Gli ultimi dati pubblicati dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito confermano che i decessi stanno aumentando drammaticamente tra la popolazione con tripla vaccinazione, mentre diminuiscono costantemente tra la popolazione non vaccinata in Inghilterra.

I dati più recenti mostrano che i completamente vaccinati hanno rappresentato 9 morti su 10 per Covid-19 nell’ultimo mese; e i tripli vaccinati hanno rappresentato 4 morti su 5.

L’articolo che segue è stato pubblicato sul DailyExpose. Ve lo presento nella mia traduzione.

 

 

Questi sono giorni bui per i cittadini dell’Ucraina, ma se doveste guardare i notiziari tradizionali o leggere un giornale tradizionale potreste essere perdonati per aver pensato che la situazione degli ucraini sia attualmente l’unico evento che si svolge nel mondo.

L’invasione russa viene trasmessa in un ciclo continuo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, tramite BBC News e Sky News, senza che si senta una parola su Covid-19, nonostante non sia stata trasmessa altro che propaganda e bugie sulla pandemia negli ultimi due anni.

È in momenti come questi che bisognerebbe guardare quali cattive notizie vengono pubblicate silenziosamente sullo sfondo nella speranza che non ricevano molta attenzione, perché non c’è niente di meglio di una crisi internazionale per distrarre il pubblico da quello che succede a casa.

Detto questo, diamo un’occhiata a ciò che il governo britannico ha “silenziosamente” pubblicato nell’ultima settimana per quanto riguarda la situazione del Covid-19 in Inghilterra.

La UK Health Security Agency (UKHSA) pubblica un rapporto settimanale sulla sorveglianza del vaccino Covid-19, il più recente dei quali è stato pubblicato giovedì 24 febbraio 22, e può essere visualizzato in fondo all’articolo.

La tabella 10, che si trova a pagina 41 dell’ultimo rapporto, mostra il numero di casi di Covid-19 per stato di vaccinazione in Inghilterra tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22, e conferma che la grande maggioranza è stata registrata tra la popolazione con tripla vaccinazione.

 

 

In tutto, tra il 24 gennaio e il 20 febbraio, ci sono stati un totale di 1.490.464 casi di Covid-19 registrati in tutta l’Inghilterra, e la popolazione con tripla vaccinazione ne ha contati 752.126, mentre la popolazione non vaccinata ne ha contati 404.030, ma 303.107 di questi casi erano tra i bambini.

Nel complesso la popolazione vaccinata ha rappresentato 1.086.434 casi, il che significa che ha rappresentato il 73% di tutti i casi di Covid-19 tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22. Ma se togliamo i bambini dall’equazione troviamo che la popolazione vaccinata ha rappresentato il 91% di tutti i casi di Covid-19 tra gli over 18 in Inghilterra.

La tabella 11, che si trova a pagina 42 dell’ultimo rapporto, mostra il numero di ricoveri per Covid-19 per stato di vaccinazione in Inghilterra tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22, e conferma che la stragrande maggioranza è stata nuovamente registrata tra la popolazione con tripla vaccinazione.

 

 

In tutto, ci sono stati 9.230 ricoveri Covid-19 in Inghilterra tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22, e la popolazione con tripla vaccinazione ne contava 4.936, mentre la popolazione non vaccinata ne contava 2.341, di cui 1.132 erano presumibilmente bambini.

Ma è qui che i dati non hanno molto senso. Sappiamo che Omicron è ora la variante dominante in Inghilterra, e sappiamo che causa una malattia di gravità equivalente al comune raffreddore. Allora perché i dati mostrano che i ricoveri di Covid-19 tra i bambini sono più del doppio di quelli registrati quando Delta era il ceppo dominante?

La seguente tabella è tratta dal Public Health England’s ‘Covid-19 Vaccine Surveillance Report – Week 36 – 2021’, e mostra che tra la settimana 32 e la settimana 35 del 2021 (quando Delta era la variante dominante) ci sono stati solo 404 ricoveri per Covid-19 registrati tra i minori di 18 anni in Inghilterra.

 

 

Questo numero di ricoveri tra i minori di 18 anni è tipico della maggior parte dei rapporti settimanali, quindi perché mai i ricoveri per il Covid-19 sono arrivati a 1.132 tra i bambini?

