• domenica , 18 novembre 2018

Scarrafia suggerisce che Papa Francesco potrebbe fare cardinale una donna “prima di morire, o prima di rinunciare al suo papato”

Lucetta Scaraffia è una storica e giornalista italiana. È direttrice di Donne Chiesa mondo, la “costola” dell’Osservatore Romano che si occupa di donne. Si dichiara una femminista cattolica.

Alcuni ambienti nella Chiesa spingono perché si arrivi alla donna “sacerdote”. Altri temono che si usino escamotage per raggiungere questo risultato. La Scarrafia pensa che si possa raggiungere una maggiore parità uomo-donna nella Chiesa nominando cardinale anche una donna.

Ecco alcuni stralci di intervista a Elisabeth Barber nella mia traduzione.

Lucetta Scarrafia (foto Katrina Strek/ITEM, via The New Yorker Today)

Lucetta Scarrafia (foto Katrina Strek/ITEM, via The New Yorker Today)

(…)

(Lucetta Scarrafia) non vuole che le donne siano sacerdoti, né vuole che il Papa capovolga le posizioni della Chiesa sui costumi sessuali, mi ha detto. Ma pensa che l’aborto dovrebbe essere legale, e crede in una Chiesa misericordiosa, con muri dottrinali abbastanza porosi da accogliere i credenti che non si conformano agli insegnamenti sul sesso e sull’amore romantico.

(…)

Pochi giorni dopo il nostro primo incontro, ho incontrato Scaraffia per la cena nel suo portico, insieme al marito, che è anche storico e traduttore. Le luci dei castelli medievali della regione, autentiche e artificiali, brillavano la sera. A un certo punto della nostra conversazione, davanti alla pasta e a un piatto di mozzarella, Scaraffia dice: “Vorrei che le donne diventassero cardinali”. Dopo che il commento era stato fatto in inglese, ho fatto una pausa. Una donna che non pensa che le donne debbano essere sacerdoti, o prendere pillole anticoncezionali, crede che le donne debbano essere cardinali, e occupare il grado proprio sotto il Papa, che i cardinali eleggono e consigliano?

Sì, ha detto Scaraffia. È vero che il Vaticano proibisce alle donne l’ordinazione nella gerarchia clericale – anche se le suore prendono i voti, non sono ordinate, e quindi sono laici, non chierici. I sacerdoti, che consacrano l’Ostia durante la messa, devono essere ordinati per farlo, ma la teologia cattolica non impone che i cardinali siano ordinati. Così, teologicamente parlando, i laici, comprese le laiche, possono essere cardinali. Papa Francesco “avrebbe tutti contro di lui” se nominasse una donna cardinale, ha detto Scaraffia. “Tutti…..” ha riso. Rideva. “Potrebbe farlo prima di morire, o prima di rinunciare al suo papato”, lei ha continuato. Ma “avrebbe la capacità di farlo”, ha aggiunto. “Lui potrebbe”.

(…)

Due anni fa, papa Francesco ha convocato una commissione per studiare la possibilità delle diaconesse.  Un diacono può svolgere molti dei compiti di un sacerdote, compresi i battesimi, ma non può consacrare l’Ostia. In ottobre, Donne, Chiesa Mondo ha pubblicato un editoriale, a cura dell’editore dell’importante rivista gesuita America, riportando che la maggioranza delle donne cattoliche negli Stati Uniti vogliono che la Chiesa ordina diaconi femminili. Ma Scaraffia mi ha detto che crede che Francesco non accetterà le diaconesse – che non vuole che le donne siano ordinate come chierici di qualsiasi rango. (La scorsa estate, non per la prima volta, Francesco ha esplicitamente escluso la possibilità di sacerdoti donne: solo gli uomini possono essere sacerdoti, secondo la Santa Sede, perché Gesù ha scelto solo uomini come suoi apostoli). Altri attivisti cattolici sono più ottimisti. Kate McElwee, direttrice esecutiva della Women’s Ordination Conference, mi ha detto che trova incoraggiante l'”apertura al dialogo” di papa Francesco. “Sappiamo che ci sono donne che sono chiamate da Dio”, ha detto.

