Santa Sofia a Istambul e don Camillo
di Pierre Laurent Cabantous
°
°
Don Pierre Laurent: « Signore Gesù, oggi ho provato una stretta al cuore per quello che è accaduto nella Basilica di Santa Sofia, in Turchia. Anche il Papa è molto addolorato »
Gesù: « Il Papa si è addolorato… tu hai avuto anche un momento di ira… »
Don Pierre Laurent:« È vero, Gesù, ma quando ho visto coperta da un telo la splendida immagine della Tua mamma – nostra Madre e Regina – mi è venuto il sangue alla testa… e tu sai bene che nelle mie vene scorrono sangue romagnolo e guascone »
Gesù: « Una miscela esplosiva, non c’è che dire! »
Don Pierre Laurent: « E poi, coprire la Santa Vergine Maria quando si prega e scoprirla in altri momenti è proprio un controsenso »
Gesù: « Comprendo il tuo dolore, ma devi sapere che altri “teli” procurano un dolore ancora più grande a Me e alla mia Mamma »
Don Pierre Laurent: « Quali, Gesù? »
Gesù: « Sono i teli che coprono i cuori. Certo, coprire la bellezza di splendidi mosaici è tristissimo, ma ancor di più è vedere cristiani che nascondono la loro fede o la riducono a devozionalismo o folclore. Ciò che mi addolora sono i “teli” che vi rendono sordi alla mia Parola, ai richiami materni di mia Madre. Le ho concesso tante volte nella storia di intervenire, perché – come me – vuole che tutti gli uomini siano salvi. Ciò che mi addolora sono i “teli” che vi rendono ciechi. Non sapete più leggere i segni dei tempi. Mi addolorano i “teli” che vi rendono muti e, perciò, incapaci di pregare e testimoniare, con coraggio, la gioia del Vangelo. Questi “teli” fanno sì che non siate più in grado di riconoscere e accettare la realtà. Ti faccio un esempio fra tanti, don Pierre Laurent. Siete una società che non genera più figli. È paradossale che alcuni non li riconoscano più come dono, ma li pretendano come diritto e così, per egoismo degli adulti, i bambini sono frutto di manipolazioni genetiche o sono ridotti a prodotti di mercato.
Mi addolorano, insomma, i “teli” che, ricoprendovi con la menzogna, vi fanno tornare “uomini vecchi”. Eppure, tramite l’apostolo Paolo, ve lo ricordo sempre: ‘ … dovete deporre l’uomo vecchio con la condotta di prima, l’uomo che si corrompe dietro le passioni ingannatrici e dovete rinnovarvi nello spirito della vostra mente e rivestire l’uomo nuovo, creato secondo Dio nella giustizia e nella santità vera.’ ».
Don Pierre Laurent: « Solo Tu, Signore, puoi farci rinascere a vita nuova. Tu dici: “Se la Verità vi farà liberi, sarete liberi davvero” e “ se non ritornerete come bambini non entrerete mai”. Bisognerebbe far leggere a tanti responsabili delle istituzioni e alle loro “task force” alcuni passaggi del ‘Mistero dei santi innocenti ‘ di Péguy : ‘Tutto quello che si fa lo si fa per i bambini…’. »
Gesù: « Continua … mi piace risentirlo e so che, certi pezzi, li conosci a memoria »
Don Pierre Laurent: « ‘Tutto quello che si fa lo si fa per i bambini.
E sono i bambini che fanno fare tutto.
Tutto quel che si fa.
Come se ci prendessero per mano.
Cosa si farebbe, cosa si sarebbe, mio Dio, senza i bambini.
Cosa si diventerebbe.
Delle zitelle in una catapecchia.
In una capanna diroccata che si demolisce ogni giorno di più.
Che si consuma via via.
Delle vecchie che invecchiano tutte sole e che si annoiano in una baracca.
Delle donne senza figlioli.
Una razza che si spegne.
… Si mandano i figli a scuola, dice Dio.
Io penso che sia perchè dimentichino il poco che sanno.
Si farebbe meglio a mandare a scuola i genitori.
Son loro che ne hanno bisogno.
Ma naturalmente ci vorrebbe una scuola di me.
E non una scuola di uomini.
Si crede che i bambini non sappiano nulla.
E che i genitori e le persone grandi sappiano qualcosa.
Ora io ve lo dico, è il contrario.
(E’ sempre il contrario)
Sono i genitori, sono le persone grandi che non sanno nulla.
E sono i bambini che sanno.
Tutto.
Perchè essi hanno l’innocenza prima.
Che è tutto. ‘»
Gesù: « Penso che sia tra i migliori commenti al mio invito a ritornare bambini. »
Don Pierre Laurent: « Gesù, grazie. Ti prego anche di affrettare i tempi in cui potremo toglierci anche quei veli sulla faccia che sono le mascherine. »
Gesù: « È giusta la prudenza contro il virus, ma -lo ripeto- la pandemia del Covid è più facile da debellare della pandemia che colpisce l’anima . Perciò “ora et labora et noli contristari”! »
Don Pierre Laurent: « Agli ordini, Gesù »
°
°°
°
Don Pierre Laurent Cabantous è parroco presso Parrocchia Concattedrale “S. Maria Assunta” – Cervia
°
°
Facebook Comments
image_pdfimage_print
1