Rilancio ampi stralci di un articolo scritto da Mike Whitney e pubblicato su The Unz Review. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa
Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa

 

“Il rifiuto delle risorse energetiche russe significa che l’Europa diventerà la regione con i costi energetici più alti del mondo. Questo minerà seriamente la competitività dell’industria europea, che sta già perdendo la competizione con le aziende di altre parti del mondo…. I nostri colleghi occidentali sembrano aver dimenticato le leggi elementari dell’economia, o semplicemente preferiscono ignorarle”.  Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa

 

Martedì la Russia ha annunciato una riduzione del 40% del flusso di gas naturale verso la Germania attraverso il gasdotto Nord Stream. L’annuncio, fatto da funzionari di Gazprom, ha fatto tremare il mercato europeo del gas, dove i prezzi sono saliti rapidamente a nuovi massimi. In Germania, dove i prezzi sono triplicati negli ultimi tre mesi, la notizia è stata accolta con un grido di orrore. Con un’inflazione già ai massimi da 40 anni, quest’ultima riduzione delle forniture porterà sicuramente l’economia tedesca in recessione o peggio. Tutta l’Europa sta ora sentendo l’impatto delle sanzioni sbagliate di Washington contro la Russia.

Gli Stati Uniti e i loro alleati europei hanno imposto più sanzioni alla Russia di qualsiasi altro Paese nella storia. Ma l’annuncio di martedì aiuta a capire chi sta effettivamente soffrendo per le sanzioni e chi no. La Russia non sta soffrendo, anzi, non sembra affatto turbata. Ha tranquillamente ignorato gli attacchi di Washington come si farebbe con una mosca durante un picnic in famiglia. Ancora più sorprendente è il fatto che le sanzioni hanno rafforzato il rublo, aumentato i ricavi delle materie prime, portato il surplus commerciale della Russia in territorio record e spinto i profitti di gas e petrolio nella stratosfera. Secondo ogni standard oggettivo, le sanzioni sembrano avvantaggiare la Russia, il che, ovviamente, è il risultato opposto a quello atteso.

Le sanzioni economiche di Washington contro la Russia: Successo o fallimento?

  1. La valuta russa (il rublo) è salita ai massimi degli ultimi cinque anni.
  2. Le materie prime russe stanno raccogliendo profitti inaspettati
  3. Si prevede che il surplus commerciale della Russia raggiungerà un livello record quest’anno
  4. Le vendite di petrolio e gas della Russia sono aumentate notevolmente

Non ci sono prove che le sanzioni di Washington abbiano raggiunto l’obiettivo di “indebolire” la Russia o di danneggiarne l’economia. Tuttavia, esistono prove considerevoli che le sanzioni si sono ritorte contro e hanno inflitto un pesante tributo ai loro sostenitori e al loro popolo. Sebbene sia difficile quantificare l’entità del danno, abbiamo cercato di identificare le categorie specifiche in cui l’impatto è stato più drammatico. Le sanzioni hanno:

  1. Ha innescato un forte aumento dei prezzi di cibo ed energia. (inflazione in aumento)
  2. Ha causato gravi interruzioni nelle linee di approvvigionamento globali (deglobalizzazione)
  3. Carenza di cibo notevolmente aumentata e probabilità di carestia
  4. Ha provocato un grave rallentamento dell’economia globale

Finora, la Russia ha sopportato questi attacchi con pazienza e senza alcuna risposta di ritorsione. Ma dobbiamo presumere che l’improvvisa riduzione del 40% dei flussi di gas verso la Germania, che dipende dall’energia, abbia lo scopo di inviare un messaggio. Si tenga presente che il Nord Stream 2 era un enorme progetto pluriennale da 10 miliardi di dollari per il quale la Russia era pienamente impegnata fino a quando la Germania non ha “tolto il tappeto da sotto i piedi a Putin” all’ultima ora. La Germania ha dimostrato che, quando il gioco si fa duro, Berlino è sempre disposta a marciare a braccetto con Washington piuttosto che rispettare i propri accordi commerciali o agire nell’interesse del proprio popolo. Ciò che la Germania sta scoprendo ora, tuttavia, è che fare il barboncino di Washington ha un prezzo molto alto.

Naturalmente, i media indicheranno come scusa un problema di manutenzione, ma quanto è credibile? Quante volte la fornitura di una risorsa vitale viene dimezzata a causa del malfunzionamento di un compressore?

