Vi propongo nella mia traduzione un interessante articolo di Jeffrey A. Tucker, pubblicato su Brownstone Institute

 

isteria-di-massa conformismo regime

 

Guardando ai “tempi che furono” – cioè prima della metà di marzo 2020 – eravamo tutti piuttosto ingenui riguardo alla libertà, alla tecnologia, alla mafia e allo Stato. La maggior parte di noi non aveva idea di cosa fosse possibile e che le distopie dei film potessero diventare reali nel nostro tempo, e così all’improvviso. I giochi di società intellettuali erano finiti; la lotta si è riversata dalle aule alle strade.

È persino difficile per me ricreare il pensiero alla base della mia esuberante fiducia nel fatto che ci aspettava un futuro di pace e progresso per sempre, tempi in cui non riuscivo a concepire le circostanze che avrebbero interrotto l’intera traiettoria. Prima ero sicuro che lo Stato, così come lo conosciamo, si stesse sciogliendo poco a poco.

Ripensandoci, ero diventato come un Whig di stampo vittoriano che non aveva mai sognato che potesse scoppiare la Grande Guerra. A dire il vero, forse avevo ragione nella mia osservazione empirica che le istituzioni pubbliche stavano perdendo credibilità e lo stavano facendo da trent’anni. Eppure, proprio per questo motivo, era probabile che arrivasse qualche grande campagna di paura a interrompere la traiettoria. Non mi era venuto in mente che sarebbe riuscita così meravigliosamente.

L’esperienza ha cambiato tutti noi, rendendoci più consapevoli della profondità della crisi e insegnandoci lezioni che vorremmo non dover imparare.

 

#1 Il ruolo dell’informazione

La mia precedente ingenuità, credo, era dovuta alla fiducia che nutrivo nei flussi di informazione derivanti dallo studio della storia. Ogni dispotismo del passato è stato caratterizzato dalla mancanza di accesso alla verità. Per esempio, com’è possibile che il mondo abbia creduto che Stalin, Mussolini e Hitler fossero uomini di pace e potessero essere abilmente gestiti attraverso le relazioni diplomatiche? Perché la gente ha creduto ai resoconti del New York Times secondo cui non c’era alcuna carestia in Ucraina, che Mussolini aveva decifrato il codice per una pianificazione economica efficiente e che Hitler era esagerato ma sostanzialmente innocuo?

La mia opinione precedente era che non ne sapevamo di più perché non avevamo accesso a resoconti accurati. Lo stesso si potrebbe dire di altri casi eclatanti di dispotismo nella storia. L’umanità sguazzava nell’oscurità. Internet risolve tutto questo, o almeno così credevamo (io).

Ma si è rivelato un errore. La velocità e l’abbondanza di informazioni hanno di fatto amplificato gli errori. All’apice della risposta alla pandemia, chiunque avrebbe potuto consultare i dati demografici del rischio, i fallimenti della PCR e delle maschere, la storia e il significato dell’immunità naturale, le assurdità dei plexiglass e delle restrizioni di capacità, l’assoluta inutilità dei limiti di viaggio e dei coprifuoco, l’inutile brutalità della chiusura delle scuole. Era tutto lì, non solo su blog casuali ma anche nella letteratura scientifica.

Ma l’esistenza di informazioni corrette non era affatto sufficiente. È emerso (e forse ora è ovvio) che l’importante non è la disponibilità di informazioni in quanto tali, ma la capacità delle persone di formulare giudizi validi su tali informazioni. È questo che è mancato per tutto il tempo.

La paura localizzata, la germofobia parrocchiale, l’innumerazione generale, la fiducia superstiziosa nei talismani, il ritualismo senza senso e l’ignoranza a livello di popolazione dei risultati della biologia cellulare hanno avuto la meglio sull’argomentazione razionale e sulla scienza rigorosa. Si scopre che le inondazioni di informazioni, anche quando includono quelle accurate, non sono sufficienti a superare la debolezza di giudizio, la mancanza di saggezza e la codardia morale.

 

#2 Fiducia nelle Big Tech

Nei primi anni della loro fondazione, aziende come Google, Microsoft, Twitter e perfino Facebook avevano un’etica libertaria legata alle idee di disruption industriale, libero flusso di idee e partecipazione democratica. I media tradizionali erano terrorizzati. Siamo arrivati a vedere le nuove aziende come i buoni e i vecchi media come i cattivi. Ho scritto interi libri annunciando l’alba del nuovo, che a sua volta si collegava alla mia fiducia nel fatto che una maggiore informazione avrebbe permesso alle informazioni migliori di dominare il dibattito pubblico.

