Ecco la gran parte di un articolo su Alasdair MacIntyre e la tolleranza liberale scritto da Nathan Pinkoski e pubblicato su Public Discourse, nella traduzione di Riccardo Zenobi.

Alasdair MacIntyre, filosofo scozzese

Alasdair MacIntyre, filosofo scozzese

 

Alasdair MacIntyre è rinomato e insultato come un critico trenchant del liberalismo. Tuttavia, i detrattori e gli ammiratori di MacIntyre non hanno sempre prestato molta attenzione alle sottigliezze delle sue critiche. Queste sottigliezze chiariscono la voce distintiva di MacIntyre e forniscono importanti provocazioni ai critici contemporanei e ai difensori del liberalismo.

Attingendo al mio articolo su Political Science Reviewer, in questo saggio metto in evidenza il trattamento positivo di MacIntyre nei confronti delle istituzioni politiche liberali nel suo saggio “Toleration and the Goods of Conflict”, e mostro come ciò si ripercuota sui dibattiti contemporanei nel pensiero politico americano e nella tradizione che MacIntyre sottoscrive, l’aristotelismo tomista. Mentre la difesa di MacIntyre delle istituzioni politiche liberali è – sorprendentemente – per alcuni aspetti più liberale di John Locke, offre critiche sia ai sostenitori che agli oppositori del liberalismo americano contemporaneo. Inoltre, il trattamento che MacIntyre ha delle istituzioni politiche liberali rivela un problema per l’aristotelismo tomista post-leonino: il suo sottosviluppato trattamento della forma politica.

 

Tolleranza come integrazione all’inchiesta razionale

In After Virtue, MacIntyre ha diagnosticato i conflitti etici e politici della modernità come un problema causato dal rigetto del ragionamento pratico aristotelico da parte del progetto illuminista. In Whose Justice? Which Rationality? MacIntyre ha sostenuto che l’indagine razionale sul bene umano non è l’esercizio di un agente razionale autonomo, ma è costituito da una tradizione. MacIntyre alla fine difese l’aristotelismo tomista come la tradizione con il miglior resoconto del bene umano, sostenendo l’intelligibilità del summum bonum. I critici liberali di MacIntyre lo attaccarono per questi punti di vista e l’accusa di intolleranza cattolica anti-pluralista era alla base di molti attacchi. I liberali hanno ritenuto che MacIntyre considerasse il conflitto su etica e politica – e quindi il pluralismo su etica e politica – come un problema intrinseco.

Tuttavia, MacIntyre non pensa che il conflitto tra diverse forme del bene umano sia di per sé un problema; sono i conflitti irrisolvibili che pongono il problema. Sostiene che i conflitti – e quindi il pluralismo – sono fondamentali per promuovere l’indagine razionale sul bene umano. I resoconti contrastanti del bene umano offrono alla tradizione l’opportunità di un’ulteriore revisione, approfondendo la sua comprensione della realtà. È perché l’indagine razionale deve procedere al fine di ottenere una migliore comprensione del bene umano, e poiché i conflitti offrono l’opportunità di ottenere una migliore comprensione del bene umano, che MacIntyre difende la tolleranza delle opinioni opposte. Come sostiene in modo perspicace Ashleen Menchaca-Bagnulo, il resoconto di MacIntyre si discosta da altri critici contemporanei del liberalismo nel tentativo di “accogliere la diversità dei punti di vista nella vita etica”.

Ciò che separa MacIntyre dal liberalismo è che i liberali rinunciano a un’indagine razionale condivisa sul bene umano, celebrando il conflitto irrisolvibile come il fatto del pluralismo. Ciò posiziona la critica sociale e politica di MacIntyre al liberalismo. Quando gli agenti razionali cessano di indagare sul bene, quelli con potere sfruttano l’assenza di deliberazione per promuovere i propri interessi. Assumono il controllo delle moderne istituzioni sociali e politiche, incluso lo Stato, in modo che queste istituzioni diventino ostacoli per gli agenti razionali che cercano di raggiungere il loro bene e il bene comune.

 

Il complimento rovesciato di MacIntyre al liberalismo americano

Il problema di base per MacIntyre è ciò che sostiene l’indagine razionale sul bene umano. Poiché ciò richiede apertura, discussione e tolleranza di opinioni opposte, MacIntyre difende tre controverse istituzioni liberali.

Innanzitutto, concordando “con conclusioni tratte da linee di pensiero avviate da Locke”, MacIntyre difende la neutralità dello Stato. È una finzione, scrive, ma “una finzione importante”, perché non possiamo fidarci dello stato moderno per promuovere i valori. Per MacIntyre, la promulgazione statale del bene può essere strumentalizzata a fini che accrescono il potere di alcuni su altri; inoltre, la promulgazione statale del bene ostacola la stessa indagine dell’agente razionale sul bene. La difesa della neutralità statale respinge queste possibilità.

In secondo luogo, MacIntyre difende la separazione liberale tra Chiesa e Stato. La sua posizione di principio è che lo stato non dovrebbe adottare il punto di vista di una religione sul bene umano. I loro punti di vista non devono allinearsi. “L’integrazione corrotta tra Chiesa e Stato”, scrive nel suo libro del 2016 Ethics in the Conflicts of Modernity, danneggia “la libertà di dissentire”. MacIntyre ha difeso per tutta la vita la capacità dell’agente razionale di perseguire e identificare il proprio bene. Nel suo libro del 1978 Against the Self-Images of the Age, denunciò sia lo stalinismo che i tentativi di controllo sociale da parte dello stato manageriale liberale, scrivendo: “nessuno può sapere cosa vuole un agente meglio dell’uomo stesso”. MacIntyre non solo difende la separazione tra Chiesa e Stato per questi motivi secolari, ma lo fa anche considerando fini spirituali: “Il danno principale che è stato fatto dall’egemonia accordata alla Chiesa cattolica romana da regimi che vanno dalla Spagna di Franco all’Irlanda di de Valera è stato in fin dei conti fatto contro la religione cattolica romana”.

Terzo, MacIntyre difende la lettura permissiva della giurisprudenza del Primo Emendamento Americano. Respinge le restrizioni europee alla libertà di parola, come la Germania che mette al bando la negazione pubblica dell’Olocausto. Lo stato semplicemente non deve intervenire tra protagonisti di concezioni rivali del bene umano.

L’attenzione di MacIntyre è sull’indagine etica, quindi dovremmo essere cauti nel leggere troppa filosofia politica e legale nel suo pensiero. Tuttavia, la sua posizione è che il nostro approccio all’inchiesta etica si basa sulla filosofia politica e giuridica. Per desiderio di preservare l’indagine razionale sul bene umano, MacIntyre solleva la preoccupazione che l’apparato coercitivo delle istituzioni dello stato moderno interferisca con l’indagine razionale sul bene umano. MacIntyre conclude che è importante difendere particolari accordi istituzionali politici liberali che limitano la coercizione, i cui esempi fondamentali sono americani. Possiamo quindi considerare come le sue conclusioni si basano sui dibattiti americani.

 

Provocazioni nei dibattiti sul liberalismo

Il pensiero politico americano ha visto un dibattito crescente sulle relazioni tra le istituzioni liberali e il bene comune. Una parte vuole un’indagine pubblica condivisa sul bene comune e una riorganizzazione di accompagnamento delle istituzioni politiche liberali (anche al prezzo di abbandonare alcune di queste istituzioni). L’altro vuole rafforzare le istituzioni politiche liberali efficaci nel difendere la libertà, anche al prezzo di respingere l’indagine pubblica condivisa sul bene comune.

L’attacco simultaneo di MacIntyre al liberalismo e alla difesa delle istituzioni liberali fornisce un intervento originale in questo dibattito. Sotto un aspetto, MacIntyre propone di rafforzare le tesi di ciascuna parte. Anche se difende l’indagine pubblica condivisa sul “bene comune e, in definitiva, sul Bene supremo”, MacIntyre sostiene che il [potere politico] “non potrebbe mai essere neutrale”. Difendendo la finzione della neutralità statale, rifiuta di usare “il potere pubblico per far avanzare il bene comune, anche nel regno della moralità pubblica”.

Ciò lo porta a una difesa espansiva delle istituzioni politiche del tardo liberalismo americano. Dal momento che Locke ha evitato la neutralità statale – per sostenere che lo stato dovrebbe sostenere le istituzioni che promuovono le virtù che assicurano una società per i diritti naturali – MacIntyre è più Lockiano di Locke. Come John Courtney Murray in We Hold these Truths, la posizione di MacIntyre sembra essere che rifiutare una religione di Stato sia la cosa migliore per il cattolicesimo. Ma va oltre il semplice rifiuto di una Chiesa statalizzata: rifiutando qualsiasi allineamento tra le opinioni promulgate dallo Stato e quelle della Chiesa, la posizione di MacIntyre è compatibile con la rigida interpretazione del “muro di separazione” delle relazioni Stato-Chiesa sviluppate nella tarda giurisprudenza liberal americana. Infine, non considerando se gli atti linguistici possano mai essere oggettivamente offensivi, MacIntyre dimostra che il suo impegno nell’ampio indagine sulla libertà di parola nel bene umano è tale rischiare che la giurisprudenza statale “torni al relativismo”.

Sotto un altro aspetto, tuttavia, MacIntyre critica gli argomenti di ciascuna parte. Contro gli amici del liberalismo, MacIntyre mostra che si può sostenere una fervida critica della filosofia liberale, criticare le conseguenze politiche e sociali del liberalismo su larga scala, difendere l’indagine pubblica condivisa sul bene comune e il Bene supremo, e preservare ancora le istituzioni liberali. MacIntyre sfida gli amici del liberalismo a mostrare perché l’indagine pubblica sul bene comune deve minacciare le istituzioni politiche liberali. Contro i critici del liberalismo, MacIntyre mostra che un forte impegno pubblico alla scoperta del bene comune e del Bene supremo può ancora produrre una difesa delle istituzioni liberali. MacIntyre sfida quindi quei critici a moderare alcune delle loro provocazioni che attaccano le istituzioni liberali: le conclusioni non seguono necessariamente le premesse. La posizione di MacIntyre non è lontana da coloro che cercano giustificazioni non liberali – vale a dire giustificazioni che non sono organizzate in termini di moderno individualismo liberale – per le istituzioni liberali. Il suo lavoro a volte punta in quella direzione.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1