Un editoriale della giornalista Rebecca Weisser, pubblicato sullo Spectator, che parla dell’allarme segnalato sui rischi dei vaccini da voci autorevoli della medicina. 

 

Vaccino

 

Samuel Langley, l’inventore di una macchina “volante” catastroficamente incompetente è un esempio lampante di come i governi scelgano i perdenti.  Quando il suo mostro di 16 metri fu catapultato in aria nel 1903, precipitò immediatamente nel fiume Potomac come un Icaro obeso. Langley fu il beneficiario del tipo di generosità del governo e del boosterismo che ultimamente è stato profuso sui vaccini Covid dell’Operazione Warp Speed, ma almeno nessuno morì a causa della sua incompetenza. Lo stesso non si può dire dei vaccini Covid.

Negli Stati Uniti, il database ufficiale delle reazioni avverse a tutti i vaccini Covid ha ora registrato quasi 6.000 morti, solo nei primi cinque mesi. Confronta questo con il 2019, quando ci sono stati solo 605 morti segnalati in tutto l’anno, per tutti i vaccini messi insieme. Questo è più di un ordine di grandezza [in termini] di aumento. Ci sono stati anche quasi 330.000 rapporti di lesioni da vaccino, tra cui quasi 2.200 infarti, più di 1500 segnalazioni di coaguli di sangue combinati con piastrine basse e più di 15.000 rapporti di gravi reazioni allergiche. Sì, la correlazione non prova la causalità, ma eventi avversi su questa scala non sono mai stati visti prima, in più di 200 anni da quando il primo vaccino è stato inventato e devono essere adeguatamente indagati e spiegati.

Nel Regno Unito, la dottoressa Tess Lawrie, ricercatrice medica di livello mondiale basata sull’evidenza e consulente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha scritto all’Agenzia britannica di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari dicendo: “La MHRA ha prove più che sufficienti sul sistema del cartellino giallo (segnalazioni volontarie, ndr) per dichiarare i vaccini COVID-19 insicuri per l’uso negli esseri umani”. In meno di cinque mesi nel Regno Unito ci sono stati oltre 1.250 decessi e 888.000 reazioni avverse tra cui quasi 14.000 eventi di sanguinamento, coagulazione e ictus (856 fatali) che si sono verificati in quasi tutte le vene e arterie e ogni organo – cervello (152 fatalità), polmoni (103 fatalità), cuore (81 fatalità), milza, reni, ovaie e fegato. Ci sono stati anche quasi 55.000 rapporti di infezioni e disturbi immunitari, suggerendo fortemente l’immuno-compromissione indotta dal vaccino e la riattivazione di virus latenti con conseguente herpes zoster (qui e qui), paralisi di Bell e sindrome di Guillain-Barré. E ci sono stati 4.771 rapporti di danni alla vista, compresa la cecità. Nel database globale dell’ONU sono stati segnalati 6.500 morti e oltre un milione di feriti, la maggior parte tra gli individui di età compresa tra i 18 e i 64 anni e il 70% di donne.

Come possono i vaccini Covid infliggere così tanti e così diversi danni? Forse a causa di due presupposti fatalmente sbagliati: che la proteina spike è innocua e che rimane nel sito di iniezione. Una recente ricerca del Brigham and Women’s Hospital di Boston mostra che la proteina spike circola nel plasma di chi riceve il vaccino fino a 28 giorni e i ricercatori del Salk Institute hanno dimostrato che la proteina spike da sola, senza il virus, danneggia le cellule delle pareti dei vasi sanguigni, innescando la coagulazione e attaccando anche le piastrine, così che il sangue non può coagulare. La dottoressa Stephanie Seneff, ricercatrice senior del MIT, e il dottor Greg Nigh hanno esaminato le possibili conseguenze indesiderate dei vaccini mRNA, tra cui patologie acute e a lungo termine indotte, come disturbi del sangue, malattie neurodegenerative e malattie autoimmuni.

