Molto approfondita questa intervista dal “basso” di Edward Pentin all’arcivescovo domenicano Anthony Fisher, di Sydney, Australia, che mette bene a fuoco le problematiche, i punti critici, i tentativi riusciti e no di manipolazione del Sinodo dei giovani appena conclusosi. 

Eccola nella mia traduzione.

 

Arcivescovo Anthony Fisher (Edward Pentin photo)

Arcivescovo Anthony Fisher (Edward Pentin photo)

 

Pentin: Come pensa sia andato il Sinodo nel suo complesso? E’ soddisfatto del risultato?

Arciv. Fisher: Come l’uovo del curato, in parte è stato buono. Il puro e semplice investimento di tempo e risorse è stato un tributo a quanto seriamente i pastori della Chiesa prendano le questioni de “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale“. C’è stato un vero affetto per i nostri giovani e la passione per avvicinarli a Cristo e alla sua Chiesa. È stato anche molto prezioso ascoltare le questioni molto diverse nelle menti dei giovani e dei loro pastori in diverse parti del mondo. Io, per esempio, ne sono stato molto arricchito. E ci sono stati preziosi momenti di preghiera, di contemplazione e di conversazione.

D’altra parte, penso che il documento finale sia troppo lungo e in alcuni punti ambiguo. Quando si pensa a chi è destinato – per i giovani, o persone impegnate nella pastorale giovanile, o pastori che cercano di attirare l’interesse dei giovani per la Chiesa – pochi di loro possono leggere qualcosa che è così lungo e contorto.

Ci sono alcune parti belle del documento, ma spesso seguite da un’analisi secolare-sociologica più faticosa. Penso che il documento avrebbe potuto essere fatto con un’ottima redazione. Sarebbe stato molto più efficace se fosse stato lungo la metà e più chiaro.

Domanda: Come si confronta il documento finale con il documento di lavoro, l’Instrumentum laboris? C’è il pericolo che i due documenti debbano essere letti insieme?

Risposta: Il documento finale è un miglioramento significativo dello Instrumentum Laboris, ed è significativamente il lavoro dei vescovi. Molti padri sinodali sono rimasti sorpresi dal discorso di dover leggere insieme i due documenti – dopo tutto, è della natura stessa di un documento di lavoro, e delle varie bozze, che il documento finale li sostituisca. Il documento di lavoro (cioè l’Instrumentum Laboris, ndr) è stato compilato dai burocrati sinodali e non ha l’autorità dei vescovi.

Domanda: Il documento finale, essendo potenzialmente magisteriale, lo rende particolarmente problematico?

Risposta: Il Papa ha preannunciato che invece di emettere la propria esortazione apostolica post-sinodale – come era consuetudine in passato – potrebbe invece adottare il documento finale del Sinodo come proprio. Questo darebbe al documento sinodale un peso mai avuto prima d’ora.

Dato il modo affrettato in cui il documento sinodale è stato preparato, sconsiglierei che il Papa gli dia un “segno di spunta” automatico. E dovrebbe essere chiaro che il documento di lavoro e la bozza del documento finale non possono partecipare al magistero perché non sono esercizi dei pastori della Chiesa quando insegnano e governano. Tali documenti possono essere molto ben informati a causa dei teologi e sociologi che vi hanno partecipato e delle argomentazioni che li sottendono, ma non sono le conclusioni dei pastori della Chiesa.

Domanda: L’umore era generalmente buono, ho sentito dire.

Risposta: Sì, mi sembrava buono, e quelli che erano stati a più sinodi mi hanno detto che era migliore di molti altri passati. Non c’era la tensione nell’aria che alcuni hanno vissuto nei due sinodi precedenti.

Domanda: Non c’era molto riferimento agli insegnamenti morali della Chiesa nel documento finale, eppure questi sono cruciali per la formazione dei giovani, vero?

Risposta: Molte delle preoccupazioni dei giovani erano morali e spirituali al cuore, ed è stato quindi deludente che i redattori del documento fossero così diffidenti nel menzionare l’insegnamento morale della Chiesa. Alcuni di noi hanno cercato di approfondire gli insegnamenti della Chiesa sulla legge naturale, gli assoluti morali, la prudenza e il funzionamento della coscienza, e su questioni specifiche come la vita e il sesso, e ci sono stati miglioramenti. Il documento finale sarebbe stato più utile se fosse stato più chiaro su queste cose.

Domanda: Perché pensa che ci sia stato così poco su questi temi nei documenti?

Risposta: Un fattore è stato probabilmente il desiderio di rispondere alle preferenze percepite dalla cultura giovanile contemporanea, che spesso è in contrasto con la tradizione cattolica in materia morale. Un altro fattore che ho percepito era una visione implicita che i due (o più) pontificati precedenti erano stati troppo intellettuali, troppo catechetici, troppo determinativi, e che questo sinodo avrebbe dovuto segnare un cambiamento che si è verificato dalla testa al cuore, dall’intelletto speculativo e morale al discernimento affettivo.

Gli estensori sembravano a disagio, non solo con particolari insegnamenti del magistero, ma anche con la metodologia del magistero fino ad oggi e con il modo in cui esso apprezzava l’intelletto pratico.

Domanda: Qual è la sua opinione sui paragrafi sull’omosessualità?

Il discorso “LGBT” è sparito, e il documento finale è molto più attento a seguire l’insegnamento della Tradizione della Chiesa su queste cose, piuttosto che lo spirito dell’epoca. Esso riafferma con dolcezza o indica l’insegnamento cattolico sull’uomo e la donna, la sessualità e il matrimonio, e distante dal ridurre le persone ai loro desideri sessuali.

Ad alcuni di noi sarebbe piaciuto che fosse stato più chiaro e più forte – per esempio, non credo che il documento finale sia chiaro sull’obiettivo di generare figli. Ma è significativamente migliore del documento di lavoro (l’Instrumentum Laboris, ndr) e della bozza del documento finale.

Domanda: C’è stato un problema con la traduzione del documento finale?

Risposta: Alcuni organizzatori sembravano non sopportare il fatto che almeno la metà dei padri sinodali e quasi tutti gli auditor non parlassero l’italiano. Ma il fatto è che meno dell’1% della popolazione mondiale parla italiano.

Se la Chiesa deve avere incontri veramente internazionali, deve migliorare il proprio operato dal punto di vista linguistico e far sì che tutti ricevano i testi nelle diverse lingue ufficiali dell’incontro. Questo non è accaduto in questo sinodo. Ci sono stati altri problemi con l’orario e le regole del Sinodo che hanno lasciato qualche sensazione di manipolazione.

Domanda: È molto difficile votare su un paragrafo solo ascoltandolo attraverso l’interprete, non è vero?

Risposta: Sì, è stato letto così velocemente che i traduttori hanno faticato a tenere il passo, e i padri non hanno potuto prendere appunti nella loro lingua. Quindi non eravamo sempre sicuri di ciò che ci veniva chiesto di votare Sì o No.

Ogni serio incontro internazionale di oggi assicura che i delegati ricevano i testi nelle lingue ufficiali. Se le Nazioni Unite o le organizzazioni professionali possono farlo, allo stesso modo può farlo anche la Chiesa. …

Riconosco, naturalmente, che il Vaticano ha uno staff ridotto rispetto a molte organizzazioni internazionali. Ma se abbiamo intenzione di investire per un mese intero nel viaggio, nell’alloggio e nel tempo di circa 300 responsabili e consiglieri della Chiesa, il costo della traduzione professionale sarebbe piccolo al confronto.

Domanda: Quanto influenti e quanto rappresentativi pensa che fossero gli auditor giovanili?

Risposta: Abbiamo avuto un gruppo di 36 giovani presenti per tutto il tempo. Erano deliziosi. Sono state persone molto gentili con cui parlare in modo informale, e non hanno espresso ritrosia nel presentarsi alle assemblee generali e alle discussioni in piccoli gruppi. La maggior parte di loro erano molto idealisti. Hanno davvero contribuito all’intero processo, avendoli intorno. Ma a volte sentivo che andavano a caccia in branco: avrebbero applaudito, tifato e incoraggiato i commenti che suonavano in una sceneggiatura molto particolare. Alcuni hanno detto che i giovani sono stati addestrati per promuovere certi punti di vista – non lo so. Ma uno dei padri sinodali dal profilo più internazionale ha osservato che sembravano non esserci più o sembravano essere pochi i giovani con una “disposizione più classica” (sono le sue parole) presenti per parlare di questo punto di vista e che questo rendeva i giovani uditori non completamente rappresentativi della loro generazione.

Domanda: Ha percepito che persone che sostenevano di più la tradizione e l’ortodossia, come gli africani, fossero state non ascoltate, forse?

Domanda: No, non credo che siano stati non ascoltati solo i più tradizionali: lo siamo stati tutti. Il fatto è che dopo i nostri brevi discorsi iniziali, era quasi impossibile per i vescovi ottenere un’altra udienza in assemblea generale.

Domanda: Anche nelle discussioni libere?

Risposta: Le discussioni libere sono state molto poche, di solito nell’ultima ora di una giornata molto lunga. In almeno un’occasione, quel tempo è stato occupato quasi completamente da discorsi di rappresentanti ecumenici. In altri giorni, vari annunci si sono intrufolati. E quando avveniva la libera discussione, si sentivano solo i cardinali e i giovani uditori; nessun vescovo. All’inizio si dava il proprio piccolo discorso, e ha riguardato questo, quando si è trattato dell’assemblea generale.

Domanda: Com’è stato che tanto materiale sulla “sinodalità” è entrato nel documento finale?

Risposta: Beh, non era nel documento di lavoro, non era nelle discussioni dell’assemblea generale, non era nelle discussioni dei gruppi linguistici, non era nelle relazioni dei piccoli gruppi – è apparso, come dal nulla, nella bozza del documento finale.

I padri sinodali si sono opposti a questa evidente manipolazione. Ciò ha significato che alcuni hanno votato contro i paragrafi della sinodalità, non perché fossero in disaccordo con il contenuto di essi, ma perché non erano d’accordo col fatto che questi paragrafi mal adattati venissero introdotti nella fase finale del processo senza una buona ragione.

Domanda: Ritiene che questi paragrafi siano stati introdotti in vista del prossimo sinodo sull’Amazzonia?

Risposta: Questo è quello che pensano alcuni: che si tratti di dare al sinodo sull’Amazzonia il permesso di discostarsi dalla Chiesa universale nella sua posizione, per esempio, sul celibato sacerdotale; o di permettere ad altre conferenze episcopali, per esempio, ai tedeschi, di discostarsi dalla Chiesa universale su questioni come la benedizione delle unioni omosessuali.

Potrebbe essere così, ma io ho una visione leggermente diversa. C’è stata una spinta verso il decentramento di vari aspetti della Chiesa, lontano dal papa, dai cardinali e dai dicasteri romani, verso il livello più regionale e locale, e una spinta per un maggiore coinvolgimento dei laici nel processo decisionale della Chiesa. Per fare cosa e come, questo sembra abbastanza sensato. Ma ci sono sfide ecclesiologiche qui, e l’uso del discorso sinodale è spesso molto confuso.

Un documento sulla sinodalità è stato preparato e approvato piuttosto in fretta dalla Commissione teologica internazionale a maggio. Come conferirgli l’autorità magisteriale?

Ebbene, un modo è quello di farla citare con approvazione in un sinodo di vescovi e far approvare quel documento dal Papa.

Domanda: Pensa che ci sia un pericolo con questi sinodi, che possano essere veicoli per l’eterodossia?

Risposta: Sì, un pericolo reale. Questo non è il modo di fare dottrina. Se si sta preparando un documento vaticano su un argomento, si prende un gruppo di teologi altamente qualificati o esperti in quella materia per fare bozze e riscritture. Si fa in modo che altri le critichino. Alla fine lo si porta ai vescovi della Congregazione per la Dottrina della Fede.

Il papa può contribuire in varie fasi del cammino, e, infine, è la sua approvazione che conferisce al documento una reale autorità. Ci vuole tempo – nella mia esperienza, di solito diversi anni – prima che un documento sia abbastanza maturo per essere pubblicato come fede della Chiesa. Ma in questo sinodo stavamo scrivendo la dottrina, per così dire, in fuga – per quanto riguarda la sinodalità, in meno di una settimana.

Domanda: E votare?

Risposta: E poi votarla in pochi minuti, e sotto una terribile pressione del tempo, senza possibilità di ulteriori emendamenti. Per me, questo non è il modo di fare la dottrina.

Domanda: Cosa ne pensa dell’argomentazione del cardinale Louis Raphaël I Sako, quando nel suo discorso ha detto: “La barca di Pietro non è come le altre barche, la barca di Pietro, nonostante le onde, rimane forte, perché Gesù è in essa e non la lascerà mai”. Pensa che non dobbiamo preoccuparci in un certo senso della sinodalità perché non siamo come gli anglicani?

Risposta: Penso che sia giusto e sbagliato. Certo, non siamo come gli anglicani perché abbiamo Pietro. Il papato è estremamente importante, purché svolga il suo compito di guidare la barca quando serve, soprattutto attraverso forti tempeste, di unire i fratelli e confermarci nella fede degli apostoli.

Ma se Pietro prende un approccio di non intervento e lascia le cose ai capitani locali, la nave potrebbe prendere molte rotte diverse, non tutte per il meglio.

I padri sinodali che hanno visto come la sinodalità ha messo a soqquadro la chiesa anglicana, o come funziona nelle Chiese orientali solo dopo secoli di protocollo sinodale evoluto, non erano inconsapevoli del beneficio di avere il papato. Quello di cui erano diffidenti, credo, è il modo in cui i sinodi potrebbero essere manipolati oggi, travolti dalle mode dell’epoca. Anche loro hanno diffidato di tutti i vaghi discorsi di “stile sinodale” e “discepolato sinodale” e del resto, alcuni dei quali sono sopravvissuti nel documento finale; questo può significare ogni sorta di cose in bocche diverse e, in definitiva, può essere molto divisivo.

Speriamo che noi cattolici possiamo essere d’accordo su un più chiaro senso di sinodalità per il futuro.

 

Fonte: National Catholic Register

Facebook Comments
image_print
1