Attaccano la famiglia perché vogliono che si dipenda sempre più dal governo e dalla scienza-tecnica. Non vogliono che si viva in un ambiente fatto da persone che si amano in maniera vicendevole. 

Di seguito un articolo del New York Post che dà notizia di affermazioni apparentemente astruse. Eccolo nella mia traduzione. 

 

famiglia allegra in casa

 

Un gruppo di ricercatori statunitensi e canadesi suggerisce di cercare alternative a termini come “maschio” e “femmina”, “madre” e “padre” nella scienza, perché presuppongono che il sesso sia binario e che l’eterosessualità sia la norma.

Secondo il Times di Londra, il progetto linguistico Ecology and Evolutionary Biology (EEB) dovrebbe invece riferirsi a maschi e femmine come “produttori di sperma” e “produttori di uova”.

Nel frattempo, padre e madre dovrebbero essere etichettati come “genitore”, “donatore di ovuli” e “donatore di sperma” in ambito scientifico.

Il gruppo ha invitato il settore scientifico a usare parole più “inclusive e precise”, secondo un comunicato stampa della University of British Columbia, che ha tre ricercatori nell’iniziativa.

“Gran parte della scienza occidentale è radicata nel colonialismo, nella supremazia bianca e nel patriarcato, e queste strutture di potere continuano a permeare la nostra cultura scientifica”, hanno scritto alcuni membri del progetto nella rivista Trends in Ecology and Evolution.

La dottoressa Kaitlyn Gaynor, professore assistente dell’UBC, ha dichiarato che l’impresa è iniziata da una conversazione su Twitter tra alcune persone riguardo a una terminologia potenzialmente dannosa.

“Abbiamo raggiunto diverse reti in ecologia ed evoluzione che si concentravano sull’aumento dell’inclusione e dell’equità nel campo per raccogliere il sostegno per un’azione molto specifica – rivedere la terminologia che potrebbe essere dannosa per alcune persone, in particolare quelle appartenenti a gruppi storicamente e attualmente esclusi dalla scienza”, ha detto, secondo il comunicato stampa.

Il sito web del gruppo elenca i 24 principali “termini dannosi”, individuati in crowdsourcing dai membri della comunità, con le possibili alternative.

Ad esempio, “primitivo” e “avanzato” sono problematici perché usati “in modo dispregiativo nei confronti degli esseri umani o delle pratiche umane, oltre che scientificamente inaccurati in quanto implicano una gerarchia evolutiva”. L’EEB suggerisce invece “ancestrale” o “derivato”.

Il termine “sopravvivenza del più adatto” potrebbe essere collegato all'”eugenetica, all’abusismo e al darwinismo sociale”, hanno detto i ricercatori, che consigliano di usare invece “selezione naturale” e “differenze di sopravvivenza”.

Anche “citizen science” è problematico perché potrebbe essere “dannoso per i non cittadini”, quindi il Progetto linguistico EEB raccomanda di usare “scienza partecipativa o scienza comunitaria”.

Il Progetto linguistico EEB vuole essere un “documento vivente”, ha dichiarato la dott.ssa Danielle Ignace dell’UBC.

“Le parole specifiche che sono dannose e le loro alternative possono cambiare nel tempo”, ha detto.

“Le persone possono inviare i loro suggerimenti online e far sentire la loro voce. Possono anche essere maggiormente coinvolti come individui, istituzioni o comunità. La speranza è che questo sforzo di base unisca le persone”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments