Regnalo riprendendo dal sito Italychurchtoo.

 

 

«In seno al Centro Aletti è presente una vita comunitaria sana e priva di particolari criticità»; «i membri del Centro Aletti, benché amareggiati dalle accuse pervenute e dalle modalità con cui sono state gestite, hanno scelto di mantenere il silenzio – nonostante la veemenza dei media – per custodire il cuore e non rivendicare una qualche irreprensibilità con cui ergersi a giudici degli altri»; «il Visitatore ha doverosamente esaminato anche le principali accuse che sono state mosse al p. Rupnik, soprattutto quella che ha portato alla richiesta di scomunica. In base al copioso materiale documentario studiato, il Visitatore ha potuto riscontrare e ha quindi segnalato procedure gravemente anomale il cui esame ha generato fondati dubbi anche sulla stessa richiesta di scomunica. In considerazione della gravità di tali riscontri, il Cardinale Vicario ha rimesso la relazione alle Autorità competenti».

Questi i punti salienti del comunicato emesso il 18 settembre dal vicariato di Roma in merito all’esito della visita canonica al Centro Aletti di p. Marko Ivan Rupnik, l’ex gesuita accusato da almeno 15 donne per abusi sessuali.  Nel 2020, era incorso  in una scomunica latae sententiae comminata dal Dicastero per la Dottrina della Fede per aver assolto in confessione una donna con cui aveva avuto un rapporto sessuale. La scomunica era stata revocata poco dopo, dallo stesso Dicastero o da papa Francesco. Il 14 luglio di quest’anno, un decreto di dimissione dalla Compagnia di Gesù firmato dal Padre Generale lo ha espulso dall’Ordine.

Qui la lettera aperta di alcune sopravvissute agli abusi di p. Marko Rupnik dopo la diffusione del comunicato.

Per adesioni scrivere a postmaster@italychurchtoo.org

 

Al Santo Padre papa Francesco

Al Cardinal vicario De Donatis

Al cardinal Matteo Zuppi, presidente della CEI

Al Cardinal João Braz de Aviz

I fatti e i comunicati che si sono susseguiti in questi ultimi giorni – l’udienza privata, resa poi pubblica attraverso immagini apparse in rete, concessa dal papa a Maria Campatelli, ex religiosa della Comunità Loyola e attuale presidente del Centro Aletti; e il comunicato diffuso oggi con il report conclusivo della visita canonica realizzata alla comunità del Centro Aletti – ci lasciano senza parole, senza più voce per gridare il nostro sconcerto, il nostro scandalo.

In questi due avvenimenti non casuali, anche nella loro successione nel tempo, riconosciamo che alla chiesa non interessa nulla delle vittime e di chi chiede giustizia; e che la “tolleranza zero sugli abusi nella chiesa” è stata solo una campagna pubblicitaria, a cui hanno invece fatto seguito solo azioni spesso occulte, che hanno invece sostenuto e coperto gli autori di abusi.

Ci fanno pensare che la retorica che abbiamo visto in scena a Lisbona durante luglio e agosto scorsi è una parola vuota (“Tutti, tutti, tutti sono accolti nella chiesa!”), perché alla fine non c’è posto in questa chiesa per chi ricorda verità scomode.

Non abbiamo altre parole, perché tutta la sofferenza delle vittime l’abbiamo esposta come una ferita aperta, e certo disgustosa…. E le vittime sono perciò state censurate per non essere state discrete, ma aver esposto qualcosa di ripugnante: il loro dolore, la manipolazione di chi le ha circuite in nome di Cristo, dell’amore spirituale, della Trinità. Hanno esposto il loro dolore perché la manipolazione e gli abusi ne hanno ferito per sempre la dignità.

Tutto quello che hanno ricevuto e continuano a ricevere è solo silenzio. Soprattutto le vittime dell’abuso di potere da parte di Ivanka Hosta (che per trent’anni ha coperto le nefandezze di Rupnik, ed ha ridotto in schiavitù spirituale coloro che si opponevano ai suoi disegni di rivincita) aspettano una risposta definitiva, chiara, materna da più di un anno. Ma hanno solo ricevuto silenzio.  E con questa relazione oggi pubblicata, che scagiona da ogni responsabilità Rupnik ridicolizza il dolore delle vittime, ma anche di tutta la chiesa, mortalmente ferita da tanta tracotanza ostentata. 

Quel colloquio concesso dal papa a Campatelli, in un clima così familiare è stato sbattuto in faccia alle vittime (queste e tutte le vittime di abusi); un incontro che il papa ha negato loro. Non ha mai neppure dato risposta a quattro lettere di altrettante religiose ed ex religiose della Comunità Loyola che gliele avevano fatte recapitare nel luglio del 2021.

Le vittime sono lasciate nel grido afono di un nuovo abuso.

 

Fabrizia Raguso, docente associata di Psicologia, Universidade Católica Portuguesa di Braga

Mira Stare, Dr. Theol. Universität Innsbruck

Gloria Branciani, Licenza in Filosofia

Vida Bernard, Licenza in Teologia

Mirjam Kovac, dottorato in Diritto canonico

 

Per adesioni scrivere a postmaster@italychurchtoo.org

 

Adesioni in aggiornamento

Clelia Degli Esposti

Elisabetta Moccia

Marzia Benazzi (Oivd – Laboratorio Re-in-surrezione)

Maria Rosa Filippone

Paola Cavallari

Laura Verrani (baccellierato in teologia)

Maria Caterina Cifatte (Oivd)

Marzia Cattaneo

Carlo Contatore

Margherita Bani

Nicla Scatizzi

Ludovica Eugenio – Adista

Stefania Manganelli

Laboratorio Reinsurrezione (Osservatorio Interreligioso sulle violenze contro le donne, Donne per la Chiesa, Organizzazione ex focolari)

Marida Nicolaci

Pierelisa Rizzo – giornalista

Tommaso Scavuzzo

Francesco Zanardi – Rete L’Abuso

Beppe Pavan – Cdb Italia

Comunità di base italiane

Luigi Bassis

Daniel Denis (France)

Marco Siino

Doretta Baccarini

Giuseppe Cingolani

Piera Baldelli

Emanuela Provera

Renata Patti (ex membro interno del Movimento dei Focolari)

Michelangelo Ventura – Noi siamo Chiesa

Luigi Bonometti

Paola Mariani

Martina Castagna – Genova

Gianfilippo Manconi

Guido Licastro – Oref – Genova

Giulia Lo Porto

Liliana Lipone

Pietro Rabitti

Fabio Nones

Maria Cavagna



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments