“Non esiste una metafisica “anima di genere” separata dal corpo. L’insegnamento della dissociazione corporea ai bambini (“nati nel corpo sbagliato”) ha portato a un’ondata di odio verso sé stessi, dismorfia corporea, depressione, ansia e autolesionismo.”

 

transgender
transgender – Femmina che si è sottoposta a mastectomia, cioè all’asportazione chirurgica del seno.

Il nuovo documentario “No Way Back: The Reality of Gender-Affirming Care” (“Non c’è modo di tornare indietro: La realtà delle cure affermative di genere”, ndr) critica l’ideologia transgender da una prospettiva autodefinita “liberale, democratica della costa occidentale”. Nonostante le notevoli resistenze da parte degli attivisti trans, il film ha avuto un buon impatto.

Il film sarà proiettato in alcune sale selezionate in tutto il Paese durante un evento speciale di un giorno di AMC Theatres mercoledì 21 giugno alle 16:30 e alle 19:30. Sarà disponibile online e in DVD a partire dal 2 luglio.

Di seguito, Joshua Pauling intervista la produttrice Vera Lindner.

 

Joshua Pauling (JP): Grazie per averci dedicato il suo tempo per parlare del suo nuovo documentario. È davvero una rappresentazione potente di ciò che accade alle persone quando l’ideologia transgender prende il sopravvento. Ho trovato particolarmente avvincenti le storie dei detrattori. La storia che raccontate è decisamente ragionevole e ancorata alla realtà. Complimenti a tutti voi per aver prodotto un documentario così approfondito e commovente su un argomento così importante e controverso. E molto rispetto per la volontà di dire cose dure ma vere nel documentario.

Qual è stata la risposta al film finora?

Vera Lindner (VL): Abbiamo ricevuto tonnellate di gratitudine, lacrime e donazioni. La cosa più umiliante è stata la risonanza che il film ha creato nei genitori sofferenti. Ho pianto molte volte leggendo i messaggi grati e strazianti dei genitori. Le persone sono affamate, dal punto di vista culturale, e accolgono il nostro film come verità e fatti, e come un progetto “ricco di sfumature, compassionevole e profondamente studiato”.

 

JP: È bello sentirlo e interessante che ci sia stata una risposta schiacciante da parte dei genitori. I genitori sono spesso le vittime dimenticate di questa ideologia. Come è andato il film in termini di numero di visualizzazioni e di diffusione?

VL: Dal 18 febbraio, il film è stato visto 40.000 volte su Vimeo, dopo essere stato chiuso nella prima settimana e poi ripristinato a causa della pubblicità e delle pressioni di cittadini preoccupati. Molte copie pirata sono proliferate su Odysee, Rumble e simili, quindi probabilmente altre 30.000 visualizzazioni anche lì. Dopo averlo messo su Vimeo on Demand a metà aprile, è stato acquistato circa 50 volte al giorno. Il nostro obiettivo è la massima diffusione possibile.

 

JP: Purtroppo non mi sorprende che sia stato chiuso nel giro di pochi giorni. Può spiegare meglio come avviene una cosa del genere? In che modo è stato bloccato o strozzato?

VL: Vimeo lo ha bloccato il terzo giorno a causa di una campagna di pressione “a raffica” degli attivisti su Vimeo. Poi l’hanno ripristinato, dopo articoli di giornale e pressioni pubbliche. Il nostro evento di proiezione privata ad Austin è stato cancellato a causa di pressioni “a tappeto” sulla sede (300 telefonate di attivisti in due giorni). Queste esperienze ci aiutano a perfezionare la nostra strategia di marketing.

 

JP: Credo che questo dimostri il potere della pressione pubblica, da entrambe le parti. Si sa di aver toccato un nervo scoperto quando la risposta è stata sia così positiva da ricevere innumerevoli lettere accorate da parte della gente, sia così dura da indurre gli attivisti a cancellare l’evento. Quali sono, secondo lei, i prossimi passi da compiere per invertire la tendenza della società su questo tema? Cosa succede dopo aver sensibilizzato l’opinione pubblica con un documentario come questo?

VL: Il nostro obiettivo era quello di concentrarci sui danni medici e sul rammarico per i trattamenti sperimentali. Tutti gli studi indicano che il rammarico raggiunge un picco di circa otto-undici anni dopo. Eppure, il messaggio degli attivisti nei confronti dei detrattori è: “Per voi non ha funzionato, siete impazziti, ma altre persone sono felici della loro medicalizzazione”.

Ci aspettiamo che inizino le conversazioni sulle ramificazioni a lungo termine di questo protocollo medico. Dobbiamo parlare non solo di come vengono coinvolti i singoli individui, ma anche la società nel suo complesso. Il trattamento con ormoni del sesso sbagliato e i bloccanti della pubertà comportano gravi complicazioni per la salute che possono portare a disabilità a vita, dolore cronico, osteoporosi, eventi cardiaci, peggioramento della salute mentale. Gli interventi chirurgici di riassegnazione del sesso (SRS) costano centinaia di migliaia di dollari. Non si tratta di problemi personali di un singolo individuo.

L’economia della nostra assicurazione sanitaria ne risentirà. La capacità di queste persone di contribuire alla società ne risentirà profondamente. L’inchiesta della Reuters del novembre 2022 afferma che ci sono 18.000 bambini statunitensi attualmente in terapia con bloccanti della pubertà e 122.000 bambini a cui è stata diagnosticata la disforia di genere (e questo solo attraverso i dati delle assicurazioni pubbliche, quindi probabilmente un numero inferiore). Tutti questi sono futuri pazienti con malattie muscolo-scheletriche, cardiovascolari e mentali per tutta la vita. Un’isterectomia a ventuno anni può portare a demenza precoce, menopausa precoce e collasso degli organi del pavimento pelvico. Non vedo ancora discussioni sulle implicazioni a lungo termine per la salute delle “cure per l’affermazione del genere”, in particolare in relazione a come saranno influenzate le assicurazioni, la forza lavoro, le relazioni interpersonali e la futura prole. Tutti vogliono essere sottoposti a terapia dell’affermati ora e medicalizzati ora. Ma la medicina sperimentale ha implicazioni per tutta la vita: malattie autoimmuni, tumori, ecc. Le disfunzioni sessuali e l’anorgasmia (l’incapacità di raggiungere l’apice del piacere, nonostante una stimolazione sessuale intensa e prolungata, ndr) hanno implicazioni reali sugli appuntamenti, sulla vita romantica e sulle coppie. Alcune persone ne parlano in post NSFW su Reddit.

 

JP: È interessante come parlare contro l’ideologia trans e le cure di affermazione del genere crei alcune improbabili alleanze nello spettro politico e religioso. Quali sono, secondo lei, le potenzialità e le insidie di queste alleanze?

VL: Ci allineiamo con persone che sono a favore della realtà, che rispettano i valori fondamentali della comunità, come la verità e l’onestà, e che vedono l’essere umano come un tutt’uno: corpo e anima. Non esiste una metafisica “anima di genere” separata dal corpo. L’insegnamento della dissociazione corporea ai bambini (“nati nel corpo sbagliato”) ha portato a un’ondata di odio verso sé stessi, dismorfia corporea (condizione psicologica per cui i pazienti si fissano su una caratteristica o su più caratteristiche del proprio aspetto esteriore, notando imperfezioni o difetti che per altre persone appaiono minimi o inesistenti, ndr), depressione, ansia e autolesionismo. Noi siamo il nostro corpo e facciamo parte della biosfera. Rispettiamo la natura e l’intricato meccanismo biochimico di autoregolazione del corpo, il sistema endocrino. Crediamo che l’uomo non possa e non debba cercare di “giocare a fare Dio”. Siamo studenti di storia e sappiamo che i tentativi radicali di riprogettare la società umana secondo la visione oltraggiosa di qualcuno (si legga L’apartheid del sesso di Martine Rothblatt) hanno portato a enormi cataclismi umani (comunismo, rivoluzione culturale cinese).

 

JP: Beh, allora mi consideri anche un realista! È buffo che lei abbia usato il termine “pro-realtà”. Ho scritto in modo simile sulla possibilità di alleanze realiste. Sebbene questo renda improbabili alcuni accoppiamenti, ci può essere un accordo sull’importanza della realtà oggettiva basata sui fatti e sull’evidenza del corpo umano.

I realisti possono concordare sul fatto che il mondo è una realtà oggettiva con un significato intrinseco, in cui gli esseri umani sono situati come esseri incarnati e contingenti. Questi realisti, siano essi conservatori, moderati o progressisti, potrebbero avere più cose in comune tra loro sulla comprensione della realtà e dell’umanità rispetto ad alcuni della loro “stessa parte” che io chiamo costruttivisti: coloro che vedono il mondo come un conglomerato di significati relativi, sperimentati soggettivamente da esseri autonomi e autodeterminanti, che costruiscono la propria verità e identità sulla base di sentimenti interni.

Ma ho una domanda correlata a questo punto – un po’ di rispettosa reazione, se posso.

La sua posizione a favore della realtà sembra avere implicazioni che vanno oltre la questione dei transgender. È possibile opporsi in modo coerente agli estremi della cura per l’affermazione del genere, pur sostenendo il resto della rivoluzione LGB? Se i nostri corpi maschili e femminili sono importanti, e il loro disegno intrinseco e l’ordine reciproco hanno un significato, allora questo non solleva alcune domande sulla rivoluzione sessuale più in generale?

Mentre vediamo i continui effetti deleteri sulla prosperità umana che si manifestano con l’abbandono di migliaia di anni di saggezza e di senso comune riguardo al sesso e alla sessualità, ci sono pensatori religiosi e non religiosi che sollevano questa questione, anche se alcuni si spingono più in là di altri. Penso, ad esempio, a The Case Against the Sexual Revolution di Louise Perry, a Rethinking Sex di Christine Emba, a Feminism Against Progress di Mary Harrington e a Sex-Realist Feminism di Erika Bachiochi. All’inizio dell’anno Public Discourse ha ospitato una tavola rotonda illuminante con molti di questi pensatori. Quando si considera il corpo umano reale, la sua struttura olistica di maschio o femmina è chiaramente ordinata e progettata per unirsi al suo complemento.

Come si rapporta questa realtà con il resto della rivoluzione sessuale? Se si sostiene che gli individui dovrebbero essere in grado di esprimersi sessualmente e di soddisfare i propri desideri senza limiti esterni al di là del desiderio o della volontà umana, come si giustifica l’affermazione che il transgenderismo è off-limits?

VL: Risponderò alla domanda, ma devo dire che questa è la mia opinione personale. Ho cinquantacinque anni e lavoro nel mondo dello spettacolo da più di trent’anni, e a Hollywood da venticinque. L’industria dello spettacolo attrae le persone LGBT, quindi ho assunto, fatto da mentore, stretto amicizia e promosso persone LGBT e gender-non-conforming ogni giorno della mia carriera. Credo che essere gay o lesbiche sia il modo in cui queste persone sono nate. Alcune sono state influenzate anche dalle circostanze, ma in generale credo che l’omosessualità sia innata, innata e che esista da millenni. C’è stata anche una manciata di donne transessuali “classiche”. Ho tre amiche intime che si sono convertite alla fine dei quarant’anni.

Ma l’esplosione a cui stiamo assistendo ora è diversa. Un aumento del 4.000% di ragazze adolescenti che si identificano come trans? È una cosa senza precedenti. Per lo più si tratta di adolescenti autistici, traumatizzati e con problemi mentali che cercano di appartenere, che desiderano sfuggire al loro cervello e al loro corpo traumatizzati, che sono stati oggetto di bullismo incessante (“lesbica”, “frocio”, “strambo”) e che ora cercano un “segno di distinzione” che elevi il loro status sociale. Invece di ricevere terapia, comprensione profonda e compassione per i loro reali traumi, vengono indirizzate verso testosterone, mastectomie (asportazione del seno, ndr) e isterectomie (asportazione dell’utero, ndr). Questa non è assistenza sanitaria. Sta arrivando l’onda anomala del rimpianto, perché queste adolescenti non sono mai state transessuali. Molti di loro sono lesbiche o ragazzi gay che hanno interiorizzato così tanto l’omofobia e il bullismo che preferiscono sfuggire a tutto questo e diventare qualcuno di diverso piuttosto che affrontarlo.

Questo è ciò che vogliamo affrontare. I bambini esplorano le identità. È un processo naturale di scoperta di chi sono. La medicalizzazione di questa esplorazione cementifica l’esplorazione che stavano facendo quando erano adolescenti. La vita è lunga e si attraversano molte fasi e molte “identità”. Essere “cementati” per tutta la vita nella decisione presa da sedicenni angosciati di amputare organi sessuali sani non ha senso.

 

JP: L’aumento del tasso di identificazione dei transgender è davvero sbalorditivo, così come lo è il netto aumento della percentuale di persone della generazione Z che si identificano come LGBT. Quali siano le conseguenze di queste tendenze è una questione aperta, così come lo sono le varie cause possibili. E come lei dice, si sta formando un’ondata di rimpianto da parte di coloro che sono stati spinti alla transizione di genere. Tutti noi dovremo fare uno sforzo speciale per amare e prenderci cura di loro.

Lei è stata così gentile a dedicarci il suo tempo. Per concludere, c’è qualche altro commento che vorrebbe condividere con i nostri lettori?

VL: Trovate un cinema vicino a voi per assistere alla prima del 21 giugno. Poi il film sarà disponibile online e in DVD il 2 luglio. Guardate il documentario e diffondetelo a tutti i vostri amici!

E ponete domande umanistiche di buon senso:

– Gli adulti possono prendere decisioni per conto dei bambini che cambieranno per sempre il percorso della loro vita?
– Vale la pena di rovinare la propria salute in nome di un sistema di credenze?
– Ciò che si legge nella ricerca medica accademica è basato su prove o su pseudoscienze?
– Se gli esseri umani hanno attraversato la pubertà per millenni, chi siamo noi per interferire con essa?
– La pubertà è una malattia?

 

JP: Grazie per il suo lavoro su questo tema vitale. Spero che questo documentario continui ad avere un impatto. E realisti unitevi!

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments