“Data l’ostilità che Putin ha generato con l’invasione dell’Ucraina, i leader occidentali potrebbero non essere in grado di far rientrare la Russia dal freddo. Ma se isoliamo la Russia e la spingiamo fuori dall’Occidente, Mosca ha solo una direzione verso cui andare: a est, verso la Cina.”

Vi propongo nella mia traduzione l’opinione di Patrick Buchanan, un politico statunitense. Egli è stato consigliere dei presidenti statunitensi Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan. L’articolo è ripreso dal suo blog

 

 

“La scomparsa dell’Unione Sovietica è stata la più grande catastrofe geopolitica del secolo”, ha dichiarato il nuovo sovrano russo Vladimir Putin nel suo discorso sullo stato della nazione del 2005.

“Per il popolo russo”, ha proseguito Putin, “si è trattato di una vera e propria tragedia. Decine di milioni di nostri concittadini e compatrioti si sono trovati ai margini del territorio russo”.

Dal punto di vista di Putin, la dichiarazione era allora e rimane oggi comprensibile.

Considerate. Quando Putin entrò nei servizi segreti del suo Paese, Berlino si trovava a 110 miglia di profondità all’interno della Germania Est occupata dai sovietici. Polonia, Cecoslovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria erano Stati membri del Patto di Varsavia.

Lituania, Lettonia ed Estonia erano repubbliche dell’URSS. L’Ucraina era la più popolosa ed etnicamente più vicina alla Russia.

E oggi? Berlino è la capitale di una Germania unita, libera e democratica, membro della NATO, che sta iniziando una campagna di riarmo innescata dall’invasione dell’Ucraina da parte di Putin.

Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria sono membri dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico guidata dagli Stati Uniti.

Anche le ex repubbliche sovietiche Lituania, Lettonia ed Estonia fanno parte dell’alleanza occidentale creata per contenere la Russia.

Svezia e Finlandia, neutrali durante la Guerra Fredda, stanno facendo domanda di adesione alla NATO.

L’Ucraina, sostenuta dagli Stati Uniti e dalla NATO, sta combattendo una guerra per spingere l’esercito russo fuori dal suo territorio, una guerra che ha il sostegno di quasi tutti i Paesi del continente europeo.

Persino le cadute degli imperi britannico e francese alla fine della Seconda Guerra Mondiale non sono paragonabili, come disastri geostrategici, al crollo dell’Impero sovietico e alla disgregazione dell’Unione Sovietica dopo la fine della Guerra Fredda.

Come va la guerra russa in Ucraina iniziata il 24 febbraio?

La Russia ha ampliato il territorio che controlla in Crimea e nelle enclave di Luhansk e Donetsk nel Donbas. E ora, con la caduta di Mariupol, Mosca controlla l’intero Mar d’Azov e ha completato il suo ponte terrestre dalla Russia alla Crimea.

Ma la Russia non è riuscita a catturare le città più grandi dell’Ucraina, Kyiv e Kharkiv, ed è stata costretta dall’esercito ucraino a ritirarsi, e Putin ha visto le sue forze umiliate più volte.

Eppure, oggi la Russia rimane una grande potenza.

La più grande nazione del mondo, con un territorio doppio rispetto a quello degli Stati Uniti, ha il più grande arsenale nucleare del mondo e supera gli Stati Uniti e la Cina in armi nucleari tattiche. Possiede vaste distese di terra e giace su enormi depositi di minerali, carbone, petrolio e gas.

Ma la Russia presenta anche evidenti debolezze e crescenti vulnerabilità.

Mentre Putin ha costruito forze impressionanti nell’Artico, il Mar Baltico, con l’ingresso della Finlandia e della Svezia nell’alleanza occidentale, sta diventando un lago della NATO. Le navi da guerra russe che partono da San Pietroburgo per raggiungere l’Atlantico devono attraversare le difese costiere di 11 nazioni NATO presenti o future: Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania, Svezia, Polonia, Germania, Danimarca, Norvegia, Gran Bretagna e Francia.

Tra le domande a cui la Russia, ridotta in molti modi al grande rivale statunitense della Guerra Fredda che era un tempo, deve rispondere c’è: “Quo Vadis?”.

Dove va la Madre Russia da qui in poi?

Amareggiati per le perdite subite negli anni della Guerra Fredda e del post-guerra fredda, molti nazionalisti russi spingono il regime ad allinearsi con l’attuale grande potenza antagonista degli Stati Uniti, la Cina di Xi Jinping.

Questa è la ricetta per una seconda guerra fredda, ma in che modo questa guerra sarebbe utile alla nazione russa e al suo popolo?

In qualsiasi alleanza Russia-Cina, non c’è dubbio su chi sarà il partner principale. E non saranno gli Stati Uniti a desiderare e a volere un giorno controllare le risorse della Russia da Novosibirsk al Mare di Bering.

La popolazione cinese di 1,4 miliardi di persone è 10 volte quella russa. A est degli Urali, la popolazione cinese è da 50 a 100 volte quella russa in Siberia e in Estremo Oriente.

Che ne è di una distensione tra Stati Uniti e Russia come futuro di Mosca piuttosto che della Seconda Guerra Fredda?

Durante alcuni dei giorni più freddi della Guerra Fredda, presidenti statunitensi come Dwight Eisenhower, Richard Nixon e Ronald Reagan cercarono di trovare un terreno comune su cui posizionarsi con la Russia per evitare il conflitto.

Ike invitò il “Macellaio di Budapest”, Nikita Kruscev, per una visita di 12 giorni negli Stati Uniti nel 1959. Nixon avviò una “distensione” con Leonid Breznev, che aveva ordinato al Patto di Varsavia di schiacciare la “Primavera di Praga” nel 1968. Reagan e Mikhail Gorbaciov negoziarono lo smantellamento di un’intera classe di armi nucleari nel trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio del 1987.

Data l’ostilità che Putin ha generato con l’invasione dell’Ucraina, i leader occidentali potrebbero non essere in grado di far rientrare la Russia dal freddo. Ma se isoliamo la Russia e la spingiamo fuori dall’Occidente, Mosca ha solo una direzione verso cui andare: a est, verso la Cina.

In 230 anni, gli Stati Uniti non sono mai entrati in guerra con la Russia. Né con i Romanov né con gli stalinisti, né con i comunisti della Guerra Fredda né con i putiniani.

Gli interessi vitali degli Stati Uniti ci impongono di mantenere questa tradizione.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments