Una lista di preoccupazioni legittime sui vaccini COVID da mostrare a coloro che sono assolutamente sicuri della loro bontà e icurezza.  L’articolo è una bozza (si fa per dire) predisposta da Ashmedai (pseudonimo) pubblicata sul suo blog. Ve la presento nella mia traduzione. 

Vaccini-covid

 

Sorprendentemente, sento ancora molto di “non esiste un meccanismo plausibile che possa spiegare i vaccini covid che causano _____”. Per tentare di rimediare a questo, ecco una rassegna completa che tocca la maggior parte, se non tutti, la miriade di modi in cui i vaccini genetici contro il covid possono causare problemi.

Anche se questo diventerà in qualche modo tecnico, non importa se cogli tutte le sfumature. Questo è solo un tentativo di mettere insieme le varie categorie in cui è possibile classificare la miriade di potenziali danni indotti dal vaccino. Questo ha solo lo scopo di evidenziare gli aspetti problematici dei vaccini, non di impegnarsi in un’analisi approfondita che spieghi la logica tecnico scientifica alla base di essi. Puoi mostrarlo al tuo medico locale anche se non ne capisci nulla: se sta promuovendo i vaccini, allora dovrebbe essere in grado di capirlo e spiegartelo.

Per riassumere rapidamente come funzionano i vaccini: l’mRNA che codifica per la proteina spike a lunghezza intera del ceppo originale di Wuhan (con alcune piccole alterazioni), confezionato all’interno di nanoparticelle lipidiche (LNP), viene iniettato in una sospensione (il liquido). Gli LNP traghettano l’mRNA nelle cellule dove dirottano temporaneamente parti del “macchinario” cellulare (principalmente i ribosomi) che leggono/traducono il codice genetico per produrre proteine [che servono] ​​per produrre la proteina spike covid invece delle normali proteine ​​cellulari umane. Le proteine ​​spike, dopo essere state sintetizzate e ripiegate nella loro forma corretta, “nuotano” fino alla superficie della cellula dove sporgono dalla membrana cellulare. Strane proteine ​​spike sporgenti su quelle che dovrebbero essere cellule sane vengono individuate dalle cellule immunitarie circolanti e identificate come “estranee”, che porta il sistema immunitario ad attivare un’ampia gamma di meccanismi per affrontare le proteine ​​spike “nemiche”. Il risultato finale dell’attivazione immunitaria è la produzione di cellule immunitarie, come anticorpi e cellule B e T, che riconoscono, legano e/o neutralizzano le proteine ​​spike del covid, che saranno pronte e in attesa di neutralizzare rapidamente un’infezione da covid se dovesse verificarsi successivamente.

Dopotutto, non è così che funzionano in genere i vaccini, quindi cosa può andare storto?

Un bel po’, in realtà.

Componenti del vaccino

Sono state fatte molte scelte tattiche di progettazione nella creazione dei vaccini genetici per il covid, che si sono rivelati avere implicazioni significative per la sicurezza e l’efficacia (anche se non te ne rendi conto dal linguaggio sbandierato da tutti coloro che discutono dei vaccini che li fanno sembrare i farmaci più semplici e diretti mai prodotti).

(Ovviamente, la decisione più incisiva presa dai progettisti del vaccino è stata la scelta della proteina spike come parte del virus da utilizzare per l’effetto del vaccino. Ci arriveremo più avanti.)

Nanoparticelle lipidiche (LNP)

I vaccini utilizzano un LNP come veicolo di confezionamento e consegna per ottenere l’mRNA all’interno delle cellule umane. Questi LNP sono in realtà una combinazione di diversi composti lipidici.

Gli LNP hanno diverse caratteristiche allarmanti o sconosciute che non sono state adeguatamente studiate (se non del tutto). Se fossero stati seguiti gli standard di sicurezza di base per i nuovi prodotti biologici, nessuno di questi sarebbe irrisolto o problematico:

  • In primo luogo, le nanoparticelle di per sé possono essere dannose, soprattutto per organi sensibili come i tessuti riproduttivi, come documentato nello studio Potenziali effetti negativi delle nanoparticelle sul sistema riproduttivo .

  • Gli LNP utilizzati sono altamente infiammatori. L’infiammazione è un meccanismo distruttivo utilizzato dal sistema immunitario per uccidere gli agenti patogeni invasori e il tessuto malato, non qualcosa che si desidera provocare casualmente in qualsiasi parte del corpo in cui finiscono gli LNP.

  • Per fare in modo che gli LNP si leghino correttamente con i filamenti di mRNA, è stato necessario impiegare lipidi cationici – lipidi con una carica elettrica positiva. I lipidi cationici sono noti per essere tossici. per esempio, i nanocarriers a base di lipidi per la consegna di RNA riportano che “[una] molecola lipidica cationica può interrompere l’integrità della struttura di una membrana poiché assomiglia a un detergente. A bassa concentrazione, un lipoplesso costituito da molecole lipidiche cationiche può irritare la cellula esposta e causare vacuolizzazione del citoplasma, numero ridotto di mitosi e restringimento cellulare.

    Naturalmente, le formulazioni LNP utilizzate nei vaccini Pfizer e Moderna non sono state testate (almeno non in alcuna documentazione disponibile al pubblico) per vedere se la chimica “fissa” (un lipide cationico ionizzabile che avrebbe una carica neutra a PH neutro ) ostacolerebbe o non causerebbe una nuova serie di conseguenze indesiderate.

  • Uno dei composti lipidici utilizzati contiene PEG (polietilenglicole). Come ha sottolineato il Dr. Byram Bridle nella sua perizia a un tribunale canadese , “i topi C57BL/6 sono stati sottoposti a un’iniezione intraoculare di PEG8 per indurre la neovascolarizzazione della coroide (CNV) dopo l’attivazione del complemento ( modello murino indotto da glicole polietilenico (PEG) di neovascolarizzazione coroidale ), e può servire da modello per lo studio della degenerazione maculare della retina. È stato riportato che conigli con cintura olandese a cui è stato iniettato PEG400 hanno degenerazione e atrofia della retina 5 giorni dopo l’iniezione ( tossicità retinica del glicole polietilenico (PEG)-400 ). Entrambi questi studi dimostrano che i PEG di piccole dimensioni sono risultati tossici []”.

    Il Dr. Bridle continua osservando che “si pensava che i PEG avessero caratteristiche inerti. Tuttavia, è ora ampiamente riconosciuto che possiedono
    potenti proprietà immunogeniche. L’esposizione al PEG può provocare la produzione di immunoglobuline (Ig)M e IgG anti-PEG, che possono attivare il sistema del complemento e provocare anafilassi.

  • Il modo in cui gli LNP vengono metabolizzati e in quali composti si degradano gli LNP non sono adeguatamente caratterizzati.

  • L’efficienza e l’affidabilità dei processi di produzione commerciali utilizzati per realizzare gli LNP e metterli insieme all’mRNA non è verificabile attraverso la documentazione disponibile al pubblico, per non dire altro. E no, un’azienda manifatturiera che rilascia una dichiarazione non costituisce una “documentazione” che “verifica” qualcosa. (Fatto divertente: l’LNP viene effettivamente creato creando una sorta di grande zuppa chimica in cui i vari composti lipidici “si autoassemblano” attorno ai filamenti di mRNA.) Esploreremo il processo di produzione più avanti.

mRNA

L’mRNA non è un’entità monolitica. C’è un’enorme quantità di delicate sfumature nella progettazione delle molecole di mRNA. (Per gli accademici avventurosi, l’ingegneria degli attuali vaccini mRNA-LNP modificati con nucleoside contro SARS-CoV-2 fa un lavoro decente nello spiegare l’architettura del vaccino mRNA.) L’mRNA utilizzato dai vaccini in realtà è radicalmente diverso per alcuni aspetti da ‘ mRNA normale prodotto e utilizzato dalle cellule umane, che danno origine a una serie di potenziali complicazioni dovute a una chimica biologica inattesa o imprevista:

    • L’ottimizzazione dei codoni (per i nostri scopi) si riferisce alla modifica dei codoni utilizzati dal virus in codoni che “funzioneranno meglio” nelle cellule umane. I progettisti del vaccino hanno fatto un uso generoso di questa tecnica. Questo nonostante sia noto che le alterazioni del codone possono causare problemi, ad esempio sostituzioni di codoni sinonimi perturbano il ripiegamento della proteina co-traslazionale in vivo e compromettono la forma fisica cellulare. In particolare per quanto riguarda i vaccini covid, il dottor Peter McCullough (e pochi altri) ha pubblicato uno studio che esplora alcuni dei potenziali impatti negativi delle ottimizzazioni del codone: Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 mRNA Vaccinations: The role of G-quadruplexes , esosomi e microRNA.

