Un guerra insensata che si poteva benissimo evitare se solo gli accordi fossero stati rispettati. Zelensky potrebbe finirla in due ore, se volesse. E intanto i popoli stanno soffrendo. 

Un articolo di Dan Truitt, pubblicato su American Tinker. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Guerra Ucraina-Russia
Guerra Ucraina-Russia

 

In primo luogo, e cosa più importante, praticamente nessuno negli Stati Uniti ha capito bene, compresi gli organi di stampa conservatori e gli opinionisti. Putin è un delinquente, ma è un eccellente politico e un forte leader. E non è pazzo, come alcuni sembrano supporre. È un freddo, calcolatore, pensatore strategico che ha disciplinato la sua mente e il suo corpo per decenni. È un uomo che mette al primo posto la Russia. Pensate a Donald Trump senza tutta quell’aria calda, i Big Mac, e aggiungete la volontà di far fuori i suoi nemici.

Abbiamo promesso alla Russia che non avremmo espanso la NATO quando l’Unione Sovietica è caduta. Ci siamo rimangiati quella promessa e abbiamo incorporato quasi tutto il blocco orientale nella NATO.

Poi, dopo l’11 settembre, Bush II cancellò unilateralmente il trattato ABM del ’72, che fino ad allora aveva congelato lo sviluppo delle armi nucleari nell’Unione Sovietica e negli Stati Uniti, ponendo effettivamente fine alla corsa agli armamenti. La logica di Bush era che avevamo bisogno di sviluppare nuove tecnologie per le armi nucleari per sconfiggere il terrorismo. Come se volessimo bombardare Osama Bin Laden.

Anche la motivazione di Bush per l’espansione della NATO era il terrorismo. Così, Bush ha innescato una nuova corsa agli armamenti. Bush era un uomo rispettabile, ma più passa il tempo e più mi sembra un idiota assoluto.

L’Ucraina è appartenuta alla Russia per secoli. Hanno culture e lingue quasi identiche. Kiev era la capitale della Russia. La guerra di Putin è una guerra di difesa. La Russia (giustamente, secondo me) si sente minacciata dall’espansione della NATO. La Russia è una potenza continentale principalmente terrestre che desidera un cuscinetto con l’Occidente. L’Ucraina serve perfettamente a questo scopo.


Gli Stati Uniti hanno innescato un colpo di stato in Ucraina nel 2014, rovesciando il presidente democraticamente eletto che era favorevole alla Russia e installando un leader filo-occidentale e pro-NATO. Putin ha tenuto d’occhio l’Ucraina da allora, ma non ha osato fare nulla quando Trump era al potere perché temeva e rispettava Trump.

Così, Putin nel frattempo ha brillantemente aiutato a portare avanti una rivoluzione verde in Germania e altrove in Europa, lasciando l’Europa, con i suoi parchi eolici e pannelli solari, affamata di più energia, che hanno comprato dalla Russia sotto forma di gas naturale.

Trump ha ragione: Putin è un genio. Sfortunatamente, sembra che siamo in un periodo storicamente raro in cui i leader di 1,5 miliardi di persone, cioè l’Occidente, sono persone o incapaci, ottusi, senili, o una combinazione delle tre cose.

Ora che abbiamo il presidente Potted Plant in carica, Putin ha fatto la sua mossa. Per inciso, la storia è che la Russia ha annesso la Crimea alcuni anni fa. La versione di Putin è che i Crimeani hanno avuto un plebiscito, e oltre il 90% ha votato per lasciare l’Ucraina e unirsi alla Russia. Questo da solo dovrebbe darvi un’idea di quale paese disfunzionale sia l’Ucraina.

Putin non ha intenzione di “ricostituire l’Unione Sovietica”. Questa è una grossa bugia. Questa guerra è colpa dell’Occidente, non di Putin. In qualsiasi momento, avremmo potuto discutere questi problemi con lui. Invece di cercare legami più stretti con la Russia (come Trump stava tentando — ha persino parlato di sciogliere la NATO, dato che la Russia non è più una minaccia territoriale per l’Europa), ci inimichiamo costantemente la Russia con la nostra espansione NATO.

Quello che dovremmo fare è assicurare alla Russia che non siamo una minaccia, fare trattati con la Russia che ci avvicinano (dopo tutto, sono una nazione europea, cristiana ortodossa), e rivolgere i nostri sforzi uniti contro la vera minaccia: La Cina. Non avremmo potuto gestire meglio la situazione.

Contrariamente all’opinione popolare, gli ucraini non stanno assumendo una posizione eroica contro i russi. Si stanno facendo prendere a calci in culo. Si nascondono nei centri abitati, e la Russia, cercando di raggiungerli, sta uccidendo un sacco di civili come danno collaterale.

Stanno combattendo una guerra relativamente pulita (se esiste una cosa del genere) e tutto quello che Zelensky deve fare è incontrare Putin e accettare le quattro richieste di Putin:

  1. l’Ucraina non può unirsi alla NATO,
  2. le armi della NATO fuori dall’Europa orientale (onorando la nostra promessa all’allora leader russo Gorbaciov),
  3. il divieto di missili NATO a distanza di tiro,
  4. l’autonomia per le due province prevalentemente russe nell’Ucraina orientale.

I numeri 2 e 3 sono una richiesta piuttosto grande, ma qui si vede come Putin stesso potrebbe aver letto L’arte dell’affare: chiedere sempre più di quanto si vuole.

Zelensky potrebbe finirla in due ore, se volesse. Invece, sembra aver sviluppato un complesso di Churchill. Sta elemosinando soldi e armi, che prolungheranno lo spargimento di sangue. Nessuno sta riportando i miliardi in medicine, cibo e altri aiuti che i russi stanno spedendo in Ucraina.

Queste indicazioni le ricevo dalla stampa greca (io vivo qui), che è molto più imparziale, da persone all’interno della Russia e da ucraini che conosco. Ho anche visto il documentario di 4 ore di intervista a Putin di Oliver Stone, che è sbilanciato a sinistra, ma fornisce uno sguardo affascinante sull’essere umano di Putin. Ripeto: non è pazzo. Ha un senso dell’umorismo sorprendentemente buono. Solo per ricordare che non sono un fan.

Gli Stati Uniti non sembrano in grado di prendere a calci l’abitudine della guerra fredda di guardare la Russia come il nemico. Il nemico, la vera minaccia, è la Cina, non un paese di 125 milioni con un PIL inferiore a quello di 16 milioni di canadesi.

Mi chiedo cosa farà il presidente Potted Plant quando la Cina invaderà Taiwan? Questa sì che è una minaccia alla pace mondiale. Noi prendiamo quasi tutti i nostri microchip dai taiwanesi. Mi chiedo anche come sopravviveremo nei prossimi 3 anni con questo idiota nella Casa Bianca. La risposta, come sempre, è la preghiera e molto.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email