Le credenziali di coloro che lanciano l’allarme sono impressionanti. Mike Yeadon, il direttore scientifico che ha diretto la R&S alla Pfizer per 17 anni e un co-fondatore di Ziarco, una società biotecnologica che ha venduto alla Novartis per 1 miliardo di dollari, è profondamente preoccupato per il fallimento nel fare prove di sicurezza adeguate e dice che i tentativi di imporre i vaccini a coloro che non ne hanno bisogno – persone sane di 60 anni e meno – sta provocando morti evitabili e costituisce un crimine contro l’umanità.

Peter Doshi, uno dei redattori del British Medical Journal, il professor Peter Collignon dell’ANU e il professor Peter Gotzsche, cofondatore della Cochrane Collaboration, che ha aperto la strada alla medicina basata sull’evidenza, sono solo tre dei 27 medici, scienziati e professori che hanno presentato una petizione alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti, chiedendo all’agenzia di “rallentare e ottenere la scienza giusta” prima di concedere la piena approvazione ai vaccini, che i produttori stanno già cercando. Pensano che la base di prove esistenti non è abbastanza matura per giudicare se i benefici clinici superano i rischi in tutte le popolazioni e solo il tempo – e prove migliori – lo diranno.

Robert Malone è l’inventore dei vaccini mRNA quindi quando dice che c’è un problema con i vaccini mRNA, allora Houston, c’è un problema. Ha twittato questa settimana che sa che si verificano sindromi genetiche da vaccino post-COVID, ma non sa quanto siano gravi o quanto frequenti. Chiede cosa succederà alla fiducia nel governo degli Stati Uniti e nelle autorità di regolamentazione “se l’ivermectina si rivela sicura ed efficace per la COVID, e i vaccini genetici si rivelano avere significativi problemi di sicurezza?” aggiungendo, “questo sembra uno scenario molto plausibile da dove mi siedo”.

Sai che c’è qualcosa di disperatamente sbagliato in un trattamento medico salvavita quando non puoi darlo via durante una pandemia. Le autorità sanitarie pubbliche sono scese a corrompere i membri del pubblico con cibo spazzatura gratuito in cambio di un vaccino. Nel frattempo, Facebook è diventato il Glavlit della pandemia – l’organizzazione dell’ex Unione Sovietica che censurava tutte le pubblicazioni e le trasmissioni per i segreti di stato. Recentemente, ha cancellato gruppi di fino a 120.000 persone che condividevano [post] sugli effetti collaterali del vaccino. Eppure le storie orribili sono impossibili da sopprimere, da Eric Clapton che racconta come il vaccino ha esacerbato gravemente la sua neuropatia periferica a Lisa Shaw, una sana emittente della BBC di 44 anni che è morta dopo la vaccinazione, come Simone Scott, una ragazza sana di 19 anni che è morta di infiammazione cardiaca dopo essere stata vaccinata.

Solo nove giorni dopo l’ignominioso fallimento di Samuel Langley nel 1903, i fratelli Wright volarono nei cieli della Carolina del Nord senza un centesimo di sussidio governativo, sostenuti solo dalla loro ispirazione e sudorazione. Eppure i sostenitori di Langley si rifiutarono di ammettere la loro umiliante sconfitta, riprogettando il suo uccello che non poteva volare in modo che potesse volare, affermarono che aveva battuto i fratelli Wright e gli diedero il nome di un centro NASA, una base aerea dell’esercito e il quartier generale della CIA. Forse questo è stato profetico; ognuna di queste organizzazioni si è a volte impegnata in inganni e auto-inganni che hanno portato a rovinose calamità come il disastro dello Space Shuttle Challenger, la guerra in Iraq e l’invasione della Baia dei Porci. Solo dopo quasi un anno dalla morte di Orville Wright, nel 1948, l’aereo dei fratelli Wright fu appeso allo Smithsonian con un cartello che riconosceva il loro successo che avrebbe cambiato il mondo. Speriamo che non ci voglia così tanto per dire la verità sui perversi vaccini del Covid.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email