In un’intervista con il giornale tedesco Der Speigel, Nouriel Roubini, il dottor Doom (il dott Sventura, nomignolo affibbiatogli, ndr) – che ha correttamente previsto lo scoppio della bolla immobiliare statunitense e la conseguente crisi finanziaria del 2008, insieme alle conseguenze delle misure di austerità per la Grecia piena di debito – ritiene che il coronavirus porterà a un disastro economico globale.

Molto spesso non condivido il pensiero di Roubini, riprendo però alcuni passi, quelli economici, della sua intervista poiché piuttosto esemplificativi della situazione attuale. Pur ritenendo difficile la situazione odierna, non è detto che il punto di vista di Roubini si verifichi nella realtà.

 

Nouriel Roubini (AP Photo/Chiang Ying-ying)

Nouriel Roubini (AP Photo/Chiang Ying-ying)

 

DER SPIEGEL: Quanto è grave l’epidemia di coronavirus per la Cina e per l’economia globale?

Roubini: Questa crisi è molto più grave per la Cina e per il resto del mondo di quanto gli investitori si aspettassero, per quattro motivi: Primo, non è un’epidemia limitata alla Cina, ma una pandemia globale. Secondo, è ben lungi dall’essere finita. Questo ha conseguenze enormi, ma i politici non se ne rendono conto.

 

DER SPIEGEL: Cosa intende dire?

Roubini: Basta guardare il suo continente. L’Europa ha paura di chiudere le sue frontiere, il che è un errore enorme. Nel 2016, in risposta alla crisi dei rifugiati, Schengen è stato effettivamente sospeso, ma questa è ancora peggiore. Le frontiere italiane dovrebbero essere chiuse al più presto. La situazione è molto peggiore di quella di un milione di rifugiati che arrivano in Europa.

 

DER SPIEGEL: Quali sono le altre due ragioni?

Roubini: Tutti credono che sarà una recessione a forma di V (cioè velocemente verso il punto basso del ciclo economico, con una pronta ripresa, ndr), ma la gente non sa di cosa sta parlando. Preferiscono credere nei miracoli. È semplice matematica: Se l’economia cinese dovesse ridursi del 2 per cento nel primo trimestre, ci vorrebbe una crescita dell’8 per cento negli ultimi tre trimestri per raggiungere il tasso di crescita annuale del 6 per cento che tutti si aspettavano prima che il virus scoppiasse. Se la crescita fosse solo del 6 per cento a partire dal secondo trimestre, che è uno scenario più realistico, vedremmo l’economia cinese crescere solo del 2,5-4 per cento per l’intero anno. Questo tasso significherebbe essenzialmente una recessione per la Cina e uno shock per il mondo.

 

DER SPIEGEL: E il suo ultimo punto?

Roubini: Tutti pensano che i politici reagiranno rapidamente, ma anche questo è sbagliato. I mercati sono completamente deliranti. Guardi alla politica fiscale: Si possono fare cose fiscali solo in alcuni Paesi come la Germania, perché altri come l’Italia non hanno alcun margine di manovra. Ma anche se si fa qualcosa, il processo politico richiede un gran parlare e negoziare. Ci vogliono dai sei ai nove mesi, che sono decisamente troppo lunghi. La verità è che: L’Europa avrebbe bisogno di stimoli fiscali anche senza la crisi de coronavirus. L’Italia era già sull’orlo della recessione, così come la Germania. Ma i politici tedeschi non pensano nemmeno agli stimoli, nonostante il Paese sia così esposto alla Cina. La risposta politica è una barzelletta – i politici sono spesso dietro la curva (cioè in ritardo, ndr). Questa crisi strariperà e si tradurrà in un disastro. 

 

DER SPIEGEL: Che ruolo hanno le banche centrali?

Roubini: La Banca centrale europea e la Banca del Giappone sono già in territorio negativo. Certo, potrebbero abbassare ulteriormente i tassi sui depositi per stimolare l’indebitamento, ma questo non aiuterebbe i mercati per più di una settimana. Questa crisi è uno shock dell’offerta che non si può combattere con la politica monetaria o fiscale.

 

DER SPIEGEL: Cosa può aiutare?

Roubini: La soluzione deve essere di tipo medico. Le misure monetarie e fiscali non aiutano quando non si ha sicurezza alimentare e idrica. Se lo shock porta a una recessione globale, allora si ha una crisi finanziaria, perché i livelli di debito sono saliti e il mercato immobiliare statunitense sta vivendo una bolla come nel 2007. Finora non è stata una bomba a orologeria, perché abbiamo assistito a una crescita. Ora è finita.

 

DER SPIEGEL: Questa crisi cambierà il modo in cui il popolo cinese pensa al suo governo?

Roubini: Gli uomini d’affari mi dicono che le cose in Cina sono molto peggiori di quanto il governo stia ufficialmente denunciando. Un mio amico di Shanghai è chiuso in casa da settimane. Non mi aspetto una rivoluzione, ma il governo avrà bisogno di un capro espiatorio.

 

DER SPIEGEL: Ad esempio?

Roubini: Ci sono già state delle teorie cospirative sulle interferenze straniere quando si tratta di influenza suina, aviaria e della rivolta di Hong Kong. Suppongo che la Cina inizierà a creare problemi a Taiwan, Hong Kong o anche in Vietnam. Prenderanno provvedimenti contro i manifestanti a Hong Kong o manderanno combattenti nello spazio aereo taiwanese per provocare l’esercito americano. Basterebbe un solo incidente nello Stretto di Formosa e si assisterebbe a un’azione militare. Non una guerra calda tra Cina e Stati Uniti, ma una qualche forma di azione. Questo è ciò che vogliono le persone nel governo degli Stati Uniti, come il segretario di Stato Mike Pompeo o il vice presidente Mike Pence. È la mentalità di molte persone a Washington.

 

DER SPIEGEL: Questa crisi è ovviamente una battuta d’arresto per la globalizzazione. Pensa che i politici come Trump, che vogliono che le loro aziende abbandonino la produzione all’estero, ne trarranno beneficio?

Roubini: Cercherà di raccogliere i frutti di questa crisi, questo è sicuro. Ma tutto cambierà quando il coronavirus arriverà negli Stati Uniti. Senta, io vivo a New York City e la gente lì non va quasi mai nei ristoranti, nei cinema o nei teatri, anche se finora nessuno è stato contagiato dal virus. Se arriva, siamo completamente fottuti.

 

 

Facebook Comments
image_print
1