A un certo punto di questa traiettoria, tutte queste istituzioni sono state catturate da un’etica diversa. Le spiegazioni su come ciò sia avvenuto con precisione sono molteplici. In ogni caso, è successo, ed è diventato incredibilmente ovvio e doloroso durante la pandemia, quando questi amministratori delegati si sono impegnati volontariamente per amplificare le informazioni del CDC e dell’OMS, indipendentemente da quanto si rivelassero sbagliate. Più gli utenti si opponevano, più le tattiche brutali di censura e cancellazione diventavano la norma.

È chiaro che non l’avevo previsto, ma avrei dovuto farlo. La lunga storia della collaborazione tra grandi aziende e grandi governi dimostra come spesso lavorino mano nella mano (il New Deal ne è un esempio). In questo caso, il pericolo è diventato particolarmente pronunciato perché la Big Tech ha una portata molto lunga e profonda nelle nostre vite attraverso il tracciamento della posizione e le notifiche obbligatorie, al punto che quasi ogni americano porta con sé quello che si è rivelato uno strumento di propaganda e di conformità – l’esatto contrario della promessa iniziale.

Un altro esempio di grande impresa, forse il più importante, è stato Big Pharma, che probabilmente ha giocato un ruolo importante nelle decisioni politiche prese molto presto. La promessa che l’iniezione avrebbe sistemato tutto si è rivelata falsa, un fatto che molti non sono ancora disposti ad ammettere. Ma considerate il costo di questo errore di valutazione! È impensabile.

 

#3 Stato amministrativo rivelato

Esistono tre tipi di Stato: lo Stato personale, lo Stato eletto/democratico e lo Stato amministrativo. Gli americani pensano di vivere nel secondo tipo, ma la pandemia ha rivelato qualcos’altro. In uno stato di emergenza, è la burocrazia a governare. Gli americani non hanno mai votato per l’imposizione di mascherine, per la chiusura delle scuole o per le restrizioni ai viaggi. Sono stati imposti per editto da funzionari della “sanità pubblica” che sembrano entusiasti del loro potere. Inoltre, queste politiche sono state imposte senza un’adeguata consultazione. A volte è sembrato che le legislature e persino i tribunali fossero del tutto impotenti o troppo vigliacchi per fare qualcosa.

Questa è una grave crisi per qualsiasi popolo che si immagina libero. Gli Stati Uniti non sono stati fondati per essere così. Lo Stato amministrativo è un’invenzione relativamente recente, il cui primo dispiegamento risale alla Grande Guerra. È solo peggiorato.

L’apoteosi dello Stato amministrativo statunitense è stata sicuramente il periodo della pandemia. Questi tempi hanno rivelato che la classe “politica” non è molto di più di una facciata per qualcosa di molto meno responsabile. La situazione è peggiorata a tal punto che quando un giudice della Florida ha stabilito che un decreto del CDC non era conforme alla legge, il CDC si è opposto sostenendo che la sua autorità non può essere messa in discussione. Non è un sistema tollerabile. È difficile pensare a una priorità più alta che contenere questa bestia.

Ci vorrà un cambiamento di portata più ampia di un cambiamento nel partito che controlla la legislatura. Ci vorrà un cambiamento fondamentale, la creazione di muri di separazione, percorsi di responsabilità, limiti giuridici e, idealmente, l’abolizione di interi dipartimenti. Si tratta di un programma difficile, che non può essere realizzato senza il sostegno dell’opinione pubblica, che a sua volta dipende dalla convinzione culturale che non possiamo e non vogliamo vivere in questo modo.

 

#4 Il problema della disuguaglianza

Con la formazione in economia, non ho mai preso molto sul serio la questione della disuguaglianza di ricchezza in quanto tale. Che importanza può avere il “divario” tra ricchi e poveri finché c’è mobilità tra le classi? Non è che i poveri siano in qualche modo danneggiati dal fatto che altri siano ricchi; si può anche sostenere il contrario.

Ho sempre trovato l’idea stessa di classe largamente esagerata e persino irrilevante dal punto di vista dell’economia politica, un costrutto marxiano che non ha alcun impatto reale sull’organizzazione sociale. In effetti, ho a lungo sospettato che coloro che affermano il contrario si appellassero alla classe come a un modo per dividere l’ordine sociale che è altrimenti universalmente cooperativo.

E così sarebbe in una società libera. Oggi non è così. E questo lo sappiamo: la classe professionale esercita un’influenza spropositata sugli affari di Stato. Questo dovrebbe essere estremamente ovvio, anche se non sono sicuro che lo fosse per me prima del 2020. Abbiamo assistito al dispiegarsi di un sistema sociale coercitivo che ha favorito la classe professionale rispetto alla classe operaia, un gruppo reso quasi senza voce per quasi due anni.

Ora mi è molto chiaro perché una società con classi sociali radicate sia davvero importante per il funzionamento della politica. Senza mobilità di classe, sia verso l’alto che verso il basso, la classe dominante diventa protettiva nei confronti del proprio rango e teme profondamente di perderlo, fino al punto di promuovere politiche per consolidare i propri privilegi. L’isolamento era una di queste. È stata una politica costruita per impiegare le classi lavoratrici come sacchi di sabbia per sostenere il peso dell’immunità di gregge e mantenere i loro superiori puliti e protetti. È davvero impossibile immaginare che l’isolamento sarebbe mai avvenuto in assenza di questa stratificazione e ossificazione di classe.

 

#5 La mafia

Insieme alla mia fiducia nei flussi di informazione, c’è anche un senso implicitamente populista, ovvero che il popolo trovi risposte intelligenti a domande importanti e agisca di conseguenza. Credo di aver sempre accettato questo concetto come antecedente ideologico. Ma gli anni di Covid hanno dimostrato il contrario.

La folla si è scatenata in modi che non ho mai visto. Se cammini nella direzione sbagliata lungo il corridoio della spesa, ti aspetti di essere sgridato. Milioni di persone hanno messo le mascherine sul viso dei loro figli per paura. La cultura della conformità era fuori controllo, anche quando non c’erano prove che questi “interventi non farmacologici” raggiungessero il loro obiettivo. Le persone che non si adeguavano venivano trattate come diffusori di malattie, sottoposte a campagne di demonizzazione dall’alto che scendevano rapidamente fino ai guerrieri della giustizia della base.

Le divisioni culturali sono diventate così intense da mandare in frantumi famiglie e comunità. L’impulso alla segregazione e alla stigmatizzazione è diventato estremo. Si è trattato di infetti contro non infetti, di persone con mascherina contro persone senza mascherina, di vaccinati contro non vaccinati e, infine, di rossi contro blu – gravi accuse agli altri prodotte interamente in nome della gestione del virus. In verità, non avevo idea che una cosa del genere fosse possibile nel mondo moderno. Questa esperienza dovrebbe insegnarci che l’insorgere della tirannia non riguarda solo il dominio dall’alto verso il basso. Si tratta di una presa di potere dell’intera società da parte di una mania fabbricata.

Forse una forma di populismo ci porterà fuori da questo pasticcio, ma il populismo è un’arma a doppio taglio. È stato un pubblico terrorizzato a sostenere la risposta irrazionale al virus. Oggi i razionali sembrano essere più numerosi degli irrazionali, ma la situazione potrebbe facilmente capovolgersi.

Ciò di cui abbiamo veramente bisogno è un sistema sicuro per la libertà e i diritti umani, che protegga questi ideali anche quando la follia delle folle – o l’arroganza degli intellettuali o la bramosia di potere dei burocrati – vuole demolirli. E questo significa rivedere le basi stesse del tipo di mondo in cui vogliamo vivere. Ciò che un tempo credevamo fosse una questione consolidata è stato completamente stravolto. Capire come recuperare e ripristinare è la grande sfida dei nostri tempi.

Quindi, sì, come milioni di altre persone, la mia ingenuità è sparita, sostituita da una comprensione più dura e realistica delle grandi lotte che dobbiamo affrontare. Le persone in guerra in passato devono aver vissuto trasformazioni simili. Ci riguarda tutti, personalmente e intellettualmente. È il grande momento in cui ci rendiamo conto che nessun risultato è incastonato nel tessuto della storia. La vita che viviamo non ci viene concessa da nessuno. Dobbiamo costruirla da soli.

 

Jeffrey A. Tucker è fondatore e presidente del Brownstone Institute e autore di molte migliaia di articoli sulla stampa scientifica e popolare e di dieci libri in 5 lingue, il più recente Liberty or Lockdown. È anche l’editore di The Best of Mises. Scrive una rubrica quotidiana di economia su The Epoch Times e parla diffusamente di economia, tecnologia, filosofia sociale e cultura.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email