guerra esplosione
Smoke rises following Israeli strikes in Gaza, October 7, 2023. REUTERS/Mohammed Salem

 

 

di Leonardo Guerra

 

Consentitemi una breve considerazione sulla guerra attualmente in corso fra Israele e Hamas.

I globalisti, i cosiddetti potenti del mondo, da moltissimi anni, probabilmente da sempre, creano polarizzazione sociale in modo scientifico e sistematico, soprattutto nei paesi stabili. Creando, quindi, e alimentando lo scontro fra le due fazioni estreme, contrapposte. Destabilizzano società consolidate e distruggono civiltà.

Israele e Palestina sono in guerra perenne da 70 anni e quest’area del mondo funziona da vero “incubatore” per conflitti in tutto il globo.

Sanno bene anche loro che la sola via di soluzione è la pace e, infatti, si guardano bene dall’ intraprendere tale possibilità.

Stanno trasformando il mondo intero in una Babele e una nuova Babilonia.

Lo stanno facendo usando tecnologie militari potentissime e molte di queste sono coperte da segreto militare. Mentono sapendo di mentire.

Sanno come manipolare le menti e corrompere persone, governi e organizzazioni.

Sul caos, sulla guerra e sulla morte (ne sappiamo qualcosa col COVID 19) si basa e si regge tutto il loro sistema di dominio globale, in ogni settore della vita umana.

Solo con questa prospettiva si può leggere correttamente quanto sta succedendo anche in questi giorni.

Non dimentichiamoci che Biden ha appena finito di finanziare con 6 miliardi di USD l’Iran e con 8 miliardi Israele.

Le guerre per noi persone normali, anche se apparentemente non coinvolte direttamente (al momento) nel conflitto, si traducono concretamente in maggiori tasse, in un maggior costo della vita e quindi in una crescente povertà.

Il loro scopo infatti è quello di continuare a saccheggiare le casse degli Stati alleati con ogni scusa possibile, e direttamente anche noi contribuenti e cittadini con aumenti spesso ingiustificati del costo dell’energia, dell’inflazione, dei tassi e dei prezzi al consumo dei prodotti.

Vogliono che tutti siano coinvolti in questa “guerra mondiale a rate” per ridurre la popolazione progressivamente alla povertà e così piegare la volontà e il morale delle persone di buona volontà che sono ancora moltissime, anche se isolate, grazie alle loro tecniche di controllo mentale.

La borsa che produce profitti spropositati non è più quella dei beni e/o dei prodotti industriali classici, bensì è diventata la borsa di “esseri umani e della loro manipolazione sistematica”.

Le prime 5 aziende del Nasdaq sono tutte Company Big Tech che hanno una capitalizzazione superiore al PIL del nostro paese e rappresentano circa il 15 % del PIL mondiale. Fra questa c’è anche Meta (holding di Face Book).

Il caos, la preoccupazione, la paura, l’instabilità, l’odio e lo scontro sociale sono le condizioni migliori per ottimizzare la manipolazione delle masse e i profitti in borsa.

Per questo vogliono mantenerci in uno stato di terrore costante e così potenziare/aumentare “l’effetto nocebo” generato negli ultimi 3 anni grazie al terrore COVID da bombardamento mediatico.

Sì proprio così, altro non è che l’evoluzione della tattica militare “shock & awe” del complesso Industrial-militare applicata in chiaro alle popolazioni civili dei paesi del primo mondo.

Lo dimostra in modo inequivocabile come gli Amish (-90% di morti covid vs popolazione USA) e l’Africa non abbiamo avuta alcuna pandemia COVID, perché non sono stati raggiunti dai media mainstream globalisti.

La visione del mondo di questi “signori del vapore globalista” non è umana, bensì mefistofelica.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments