L’Ungheria sta promuovendo politiche pro-famiglia perché la sua identità cristiana è in gioco, ha dichiarato il ministro della famiglia ungherese al Catholic News Agency (CNA) in un’intervista rilasciata a Matt Hadro, che vi proponiamo nella traduzione di Riccardo Zenobi.

Katalin Novàk: Il Ministero della famiglia e degli affari sociali del governo Orbán

Katalin Novàk: Il Ministero della famiglia e degli affari sociali del governo Orbán

 

L’Ungheria sta promuovendo politiche pro-famiglia perché la sua identità cristiana è in gioco, ha dichiarato il ministro della famiglia ungherese alla CNA in un’intervista.

“Se ci arrendiamo sul nostro cristianesimo, allora perderemo la nostra identità, come ungheresi, come europei”, Katalin Novák, il ministro ungherese per la famiglia, ha detto alla CNA in un’intervista mercoledì.

Novák ha parlato alla seconda conferenza annuale sulle politiche famigliari a Capitol Hill mercoledì scorso, organizzato insieme all’ambasciata del Brasile. Si è unita a funzionari dell’amministrazione Trump, membri del Congresso, e rappresentanti di organizzazioni non governative nella discussione su come i governi possono promuovere politiche per la famiglia.

Il tasso di nascite in Ungheria è molto sotto il livello di rimpiazzo; l’ufficio delle statistiche stima la fertilità totale a 1,48 figli per donna. Ogni nazione nell’Unione Europea ha un livello di nascite al di sotto della soglia di rimpiazzo, ha dichiarato la Novák. E secondo i dati delle Nazioni Unite, sia l’Europa orientale che l’occidentale hanno una fertilità stimata di 1,657 e 1,683 figli per donna per gli anni tra il 2015 e il 2020 – molto sotto la soglia di rimpiazzo di 2,1.

“Abbiamo una sfida demografica di fronte”, ha detto Novák alla CNA. Mentre alcune nazioni possono fare affidamento sull’immigrazione, l’Ungheria sta provando a invertire il trend con un approccio su due fronti: incentivi finanziari per le famiglie per avere più figli, e promuovendo una cultura che è pro-life e inclusiva delle grandi famiglie.

Nel 2011, il tasso di nascite in Ungheria era 1,23, ha dichiarato Novák martedì scorso, facendo sì che il governo si domandasse “qual è la ragione dietro” il fenomeno, e “come possiamo aiutare?” Ora, l’amministrazione del primo ministro Viktor Orban ha promosso un piano d’azione di protezione della famiglia in sette punti con incentivi per matrimoni e figli.

Le donne che si sposano prima del loro 40° compleanno saranno candidabili ad un prestito sussidiario senza interessi di circa 31.000 € dallo stato; un terzo del prestito può essere annullato se la coppia ha due figli, e l’intero debito si può cancellare se la coppia ha tre o più figli. Le donne con quattro o più figli saranno esentate dalle imposte sul reddito per tutta la vita. Le famiglie con almeno tre figli sono candidabili per una concessione per l’acquisto di un’auto che abbia sette o più posti a sedere.

L’assistenza domestica è un altro punto chiave della strategia. Famiglie con due figli saranno candidabili per una riduzione del prestito ipotecario che può essere incrementata se hanno un terzo figlio.

I nuovi incentivi finanziari risulteranno in più nascite? Lo dirà il tempo, ma la questione è di massima importanza per lo stato.

“Siamo convinti che il nostro futuro sia nelle famiglie forti”, ha detto Novák alla CNA.

Forse ancora più importante per rafforzare le famiglie rispetto agli incentivi finanziari è una cultura che incoraggia e normalizza i bambini.

“Parliamo troppo di denaro, veramente”, ha detto Novák mercoledì. “Avere figli non è questione di denaro. Di certo, non avere figli, quello può essere questione di denaro, ma avere figli, non viene deciso per via degli incentivi finanziari – non dovrebbe”.

Lo stato punta a creare una cultura che sia più accogliente per le famiglie. Ha inizialmente provato a fare questo incastonando certi valori pro-life e pro-famiglia nelle leggi.

L’Ungheria è stata storicamente una nazione cristiana dal suo primo Re Stefano, ha detto Novák, e le politiche pro-famiglia dello stato sono intese per essere una riflessione nello stabilire una “forte identità”.

“Senza una forte identità, non puoi prendere responsabilità per altri”, ha detto alla CNA.

Nel 2011, il parlamento ungherese ha adottato la sua legge fondamentale che riconosce le radici cristiane della nazione ed afferma “inviolabile” la dignità umana, il “diritto alla vita” di ciascuno e la protezione della vita dal “momento del concepimento”, il matrimonio come una unione volontaria di un uomo e una donna, la “famiglia come la base della sopravvivenza della nazione”, e la protezione delle persone con disabilità, ha detto Novák.

Inoltre, lo stato sta promuovendo il messaggio pubblico che “la vita è un dono” e che avere bambini è “un’avventura lunga tutta la vita”.

“Riconoscete veramente coloro che si prendono cura dei bambini? Valutate veramente quella mamma che resta a casa prendendosi cura di cinque, sei, sette bambini e sta giocando un ruolo attivo nel mercato del lavoro?” ha chiesto Novák. “Le valutiamo veramente? Le riconosciamo? Le proteggiamo?”

L’Ungheria vede anche parte della sua identità cristiana nell’aiuto di cristiani vittime di persecuzione in altri paesi. In Iraq, il governo ha aiutato a reinsediare i cristiani vittime del genocidio attraverso il suo programma d’aiuto Hungary Helps, provvedendo più di 3 milioni di dollari per lo sforzo.

“Per tale ragione, vediamo che abbiamo la responsabilità di provvedere aiuto per aiutare i fratelli e le sorelle che soffrono dalla persecuzione ovunque nel mondo”, ha detto Novák. “Non è attraverso l’aiuto di organizzazioni internazionali con una grande amministrazione e un grande costo”, ha detto, ma invece “è l’aiuto diretto, che va indirizzato ai perseguitati”.

Il diritto alla vita dal momento del concepimento è una parte fondamentale di questa identità. Mentre il livello di aborti nella nazione è al punto più basso mai registrato, altro lavoro va fatto, ha detto Novák. “Nulla sopra lo zero è un buon numero”.

L’approccio che lo stato sta prendendo per far avanzare la causa pro-life è il “riconoscere la vita del non nato”, ha detto, “provvedendo benefici famigliari”. Dal secondo trimestre di gravidanza, la donne sono già candidabili per benefici famigliari.

Lo stato riconosce anche l’importanza di un “posto di lavoro family friendly”, ha detto, e sta provando a ricompensare i datori di lavoro con generose politiche famigliari.

Mentre altre nazioni possono vedere l’immigrazione come una soluzione demografica ad una popolazione declinante, Novák ha messo in guardia dal vedere questo come un sostegno a lungo termine per il futuro della nazione. I sette punti del piano famigliare di Orban sono stati fatti come alternativa all’immigrazione vista come soluzione per il futuro della nazione.

L’Ungheria ha ricevuto critiche internazionali per le sue strette politiche immigratorie. Il capo del dipartimento delle nazioni unite per i diritti umani ha affermato che la legge del 2018 che criminalizza l’assistenza di chi cerca asilo era “platealmente xenofoba”. All’inizio del 2018 l’agenzia ONU per i rifugiati ha detto che l’Ungheria stava solo ammettendo circa due richiedenti asilo per giorno attraverso le sue zone di transito.

L’ispettore speciale dell’ONU sui diritti umani dei migranti, che ha recentemente visitato la nazione, ha detto che “i migranti sono rappresentati come nemici pericolosi sia ufficialmente che nei discorsi pubblici”. La Novák ha detto che l’Ungheria non “vede l’immigrazione come una soluzione al nostro problema demografico”, e vuole dare assistenza nel reinsediare i rifugiati ma non sta facendo una priorità dell’accettare migranti economici che cercano una “vita migliore”.

“Siamo, in primo luogo, responsabili della nostra gente. E se hanno bisogno di più aiuto in modo da essere capaci di crescere più bambini e avere una famiglia, allora dobbiamo provvedere questo aiuto”, ha detto. Le nazioni con un alto deflusso di migranti economici non saranno aiutate nel lungo termine, ha detto.

“Penso veramente che il modo responsabile di pensare non è di estrarre i meglio educati, i più mobili, e le più ricche persone da queste nazioni”, ha detto, “e cosa accadrà ad altri che restano lì?”

L’Ungheria sta provvedendo educazione e università gratis per migliaia di studenti da queste nazioni, ha detto, “per permettere loro di ritornare alle loro nazioni e lì guidare il vero cambiamento”.

Ad ogni modo, nel 2018 l’Università dell’Europa Centrale ha fermato il suo programma per i rifugiati dopo una significativa tassa dal governo ungherese sulle attività che supportano immigrazione.

Papa Francesco, nel suo messaggio per la giornata mondiale del migrante e del rifugiato, ha detto che “la nostra risposta alle sfide poste dalle migrazioni contemporanee si può riassumere in quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1