Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Lily Zhou e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccino Astrazeneca

 

Il rischio di morte cardiaca improvvisa nelle giovani donne è più che triplicato in seguito a un’iniezione di COVID-19 di AstraZeneca, secondo uno studio che utilizza i dati ufficiali inglesi pubblicato lunedì.

Vahé Nafilyan, statistico senior presso l’Office for National Statistics (ONS), ha dichiarato che i ricercatori hanno riscontrato che “la ricezione di una prima dose di un vaccino anti-mRNA è associata a un aumento del rischio di morte cardiaca nelle giovani donne”.

Non è emerso che il rischio di morte nei giovani sia aumentato in seguito alla vaccinazione con vaccini a mRNA, come quelli prodotti da Pfizer-BioNTech e Moderna.

L’ONS ha confrontato i decessi di persone di età compresa tra i 12 e i 29 anni avvenuti entro 12 settimane dalla vaccinazione COVID-19 – il cosiddetto periodo di rischio – con quelli avvenuti in qualsiasi momento dopo il periodo di rischio, per stimare il rischio di morte in seguito alla vaccinazione.

Dopo aver incrociato i decessi con le registrazioni della vaccinazione COVID-19 e i risultati dei test, l’ONS ha dichiarato che non c’è stato “un aumento significativo della mortalità cardiaca o per tutte le cause” entro 12 settimane dalla somministrazione del vaccino COVID-19.

Tuttavia, una disaggregazione dei dati ha mostrato che il rischio di morte cardiaca tra le giovani donne era tre volte superiore nelle 12 settimane successive a qualsiasi dose di vaccinazione non-mRNA, rispetto al rischio a lungo termine.

Se si considera solo la prima dose, il rischio di morte cardiaca per le giovani donne diventa 3,5 volte più alto entro 12 settimane dalla vaccinazione.

Ma l’ONS ha anche osservato che il sottogruppo che ha ricevuto vaccini non a RNA “ha maggiori probabilità di essere clinicamente vulnerabile e può essere a maggior rischio di eventi avversi dopo la vaccinazione rispetto alla popolazione generale”.

Ha anche detto che il numero assoluto di decessi era piccolo.

“Secondo il modello statistico, 11 dei 15 decessi per cause cardiache in giovani donne che si sono verificati entro 12 settimane dalla prima dose di un vaccino non-mRNA erano probabilmente collegati al vaccino; ciò corrisponde a 6 decessi per cause cardiache ogni 100.000 donne vaccinate con almeno una prima dose di un vaccino non-mRNA”, ha dichiarato l’ONS.

Lo studio ha anche esaminato l’effetto del COVID-19 sui giovani, concludendo che un test positivo era associato a un aumento della mortalità cardiaca e di tutte le cause e che il rischio era più alto in coloro che non erano vaccinati al momento del test rispetto a coloro che erano vaccinati.

Lo studio, sottolineando i limiti del metodo, afferma che alcuni decessi avvenuti durante il periodo potrebbero non essere stati registrati entro la data limite, poiché i decessi di giovani e quelli avvenuti subito dopo la vaccinazione COVID-19 hanno maggiori probabilità di essere riferiti al medico legale e “i ritardi nella registrazione possono essere sostanziali”.

Sebbene il sottogruppo di decessi avvenuti in ospedale non sia stato soggetto a ritardi nella registrazione, le morti cardiache improvvise si verificano per lo più al di fuori degli ospedali e potrebbero non essere registrate nei dati, si legge nel documento.

 

Il problema potrebbe essere la proteina spike

Adam Finn, professore di pediatria all’Università di Bristol e membro del Comitato congiunto per le vaccinazioni e le immunizzazioni del Regno Unito, ha dichiarato che i dati hanno generato “tante domande quante risposte”.

“I risultati sono in qualche modo inaspettati, poiché le preoccupazioni per i rari effetti collaterali cardiaci – in particolare miocardite e pericardite – sono state finora associate in particolare alle seconde dosi di vaccino mRNA nei maschi, soprattutto quando l’intervallo tra le dosi era breve, mentre il segnale qui riportato riguarda principalmente le prime dosi non mRNA nelle femmine”, ha dichiarato Finn in un comunicato.

Secondo Finn, i dati complessivi sembrano “rassicuranti” e l’aumento della mortalità associato a un risultato positivo del test COVID-19 “solleva la questione se la proteina spike, che viene espressa sia durante l’infezione che dopo la vaccinazione, ne sia la causa”.

“La prossima e più urgente questione da affrontare è quella di raccogliere informazioni più dettagliate sulla natura degli eventi cardiaci segnalati, in quanto ciò ci aiuterebbe a capire cosa si sta realmente osservando in queste cifre e potrebbe aiutare a guidare le politiche future e la progettazione dei vaccini”, ha aggiunto.

 

Dati del Regno Unito e degli Stati Uniti

L’ONS è stato a lungo criticato per non aver pubblicato i dati grezzi sui tassi di mortalità tra i vaccinati e i non vaccinati nelle stesse fasce d’età, che secondo il matematico Norman Fenton sarebbero stati più utili per valutare l’efficacia del vaccino COVID-19.

Nella nuova analisi, pubblicata all’inizio del mese su Nature Communications, i ricercatori dell’ONS hanno dichiarato di aver scelto di utilizzare ogni partecipante come gruppo di controllo piuttosto che confrontare direttamente i tassi di mortalità tra i vaccinati e i non vaccinati nella stessa fascia di età. La campagna di vaccinazione rivolta ai giovani ha dato priorità ai gruppi clinicamente vulnerabili, che probabilmente hanno maggiori probabilità di morire con o senza vaccinazione.

Uno studio della Florida dello scorso anno (pdf), che ha utilizzato lo stesso metodo, ha rilevato che la vaccinazione con mRNA potrebbe essere alla base dell’aumento del rischio di morte per cause cardiache nei maschi di età compresa tra i 18 e i 39 anni, spingendo lo Stato a raccomandare di non somministrare il vaccino mRNA COVID-19 a questo gruppo.

I ricercatori dell’ONS hanno affermato che lo studio della Florida ha introdotto dei pregiudizi combinando i decessi dopo la prima e la seconda dose ed estendendo il follow-up oltre l’intervallo tra le dosi.

Anche la marca dei vaccini e gli intervalli tra le dosi nel Regno Unito e negli Stati Uniti sono diversi.

Il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson, che non era disponibile nel Regno Unito, era il principale vaccino senza mRNA negli Stati Uniti.

Per quanto riguarda i vaccini a mRNA, il Regno Unito ha utilizzato maggiormente i vaccini di Pfizer-BioNTech, mentre gli Stati Uniti hanno utilizzato maggiormente quelli di Moderna. Anche i tempi di attesa tra le due dosi erano più brevi rispetto al Regno Unito.

Lily Zhou

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments