John M. Vella recensisce il libro scritto da Scott W. Atlas, MD, dal titolo: A Plague Upon Our House: My Fight at the Trump White House to Stop Covid from Destroying America. Il Contenuto del libro verte sulla disastrosa gestione della pandemia da parte delle autorità USA. Ne esce fuori uno spaccato inquietante che merita la lettura. Scott W. Atals è Senior Fellow alla Stanford University’s Hoover Institution. Ecco la recensione apparsa su The American Conservative, nella mia traduzione.  

 

Scott W. Atals e Donald Trump
Scott W. Atals e Donald Trump

 

Nei primi mesi della pandemia di coronavirus, il dottor Scott Atlas della Hoover Institution di Stanford era perplesso dalla reazione eccessiva dei funzionari della sanità pubblica. Non c’erano prove sufficienti per giustificare le politiche raccomandate. I lockdowns causano quasi sempre più danni che benefici, e le proiezioni di alta mortalità erano basate su modelli informatici notoriamente difettosi. L’iniziale minimizzazione del pericolo da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, per nascondere la colpevolezza della Cina, si è trasformata in una campagna di paura quando la copertura non poteva più essere sostenuta. Avendo trascorso quindici anni come studioso di politica sanitaria dopo una carriera di successo nella medicina accademica, sapeva che qualcosa non andava. Atlas ha deciso di trovare epidemiologi che capissero la vera natura della minaccia in modo che la pandemia potesse essere portata a termine senza causare altre difficoltà inutili.

John Ioannidis dell’Università di Stanford fu uno dei primi collaboratori. Aveva analizzato i casi della nave da crociera Diamond Princess a marzo e aveva concluso che il tasso di mortalità dell’OMS del 3,4% era una grossolana esagerazione. Il tasso di mortalità per questa popolazione di passeggeri per lo più anziani con comorbidità, un gruppo ad alto rischio, era dell’1,0%. Il tasso di mortalità per l’intero paese doveva essere molto più basso. Inoltre, poiché il coronavirus non è “nuovo” come l’OMS ha sostenuto, Ioannidis ha sollevato la probabilità che altri virus della stessa famiglia erano in circolazione nella popolazione. Essendo stati infettati in precedenza e avendo generato anticorpi (e cellule T di memoria più durature) per allontanare la malattia, molti sarebbero necessariamente immuni da nuove infezioni. Questa ipotesi è stata confermata in aprile quando Ioannidis, Jay Bhattacharya e altri epidemiologi hanno pubblicato uno studio che ha testato le persone per gli anticorpi SARS-CoV-2 nella contea di Santa Clara. Hanno scoperto che l’infezione era circolata molto prima di quanto si credesse in precedenza e che il tasso di mortalità spaventosamente alto riportato dai media era sbagliato di un fattore cinquanta.

Se i funzionari della sanità pubblica avessero usato il più accurato tasso di mortalità dell’infezione – un numero basato su tutti coloro che erano stati infettati, che avessero o meno dei sintomi – piuttosto che il tasso di mortalità dei casi, sarebbe stata generata meno isteria pubblica. Ma per molti funzionari governativi e dirigenti dei media, generare isteria era l’obiettivo. Il Covid minacciava solo i vecchi e i malati, ma i funzionari della sanità pubblica dichiararono senza prove l’esistenza di un grave pericolo per l’intera popolazione. A causa di una paura esagerata dell’aumento dei casi, a molti ospedali fu detto di rimandare procedure e operazioni “non essenziali” per dare la priorità ai pazienti di Covid. Atlas non ha riferito cosa è successo dopo: Quando i pazienti di Covid non si sono materializzati nel numero previsto, gli amministratori degli ospedali hanno fatto pressione sui medici per esagerare i decessi sui certificati di morte per ricevere i soldi del governo ed evitare la bancarotta finanziaria. Medici e infermieri sono stati messi in aspettativa in molte parti del paese, mentre migliaia di pazienti malati non-Covid si sono visti negare trattamenti salvavita. Praticamente tutti i ricoverati in un ospedale hanno ricevuto il test PCR altamente sensibile. Più alta è la “soglia del ciclo”, maggiore è la probabilità che vengano rilevati vecchi frammenti di virus, producendo fino al 90% di falsi positivi. In altre parole, i pazienti che andavano in ospedale per una malattia non-Covid erano spesso classificati come un caso Covid anche se non erano contagiosi. Questi pazienti, che sono morti per malattie non-Covid, sono stati ufficialmente classificati come morti di SARS2, gonfiando il bilancio delle morti con dati falsi. Atlas ha avvertito la Task Force coronavirus della Casa Bianca del test PCR difettoso, ma non è stato fatto nulla.

Dai primi giorni della pandemia fino al suo periodo alla Casa Bianca come consulente Covid del presidente, Atlas ha dedicato molto del suo tempo a porre fine ai lockdown che stavano letteralmente uccidendo le persone. I cosiddetti trattamenti “non essenziali” negati ai pazienti si rivelarono necessari per la vita. Ai malati di cancro è stata negata la chemioterapia; le procedure di chirurgia cerebrale sono state posticipate; i pazienti con ictus e infarto non sono stati trattati; gli screening del cancro sono saltati. I lockdown sostenuti dalle élite benestanti hanno danneggiato in modo sproporzionato la classe operaia e le comunità povere. Hanno distrutto i mezzi di sussistenza, e si è calcolato che le catastrofiche conseguenze economiche hanno causato milioni di anni di vita persi. Queste “morti della disperazione” includevano la depressione clinica che portava al suicidio, specialmente tra i giovani, l’abuso domestico e infantile, così come la dipendenza da droga e alcol. La chiusura delle scuole ha causato un danno immenso ai bambini che non avevano alcun rischio di Covid e quasi mai hanno trasmesso il virus agli adulti. Inoltre, gli insegnanti, una coorte relativamente giovane e sana, non erano mai ad alto rischio di morte. Questo era noto in tutto il mondo nella primavera del 2020. Eppure negli Stati Uniti, i politici e i sindacati degli insegnanti hanno sacrificato i bambini per proteggere gli adulti da una minaccia immaginaria.

A Plague Upon Our House identifica l’obbligo fondamentale di ogni funzionario della sanità pubblica: rendere conto di tutti i potenziali danni di ogni proposta politica prima dell’attuazione. Il tentativo unico di sradicare un virus ineliminabile senza tener conto dei costi umani stava causando una devastazione indicibile senza proteggere effettivamente i più vulnerabili. I lockdown, scrive Atlas, “sono stati un errore enorme, una politica enormemente distruttiva, un’irrazionale imposizione al pubblico che doveva finire”. Il presidente Trump sapeva che il lockdown era un errore e ha ripetutamente chiesto la riapertura delle scuole e delle imprese. È stato ripetutamente contraddetto dai tre architetti della strategia di lockdown americana che sedevano nella task force per il coronavirus della Casa Bianca: Dr. Anthony Fauci, Dr. Deborah Birx, e il direttore del CDC Dr. Robert Redfield. Questi tre “pseudoscienziati”, scrive Atlas, “erano fatti della stessa pasta”. Tutti e tre erano burocrati governativi la cui esperienza più notevole con i disastri della salute pubblica riguardava la ricerca di un vaccino per l’HIV/AIDS, che a tutt’oggi non si è mai materializzato.

I funzionari del governo, sfidando il presidente, hanno ritardato o bloccato “le prove cliniche e le approvazioni di farmaci sicuri e ampiamente disponibili”. Se non fosse stato per questo disastroso fallimento, l’80% delle morti di Covid avrebbero potuto essere evitate, secondo il dottor Peter McCullough, la principale autorità mondiale sul trattamento precoce del coronavirus. Mentre la terapia con anticorpi monoclonali è stata un risultato positivo dell’Operation Warp Speed, la vaccinazione non è mai stata il modo più efficace o più sicuro per proteggere il pubblico, come sostiene ora il presidente Trump.

Prima che i vaccini diventassero disponibili, i lockdown inefficaci erano l’unica risposta accettabile secondo Fauci, Birx e Redfield. Ogni volta che Atlas ha sfidato le loro politiche distruttive con dati concreti da tutto il mondo, non potevano rispondere. In un’occasione nello Studio Ovale, il presidente Trump ha chiesto ad Atlas se Birx fosse davvero d’accordo con la sua raccomandazione di limitare i test alle popolazioni ad alto rischio piuttosto che testare tutti, compresi i giovani e i sani. La risposta sincera di Atlas ha suscitato una reazione di rabbia da parte di Birx che gli ha fatto esplodere contro per aver esposto la sua disonestà di fronte al presidente. Non sarebbe irragionevole sospettare che alcuni potenti oligarchi abbiano sostenuto e attuato politiche intenzionalmente progettate per infliggere il massimo danno per un guadagno finanziario o politico. Nel caso di “esperti” del governo come Fauci, Birx e Redfield, Atlas preferisce una spiegazione meno dannosa: incompetenza.

Egli riporta come alcuni consiglieri presidenziali abbiano spinto l’uso delle mascherine perché ha fatto bene ai sondaggi. Non hanno considerato che imporre l’uso della mascherina all’intera popolazione – specialmente i bambini – era scientificamente fraudolento e quindi alimentava semplicemente una paura irrazionale e distruttiva. I media corporativi e i loro co-cospiratori dei social media hanno lanciato una campagna propagandistica di paura politicamente motivata per minare la rielezione di Trump. Chiunque dissentisse dalla narrativa del lockdown è stato calunniato o censurato. I consiglieri del presidente erano pietrificati dai media – un “gruppo spregevole di bugiardi senza principi”, scrive Atlas – e temevano un contraccolpo pubblico se qualcuno dei tre tirapiedi fosse stato rimosso dalle loro sinecure governative. Mark Meadows e altri consiglieri anziani erano concentrati sull’imminente elezione e hanno ricordato ad Atlas in più di un’occasione di non “agitare la barca”. Nel frattempo, altre persone sono morte a causa di una strategia di lockdown fallita a cui il presidente si è opposto ma che non ha potuto fermare.

 

 

Facebook Comments