Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da padre John A. Perricone e pubblicato su Crisis Magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da noi curata.

 

Photo Credit Ed CondonPillar Media (cropped)
Photo Credit Ed CondonPillar Media (cropped)

 

La tradizionale Messa in latino tenutasi al Campidoglio degli Stati Uniti la scorsa settimana è stata un momento da far tremare i muri di Gerico.

 

Se mai c’è stato un messaggio di emergenza a Roma, è questo. Poteva essere l’SOS di un anno fa, quando alcuni vescovi hanno visto un gran numero di altri vescovi usare il loro privilegio pastorale canonico per aggirare le ferree prescrizioni della Traditionis Custodes. Ma è certamente l’allarme spaventato alla luce della Messa nella Forma Straordinaria tenutasi al Campidoglio degli Stati Uniti martedì scorso.

È stato un momento in cui si sono sentite scricchiolare le mura di Gerico. Questa volta non sono stati i sacerdoti ebrei e gli israeliti a girare intorno alla città e a suonare le corna, ma i cattolici di tutto il mondo a prendere d’assalto il Paradiso. Oppure, un parallelo più recente, la demolizione del Muro di Berlino da parte dei tedeschi dell’Est, ma questa volta ad opera di appassionati cattolici millennials che non lasceranno che la Messa di secoli diventi un fossile di epoche passate. Il suo significato non può essere enfatizzato oltre. Questa Messa straordinaria è stata celebrata su richiesta del Presidente della Camera, Mike Johnson, in un’arcidiocesi che ha assistito alla quasi abrogazione di tutte le Messe tradizionali. L’ironia non poteva essere più dolce.

Johnson voleva che la Messa segnasse l’anniversario dell’indagine dell’FBI sulle Messe tradizionali come potenziali focolai di terrorismo interno. La Camera ha indagato adeguatamente su questa grave accusa con l’interrogatorio del suo direttore, Wray, in un’udienza aperta del Congresso. Per quanto si sia dimenato, non è riuscito a sfuggire alla responsabilità per la scioccante attività dei suoi agenti.

La Messa era originariamente prevista nella piccola sala da pranzo del Presidente della Camera, fino a quando non si è scoperto che la richiesta di partecipazione superava la sua capacità. È stata quindi spostata in una sala riunioni più grande in fondo al corridoio dell’ufficio del Presidente della Camera. Un gruppo di giovani cattolici, uomini e donne, provenienti da vari uffici della Camera e del Senato, ha offerto la propria assistenza nell’organizzare l’evento.

Ma organizzare è un eufemismo. Si sono messi al lavoro con l’entusiasmo e la passione di uomini in missione. Non tanto per l’anniversario, quanto per la celebrazione della Messa in forma straordinaria. Gli organizzatori si sono avvalsi dell’aiuto di un sacerdote noto solo a loro, per proteggerlo da qualsiasi azione punitiva. L’intera operazione è stata eseguita con precisione militare e attenzione ai dettagli.

Ha catturato l’attenzione del mondo.

Non appena la cappella improvvisata è stata smontata, la stampa cattolica è entrata in azione. Prima le solite organizzazioni giornalistiche online tradizionali, poi altre. Il più interessante è stato il reportage della rivista America, la rivista gesuita di riferimento per la sinistra cattolica d’avanguardia. Il loro titolo gridava: “Messa latina illecita celebrata nel Campidoglio degli Stati Uniti“. Era una notizia interessante.

È interessante che la Nuova e Migliorata Compagnia di Gesù utilizzi la datata parola “illecito”. Dopo tutto, i loro teologi di punta hanno bandito da tempo quel termine dal linguaggio teologico del bien pensant. Questa è la stessa Società che secoli fa ha proibito anacronismi come gli assoluti morali (eccetto, ovviamente, i nuovi assoluti morali della Sinistra Woke).
Questa è la Società il cui tentacolare apparato universitario/collegiale è diventato la fabbrica ronzante del cattolicesimo anticattolico. Molto tempo fa, questa società sempre più moderna innalzava la bandiera del cattolicesimo laissez-faire. Eppure, eccoli qui con la furia dei puritani che appendono la lettera scarlatta al collo di Hester Prynne. Quale potrebbe essere la prossima mossa della Società terribilmente au courant? Una nuova ripetizione del processo alle streghe di Salem?

Ma perché ci sarebbe stato allarme in alcune cancellerie? Perché questa non era la traiettoria prevista dai nemici della Messa tradizionale. Dopo sessant’anni di saggezza convenzionale del Novus Ordo, i suoi elettori erano certi che la Messa tradizionale sarebbe stata ormai dimenticata da tempo. Erano abbastanza sicuri che i loro sforzi nell’ultimo mezzo secolo o giù di lì avrebbero assicurato il suo posto sul cumulo di cenere della storia. Avrebbe fatto la fine dei venerdì senza carne, delle devozioni del Sacro Cuore, delle novene e del peccato mortale.

Non avevano previsto che una Rivoluzione Giovanile avrebbe catapultato la Messa Tradizionale in piena luce.

Due incidenti storici hanno contribuito a questa rivoluzione: un virus pandemico e la Traditionis Custodes. Quando il Covid ha colpito e le chiese sono state chiuse, i cattolici desiderosi di andare a messa si sono rivolti a Internet. Mentre i motori di ricerca facevano le fusa, migliaia, decine di migliaia di persone si sono imbattute in questa strana Messa tradizionale latina fino ad allora sconosciuta. La sua trascendenza, la sua bellezza e il suo palpabile mistero li hanno contagiati.

Hanno iniziato a indagare sulle sue origini. La loro indagine ha aperto nuovi orizzonti, ha suggerito una serie di domande e ha creato una fame irresistibile. Non è sfuggito loro il Summorum Pontificum di Papa Benedetto, quando ha scosso le fondamenta stesse della prassi liturgica convenzionale di oltre mezzo secolo:

Ciò che le generazioni precedenti ritenevano sacro, rimane sacro e grande anche per noi, e non può essere improvvisamente vietato o addirittura considerato dannoso. È necessario che tutti noi preserviamo le ricchezze che si sono sviluppate nella fede e nella preghiera della Chiesa e che diamo loro il giusto posto.

Quando la pandemia si attenuò e le chiese riaprirono le porte, le Messe tradizionali disponibili aumentarono. Finalmente una religione per adulti.

Allo stesso modo, la promulgazione della Traditionis Custodes. Molti cattolici curiosi si chiesero cosa potesse essere questo rito proibito della Messa. Che tipo di malvagità portava con sé per meritare una tale condanna universale? La sua malvagità deve essere senza precedenti. Questa Messa proibita deve incarnare un pericolo spaventoso per le anime da meritare l’immediata soppressione, come un cancro che si diffonde nel Corpo Mistico di Cristo. 

Quale altra conclusione si potrebbe trarre? Dopotutto, il papato che ha sferrato le sue sanzioni più brutali contro di essa si è vantato del suo “non giudizialismo”, dell’andare verso le “periferie”, della tolleranza di pratiche mai ammesse prima dalla Chiesa per il bene dell'”accompagnamento”, per una preferenza a creare  “casini”. Stava sviluppando nuovi paradigmi (come la “teologia contestuale”) che avrebbero reso le condanne un imbarazzante passato medievale. Non devono sbocciare mille fiori? Per un papato di questo tipo agire in modo così anomalo doveva significare che si stava confrontando con una malignità al di là delle parole. Si poteva quasi sentire il lamento di Voltaire: “écrasez l’infâme!“.

Altrimenti, perché una censura così draconiana? Che cos’era questa nuova allettante e ineguagliabile malvagità?

La curiosità è stata stuzzicata. In cerca di risposte, si è andati su Internet. Quando gli occhi dei millennial si sono posati su questa pratica illecita, sono rimasti perplessi. Questa Messa fuorilegge sembrava parlare loro di Dio, dei suoi misteri e del suo amore. Era una solennità che nutriva i loro cuori affamati. Presentava un’economia ordinata di verità al cui potere non potevano resistere. Questa è la malvagità? Questo merita il timbro dell’illiceità?

Le giovani menti si sono ripromesse di scavare più a fondo. Si vedevano come colombiani del XXI secolo alla ricerca di un nuovo mondo. Anche all’interno dei confini claustrofobici della Traditionis Custodes scoprirono il tesoro e si ritrovarono trasformati. Non si trattava di malvagità. Questo era il Paradiso.
L’ufficialità fece una smorfia. I teologi scrissero diatribe. I liturgisti ringhiarono.

Roma, abbiamo un problema.

Si poteva quasi sentire la voce spaventata degli apparati di cancelleria e della classe accademica omologata: sta succedendo qualcosa che non avrebbe mai dovuto accadere. Decenni di consolidata liturgia riformata sembravano a rischio. La terraferma liturgica stava tremando sotto i loro piedi. Più di mezzo secolo di erudizione liturgica stava scivolando dalle loro mani.

Non c’è da preoccuparsi. Dopo tutto, il numero di persone che affollavano queste Messe era minuscolo rispetto alla popolazione cattolica generale. Ma questo non era di grande consolazione. Perché nel numero apparentemente insignificante di queste Messe c’era una passione, una devozione e un impegno inspiegabili. Ancora più irritante era la loro deferenza nei confronti dell’autorità della Chiesa, la loro modestia, il loro spirito irenico e il loro, diciamo così, desiderio di essere semplicemente buoni cattolici. 

Roma, abbiamo un problema.

A tutto questo, Graham Greene in Brighton Rock, in perfetti toni di ortodossia cattolica, scrisse: “Non posso capire, né voi potete, la sconvolgente stranezza della misericordia di Dio”.

Padre John A. Perricone

 

Fr. John A. Perricone, Ph.D., è professore a contratto di filosofia allo Iona College di New Rochelle, New York. I suoi articoli sono apparsi su St. John’s Law Review, The Latin Mass, New Oxford Review e The Journal of Catholic Legal Studies. Può essere raggiunto all’indirizzo frjohn1765@icloud.com.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments