Di seguito rilancio nella mia traduzione uno studio scientifico a firma di Denis G. Rancourt, PhD ; Marine Baudin, PhD ; Joseph Hickey, PhD ; Jérémie Mercier, PhD. 

Il prof. Denis G. Rancourt, PhD, dal cui blog prendiamo lo studio, è stato professore di fisica all’Università di Ottawa per 23 anni, raggiungendo il massimo grado accademico di professore ordinario di ruolo. Ha pubblicato oltre 100 articoli di ricerca su importanti riviste scientifiche con revisione paritaria, nelle aree della fisica, della chimica, della geologia, della scienza dei materiali, della scienza del suolo e della scienza ambientale. Il fattore di impatto scientifico (h-index) del Dr. Rancourt è 40 e i suoi articoli sono stati citati più di 5.000 volte in riviste scientifiche peer-reviewed. (vedere qui: https://scholar.google.ca/citations?user=1ChsRsQAAAAJ ). 

 

 

ABSTRACT:

È ormai assodato da studi autoptici e dal monitoraggio degli effetti avversi che i vaccini COVID-19 possono causare la morte. Il tasso di mortalità da vaccino (vDFR), ovvero il rapporto tra i decessi indotti da vaccino e le dosi di vaccino somministrate in una popolazione, è stato recentemente misurato da noi fino all’1% in India e quando sono state applicate campagne di “equità vaccinale” in stati ad alta povertà degli Stati Uniti, e allo 0,05% in Australia, con dati non discriminati per fascia d’età. Qui forniamo le prime valutazioni empiriche dei vDFR stratificati per età, utilizzando dati nazionali sulla mortalità per tutte le cause e sull’introduzione dei vaccini, per Israele e Australia. Scopriamo che il vDFR aumenta drasticamente con l’età per gli adulti più anziani, essendo esponenziale con un tempo di raddoppio di circa 5,2 ± 0,4 anni. Di conseguenza, il vDFR è di un ordine di grandezza superiore nella popolazione più anziana rispetto al valore di tutta la popolazione, raggiungendo lo 0,6% per il gruppo di età 80+ anni in Israele e l’1% per il gruppo di età 85+ anni in Australia, rispetto a < 0,01% per i giovani adulti (< 45 anni). I nostri risultati implicano che è stato imprudente dare priorità alla vaccinazione di coloro che sono ritenuti più bisognosi di protezione.

Lo studio integrale può essere scaricato qui

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments