L’insegnamento dell’Humanae vitae (HV) sulla contraccezione è un’istanza del magistero ordinario e universale, e come tale è irreformabile, ha affermato un teologo morale in risposta a una dichiarazione della Pontificia Accademia per la Vita.

Di seguito vi propongo un articolo di Carl Bunderson, che è stato pubblicato su Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione.

 

 

Papa San Paolo VI

 

L’insegnamento dell’Humanae vitae (HV) sulla contraccezione è un’istanza del magistero ordinario e universale, e come tale è irreformabile, ha affermato un teologo morale in risposta a una dichiarazione della Pontificia Accademia per la Vita.

Padre Thomas Petri, O.P., presidente della Casa di Studi Domenicani di Washington, D.C., ha osservato che anche i critici dell’insegnamento sulla contraccezione hanno “riconosciuto che questo è sempre stato l’insegnamento della Chiesa” e che in nessuna parte dell’insegnamento della Chiesa c’è stata permissività, di qualsiasi forma, della contraccezione.

“Questo suggerisce che questo è sempre stato l’insegnamento della Chiesa, quindi fa parte del magistero ordinario e universale”, ha detto Petri. “Quindi, anche se una particolare enciclica” come l’Humanae vitae “non è infallibile, l’insegnamento che presenta è di fatto irreformabile, perché fa parte del magistero ordinario e universale della Chiesa”.

Nell’Humanae vitae, la sua enciclica del 1968 sulla regolazione delle nascite, San Paolo VI scrisse che “qualsiasi azione che, prima, al momento o dopo il rapporto sessuale, sia specificamente intesa a impedire la procreazione – sia come fine che come mezzo” è “esclusa”, in quanto mezzo illegale di controllo delle nascite.

 

La Pontificia Accademia

La Pontificia Accademia per la Vita, un’istituzione associata alla Santa Sede ma che non è essa stessa un organo magisteriale, ha ospitato un seminario di etica del 2021 in cui un partecipante ha discusso “la possibile legittimità della contraccezione in alcuni casi”.

Una sintesi del seminario è stata pubblicata di recente dalla Casa editrice vaticana e ha suscitato domande sulla riformabilità dell’insegnamento della Chiesa sul controllo delle nascite.

La Pontificia Accademia per la Vita ha difeso la discussione che ha ospitato sulla liceità della contraccezione, twittando il 5 agosto che “i documenti storici dell’Abp. [Ferdinando] Lambruschini hanno confermato che Paolo VI gli ha detto direttamente che la HV non era sotto infallibilità”.

Poi, in una dichiarazione dell’8 agosto, l’Accademia ha scritto che “molte persone su Twitter sembrano credere che l’Humanae Vitae sia un pronunciamento infallibile e irreformabile contro la contraccezione”.

Ha fatto notare che “quando il teologo morale della Pontificia Università Lateranense mons. Ferdinando Lambruschini ha presentato l’Humanae Vitae in una conferenza stampa… ha dichiarato sotto il mandato di Paolo VI – che l’Humanae Vitae enciclica non è da considerarsi parte dei pronunciamenti infallibili”. Lambruschini ha sottolineato che l’Humanae Vitae non esprime una verità di fede definitiva garantita dalla ‘infallibilitas in docendo'”.

La dichiarazione aggiunge che, come arcivescovo di Cracovia, Karol Wojtyła chiese a Paolo VI di definire l’insegnamento dell’Humanae vitae come infallibile. “Papa Paolo VI non lo fece e nemmeno Papa Giovanni Paolo II durante i 26 anni del suo pontificato”, si legge nella dichiarazione dell’accademia.

 

La risposta di padre Petri

Petri ha osservato che San Giovanni Paolo II ha confermato l’insegnamento di Humanae vitae come parte del magistero ordinario e universale.

“In Veritatis splendor – che la Pontificia Accademia non nota – Giovanni Paolo II dice che la contraccezione è un atto intrinsecamente malvagio, quindi non ci può essere alcuna ragione o scopo per la contraccezione. Benedetto XVI ha tenuto diversi discorsi in cui ha parlato della contraccezione, e questo non può essere cambiato. Ciò che era vero ieri è vero oggi”.

