla fine consentirà alla SARS-CoV-2 di evolvere in varianti dominanti di fuga immunitaria che sono in grado di sfuggire sia al sistema immunitario adattativo che a quello innato, l’esito di questa pandemia assomiglierà a quello dell’introduzione di un virus patogeno in una specie ospite naif. In realtà è probabile che aumenti la virulenza virale invece di controllare la malattia virale.

 

(1) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7941658/

 

Geert Vanden Bossche ha ricevuto il suo DVM dall’Università di Ghent, in Belgio, e il suo dottorato in virologia dall’Università di Hohenheim, in Germania. Ha avuto incarichi di facoltà aggiuntiva nelle università del Belgio e della Germania. Dopo la sua carriera accademica, Geert è entrato in diverse aziende produttrici di vaccini (GSK Biologicals, Novartis Vaccines, Solvay Biologicals) per ricoprire diversi ruoli nella R&S dei vaccini e nello sviluppo tardivo dei vaccini. Geert è poi passato a far parte del team Global Health Discovery della Bill & Melinda Gates Foundation a Seattle (USA) come Senior Program Officer; ha poi lavorato con la Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI) a Ginevra come Senior Ebola Program Manager. Alla GAVI ha seguito gli sforzi per sviluppare un vaccino contro l’Ebola. Ha anche rappresentato GAVI nei forum con altri partner, tra cui l’OMS, per esaminare i progressi nella lotta contro l’Ebola e per costruire piani di preparazione alla pandemia globale. Già nel 2015, Geert ha esaminato e messo in discussione la sicurezza del vaccino contro l’Ebola che è stato utilizzato nelle prove di vaccinazione ad anello condotte dall’OMS in Guinea. La sua analisi scientifica critica e il suo rapporto sui dati pubblicati dall’OMS sul Lancet nel 2015 sono stati inviati a tutte le autorità sanitarie e normative internazionali coinvolte nel programma di vaccinazione contro l’Ebola. Dopo aver lavorato per GAVI, Geert si è unito al Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni di Colonia come capo dell’ufficio per lo sviluppo dei vaccini. Attualmente è principalmente un consulente di biotecnologie/vaccini, mentre conduce anche una propria ricerca sui vaccini basati sulle cellule Natural Killer.

 

 

 

 

Facebook Comments