Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Courtney Mares per CNA e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Arcivescovo Anthony Fisher
Arcivescovo Anthony Fisher

 

Durante il Sinodo sulla sinodalità, dobbiamo stare attenti a “dare la colpa di tutto allo Spirito Santo”, ha detto l’arcivescovo di Sydney Anthony Fisher, osservando che se una proposta è radicalmente in contrasto con il Vangelo, “non è dello Spirito Santo”.

“Lo Spirito Santo è lo Spirito di Cristo. È lo Spirito del Padre e del Figlio, e quindi dirà sempre e solo cose coerenti con ciò che Cristo ci ha rivelato nella tradizione apostolica”, ha detto Fisher alla CNA in un’intervista a Roma questa settimana.

Durante l’assemblea di ottobre è stata posta molta enfasi sull’ascolto della voce dello Spirito Santo, con i delegati sinodali che si riuniscono quasi quotidianamente in piccoli gruppi per “conversazioni nello Spirito”, descritte sul sito web del sinodo come “una dinamica di discernimento in una Chiesa sinodale”.

Il domenicano australiano ha spiegato che se una proposta sinodale è “radicalmente in contrasto” con il Vangelo e la tradizione apostolica, “non è dello Spirito Santo perché non possiamo avere Cristo e lo Spirito Santo in guerra tra loro”.

“Dobbiamo stare attenti a non dare la colpa di tutto – di tutte le nostre opinioni, dei nostri interessi, delle lobby e delle fazioni – allo Spirito Santo”, ha detto Fisher.

“Ai cattolici piace pensare che lo Spirito Santo elegga il Papa, che lo Spirito Santo scelga i nostri vescovi e sacerdoti per noi, che lo Spirito Santo faccia questo e quello. E non c’è dubbio che la mano di Dio, la provvidenza di Dio, sia presente in tutte queste cose importanti nella nostra vita e nella vita della Chiesa. Ma nella storia abbiamo avuto anche dei papi terribili. Ci sono stati sacerdoti e vescovi terribili e sono accadute cose terribili nella vita delle persone. E lo Spirito Santo era assente? No, ma ha permesso che queste cose accadessero”.

“Quindi non attribuiamo allo Spirito Santo tutto ciò che accade al Sinodo o in qualsiasi altro luogo della nostra vita. Penso che sia superstizioso farlo”, ha aggiunto.

La sfida del sinodo è quella di ascoltare e chiedere cosa Dio sta dicendo a noi e alla Chiesa in questo momento, ha spiegato, aggiungendo che la Chiesa ha già fornito utili “indicazioni” per cercare di discernere la volontà di Dio.

“Cristo ci ha dato tutto ciò di cui abbiamo bisogno per la nostra salvezza, già rivelato. Lo trasmettiamo di generazione in generazione, il Vangelo e gli insegnamenti della Chiesa”, ha detto.

“Abbiamo già un intero corpo di insegnamenti, di riflessioni, di migliaia e migliaia di persone attraverso le generazioni, guidate dallo Spirito Santo su ogni tipo di questione per aiutarci, il deposito della fede, come lo chiamiamo noi, è lì per essere estratto”.

“Così non siamo lasciati a noi stessi, al nostro pensiero – qualunque sia l’umore dell’assemblea su una particolare questione. Abbiamo qualcosa di solido su cui basarci e su cui testare gli umori e le intuizioni”, ha detto.

 

Discussione al Sinodo sull’ordinazione femminile

L’arcivescovo di Sydney, 62 anni, ha osservato che c’è stata “una lunga discussione sull’ordinazione delle donne” nell’assemblea sinodale.

“Non credo che questo riveli nulla che la gente non sapesse già”, ha aggiunto. “E c’è molta tensione ed emozione intorno a un tema come questo”.

Ha aggiunto che è difficile sapere cosa pensa l’assemblea nel suo complesso su questo tema, perché si ascolta un resoconto da ciascuno dei 35 tavoli della sala, ma “non si sa se quel resoconto riporta ciò che ha detto una persona o ciò che hanno detto tutte le 12 persone di quel tavolo”.

“Quindi non si sa se si tratta dell’entusiasmo di una o due persone a ciascun tavolo o di un entusiasmo che è davvero di quasi tutta la sala”, ha detto.

In un’intervista di 25 minuti al programma televisivo “EWTN News In-Depth”, che andrà in onda il 20 ottobre, Fisher ha detto di ritenere che il Sinodo possa essere un’opportunità per parlare di questioni più importanti nella Chiesa di oggi, come il fatto che molti giovani dicono di non avere alcuna religione.

“È molto più urgente, alla fine, molto più serio che armeggiare ai margini sul fatto che lo 0,001% delle donne possano essere diaconesse o donne diacono”, ha detto.

“È banale rispetto all’enorme perdita di fede che si sta verificando in questo momento, in particolare in intere generazioni”.

Ha aggiunto che quando le persone perdono la fede, vanno altrove per cercare un significato, e “le persone vanno in un sacco di posti molto distruttivi alla ricerca di significato, speranza e felicità”.

“Per il loro bene, dobbiamo essere molto più attivi nell’evangelizzare la nostra cultura e soprattutto i nostri giovani adulti”, ha aggiunto.

“Mi piacerebbe che dal sinodo uscisse un entusiasmo per riportare la fede a persone che dovrebbero averla e che, per qualsiasi motivo, sono scollegate”, ha detto.

 

Questo sinodo è un esperimento

Fisher, che è stato arcivescovo di Sydney per quasi un decennio, ha osservato che il Sinodo sulla sinodalità è “molto diverso” dal precedente Sinodo dei vescovi a cui ha partecipato.

Ha descritto l’intero processo come “un esperimento”, aggiungendo: “Solleva tutta una serie di questioni teologiche piuttosto serie”.

Il Sinodo dei vescovi istituito da Paolo VI dopo il Concilio Vaticano II era “inteso come espressione della collegialità episcopale del collegio dei vescovi insieme”, ha spiegato, “come il gruppo degli apostoli insieme… e in particolare il loro magistero, il loro insegnamento insieme”.

Mentre il Sinodo sulla sinodalità è più un “ibrido” del Sinodo dei vescovi e di altri tipi di incontri e riunioni della Chiesa con vescovi, sacerdoti, religiose e laici.

“È sia un Sinodo dei Vescovi che un incontro ecclesiale, tutto in uno. E ci sono domande che solleva. Qual è la sua natura ecclesiale? Qual è la sua autorità? Sta cercando di essere l’assemblea dei vescovi come l’assemblea degli apostoli? O sta cercando di essere il raduno di tutti i battezzati?”.

“Penso che dobbiamo riflettere molto di più su cosa significhi tutto questo dal punto di vista ecclesiologico, canonico e pratico”.

Fisher ha detto che si sta discutendo anche della proporzione di laici, in particolare di donne, nel Sinodo sulla sinodalità.

“Ci sono più donne di quante ce ne siano mai state prima, eppure [il Sinodo] continua a ricevere molte critiche sul fatto che non ha ancora abbastanza donne”, ha osservato.

L’arcivescovo australiano ha aggiunto che uno dei lati positivi del Sinodo sulla sinodalità è stata l’ampia gamma di cattolici di tutto il mondo riuniti in Vaticano questo mese.

“Ho incontrato una gamma di vescovi più ampia nelle ultime due settimane che probabilmente nei miei precedenti 20 anni. E questo deve essere positivo”, ha detto.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments