George Weigel, scrittore, amico e biografo di San Giovanni Paolo II, scrive una riflessione sul gesto coraggioso dell’arcivescovo Gomez nel far presente al Presidente Biden nel giorno dell’inaugurazione della sua presidenza che l’essere cattolico, come Biden dice di sé pubblicamente, comporta aderire alle verità che la Chiesa ha sempre insegnato, e non ignorarle, abbracciando tutto ciò che le contrasta. 

Ecco il suo articolo pubblicato su The First Thing, nella mia traduzione.

 

Arciv. Gomez - Card. Cupich
Arciv. José Gomez – Card. Blase Cupich

 

Durante il loro incontro annuale nel novembre dello scorso anno, una massa critica dei vescovi cattolici degli Stati Uniti ha riconosciuto che l’elezione di Joe Biden alla presidenza aveva portato la Chiesa a un punto critico.

Il presidente eletto aveva parlato a lungo, e con evidente sincerità, dei modi in cui la sua fede cattolica lo aveva sostenuto in tempi di grande sofferenza, compresa la morte della sua prima moglie e di suo figlio. Frequentava regolarmente la messa ed era famoso per vantarsi di portare con sé il suo rosario. Nella sua campagna del 2020, ha citato Papa Francesco, ha parlato spesso del suo affetto per le suore religiose e ha invocato la dottrina sociale della Chiesa come fonte delle sue posizioni politiche.

Eppure, durante la sua carriera al Senato e i suoi otto anni da vice presidente, Biden era diventato un sostenitore sempre più stridente dell’interpretazione più estrema del regime dell’aborto imposto al paese da Roe vs. Wade nel 1973 (sentenza della Corte Suprema che ha legalizzato l’aborto, ndr) e rafforzato da Planned Parenthood (multinazionale dell’aborto, ndr) contro Casey nel 1992. Era un avido sostenitore di Obergefell v. Hodges e del “matrimonio gay” (e ha officiato lui stesso una di queste cerimonie quando era vicepresidente). Non c’era alcuna distanza visibile tra le sue recenti posizioni politiche, da un lato, e quelle dei più aggressivi sostenitori LGBT e della “teoria gender” dall’altro. Inoltre, sembrava ignaro delle minacce che tutto questo poneva alla libertà religiosa delle istituzioni cattoliche e ai diritti di coscienza dei cattolici nell’assistenza sanitaria, nell’istruzione e in altri campi. Durante la campagna per le primarie del 2020, è arrivato a dire che, come presidente, avrebbe annullato l’esenzione dal mandato contraccettivo dell’Obamacare (che includeva alcuni contraccettivi abortivi) che l’amministrazione uscente aveva concesso alle Piccole sorelle dei poveri, che si rifiutavano di includere contraccettivi e abortivi nella copertura sanitaria dei loro dipendenti.

L’incontro dell’USCCB (Conferenza Episcopale USA, ndr) di novembre raggiunse quello che un vescovo in seguito descrisse come un “consenso fragoroso” sul fatto che fosse stato raggiunto un punto di svolta; un altro vescovo ha detto che l’incontro si è concluso con un “mandato forte e chiaro” per l’azione. Allora cosa fare?

Il presidente della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, l’arcivescovo José Gomez di Los Angeles, ha deciso di nominare un gruppo di lavoro sul coinvolgimento della nuova amministrazione, che avrebbe proposto un piano d’azione alla luce di questa sfida senza precedenti alla coerenza sacramentale e morale della Chiesa. Il gruppo di lavoro sarebbe stato presieduto dal vice presidente dell’USCCB, l’arcivescovo Allen Vigneron di Detroit; i suoi membri vescovi avrebbero incluso i presidenti delle commissioni permanenti dell’USCCB; e avrebbe fatto le sue raccomandazioni al presidente della conferenza Gomez il più presto possibile.

In due riunioni il gruppo di lavoro raggiunse rapidamente il consenso e formulò le sue raccomandazioni all’arcivescovo Gomez. Come Gomez ha poi riferito ai vescovi, il gruppo di lavoro propose due iniziative. La prima sarebbe stata una lettera al nuovo presidente da parte dell’Arcivescovo Gomez, scrivendo come pastore. La lettera avrebbe promesso sostegno alla nuova amministrazione nelle aree di accordo. Avrebbe identificato anche le politiche dell’amministrazione, compreso l’aborto, che i vescovi ritengono violino la dignità umana, e avrebbe sollecitato il nuovo presidente a rivalutare le sue posizioni su queste questioni. La seconda iniziativa proposta dal gruppo di lavoro era lo sviluppo di una dichiarazione della conferenza sulla coerenza eucaristica della Chiesa.

Quest’ultima deve ancora essere sviluppata – e lo sarà – ma l’arcivescovo Gomez è stato d’accordo con la raccomandazione del gruppo di lavoro che un approccio al nuovo presidente fosse fatto il più presto possibile. Piuttosto che una lettera, Gomez ha scelto di rilasciare una dichiarazione pubblica il giorno dell’insediamento del signor Biden.

Il giorno prima dell’inaugurazione, tuttavia, il cardinale Blase Cupich di Chicago e il cardinale Joseph Tobin di Newark (ambedue promossi cardinali da Papa Francesco, ndr) hanno fatto forti pressioni sull’arcivescovo Gomez affinché non facesse alcuna dichiarazione, così come ha fatto il nunzio apostolico negli Stati Uniti, l’arcivescovo Christophe Pierre. L’arcivescovo Gomez ha resistito a queste pressioni e ha pianificato di rilasciare la sua dichiarazione alle 9 del giorno dell’inaugurazione, tre ore prima del giuramento del nuovo presidente. Poi la Segreteria di Stato della Santa Sede è intervenuta, chiedendo che la pubblicazione della dichiarazione fosse ritardata. L’interpretazione caritatevole di questa interferenza senza precedenti nell’azione proposta da una conferenza nazionale dei vescovi è che essa rifletta una preoccupazione del Vaticano che la prima dichiarazione cattolica sul nuovo presidente provenisse dal papa stesso (come ha fatto poco dopo mezzogiorno del 20 gennaio, in un anodino messaggio di congratulazioni). Si potrebbe anche ipotizzare, non irragionevolmente, che siano state fatte rimostranze al Vaticano, e forse allo stesso Papa Francesco, da parte di alcuni di coloro che avevano cercato di spingere l’arcivescovo Gomez al silenzio.

Queste sono domande interessanti per il futuro.

In ogni caso, la dichiarazione dell’arcivescovo Gomez è stata rilasciata poco dopo che il presidente Biden ha completato il suo discorso inaugurale. Era chiaramente una dichiarazione pastorale, non un manifesto politico. Il suo tono era del tutto rispettoso e privo di clericalismo. Riconosceva la freschezza del nuovo presidente e la pietà espressa pubblicamente in “un tempo di crescente e aggressivo secolarismo nella cultura americana”. Si è impegnato a lavorare con l’amministrazione entrante sulle questioni che i vescovi hanno evidenziato nella più recente edizione della loro guida, Forming Consciences for Faithful Citizenship, come la politica di immigrazione, la riforma della giustizia penale, la lotta al razzismo e il sostegno dei poveri. Ha accolto “l’appello del presidente Biden per la guarigione (della frattura nel popolo, ndr) e l’unità nazionale” e ha proposto una conversazione con il nuovo presidente e l’amministrazione sui passi per costruire una cultura della vita negli Stati Uniti.

E la dichiarazione ha evidenziato adeguatamente la particolare gravità morale delle questioni relative alla vita, sottolineando che la licenza di aborto “non è solo una questione privata [ma] solleva preoccupanti e fondamentali questioni di fraternità, solidarietà e inclusione nella comunità umana”. Così, ha scritto l’Arcivescovo Gomez, la questione dell’aborto “è una questione di giustizia sociale”, perché gli americani “non possono ignorare la realtà che i tassi di aborto sono più alti tra i poveri e le minoranze, e che la procedura è regolarmente usata per eliminare bambini che sarebbero nati con disabilità”.

Secondo qualsiasi standard ragionevole, la dichiarazione dell’arcivescovo Gomez è stata equilibrata e misurata; senza la controversia che è scoppiata prima e dopo la sua pubblicazione, alcuni avrebbero probabilmente sostenuto che era troppo equilibrata e troppo misurata. La controversia, tuttavia, ha sottolineato la posizione ferma, chiara e inequivocabile della dichiarazione sulla “priorità preminente” delle questioni relative alla vita – e quindi ha accresciuto l’impatto di quelle parti della dichiarazione che i cardinali dissidenti possono aver trovato così discutibili da cercare di mettere a tacere l’intero documento.

Più tardi, il giorno dell’inaugurazione, il cardinale Cupich ha rilasciato una dichiarazione, seguita da una serie di tweet, deplorando la dichiarazione dell’arcivescovo Gomez come “sconsiderata”, una “sorpresa per molti vescovi” e il risultato di “fallimenti istituzionali interni” da parte della USCCB. Non è chiaro se questi duri giudizi riflettano l’opinione a Roma e a Chicago (città della diocesi del card. Cupich, ndr). In ogni caso, non sopportano un attento esame.

Il suggerimento (fatto dal card. Cupich, ndr) che l’arcivescovo Gomez stesse in qualche modo agendo indipendentemente dalla conferenza episcopale e quindi in modo irresponsabile è esso stesso ingiusto e irresponsabile. La dichiarazione dell’arcivescovo è stata elaborata in risposta alle raccomandazioni del gruppo di lavoro che aveva nominato a novembre. Quelle raccomandazioni a loro volta riflettevano l’ampio consenso tra i vescovi mostrato nella loro riunione di novembre. Inoltre, nell’identificare le aree di accordo e di disaccordo con l’amministrazione entrante, la dichiarazione non è andata oltre ciò che l’USCCB aveva detto per anni, persino per decenni. Suggerire che ci sia stato qualcosa di inedito qui è falsificare la storia. Ciò che era davvero senza precedenti, come l’arcivescovo Gomez ha sottolineato nella sua dichiarazione, era la situazione di un presidente degli Stati Uniti che professava un cattolicesimo devoto e sentito e tuttavia era pubblicamente impegnato a facilitare gravi mali morali. Non riconoscere questo fatto, e non affrontarlo con il nuovo presidente, sarebbe costato caro ai vescovi in termini di autostima e credibilità pubblica.

Nessun vescovo che abbia partecipato alla riunione dell’USCCB di novembre e abbia ascoltato attentamente le preoccupazioni espresse in quella sede avrebbe potuto essere sorpreso dal contenuto della dichiarazione dell’Arcivescovo Gomez. La dichiarazione rifletteva abbastanza precisamente i temi dominanti di quella riunione: Ci sono molte gravi questioni morali nel dibattito pubblico contemporaneo, ma le questioni della vita, come Papa Francesco stesso ha insistito, hanno la priorità perché toccano questioni fondamentali di dignità umana e i primi principi di giustizia. Alcuni possono essere stati sorpresi dal fatto che l’arcivescovo Gomez abbia avuto il coraggio di scrivere così apertamente al presidente Biden, e di farlo dopo essere stato pressato da due cardinali; ma qualsiasi sorpresa tradisce l’ignoranza dell’uomo. L’arcivescovo Gomez è una persona tranquilla e gentile che non cerca i riflettori; non è un twittatore incallito; non è polemico. Più che altro, però, è un uomo di profonda fede e solida pietà, che a novembre ha capito che era stato raggiunto un punto di inflessione e che la credibilità evangelica della Chiesa fosse in gioco per questo. Ha offerto un profilo di coraggio episcopale in un momento in cui pochi altri – i veri outsider in questo dramma – chiedevano (si spera senza riconoscere l’analogia) una ripresa dell’approccio accomodante nei confronti dei funzionari pubblici cattolici a lungo sostenuto da Theodore McCarrick (il cardinale ridotto allo stato laicale per abusi sessuali su minori e adulti, ndr), non ultimo durante le elezioni del 2004.

Negli ultimi mesi, è emerso un consenso tra i vescovi americani, compresa praticamente l’intera leadership episcopale della USCCB: mantenere una falsa facciata di unità episcopale non vale il sacrificio delle verità di cui la Chiesa deve parlare. Queste includono la verità sull’integrità sacramentale e la coerenza eucaristica della Chiesa stessa; le verità sull’inalienabile dignità e valore di ogni vita umana dal concepimento fino alla morte naturale; la verità sulla piena libertà religiosa e i diritti di coscienza di coloro che rifiutano di agire contro la dignità umana; e la verità sulla preoccupazione della Chiesa per la salute spirituale dei funzionari pubblici cattolici che, con qualsiasi grado di colpevolezza soggettiva, tuttavia facilitano gravi mali morali.

Nel suo spesso commovente discorso inaugurale, il presidente Biden ci ha chiamati a “porre fine a questa guerra civile che contrappone il rosso al blu” e ha dichiarato la sua convinzione che “possiamo farlo se apriamo le nostre anime invece di indurire i nostri cuori”. Dubito che l’arcivescovo José Gomez abbia ricevuto una copia anticipata del discorso del presidente. Ma, provvidenzialmente, la sua dichiarazione nel giorno dell’inaugurazione era un invito del pastore al presidente Biden a fare proprio questo: aprire la sua anima alla pienezza della verità cattolica. L’arcivescovo merita grande credito per aver avuto il coraggio di farlo, così come i molti, molti cardinali e vescovi che lo hanno sostenuto e che continueranno a lavorare per trasformare questo punto di inflessione in un momento di rinnovamento cattolico evangelico, a prescindere dai costi.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1