Sappiamo che i bambini non sono mai stati ad alto rischio di soffrire di gravi malattie a causa del Covid-19, e tutti dovrebbero sapere ormai che una persona potrebbe essere ricoverata con una gamba rotta e classificata come ricovero per il Covid-19 se per caso risultasse positiva al Covid-19 con un test molto discutibile entro 28 giorni dal ricovero.

Ma sappiamo anche che il governo britannico e l’NHS stanno cercando di giustificare la decisione del professor Chris Whitty di scavalcare il Comitato congiunto per le vaccinazioni e le immunizzazioni e di offrire il vaccino Covid-19 ai bambini.

Stiamo vedendo l’UKHSA manipolare le cifre qui attraverso test di massa di bambini già ricoverati, per dare l’impressione che la vaccinazione sperimentale Covid-19 avrebbe beneficiato i bambini?

Quando includiamo i bambini nelle cifre dei ricoveri, troviamo che la popolazione vaccinata ha rappresentato il 75% di tutti i ricoveri per il Covid-19 tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22. Ma quando togliamo i bambini, troviamo che la popolazione vaccinata ha rappresentato l’85% di tutti i ricoveri per Covid-19 tra gli over 18 in Inghilterra.

 

 

La tabella 12, che si trova a pagina 43 dell’ultimo rapporto, mostra il numero di morti per Covid-19 per stato di vaccinazione in Inghilterra tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22, e conferma ancora una volta che la stragrande maggioranza è stata registrata tra la popolazione con tripla vaccinazione.

 

 

In tutto, ci sono stati 4.861 decessi per Covid-19 tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22, e la popolazione con tripla vaccinazione ne ha contati 3.120. Mentre la popolazione non vaccinata ne ha contati solo 559.

Nel complesso, la popolazione vaccinata ha rappresentato l’89% di tutti i decessi per Covid-19 durante queste quattro settimane, con 4.302 morti registrate. Questo significa che la popolazione vaccinata rappresenta ora 9 morti su 10, e la popolazione con tripla vaccinazione ne rappresenta 4 su 5.

Ma ciò che è più preoccupante qui è che le cose migliorano di settimana in settimana per la popolazione non vaccinata, mentre prendono una piega peggiore per la popolazione con tripla vaccinazione.

Secondo il “Week 51 – 2021 – Vaccine Surveillance Report”, il numero totale di morti presunte Covid-19 per stato di vaccinazione tra il 22 novembre e il 19 dicembre, come confermato dalla tabella 10 è il seguente

-Popolazione non vaccinata = 889 morti
-Popolazione parzialmente vaccinata = 117 morti
-Popolazione tripla/doppia vaccinata = 2.796 morti

 

 

Questo equivale alla popolazione vaccinata che rappresenta il 77% dei decessi per Covid-19 tra il 22 novembre e il 19 dicembre, e rivela che il numero di decessi per Covid-19 tra l’intera popolazione vaccinata è stato inferiore di 207 unità rispetto al numero totale di decessi per Covid-19 registrati tra la sola popolazione con tripla vaccinazione tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22.

I decessi tra i non vaccinati sono diminuiti da 889 tra il 22 novembre e il 19 dicembre 21, a 559 tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22. Questo rappresenta una diminuzione del 37% dei decessi complessivi.

Ma i decessi della popolazione vaccinata sono aumentati da 2.913 tra il 22 novembre e il 19 dicembre 21, a 4.302 tra il 24 gennaio e il 20 febbraio 22. Questo rappresenta un aumento del 48% dei decessi complessivi.

Queste non sono il tipo di cifre che ci si aspetterebbe di vedere se le iniezioni di Covid-19 fossero davvero efficaci fino al 95% nel prevenire l’ospedalizzazione e la morte, vero?

Così, mentre siete stati distratti dall’invasione russa dell’Ucraina, il governo britannico ha pubblicato un rapporto che conferma che i vaccinati rappresentano ora 9 morti su 10 per il Covid-19 in Inghilterra. Con notizie come questa che vengono spazzate sotto il tappeto dai media tradizionali, viene da chiedersi cos’altro cercheranno di nascondere nelle prossime settimane?

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email