    • Cappucci analogici di mRNA – i filamenti di mRNA sono ricoperti sull’estremità anteriore con un cappuccio a cinque primi (5′) e sull’estremità posteriore con una regione non tradotta a tre primi (3’UTR). Queste regioni influenzano o regolano varie caratteristiche della proteina sintetizzata dal filamento di mRNA, una specie di manuale di istruzioni che detta le specifiche di come si desidera che questa proteina sia prodotta (pensa a un’auto o a un mobile che può essere realizzato secondo specifiche diverse per adattarsi a diversi scopi unici). Questi cappucci sono anche fondamentali per la vitalità e la qualità dell’mRNA – come afferma un produttore, “Il corretto capping dell’mRNA è fondamentale per la produzione dell’mRNA più biologicamente attivo e meno immunogenico”.

      Naturalmente, i progettisti del vaccino sono andati all-in e hanno scelto le “istruzioni” più aggressive possibili: massima velocità di traduzione, massima efficienza di traduzione (ridurre al minimo gli errori di traduzione), quantità massima di traduzione, tra le altre “specifiche” selezionate. L’impatto di questa combinazione innaturale di scelte, ovviamente, non è stato testato. Il Dr. McCullough con il Dr. Anthony M Kyriakopoulos ha pubblicato un breve articolo che tocca alcune delle considerazioni implicate dalla progettazione dei cappucci analogici dell’mRNA, L’elevata affinità di legame dei cappucci analogici con l’elF4E obbedisce alle leggi della termodinamica per la salute cellulare? (che purtroppo non è scritto in un inglese funzionale e leggibile dai profani).

    • Trascrizione inversa dell’mRNA nel DNA. Questo è davvero possibile. È stata documentata la trascrizione inversa dell’RNA virale covid nel DNA, l’RNA SARS-CoV-2 trascritto inversa può integrarsi nel genoma delle cellule umane in coltura e può essere espresso in tessuti derivati ​​​​dal paziente (gli autori teorizzano che questo potrebbe essere un motivo per cui le persone continuano a risultare positive ai test PCR mesi dopo che l’infezione da covid è stata risolta ed eliminata dal corpo).

      Lo studio peggiore della malattia? La revisione di alcune possibili conseguenze indesiderate dei vaccini mRNA contro COVID-19 fornisce “uno scenario plausibile, supportato da percorsi precedentemente stabiliti per la trasformazione e il trasporto di materiale genetico, per cui l’mRNA iniettato potrebbe alla fine essere incorporato nel DNA delle cellule germinali per la trasmissione transgenerazionale”.

      Quindi è innegabilmente plausibile che questo possa accadere anche all’mRNA vaccinale. Il potenziale impatto di ciò, o anche il grado in cui ciò si verifica, è ovviamente sconosciuto anche a causa della mancata conduzione degli studi farmacocinetici necessari che potrebbero risolvere tali ambiguità. (una ultima conferma la trovi qui, ndr)

 

Spike di proteine

Come tutti sanno, i vaccini genetici covid codificano per una versione modificata della famosa proteina spike. La maggior parte delle persone, tuttavia, compresi e forse soprattutto i professionisti medici, non sanno che la proteina spike è una proteina incredibilmente tossica e biologicamente attiva. Pertanto, lo spettro di un ampio spettro di danni biologici inflitti dalle proteine ​​spike circolanti è ben fondato e fortemente indicato.

Questo fatto saliente è di per sé sufficiente a togliere i vaccini genetici covid dal loro stato di “vaccino”. Lo scopo principale di un vaccino è ottenere un’esposizione immunitaria all’antigene/agente patogeno senza i rischi associati all’infezione con il virus vivo o la malattia. Un vaccino composto da una proteina potentemente tossica ed energeticamente bioattiva non è un vaccino secondo nessuna definizione convenzionale.

(In effetti, lo studio Le indagini complete hanno rivelato alterazioni fisiopatologiche coerenti dopo la vaccinazione con i vaccini COVID-19 in realtà hanno riportato che “oltre alla generazione di anticorpi neutralizzanti, alterazioni coerenti dell’emoglobina A1c, livelli sierici di sodio e potassio, profili di coagulazione e funzioni renali in volontari sani dopo la vaccinazione con un vaccino SARS-CoV-2 inattivato. Cambiamenti simili erano stati riportati anche nei pazienti COVID-19, suggerendo che la vaccinazione imitava un’infezione”. O lo studio “Sindrome del mimetismo Covid-19 indotto dal vaccino” [ecc]: – Il titolo dice tutto. E la prestigiosa pubblicazione scientifica Nature ha finalmente ammesso (anche se con molta cautela) a nome dell’establishment medico che long-vax è notevolmente simile a long-covid in un raro sguardo critico sui vaccini: in rari casi, i vaccini contro il coronavirus possono causare Long Covid-like sintomi. Il risultato di tutto questo è che i vaccini covid possono causare uno stato patologico notevolmente simile alla malattia covid causata dal virus SARS-CoV-2 da cui questi vaccini stanno cercando di proteggerti.)

Come potrebbe verificarsi una simile svista? Ebbene, quando sono stati progettati i vaccini contro il covid, non sapevamo che la proteina spike era il pezzo di covid che ha causato la maggior parte del danno. Nei mesi successivi dopo che i vaccini erano già in fase di sperimentazione sull’uomo, la letteratura medica ha iniziato a capirlo, ma a quel punto era troppo tardi per riprogettare i vaccini (per le agenzie farmaceutiche e governative che erano andate all-in sul vaccino come rampa di uscita da covid).

Si spera che l’apparente follia di progettare un vaccino contro un virus senza comprenderne la patologia dovrebbe almeno essere ovvia in futuro.

Ecco un elenco parziale di studi che documentano la tossicità e la bioattività delle proteine ​​spike:

  1. La proteina spike di SARS-CoV-2 induce l’infiammazione endoteliale attraverso l’integrina α5β1 e NF-κB

  2. La proteina S1 di SARS-CoV-2 attraversa la barriera ematoencefalica nei topi

  3. La proteina Spike SARS-CoV-2 altera la funzione endoteliale attraverso la downregulation di ACE 2

  4. La proteina spike SARS-CoV-2 altera la funzione di barriera nei modelli in vitro 2D statici e 3D microfluidici della barriera ematoencefalica umana

  5. La proteina della punta SARS-CoV-2 suscita la segnalazione cellulare nelle cellule ospiti umane: implicazioni per le possibili conseguenze dei vaccini COVID-19

  6. Produzione esagerata di citochine nelle cellule mononucleate del sangue periferico umano da parte della glicoproteina S1 della spike SARS-CoV-2 ricombinante e dalla sua inibizione da parte del desametasone

  7. Fai attenzione alla proteina spike SARS-CoV-2: c’è più di quanto sembri

  8. Persistenza della proteina SARS CoV-2 S1 nei monociti CD16+ nelle sequele post-acute di COVID-19 (PASC) fino a 15 mesi dopo l’infezione

  9. SARS-CoV-2 danno cardiaco diretto attraverso la fusione dei cardiomiociti mediata da spike

  10. La proteina Spike SARS-CoV-2 interrompe la funzione dei periciti cardiaci umani attraverso la segnalazione mediata dal recettore CD147: un potenziale meccanismo non infettivo della malattia microvascolare COVID-19

  11. Sindrome da “mimetismo Covid-19 indotto da vaccino”: le reazioni di giunzione all’interno del frame di lettura aperto di SARS-CoV-2 Spike provocano varianti della proteina Spike che possono causare eventi tromboembolici nei pazienti immunizzati con vaccini a base di vettori

  12. Il recettore di ingresso SARS-CoV-2 ACE2 è espresso su CD45 molto piccoli – precursori delle cellule ematopoietiche ed endoteliali e in risposta alla proteina della punta del virus attiva l’inflammasoma Nlrp3

  13. Le cellule staminali, progenitrici e immunitarie ematopoietiche umane rispondono ex vivo alla proteina della punta SARS-CoV-2

  14. La subunità della proteina spike SARS-CoV-2 S1 induce lesioni polmonari acute simili a COVID-19 nei topi transgenici Κ18-hACE2 e disfunzione della barriera nelle cellule endoteliali umane

  15. Segnalazione cellulare mediata da proteine ​​della punta SARS-CoV-2 nelle cellule vascolari polmonari

  16. Sovraregolazione del ligando 2 della chemochina (motivo CC) tramite una via di segnalazione spike-ACE2 del coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave

Menzione d’onore:

Non abbiamo ancora idea di quale sia la quantità di proteina spike prodotta dal meccanismo di terapia genetica di questi vaccini, solo che può essere enorme. Tuttavia, è ovvio che produrre miliardi (trilioni?) di proteine ​​altamente tossiche è altamente problematico.

 

Biodistribuzione

Detto in altri termini, dove finiscono nel corpo umano i sieri iniettati e le proteine ​​prodotte da questi vaccini? Questo è rilevante perché dove finisce qualcosa può fare la differenza se sarà tossico e quanto tossico o quale danno potrebbe essere o fare. Ci sono alcuni veleni di serpente che sono innocui se ingeriti ma letali se iniettati nel flusso sanguigno. Per sottolineare l’importanza della biodistribuzione, uno degli eroici medici militari informatori ha detto a Daniel Horowitz che lo studio di biodistribuzione Pfizer citato di seguito è fondamentalmente una tabella di marcia che prevede accuratamente le lesioni da vaccino che stanno vedendo.

Ad ogni modo, la risposta a questa domanda purtroppo è che vanno praticamente… ovunque. L’ormai famigerato studio sulla biodistribuzione della Pfizer che faceva parte di un pacchetto farmacocinetico fatto per il governo giapponese ha scoperto che gli LNP vanno ovunque e dovunque, con un’affinità speciale per il fegato, la milza e le ovaie.

 

Ops.

Sappiamo anche che le stesse proteine ​​​​spike circolano dappertutto, come è stato documentato da tutti i ricercatori di Harvard che cercano di stabilire un gruppo di controllo per i patologi che hanno trovato proteine ​​​​spike nei tessuti degli organi malati nelle autopsie.

Le proteine ​​​​spike sono state trovate anche negli esosomi circolanti (ad es. Cutting Edge: Circulating Exosomes with COVID Spike Protein Are Induced by BNT162b2 (Pfizer–BioNTech) Vaccination before Development of Antibodies: A Novel Mechanism for Immune Activation by mRNA Vaccines ) che possono essere escreti attraverso l’espirazione o altri meccanismi, fornendo plausibilità meccanicistica per la trasmissione o lo “spargimento” di proteine ​​spike da un individuo vaccinato ad altri.

Allo stesso modo, le proteine ​​della spike possono finire nel latte materno, come molte altre proteine ​​che circolano nel sangue della madre. (Per la cronaca, l’mRNA del vaccino può trovare la sua strada anche nel latte materno, come è documentato nell’appropriato titolo “La vaccinazione BNT162b2 induce la secrezione di anticorpi specifici per SARS-CoV-2 nel latte umano con un trasferimento minimo dell’mRNA del vaccino“.)

E poiché le proteine ​​spike sono molto evidenti nel plasma sanguigno, le banche del sangue sono probabilmente contaminate dalle proteine ​​spike che inducono i coaguli di sangue.

 

Come i vaccini coinvolgono il sistema immunitario

A differenza dei precedenti vaccini convenzionali, i vaccini genetici contro il covid differiscono notevolmente nel modo in cui interagiscono e interagiscono con il sistema immunitario. E, naturalmente, non abbiamo idea di quali saranno gli effetti di questo (in realtà ora ne abbiamo un’idea ed è piuttosto inquietante). Poiché questo abbraccia l’intero sistema immunitario, sarebbe una fatica irrimediabilmente di Sisifo cercare di coprirli tutti (e mi manca l’esperienza per farlo correttamente).

Malattie autoimmuni

La proteina spike ha epitopi (sezioni) condivisi con le normali proteine ​​umane. Pertanto, alcuni anticorpi prodotti contro la proteina spike possono anche colpire e distruggere le normali proteine ​​umane che sono abbastanza necessarie per la tua salute.

Gli anticorpi patogeni indotti dalle proteine ​​spike dei virus COVID-19 e SARS-CoV hanno scoperto che,

“questi anticorpi patogeni, attraverso un meccanismo di attacco automatico dipendente da anticorpi (ADAA), prendono di mira e si legano a cellule o tessuti ospiti vulnerabili come le cellule epiteliali polmonari danneggiate, avviano una risposta immunitaria di autoattacco e portano a condizioni gravi tra cui ARDS, rilascio di citochine e morte. Inoltre, gli anticorpi patogeni hanno anche indotto infiammazione ed emorragia dei reni, del cervello e del cuore. Inoltre, gli anticorpi patogeni possono legarsi ai tessuti fetali non maturi e causare aborti, travagli postpartum, nati morti e decessi neonatali di topi gravidi”.

Affrontando i livelli di anticorpi anti-sincitina e i problemi di fertilità e allattamento al seno, in seguito alla vaccinazione con mRNA BNT162B2 COVID-19 ha riscontrato un chiaro aumento relativo di ciò che stavano misurando come proxy per gli anticorpi anti-sincitina-1 tra pre-vaccinazione e post-vaccinazione (Figura 2B). (Questo è stato un pasticcio di studio orribilmente confuso e incoerente, per essere sicuro.)

Inoltre, gli anticorpi che il corpo produce per eliminare gli anticorpi contro la proteina spike (sì, esiste davvero, per quanto strano o controintuitivo possa sembrare a un profano) possono legarsi ai recettori ACE2 cruciali per i sistemi biologici critici. Come affermato da Sviluppo di autoanticorpi ACE2 dopo l’infezione da SARS-CoV-2 :

“Abbiamo ipotizzato che gli autoanticorpi contro ACE2 possano svilupparsi dopo l’infezione da SARS-CoV-2, come anticorpi anti-idiotipici contro gli anticorpi della proteina anti-spike. […] Molti pazienti con una storia di infezione da SARS-CoV-2 hanno anticorpi specifici per ACE2. I pazienti con anticorpi ACE2 hanno un’attività inferiore dell’ACE2 solubile nel plasma. Il plasma di questi pazienti inibisce anche l’attività esogena di ACE2. Questi risultati sono coerenti con l’ipotesi che gli anticorpi ACE2 si sviluppino dopo l’infezione da SARS-CoV-2 e diminuiscano l’attività di ACE2. Ciò potrebbe portare ad un aumento dell’abbondanza di Ang II, che provoca uno stato proinfiammatorio che innesca i sintomi di PASC.

Un altro percorso verso l’autoimmunità è discusso dal Dr. Byram Bridle nello stesso rapporto di cui sopra, dove dopo una lunga discussione sui vari percorsi attraverso i quali i vaccini possono indurre l’autoimmunità, conclude: “Questa è speculazione ma si basa su un enorme corpo di letteratura scientifica che esamina come iniziano le malattie autoimmuni. In particolare, ciò potrebbe potenzialmente accadere in uno qualsiasi dei tessuti seminati con il vaccino se iniziano a esprimere la proteina spike. Questo è certamente degno di indagine prima della vaccinazione di massa di bambini, adolescenti e giovani adulti in età fertile”.

Esistono anche altri meccanismi per cui un bolo improvviso e massiccio di anticorpi potrebbe essere dannoso anche senza un’affinità di legame selettiva con proteine ​​umane specifiche. E poiché questo ovviamente non è studiato in questi vaccini, stiamo volando alla cieca.

La mancanza di un patogeno complementare

A differenza di altri vaccini, e decisamente a differenza dell’infezione virale, con i vaccini genetici covid il sistema immunitario non vede mai un patogeno invasore. Piuttosto, accade solo attraverso un’esplosione improvvisa ed estrema di proteine ​​spike. In che modo questo potrebbe influire sull’allenamento del sistema immunitario? Questa è una buona domanda. Ma è innegabile che il sistema immunitario venga “riprogrammato” da questi vaccini. Allegato A: Il vaccino mRNA BNT162b2 contro SARS-CoV-2 riprogramma le risposte immunitarie sia adattive che innate. Ora, questo non doveva assolutamente accadere. E sì, questo non si è limitato alla risposta immunitaria al covid:

“È interessante notare, tuttavia, che il vaccino BNT162b2 ha anche modulato la produzione di citochine infiammatorie da parte delle cellule immunitarie innate dopo stimolazione con stimoli sia specifici (SARS-CoV-2) che non specifici (virali, fungini e batterici).”

Gli scienziati avrebbero dovuto essere più deferenti alla complessità del sistema immunitario che al loro stesso complesso di Dio. Forse sarebbero quindi più riluttanti a credere nella propria padronanza e capacità di manipolare selettivamente il sistema immunitario senza conseguenze impreviste.

Influenza del bioma cellulare alterato sul sistema immunitario

In che modo il dirottamento delle cellule con mRNA modificato da Gerry influisce sul sistema immunitario? Non sappiamo nemmeno la risposta a questo, né sappiamo come una qualsiasi delle altre caratteristiche modificate degli LNP o dell’mRNA o gli altri ingredienti nei vaccini possano innescare un’attività biochimica inaspettata (inaspettata per lo più dagli scienziati). Sarebbe stato utile eseguire alcuni test farmacocinetici per misurare vari biomarcatori che potrebbero almeno produrre un’immagine sgranata, ma la FDA ha deciso di non richiederlo. Tuttavia, abbiamo potenziato sinteticamente l’mRNA immunologicamente invisibile a causa di “modifiche” come l’m1Ψ.

mRNA o proteina spike assorbita dalle cellule fagocitiche

I fagociti sono cellule immunitarie che sono in qualche modo simili a Pacman, in quanto divorano particelle virali (e altre cose che non appartengono). Come affermato in precedenza, ora sappiamo che le proteine ​​spike persistono in diversi fagociti, in particolare in alcuni tipi di monociti, a volte indefinitamente. È possibile che anche gli LNP con mRNA penetrino o vengano inghiottiti dalle cellule immunitarie. Non sappiamo cosa stia necessariamente causando questo, e certamente non sappiamo quali potrebbero essere gli impatti di ciò. Sappiamo che alcuni monociti sembrano essere “attivati” dall’avere all’interno fastidiose proteine ​​​​spike per vomitare le citochine altamente infiammatorie ovunque, il che ovviamente non è esattamente uno sviluppo positivo.

