“Musk che sta prendendo il controllo di Twitter è un punto luminoso. Dà al mondo un brillante esempio di qualcosa che non abbiamo visto da molto tempo. Rivela come una grande ricchezza possa essere usata per sfidare il potere a smettere di fare il male. È solo un inizio. E semplicemente non può avere successo senza la potente forza dell’opinione pubblica, non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, che rifiuta e respinge la “nuova normalità” per la semplice e bella realtà della libertà stessa.”

Un articolo scritto da Jeffrey A. Tucker, pubblicato su Brownstone Institute. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

 

Un notevole e veritiero post è apparso durante il fine settimana dal co-fondatore ed ex amministratore delegato di Twitter, Jack Dorsey. Nonostante il modo in cui la piattaforma è andata in malora sotto la sua guida – presumendo che abbia mai avuto davvero il controllo – ha fatto del bene al mondo. Per anni, è sembrato opporsi a come la sua stessa azienda stava operando. Sfidava persino i suoi stessi censori pubblicando link radicalmente pro-libertà, sapendo che i suoi stessi impiegati non potevano davvero bloccare il suo discorso.

Dopo lunghe battaglie, alla fine si è dimesso da amministratore delegato, non per protesta e nemmeno per esprimere tristezza, ma semplicemente per andarsene. Molti di noi avevano intuito il perché. Non riusciva proprio a far girare la nave per renderla la piattaforma inclusiva e ampia che avrebbe dovuto essere. Era diventato un luogo inscatolato e altamente censurato per il pensiero ufficiale, con legioni di eretici epurati quotidianamente, spesso su sollecitazione dell’amministrazione Biden.

Jack ha scritto:

TRADUZIONE DEL TWEET: i giorni di usenet, irc, il web… anche la posta elettronica (con PGP)… erano incredibili. la centralizzazione della scoperta e dell’identità nelle corporazioni ha davvero danneggiato internet.

Mi rendo conto che sono parzialmente da biasimare, e me ne pento.

 

Una tale affermazione è molto insolita in questo mondo! Condivido la sua nostalgia. Infatti, ho scritto interi libri sulle gloriose innovazioni consumer-friendly nei social media e nella finanza. Non ho ripensato a quei libri semplicemente perché sarebbe troppo straziante. La centralizzazione delle piattaforme ha portato alla loro fine. E questo perché tali piattaforme sono troppo facilmente catturate dal governo. E lo sono state.

È la cosa più strana vedere aziende intraprendenti entrare e poi rimanere sulla lunga traiettoria verso la propria estinzione. Nemmeno l’amministratore delegato può fermarlo. Anche se sa come e anche se vuole.

Nello stesso fine settimana del tweet di Jack, Elon Musk ha rivelato ciò che aveva accennato nella settimana precedente. Ha gettato 2,8 miliardi di dollari per diventare il più grande singolo azionista di Twitter con una quota del 9,2% della società. È stato poi rapidamente invitato a far parte del consiglio di amministrazione.

Questo è un dramma capitalista a livello di schermo e tremendamente eccitante. Come ho scritto prima, Musk si è affermato come un nemico dello stato, opponendosi ai lockdown e agli obblighi e in generale rifiutando di seguire l’agenda del grande-reset. E ha i soldi e la credibilità per sostenerlo.

Riuscirà in qualche modo a salvare Twitter da se stesso? Ne dubito, ma anche lui. Ora l’azienda deve ascoltarlo. Vuole avere accesso ai loro algoritmi e alle liste di divieto. Vuole sapere come i post vengono incentivati e perché i post affondano senza lasciare traccia. Vuole sapere il come e il perché dei bannaggi di scienziati, filosofi, imprenditori e giornalisti.

Il naufragio di Twitter nel corso di diversi anni ha contribuito fortemente a strozzare la libertà di parola e di dibattito negli Stati Uniti. Questo perché Twitter ha trovato un modo per addestrare i maggiori influencer a conformare i loro pensieri postati alle priorità ufficiali.

L’azienda ha persino scritto un protocollo che costringeva gli utenti a togliere i propri post, come per far vergognare le persone a concedere il controllo di Twitter sulla messaggistica. Molte persone hanno avuto la sensazione di essere spinte a mentire, un po’ come quello che si troverebbe in un romanzo distopico.

 

Cosa farà Musk?

Musk non ha in qualche modo preso il controllo della società, ma la sua influenza è improvvisamente enorme, soprattutto perché le azioni sono balzate del 26% sulla notizia. Cercherà la trasparenza. Poi cercherà di sbloccare molti account (la mia ipotesi).

Poi cercherà delle riforme che permettano di parlare sulla piattaforma con le regole di base che tutti avevano una volta, prima dei giorni in cui i social media sono stati nazionalizzati dal CDC e il resto. Poi potrebbe cercare un vero cambiamento strutturale, passando a un modello più decentralizzato radicato nel controllo dell’utente tramite blockchain ledger piuttosto che nel controllo centralizzato.

Questo è il sogno, in ogni caso. Il tentativo vale certamente lo sforzo. Mi preoccupa che la sua grande notizia abbia creato aspettative troppo alte. Non può fermare le epurazioni… ancora. Non può sbloccare gli account… ancora. Non può sconvolgere l’azienda. Al massimo, la sua influenza introdurrà una pausa. Sarà ora incolpato di tutte le tribolazioni che i suoi utenti affrontano? Sarebbe ingiusto, eppure ci sono segni che questo sta già accadendo.

