Se l’Europa ha un po’ di buon senso, si separerà da questi sfaceli della politica estera statunitense, scrive l’economista Jeffrey D. Sachs. Di seguito un articolo di Sachs pubblicato su Common Dreams. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Joe Biden
Joe Biden, Presidente degli Stati Uniti

 

La guerra in Ucraina è il culmine di un progetto trentennale del movimento neoconservatore americano. L’amministrazione Biden è composta dagli stessi neoconservatori che hanno sostenuto le guerre scelte dagli Stati Uniti in Serbia (1999), Afghanistan (2001), Iraq (2003), Siria (2011), Libia (2011) e che hanno fatto tanto per provocare l’invasione della Russia in Ucraina.

Il curriculum dei neocon è un disastro senza precedenti, eppure Biden ha formato la sua squadra con neoconservatori. Di conseguenza, Biden sta guidando l’Ucraina, gli Stati Uniti e l’Unione Europea verso l’ennesima disfatta geopolitica. Se l’Europa ha un po’ di buon senso, si separerà da questi sfaceli di politica estera degli Stati Uniti.

Il movimento neocon è emerso negli anni ’70 attorno a un gruppo di intellettuali pubblici, molti dei quali influenzati dal politologo Leo Strauss dell’Università di Chicago e dal classicista Donald Kagan dell’Università di Yale. Tra i leader neocon figurano Norman Podhoretz, Irving Kristol, Paul Wolfowitz, Robert Kagan (figlio di Donald), Frederick Kagan (figlio di Donald), Victoria Nuland (moglie di Robert), Elliott Cohen, Elliott Abrams e Kimberley Allen Kagan (moglie di Frederick).

Il messaggio principale dei neocons è che gli Stati Uniti devono predominare militarmente in ogni regione del mondo e devono affrontare le potenze regionali in ascesa che potrebbero un giorno sfidare il dominio globale o regionale degli Stati Uniti, soprattutto Russia e Cina. A tal fine, la forza militare statunitense dovrebbe essere preposizionata in centinaia di basi militari in tutto il mondo e gli Stati Uniti dovrebbero essere pronti a condurre guerre di scelta, se necessario. Le Nazioni Unite devono essere utilizzate dagli Stati Uniti solo quando sono utili ai loro scopi.

 

Wolfowitz l’ha detto chiaro e tondo

Questo approccio è stato illustrato per primo da Paul Wolfowitz nella sua bozza di Defense Policy Guidance (DPG) scritta per il Dipartimento della Difesa nel 2002. La bozza chiedeva di estendere la rete di sicurezza guidata dagli Stati Uniti all’Europa centrale e orientale, nonostante l’esplicita promessa del Ministro degli Esteri tedesco Hans-Dietrich Genscher nel 1990 che l’unificazione tedesca non sarebbe stata seguita dall’allargamento della NATO verso est.

Wolfowitz si è anche schierato a favore delle guerre americane di scelta, difendendo il diritto dell’America di agire in modo indipendente, persino da sola, in risposta alle crisi che preoccupano gli Stati Uniti. Secondo il generale Wesley Clark, Wolfowitz aveva già chiarito a Clark nel maggio 1991 che gli Stati Uniti avrebbero condotto operazioni di cambio di regime in Iraq, Siria e altri ex alleati sovietici.

I neoconservatori hanno sostenuto l’allargamento della NATO all’Ucraina anche prima che questa diventasse la politica ufficiale degli Stati Uniti sotto il presidente George W. Bush Jr. nel 2008. Essi consideravano l’adesione dell’Ucraina alla NATO come la chiave per il dominio regionale e globale degli Stati Uniti. Nell’aprile 2006 Robert Kagan ha illustrato le ragioni dei neocon per l’allargamento della NATO:

I russi e i cinesi non vedono nulla di naturale nelle “rivoluzioni colorate” dell’ex Unione Sovietica, ma solo colpi di stato sostenuti dall’Occidente per far avanzare l’influenza occidentale in parti strategicamente vitali del mondo. Si sbagliano così tanto? Il successo della liberalizzazione dell’Ucraina, sollecitata e sostenuta dalle democrazie occidentali, non potrebbe essere che il preludio all’incorporazione di quella nazione nella NATO e nell’Unione Europea – in breve, all’espansione dell’egemonia liberale occidentale?”.

Kagan riconosce le terribili implicazioni dell’allargamento della NATO. Cita un esperto che afferma: “Il Cremlino si sta preparando alla ‘battaglia per l’Ucraina’ in tutta serietà”.

I neocons hanno cercato questa battaglia. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, sia gli Stati Uniti che la Russia avrebbero dovuto cercare un’Ucraina neutrale, come prudente cuscinetto e valvola di sicurezza. Invece, i neocon volevano l'”egemonia” degli Stati Uniti, mentre i russi hanno intrapreso la battaglia in parte per difendersi e in parte per le loro pretese imperiali. Un po’ come la guerra di Crimea (1853-6), quando Gran Bretagna e Francia cercarono di indebolire la Russia nel Mar Nero in seguito alle pressioni russe sull’impero ottomano.

Kagan ha scritto l’articolo come privato cittadino mentre sua moglie Victoria Nuland era ambasciatrice degli Stati Uniti presso la NATO sotto George W. Bush Jr.

Nuland è stata l’agente neocon per eccellenza. Oltre ad essere stata ambasciatrice di Bush presso la NATO, la Nuland è stata assistente del Segretario di Stato per gli Affari europei ed eurasiatici del Presidente Barack Obama dal 2013 al 2017, quando ha partecipato al rovesciamento del Presidente ucraino filo-russo Viktor Yanukovych, e ora è il sottosegretario di Stato di Biden che guida la politica degli Stati Uniti nei confronti della guerra in Ucraina.

La visione neocon si basa su una premessa errata: la superiorità militare, finanziaria, tecnologica ed economica degli Stati Uniti consente loro di dettare le condizioni in tutte le regioni del mondo. Si tratta di una posizione di notevole arroganza e di notevole disprezzo per l’evidenza.

Dagli anni Cinquanta, gli Stati Uniti sono stati ostacolati o sconfitti in quasi tutti i conflitti regionali a cui hanno partecipato. Eppure, nella “battaglia per l’Ucraina”, i neocon erano pronti a provocare un confronto militare con la Russia espandendo la NATO nonostante le veementi obiezioni della Russia, perché credono fermamente che la Russia sarà sconfitta dalle sanzioni finanziarie statunitensi e dagli armamenti della NATO.

L’Institute for the Study of War (ISW), un think-tank neocon guidato da Kimberley Allen Kagan (e sostenuto da un gruppo di imprenditori della difesa come General Dynamics e Raytheon), continua a promettere una vittoria ucraina.

Riguardo ai progressi della Russia, l’ISW ha offerto un commento tipico:

“Indipendentemente dalla parte che detiene la città [di Sievierodonetsk], l’offensiva russa a livello operativo e strategico sarà probabilmente conclusa, dando all’Ucraina la possibilità di ricominciare le sue controffensive a livello operativo per respingere le forze russe”.

I fatti sul campo, tuttavia, suggeriscono il contrario. Le sanzioni economiche dell’Occidente hanno avuto uno scarso impatto negativo sulla Russia, mentre il loro effetto “boomerang” sul resto del mondo è stato notevole.

Inoltre, la capacità degli Stati Uniti di rifornire l’Ucraina di munizioni e armi è seriamente ostacolata dalla limitata capacità produttiva americana e dalle catene di approvvigionamento interrotte. La capacità industriale della Russia è ovviamente superiore a quella dell’Ucraina. Il PIL della Russia era circa 10 volte quello dell’Ucraina prima della guerra e l’Ucraina ha perso gran parte della sua capacità industriale nella guerra.

L’esito più probabile degli attuali combattimenti è che la Russia conquisti una vasta area dell’Ucraina, lasciandola forse senza sbocchi sul mare o quasi. In Europa e negli Stati Uniti aumenterà la frustrazione per le perdite militari e le conseguenze stagflazionistiche della guerra e delle sanzioni.

Gli effetti a catena potrebbero essere devastanti, se un demagogo di destra negli Stati Uniti salisse al potere (o nel caso di Trump, tornasse al potere) promettendo di ripristinare la gloria militare sbiadita dell’America attraverso una pericolosa escalation.

Invece di rischiare questo disastro, la vera soluzione è porre fine alle fantasie neocon degli ultimi 30 anni e far sì che l’Ucraina e la Russia tornino al tavolo dei negoziati, con la NATO che si impegni a porre fine al suo impegno per l’allargamento a est dell’Ucraina e della Georgia in cambio di una pace sostenibile che rispetti e protegga la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email