I cardinali, in ogni caso, non hanno bisogno di essere chiamati da Dio, solo dall’uomo. “I cardinali sono un’invenzione della Chiesa, per governare se stessa”, mi ha detto Massimo Faggioli, professore di teologia a Villanova. Nel primo millennio, il titolo era un titolo onorifico per uomini rispettati, senza specifici doveri o poteri. Nel 1059, la Chiesa diede ai cardinali il diritto esclusivo di eleggere il pontefice. Quattordici anni dopo, papa Gregorio VII iniziò a ridurre il numero di laici a favore dei chierici. (L’idea era quella di eliminare la corruzione sostituendo laici eticamente sospetti con uomini buoni, e leali, uomini santi).

Eppure, non c’era alcun divieto, terreno o empireo, per cui i laici non potessero entrare nelle file (dei cardinali), e, qua e là, lo facevano. Ma, dopo che il Regno d’Italia conquistò pienamente gli Stati Pontifici, nell’Ottocento, la chiesa divenne “più sacerdotale”, come ha detto Faggioli. I cardinali avevano perso gran parte del loro potere temporale, per cui venivano visti sempre meno come diplomatici laici e più come uomini religiosi. Papa Pio IX scelse l’ultimo cardinale non ordinato, nel 1858, un avvocato italiano di nome Teodolfo Mertel. Nel 1917, la Santa Sede cambiò il diritto canonico, limitando il cardinalato agli ordinati. (Negli anni Ottanta, la legge fu aggiornata per limitare le candidature ai soli vescovi). Il diritto canonico, tuttavia, non è Vangelo. Se il Papa vuole cambiarlo, ha detto Faggioli, “può farlo con un tratto di penna”.

Scaraffia dice che l’antropologa cattolica Mary Douglas le diede l’idea che le donne potevano essere fatte cardinali. Il quotidiano spagnolo El País riprese l’idea poco dopo l’elezione di Francesco, ipotizzando che il nuovo pontefice potesse includere il nome di una donna nelle sue prime selezioni per il Collegio cardinalizio. Il portavoce di Francesco all’epoca, Federico Lombardi, disse alla stampa che non era “lontanamente realistico”.  Ma, ammetteva, “teologicamente e teoricamente, è possibile”. Francesco è il primo Papa gesuita e il primo Papa latinoamericano; ha allarmato i chierici conservatori, suggerendo che le persone divorziate, e le donne che hanno abortito, potrebbero essere accolte per ricevere la Comunione.

(…)

In agosto, ho scritto al portavoce di papa Francesco, Greg Burke, per chiedergli se il Papa avrebbe nominato una donna al grado di cardinale. “È un dibattito interessante” rispose Burke. “Ma il Papa non nominerà le donne cardinali”. Ho inviato un’e-mail a Scaraffia e ho riportato la sua risposta. La risposta di papa Francesco era definitiva, ai suoi occhi? E cosa ne pensava del crollo clericale dell’estate (cioè degli scandali degli abusi del clero, ndr)? (Scarrafia) Non considerava definitiva la risposta di Burke – e le mie due domande, ha aggiunto, sono collegate. “Penso che stiamo vivendo una grave e profonda crisi della Chiesa”, ha scritto, aggiungendo che ciò comporterebbe un vero cambiamento. Forse, ha continuato, tale cambiamento potrebbe includere, “chissà, forse anche le donne cardinali!”

 

Fonte: The New Yorker Today

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Paolo Luzzini
    31 ottobre 2018 at 6:37 Rispondi

    STATE A CASA, CHE COMBINERESTE SOLO GUAI, COME IN TUTTI GLI ALTRI CASI BEN NOTI. SALUTI.