LNP come adiuvante

I vaccini covid sembrano fare affidamento sugli LNP per fungere da adiuvante del vaccino, poiché sono molto pro-infiammatori di per sé (un adiuvante è qualcosa progettato per provocare il sistema immunitario a rispondere all’antigene o alle proteine ​​​​antigene in un vaccino). Inutile dire che non sappiamo cosa faccia una massiccia infusione di LNP pro-infiammatori altamente provocatori che vanno ovunque nel corpo alla rete estremamente complessa del sistema immunitario di vari tipi di cellule o come possa “educare male” il sistema immunitario in modi dannosi, come sopra indicato.

Gli effetti di tutto il resto sopra menzionato sul sistema immunitario

Qualsiasi delle numerose vie meccanicistiche di patogenicità enumerate fino a questo punto può facilmente coinvolgere il sistema immunitario in modi malsani. Certamente c’è un certo grado di grave soppressione immunitaria in atto in un numero significativo di persone, tanto che ora si parla di “Vaccino AIDS”. La vera esplosione della diagnosi di cancro e l’improvvisa e rapida metastasi di tumori in remissione o sotto controllo fa presagire minacciosamente uno tsunami di cancro che potrebbe porre fine a molte più vite di quanto abbia fatto il covid.

Produzione e amministrazione di vaccini

La produzione di terapie biologiche complesse è un processo straordinariamente sofisticato e delicato che richiede una tonnellata di competenze specializzate da parte di gran parte del personale coinvolto nel processo di produzione. È quindi altamente regolamentato dalla FDA (e da altre agenzie di regolamentazione medica in tutto il mondo), perché anche un piccolo inconveniente o errore può contaminare o rovinare il prodotto finale.

Quindi la produzione dei vaccini contro il covid è andata così lontano? Diamo un’occhiata:

Snafu di produzione

Considera i seguenti eventi:

Hanno risolto adeguatamente qualcuno di questi problemi? Questi problemi erano problematici altrove ma non sono stati scoperti? Naturalmente, le aziende e le persone coinvolte (implicate?) dicono di aver risolto i problemi e che tutti i problemi erano limitati a dove sono stati eliminati, ma questa non è esattamente una prova. Considerando che sembrano esserci ovunque problemi di produzione ricorrenti o persistenti, c’è motivo di sospettare che gli angoli tagliati possano comprendere anche i processi di produzione oltre ai test clinici.

C’è abbastanza per preoccuparsi che potrebbero esserci problemi di controllo della qualità con l’aumento improvviso e rapido senza precedenti della capacità di produzione di un nuovo prodotto biologico.

I risultati del mondo reale sembrano confermare questa preoccupazione. Il British Medical Journal ha documentato una gamma molto significativa di incoerenze tra i diversi lotti di vaccino: BMJ: documenti trapelati mostrano che alcuni dei primi lotti commerciali del vaccino covid-19 di Pfizer-BioNTech avevano livelli di mRNA intatto inferiori al previsto – La fuga di dati EMA covid-19, e cosa ci dice sull’instabilità dell’mRNA | Il Bmj . Alcuni dei più grandi chimici in Germania hanno scritto una lettera al CEO del partner di Pfizer BioNTech, i chimici tedeschi hanno scritto una lettera a BioNTech chiedendo informazioni sulle “impurità” che hanno portato Pfizer Vax a trasformare una “ombra di grigio” in merito. (Sebbene BioNTech abbia rilasciato una risposta respingendo le loro preoccupazioni, non risolviamo le indagini attraverso comunicati stampa di parti con un interesse acquisito nel risultato.)

E non è che l’incoerenza di produzione sia un problema nuovo: le nuove indagini sul controllo della qualità sui vaccini: micro e nanocontaminazione documentano ciò che suggerisce il titolo. La misurazione e l’analisi statistica completa, compresi i metodi bayesiani del contenuto di alluminio dei vaccini infantili, hanno scoperto che dei tredici vaccini per infanti testati, “solo tre vaccini contenevano la quantità di alluminio indicata dal produttore. Sei vaccini contenevano una quantità maggiore statisticamente significativa (P <0,05) mentre quattro vaccini contenevano una quantità inferiore statisticamente significativa (P <0,05). Il range di contenuto per ogni singolo vaccino variava considerevolmente, ad esempio da 0,172 a 0,602 mg/vaccino per Havrix”.

Requisiti di archiviazione

I vaccini covid devono essere conservati a temperature estremamente basse per preservare l’integrità dell’mRNA (e anche di alcuni degli altri componenti o della chimica). Non vi è alcuna base per presumere che i requisiti di conservazione siano stati seguiti religiosamente. Il modo in cui normalmente teniamo traccia di questo genere di cose è testare casualmente i lotti in vari punti durante il trasporto, lo stoccaggio e lo scongelamento, cosa che ovviamente non viene eseguita. E anche se le autorità di regolamentazione volessero fare i test, non è chiaro se potrebbero farlo in modo efficace a questo punto, perché la FDA ha saltato la richiesta ai produttori di vaccini di eseguire un’analisi completa di quale sarebbe lo stato chimico dei vaccini a varie temperature, perché vari periodi di tempo e così via. In altre parole, non abbiamo nemmeno una chiara linea di base contro cui testare per verificare se per il vaccino nelle fiale sembra che ci sia stato un problema di mancato mantenimento dei parametri di conservazione prescritti.

E cosa succede se usiamo mRNA degradato non adeguatamente congelato? Buona domanda. Ad esempio, non abbiamo idea di quali potrebbero essere i risultati della traduzione di sezioni degradate dell’mRNA.

Amministrazione del vaccino

Ultimo ma non meno importante, c’è il buon vecchio errore umano. L’iniezione del vaccino non è così semplice come infilare l’ago nel braccio di qualcuno e premere lo stantuffo. Come la guida CDC COVID-19 Vaccine Administration Errors Revaccination Guidance document, c’è un intero assortimento di possibili errori che si possono fare.

E farli avere (il che non sorprende se si considera che le persone assunte non sono esattamente infermieri o professionisti sanitari di alto livello). Ci sono state una serie di avventure segnalate nella somministrazione errata del vaccino, come “Quasi 4.000 pazienti Kaiser potrebbero aver ricevuto un dosaggio errato del vaccino COVID nella Bay Area o “La clinica della Bay Area Sutter Health fornisce a 14 bambini una dose sbagliata del vaccino COVID“. Project Veritas ha rilasciato uno straordinario video che documenta alcune scioccanti bombe in cui i dipendenti non stavano seguendo le corrette indicazioni per la preparazione e la somministrazione dei vaccini covid (e questo era per i bambini ).

Infine, numerosi studi (ad es. L’iniezione endovenosa del vaccino mRNA COVID-19 può indurre miopericardite acuta nel modello murino) hanno suggerito che il rischio di miocardite è significativamente più alto quando il vaccino viene iniettato (accidentalmente) direttamente in un vaso sanguigno. Gli autori di questo studio concludono: “Questo studio ha fornito prove in vivo che l’iniezione endovenosa involontaria di vaccini mRNA COVID-19 può indurre miopericardite. Un breve ritiro dello stantuffo della siringa per escludere l’aspirazione del sangue può essere un possibile modo per ridurre tale rischio. Una risposta rapida alla vaccinazione SARS-CoV-2 e alla miocardite o miopericardite: studio di coorte basato sulla popolazione pubblicato sul BMJ ha suggerito allo stesso modo che “un fattore significativo che aumenta il rischio di miocardite o mioperidicite è la modalità e la procedura attuali con cui questi vaccini mRNA vengono somministrati ai pazienti. […] Se l’aspirazione non viene eseguita prima dell’iniezione, non c’è modo di verificare se si è verificata un’iniezione accidentale in un vaso sanguigno”.


Come è stato dimostrato, ci sono numerose preoccupazioni legittime con i vaccini covid genetici. Tuttavia, la base di tutte le affermazioni sulla sicurezza del vaccino in definitiva sono semplicemente l’opinione di esperti (e da esperti incredibilmente scadenti per l’avvio). L’opinione degli esperti non costituisce una prova clinica e non è certamente uno standard praticabile per giudicare il profilo di sicurezza di nuove terapie. Se l’opinione degli esperti fosse un metodo valido per valutare i problemi di sicurezza per i nuovi prodotti medici, la FDA potrebbe essere ritirata, poiché gli esperti presumono quasi sempre che i nuovi farmaci non avranno effetti collaterali imprevisti. Purtroppo, gli esperti raramente riconoscono i limiti delle proprie competenze e, di fronte a vis covid, sembrano ignari che ne esistano del tutto. Quindi dovremmo essere particolarmente cauti nel fatto che stiamo davvero aderendo all’etica fondamentale della medicina: “In primo luogo, non fare del male”.


Se qualcuno nota qualcosa che mi è sfuggito o che ho dichiarato in modo impreciso, non esitare a lasciare un commento.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email