Sebbene ci possano essere “discussioni legittime su come presentarlo o su come aiutare le persone a comprenderlo, o su come aiutare le persone che si trovano in situazioni difficili, sia dal punto di vista medico che anche a causa di pressioni morali”, l’insegnamento stesso non è un argomento di discussione, ha spiegato Petri, autore di “Aquinas and the Theology of the Body” (Catholic University of America Press, 2016).

“Ci potrebbe essere una vera e propria discussione su come farlo, ma non ci può essere alcun tipo di ritorno all’insegnamento, perché è quello che è sempre stato insegnato, e questo è il modo in cui la teologia cattolica, e la dottrina cattolica, funziona”.

“Queste cose non sono fatte per essere discusse su Twitter”, ha riflettuto. “Non è il forum per esporre queste cose”.

Petri ha aggiunto che “non è utile concentrarsi semplicemente sull’infallibilità e su ciò che viene definito infallibile in modo straordinario. Il Concilio Vaticano I, quando ha parlato dell’infallibilità papale, è stato molto chiaro sul fatto che doveva essere un atto straordinario”.

Petri ha paragonato una dichiarazione infallibile a un concilio ecumenico. L’ha descritto come “un atto molto straordinario, che di solito si verifica solo quando la questione in oggetto, che si tratti di una questione dottrinale o di una questione morale, è diventata così completamente invischiata in un disaccordo… da richiedere un atto straordinario come un papa o un concilio che dichiara qualcosa in modo infallibile”.

“Di solito non è così che funziona l’insegnamento della Chiesa – ecco perché il magistero ordinario è importante”.

Quando un Papa non intende insegnare in modo infallibile, “questo non significa che dobbiamo ignorare ciò che sta insegnando, o comportarci come se la sua opinione fosse solo un’opinione tra le tante”, ha detto Petri.

“Anche se non intende proclamare qualcosa di infallibile, soprattutto quando insegna cose che i papi hanno insegnato per secoli, ha un certo peso”.

Anche se si può essere in disaccordo con il modo in cui le cose sono espresse, “questo non significa che ciò che insegna sia da buttare”, ha detto Petri.

“A maggior ragione quando si parla di un insegnamento che più papi hanno ripetuto nel corso di decenni. E nel caso della contraccezione potremmo dire secoli”, ha aggiunto.

“Non si può semplicemente dire: ‘Beh, l’Humanae vitae non è stata dichiarata infallibile, Paolo VI non l’ha dichiarata infallibile, quindi siccome non è infallibile, è contestabile’. Non è una questione binaria”.

Un punto simile è stato fatto in un articolo del 2019 di Augusto Sarmiento.

Sarmiento ha scritto dell’istruzione della Congregazione per la dottrina della fede del 1990 sulla vocazione ecclesiale del teologo, che discute vari livelli di dichiarazioni magisteriali. L’articolo è apparso in “Dizionario su Sesso, Amore e Fecondità”, a cura di padre José Noriega e René e Isabelle Ecochard.

Professore all’Università di Pamplona, Sarmiento ha osservato che “il Papa, con l’Humanae vitae, non ha voluto proporre un insegnamento straordinario del Magistero ex cathedra”.

A sostegno di ciò, ha citato i commenti di Lambruschini alla conferenza stampa di presentazione dell’enciclica: “Tuttavia, si tratta sempre di un pronunciamento autentico, soprattutto perché si inserisce nella continuità del magistero ecclesiastico”.

Sarmiento ha scritto: “Sulla natura dell’autorità con cui viene proclamata la norma dell’Humanae vitae, non c’è dubbio che essa faccia parte del magistero ordinario e universale” e che l’enciclica “è un insegnamento del magistero ordinario universale del Papa e dei vescovi che deve essere considerato definitivo”.

 

L’Humanae vitae e i suoi precedenti

Nell’Humanae vitae San Paolo VI ha insegnato che “i rapporti sessuali che sono deliberatamente contraccettivi” sono quindi “intrinsecamente sbagliati”.

Il Papa discusse il controllo artificiale delle nascite nel contesto della definizione e dell’analisi dell’amore coniugale e della paternità responsabile.

“La Chiesa… nell’esortare gli uomini all’osservanza dei precetti della legge naturale, che interpreta con la sua costante dottrina, insegna che ogni atto coniugale deve necessariamente mantenere il suo intrinseco rapporto con la procreazione della vita umana”, ha scritto San Paolo VI, aggiungendo che questa dottrina è stata “spesso esposta dal magistero della Chiesa”.

Egli presentò le sue dichiarazioni come una risposta, data “in virtù del mandato affidatoci da Cristo”, alle domande sulla dottrina morale del matrimonio.

San Paolo VI ha fatto riferimento soprattutto all’insegnamento della Gaudium et spes, la costituzione pastorale del Concilio Vaticano II sulla Chiesa nel mondo moderno.

La Gaudium et spes affermava che i coniugi “devono sempre essere governati secondo una coscienza doverosamente conforme alla stessa legge divina, e devono essere sottomessi al magistero della Chiesa, che interpreta autenticamente tale legge alla luce del Vangelo… Così, confidando nella Provvidenza divina e affinando lo spirito di sacrificio, i cristiani sposati glorificano il Creatore e tendono al compimento in Cristo quando, con generoso senso di responsabilità umana e cristiana, assolvono al dovere di procreare”.

Questa affermazione, a sua volta, faceva riferimento in una nota a piè di pagina alla Casti connubii, l’enciclica di Pio XI del 1930 sul matrimonio cristiano, che proclamava “qualsiasi uso del matrimonio esercitato in modo tale che l’atto sia deliberatamente frustrato nel suo potere naturale di generare la vita è un’offesa contro la legge di Dio e della natura, e coloro che vi indulgono sono marchiati con la colpa di un grave peccato”.

In quell’enciclica Pio XI si riferiva alla “frustrazione dell’atto coniugale” come a un “abuso criminale” e diceva che “coloro che nell’esercizio [dell’atto coniugale] frustrano deliberatamente il suo potere e scopo naturale peccano contro la natura e commettono un’azione che è vergognosa e intrinsecamente viziosa”.

La Casti connubii afferma anche che “la Sacra Scrittura testimonia che la Divina Maestà considera con la massima detestazione questo orribile crimine” e cita l’interpretazione di Sant’Agostino delle Scritture.

 

Il giorno d’oggi

Durante il volo dal Canada a Roma del 29 luglio, a Papa Francesco è stato chiesto di rivalutare la dottrina della Chiesa sulla contraccezione, o se l’uso di contraccettivi possa essere preso in considerazione.

Il Papa ha risposto che “il dogma, la morale, è sempre in un percorso di sviluppo, ma sempre nella stessa direzione”. Ha citato San Vincenzo di Lerins dicendo “che la vera dottrina, per andare avanti, per svilupparsi, non deve stare ferma, si sviluppa… si consolida nel tempo, si espande e si consolida, e diventa sempre più solida, ma sempre in progresso. Ecco perché il dovere dei teologi è la ricerca, la riflessione teologica. Non si può fare teologia con un “no” davanti. Poi spetta al Magistero dire: “No, sei andato troppo lontano, torna indietro”. Ma lo sviluppo teologico deve essere aperto, a questo servono i teologi. E il Magistero deve aiutare a capire i limiti”.

Riferendosi agli atti del seminario della Pontificia Accademia per la Vita, ha detto che “coloro che hanno partecipato a questo congresso hanno fatto il loro dovere, perché hanno cercato di andare avanti nella dottrina, ma in senso ecclesiale, non al di fuori di essa, come ho detto con quella regola di San Vincenzo di Lérins. Poi il Magistero dirà: “Sì, è buono” o “Non è buono””.

Mónica López Barahona, membro del consiglio di amministrazione dell’accademia, ha dichiarato il mese scorso ad ACI Prensa che “non è vero che la Chiesa o il Magistero hanno cambiato i loro criteri morali riguardo ad alcune questioni di bioetica; nemmeno che il Vaticano ha iniziato un processo di revisione di questi temi”.

López ha sottolineato che “il libro non è una dichiarazione ufficiale della Pontificia Accademia per la Vita su questi temi” e che non rappresenta “i criteri morali di tutti i suoi membri”, aggiungendo che “alcuni sono rimasti sconcertati quando hanno visto la notizia della pubblicazione del libro e del seminario, di cui non sapevano nulla fino a quel momento”.

 

Carl Bunderson è redattore capo della Catholic News Agency. Ha conseguito un BA in economia presso l’Università del Colorado Boulder e un BPhil presso la Pontificia Università Lateranense.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments