Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Phil Lawler e pubblicato su Catholic Culture. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vescovi

 

Dopo un’ordinazione episcopale, qualche tempo fa, ero seduto a pranzo con il vescovo appena consacrato, l’arcivescovo che lo aveva ordinato e diversi altri prelati anziani. L’arcivescovo si rivolse al suo giovane collega:

Ora che sei vescovo, ci sono due cose di cui non dovrai più preoccuparti. Non ti mancherà mai un buon pasto. E non sentirai mai la verità.

Stava scherzando. O lo era?

Siamo arrivati allo scorso fine settimana, quando ho cenato con un sacerdote che era stato assistente di un influente prelato. Mi ha ricordato quella conversazione precedente quando è scoppiato: “Nessuno dice mai la verità a un vescovo!”.

Il suo punto di vista era che è improbabile che un parroco dica al suo vescovo, in parole povere:

  • che il programma diocesano di educazione religiosa è una perdita di tempo – o peggio, una fonte di scandalo – e che i giovani che si presentano per la Cresima non sanno nulla della loro fede;
  • che il parroco di una parrocchia vicina insegna una palese eresia o commette gravi abusi liturgici;
  • che i sacerdoti hanno paura di predicare verità impopolari (sul matrimonio, in particolare), perché sanno che offenderebbero alcuni parrocchiani, i quali passerebbero a un’altra parrocchia dove “non si sente mai una parola scoraggiante”.
  • che il morale dei sacerdoti è basso, perché temono che se vengono accusati di cattiva condotta, il vescovo non li difenderà o non darà loro la possibilità di difendersi;
  • che l’istinto politico del vescovo è scarso e che i funzionari eletti si approfittano abitualmente di lui;
  • che i sacerdoti nelle parrocchie si lamentano ogni volta che ricevono un altro messaggio dalla cancelleria e considerano la burocrazia diocesana un ostacolo al loro lavoro pastorale.

Il mio amico si sbagliava? I vescovi sentono la verità dai loro stessi sacerdoti?

Mi viene in mente un’altra conversazione passata. In un’occasione, anni fa, dissi al mio vescovo che non avrei più partecipato alla liturgia domenicale della mia parrocchia geografica, perché gli abusi erano così evidenti che mi chiedevo se fosse una Messa valida. La sua risposta fu rivelatrice. Allungando le braccia, con i palmi rivolti verso l’alto, disse: “Phil, non fanno mai niente di sbagliato quando ci sono io”.

Certo che no. I potenti di quella parrocchia erano orgogliosi della loro liturgia all’avanguardia. Ma quando l’arcivescovo è arrivato in città, hanno abbassato i toni, in modo che lui non sapesse la verità.

Il punto fondamentale è che, per una serie di ragioni diverse, i sacerdoti potrebbero essere riluttanti a essere completamente onesti con i loro vescovi, perché la franchezza potrebbe metterli in difficoltà.

E i laici cattolici? A parte qualche rara eccezione (i dipendenti della Chiesa), non dobbiamo preoccuparci che un vescovo arrabbiato ci assegni a una parrocchia fatiscente nei boschi, o che il suo disappunto diminuisca le nostre prospettive di carriera. Non dovremmo essere tentati dal peccato – e sì, è un peccato – di adulazione. Eppure mi chiedo quanti laici cattolici siano sinceri con i loro vescovi.

(Con questo non intendo includere quelle persone che tendono un’imboscata al vescovo fuori dalle chiese prima o dopo le cerimonie liturgiche e lo tengono in ostaggio, esponendo le loro lamentele, finché un assistente non lo porta via. Questi incontri spiacevoli probabilmente diminuiscono la simpatia del vescovo per qualsiasi punto di vista queste persone stiano cercando di far passare; danneggiano la loro stessa causa).

D’altra parte, quando i laici cattolici cercano di “fare le cose nel modo giusto” e prendono un appuntamento per parlare con il loro vescovo, potrebbero imbattersi in guardiani che sono determinati a non permettere alcuna critica franca della politica o del personale diocesano. Troppo spesso ho sentito parlare – e ho vissuto io stesso – di situazioni in cui un laico cattolico ha dovuto negoziare con un sacerdote-segretario ciò che avrebbe o non avrebbe detto al vescovo; poi, quando finalmente l’udienza è stata concessa, il sacerdote-segretario era a portata di mano, pronto a guidare la conversazione lontano da qualsiasi sgradevolezza.

Tuttavia, quando si presenta un’occasione appropriata, i cattolici fedeli parlano onestamente? Quando il vescovo parla al gruppo pro-vita locale e pronuncia una dura condanna dell’aborto, gli attivisti lo applaudono per il suo coraggio o gli suggeriscono gentilmente di dire qualcosa sulla questione a un pubblico che non applaudirà? Quando ospita una cena per i maggiori donatori, gli faranno pressione affinché risolva i problemi finanziari a lungo termine della diocesi aumentando il numero di cattolici praticanti, cioè con l’evangelizzazione, piuttosto che chiudendo le parrocchie?

Infine, quando un cattolico sincero riesce a superare le difese e dice verità scomode, il vescovo lo ascolta? Per concludere, vorrei ricordare un’altra conversazione che ebbi da giovane con un politico che aveva svolto con successo due mandati come sindaco di una grande città. Mi diede questo prezioso consiglio:

Trova un buon amico, che non faccia parte del tuo settore di lavoro e che non possa trarre vantaggio personale dall’adulazione. Parlagli spesso. Ma ascoltalo ancora più spesso.

Phil Lawler

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments