“Se cenate con il diavolo, è meglio che vi portiate un lungo cucchiaio. Il Vaticano, per Jimmy Lai, sembra andare a cena senza sapere che la Chiesa stessa è sul menù.” Così conclude  Francis X. Maier il suo articolo riguardante il probabile rinnovo dell’accordo del Vaticano con la Cina. 

L’articolo è stato pubblicato su The First Thing e lo propongo alla riflessione dei lettori di questo blog nella mia traduzione. 

 

muraglia cinese
muraglia cinese

 

“Se cenate con il diavolo, è meglio che portiate un cucchiaio lungo”. Nel trattare con la Cina, è un pezzo di saggezza popolare che il Vaticano potrebbe voler prendere più sul serio.  

I Concordati hanno un pedigree lungo e complicato nella storia cristiana. Nel corso dei secoli in Europa, imperatori, re e governi hanno avuto spesso un ruolo nella selezione dei vescovi e nel regolare la vita pubblica dei credenti. La Chiesa è sopravvissuta a tutti loro. La diplomazia vaticana più recente – l’accordo della Santa Sede del 1933 con il Terzo Reich di Hitler e le sue successive politiche di Ostpolitik nelle nazioni del blocco sovietico – è stata più problematica. In entrambi i casi la Chiesa si è trovata a dover affrontare un nuovo tipo di creatura statale. Ha affrontato non solo i regimi nazionali con le loro meschine ambizioni, ma ideologie sistematiche che erano, in effetti, religioni politiche rivali che chiedevano la sottomissione dell’intero essere di un cittadino, corpo e anima.

La Cina moderna è una tale creatura. Il Partito comunista cinese (PCC) è stato molto abile nel costruire il suo potere economico e militare, nell’accrescere la sua influenza globale e nell’innalzare il tenore di vita del suo popolo. È stato altrettanto abile a mantenere il potere, a schiacciare tutte le forme di religione che non controlla e a resistere alla democrazia. Le speranze occidentali che il capitalismo avrebbe liberalizzato il regime di Pechino sono crollate. Invece, le imprese occidentali hanno trovato difficile districarsi dalla dipendenza dalla produzione e dai mercati cinesi. Se gli ultimi 40 anni vengono giudicati come una partita a scacchi economica e politica, la Cina ha vinto.

Per quanto riguarda le questioni di fede: La libertà religiosa non è migliorata in Cina. Per molti versi, è peggiorata. Con la possibile eccezione della Corea del Nord, la Cina è lo Stato più aggressivamente ateo del pianeta. Pechino è un persecutore delle pari opportunità. A nessuna comunità religiosa di qualsiasi tradizione è permesso di esistere al di fuori della sorveglianza e del controllo dello Stato.  

Date queste circostanze, e nel cercare di assicurare la sopravvivenza dei cattolici cinesi, il Vaticano ha elaborato un accordo provvisorio di due anni nel 2018, segreto nei dettagli, che permette a Pechino di partecipare alla selezione dei vescovi cinesi. L’accordo scade questo mese. Il Vaticano è ansioso di rinnovarlo. Secondo le parole di un alto funzionario vaticano, senza un tale accordo “ci saremmo trovati – non subito, ma dieci anni dopo – con pochissimi vescovi, se non nessuno, ancora in comunione con il papa…. Se non cominciamo adesso, questo è il futuro”.

Questa visione romana non è priva di merito. Si può sostenere che la Cina è la potenza nascente del nostro secolo, con gli Stati Uniti e l’Europa che hanno superato il loro apice. Il futuro della Chiesa è in Asia e in Africa. La Chiesa esiste da 2.000 anni, sopravvivendo alle persecuzioni e adattandosi ai nuovi ambienti. La Chiesa è sopravvissuta a Nerone e Diocleziano, alla conquista islamica e al comunismo. Può sicuramente resistere più a lungo del PCC.

Il problema di questo ragionamento, sostiene Lai Chee Ying, meglio conosciuto come “Jimmy Lai”, è che è disastrosamente ingenuo. L’attuale pontificato di avvicinamento alla Cina è, per Lai, fatalmente imperfetto a spese dei credenti cristiani cinesi. 

Ho intervistato Jimmy Lai per il Napa Institute all’inizio di ottobre. Prendetevi il tempo di vederlo. Per chiunque sia preoccupato per la Chiesa in Cina, è essenziale ascoltare e vedere quest’uomo parlare per sé. Lai ha un profilo globale come uno degli imprenditori di maggior successo e di maggior rilievo in Asia. È anche un forte e convinto sostenitore del movimento per la democrazia di Hong Kong. Questo ha portato al suo arresto e alla sua detenzione in agosto, secondo la nuova legge sulla sicurezza nazionale cinese. Anche se rischia la prigione, continua a parlare e a lavorare contro la repressione di Pechino contro la libertà di parola, la libertà di riunione e la libertà di religione di Hong Kong.

L’obiettivo della mia intervista era di parlare di politica e di lavorare gradualmente sulla religione. Lai si è invece rivolto quasi subito alle questioni di convinzione religiosa. Convertitosi alla fede cattolica alla fine degli anni Novanta, anche grazie all’influenza della sua impressionante moglie Teresa, Lai è un caro amico del vescovo emerito di Hong Kong, il cardinale Joseph Zen. La sua passione per la Chiesa e per l’importanza del cristianesimo per il futuro della Cina è irresistibile. Ed è esplicito nei suoi avvertimenti che qualsiasi accordo del Vaticano con l’attuale regime di Pechino equivarrà a un tradimento dei fedeli cristiani in Cina.

Per quanto buone siano le intenzioni del Vaticano, Lai ritiene che Roma fraintenda drasticamente la durata del PCC, la sua paziente sagacia, la sua ostilità e la sua determinazione a sostituire qualsiasi comprensione indipendente di Dio o degli dei con la sua onnipotenza. La Chiesa può pensare a lungo termine, dice Lai, ma anche il partito lo fa; e in una forma o nell’altra, La Cina esiste da più tempo della Chiesa. Ciò che il PCC non può fornire, secondo Lai, è un sistema umano e completo di “moralità e valori” che parli a una vita di virtù e soddisfi l’anima cinese. Per questo il PCC diffida intensamente del cristianesimo e della capacità di resistenza organizzativa della Chiesa cattolica in particolare.

Lai ha elogiato l’amministrazione Trump e il segretario di Stato americano Mike Pompeo per il loro impegno a favore della libertà religiosa, ma anche per quello che considera il loro realismo e la loro durezza nel trattare con la Cina su una serie di questioni delicate. Ha espresso la sua perplessità e la sua delusione – la sua profonda delusione – per il fatto che Papa Francesco si è rifiutato di incontrare il cardinale Zen durante la recente visita di Zen a Roma; il cardinale aveva fatto il viaggio per offrire il suo consiglio sulle questioni relative alla Cina.

Ancora una volta: Guardate l’intervista. Se cenate con il diavolo, è meglio che vi portiate un lungo cucchiaio. Il Vaticano, per Jimmy Lai, sembra andare a cena senza sapere che la Chiesa stessa è sul menù. 

 

Francis X. Maier è borsista senior in studi cattolici presso il Centro di etica e politica pubblica e ricercatore senior in studi costituzionali presso l’Università di Notre Dame. Ha intervistato Lai Chee Ying in qualità di membro del consiglio di amministrazione del Napa Institute.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1