La gente generalmente sottovaluta la portata e l’influenza dei principali attori della big tech. Va bene che esistono alternative come Gettr, Gab, Parler, Telegram, e così via, e tutti questi sono grandi e Brownstone li usa tutti. Allo stesso modo, l’egregiamente censurato YouTube ha valide alternative in Rumble e Odysee.

Ma non sono neanche lontanamente in grado di competere con la portata e il potere di rete di queste piattaforme tradizionali come Twitter e Facebook. Stiamo parlando di fattori di 100 o anche 10.000 volte la portata o molto di più.

In generale, ho seguito George Gilder nella mia previsione su come tutto questo andrebbe a finire nel lungo periodo. Queste grandi aziende che ora dominano svaniranno gradualmente in importanza man mano che soluzioni più potenti, agili e decentralizzate le sostituiranno. Le nuove tecnologie sono più radicate nella reale esperienza e aspirazione umana, mentre le vecchie tecnologie sono state catturate nel modo descritto da Jack Dorsey.

Eppure, tra qui e lì, ci potrebbero essere molti passi lungo la strada. Quello che Musk ha fatto qui è abbastanza impressionante, ma anche unico. Non ci sono troppe persone al mondo che hanno sia la motivazione che le risorse per realizzare qualcosa del genere. Se funziona, sarà notevole. Se fallisce, può andare avanti per iniziare un’alternativa.

E a proposito, e forse questo è ovvio, ma non è facile costruire nuove piattaforme. Lo stesso Truth Social di Trump continua a fallire: troppe scorciatoie, non abbastanza programmatori, troppa paura, troppi troll, aspettative troppo alte. Queste piattaforme sono specializzate nel sembrare senza sforzo, ma sono tutt’altro.

 

TRADUZIONE DEL TWEET: Il prossimo consiglio di amministrazione sarà acceso

 

Problemi molto più profondi

Mentre tutto questo è brillante e piacevole da guardare, i problemi reali sono molto più profondi di un algoritmo in una società. La conquista di Big Media e Big Tech da parte del Big Government (e qui dobbiamo essere chiari: Intendo il governo come controllato non dai politici ma piuttosto dallo stato amministrativo) è molto più esteso. La tendenza saliente del nostro tempo è che i governi esternalizzino le loro aspirazioni egemoniche al settore privato, semplicemente come un modo per evitare i limiti legali del potere pubblico.

Si può discernere abbastanza bene tutto quello che c’è da sapere su ciò che questa macchina vuole per le nostre vite leggendo il New York Times. Il Times ricorda quotidianamente ai suoi lettori che la guerra ai dissidenti è ancora in corso. Non ci saranno scuse per due anni di disastro. Non ci saranno ammissioni di errore e di colpa. Non ci saranno indagini sulla classe dirigente e tanto meno sulle persone e sulle forze che stanno dietro aI lockdowns, agli obblighi, ai passaporti e così via.

In particolare, hanno pubblicato un pezzo feroce su un grande scienziato, Robert Malone, che è stato un vero campione della libertà e della scienza. Ha dato un grande contributo alla tecnologia dell’mRNA ed è ben posizionato per offrire critiche sagge su come sono state impiegate. Invece, il NYT lo ha semplicemente inquadrato come un fornitore di “disinformazione”. Tutto qui: è un nemico. Non c’è bisogno di altri argomenti.

 

Questo diventerà più vizioso

Così eccoci qui con una sofferenza stupefacente in questo momento, in tutto il mondo e anche a casa nostra, con l’inflazione che sale, il debito pubblico che aumenta, le vite che si accorciano, i bambini in uno stato di crisi, le comunità distrutte, e un vaccino che non solo non ha mantenuto la sua promessa, ma potrebbe in effetti essere responsabile di molti più effetti negativi di quanto sappiamo. E cosa fanno i grandi media? Demonizza gli oppositori del regime. Li fa soffrire. Intensifica la censura. Sollecita altre epurazioni. E Big Tech è stato lì come camera d’eco.

A volte sembra davvero che si stia preparando una guerra civile high-tech: regime contro resistenza. Forse questo va avanti da molto più tempo di quanto la maggior parte delle persone si renda conto. Con una crisi economica che si sta preparando, e la rabbia del pubblico che aumenta su tutti i fronti, ci aspettano alcuni anni difficili mentre le battaglie infuriano.

Musk che sta prendendo il controllo di Twitter è un punto luminoso. Dà al mondo un brillante esempio di qualcosa che non abbiamo visto da molto tempo. Rivela come una grande ricchezza possa essere usata per sfidare il potere a smettere di fare il male. È solo un inizio. E semplicemente non può avere successo senza la potente forza dell’opinione pubblica, non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, che rifiuta e respinge la “nuova normalità” per la semplice e bella realtà della libertà stessa.

 

Jeffrey A. Tucker è fondatore e presidente del Brownstone Institute ed è autore di molte migliaia di articoli nella stampa accademica e popolare e di dieci libri in 5 lingue, il più recente Liberty or Lockdown. È anche l’editore di The Best of Mises. Parla ampiamente su argomenti di economia, tecnologia, filosofia sociale e cultura.

 

 

 

Facebook Comments