Non spesso. La Russia sta inviando un messaggio semplice ma toccante alla Germania: “Hai fatto il tuo letto, ora dormici sopra”. La reazione della Russia è perfettamente normale dopo essere stata “pugnalata alle spalle”.

Le difficoltà della Germania sono solo all’inizio, perché non ha modo di compensare la carenza di energia che dovrà affrontare nel prossimo futuro; una carenza che provocherà blackout a catena, il congelamento delle case e l’inesorabile strangolamento dell’industria nazionale. Come il governo tedesco sta scoprendo, non esiste un sostituto valido per gli idrocarburi russi, che non sono né facilmente disponibili né di qualità adeguata alle particolari esigenze della Germania. In altre parole, gli Stati Uniti hanno indotto la Germania a seguire la strada della primogenitura, credendo che sarebbe bastato passare ad altri fornitori di energia perché tutto andasse bene. Non è certo questo il caso. La Germania e tutta l’Europa pagheranno l’energia più di qualsiasi altra regione del mondo, il che comprometterà gravemente la competitività dell’UE. Questo, a sua volta, porterà a un forte calo del tenore di vita e a un crescente disagio sociale.

Il Wall Street Journal vorrebbe farvi credere che la Russia è responsabile delle scelte sbagliate dell’Europa, ma non è vero. Putin non ha aumentato i prezzi. I prezzi sono aumentati in risposta all’aumento della domanda da parte dell’UE a causa delle carenze provocate dalle sanzioni. Come può essere colpa di Putin?

Non lo è. E lo stesso vale per i funzionari dell’UE che hanno accusato Putin di “ricatto”, un’affermazione priva di qualsiasi fondamento. Quando è stata formulata questa accusa, il prezzo del gas nell’UE era un terzo di quello attuale. È così che funziona il ricatto, facendo pagare meno del prezzo di mercato?

Ovviamente no. È ridicolo. L’Europa stava ottenendo un ottimo prezzo su una risorsa scarsa, finché non ha deciso di seguire il cattivo consiglio dello Zio Sam e di rovinarsi da sola. Ora stanno pagando a peso d’oro e possono dare la colpa solo a se stessi.

Sapevate che i leader dell’Unione Europea stanno già organizzando un razionamento dell’energia per quest’inverno?

È vero. L’Europa ha accettato di diventare un’altra culla degli Stati Uniti per eseguire fedelmente l’ambiziosa strategia globale di Washington.

Si sbaglia, vero? Non abbiamo “una crisi del petrolio, del gas e dell’elettricità”. Abbiamo una crisi politica. Tutte queste carenze possono essere facilmente ricondotte alle scelte insensate compiute da politici incompetenti al servizio di fantasisti neocon (i neoconservatori americani, ndr) che pensano di poter riportare indietro l’orologio ai tempi d’oro della supremazia globale americana. Ma quei giorni sono finiti, e tutti sembrano sapere che sono finiti, tranne il gruppo isolato di fanatici auto-illusi dei think tank di Washington e i loro figli politici al numero 1600 di Pennsylvania Avenue.

In conclusione: Avremmo fatto meglio ad ascoltare Kissinger, che ha consigliato ai suoi amici del World Economic Forum (WEF) di chiudere subito la guerra in Ucraina prima che la Russia facesse cambiamenti che non potevano essere annullati. Purtroppo, l’appello di Kissinger è caduto nel vuoto e Putin ha già iniziato a riorientare i suoi flussi energetici verso est.

Cosa significa?

Significa che l’inflazione continuerà a salire mentre le prodigiose forniture di greggio della Russia vengono reindirizzate verso est. Significa che Washington ha abbandonato il suo “progetto domestico” trentennale, la globalizzazione, e ha diviso il mondo in blocchi rivali. Significa che il dollaro, il mercato obbligazionario, il sistema finanziario occidentale e il cosiddetto “ordine basato sulle regole” – tutti indissolubilmente legati alla crescita economica che dipende quasi esclusivamente dalla disponibilità di energia a basso costo – cominceranno a scricchiolare sotto il peso delle decisioni politiche di teste piumate che hanno portato alla sicura rovina le nazioni dell’Occidente e i loro popoli.

Pagheremo a caro prezzo la presa di potere suicida di Washington.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments