Quella della reinfezione dopo la guarigione da COVID è una domanda che tanti si pongono. Risponde in maniera chiara, esaustiva e documentata il dottor Paul Alexander, epidemiologo. Il suo articolo Brownstone Institute. Eccolo nella mia traduzione.

 

Reinfezione dito fiamma scottatura

 

La comunicazione della salute pubblica dall’inizio di questa pandemia ha avuto molto poco da dire sull’immunità acquisita dopo l’infezione. Ma per la maggior parte delle persone, è una preoccupazione reale e pressante, e non solo a causa degli obblighi di vaccinazione che hanno poco o nessun riguardo per essa. La gente vuole sapere se una volta guarita può essere sicura di non prenderla di nuovo.

Tutti devono vivere nella paura per sempre o c’è una base per i guariti per vivere con fiducia?

Abbiamo esaminato le prove pubblicate e possiamo concludere, sulla base delle prove esistenti, che le reinfezioni sono molto rare, se non addirittura nulle, e basate tipicamente su pochi casi con conferma discutibile di un caso effettivo di reinfezione. (riferimenti  1234, 5678910, 1112, 1314, 1516171819, 20212223, 2425)

Colson et al. hanno pubblicato un documento molto interessante sulle prove di una reinfezione da SARS-CoV-2 con un genotipo diverso. Hanno cercato di dimostrare che lo stesso paziente è stato infettato in aprile, ha eliminato il virus, sieroconvertito (In immunologia, la sieroconversione è lo sviluppo di anticorpi specifici nel siero del sangue come risultato di un’infezione o di un’immunizzazione, ndr) , ma è stato “reinfettato quattro mesi dopo con una nuova variante virale. Le due infezioni riflettono i ceppi circolanti a Marsiglia nello stesso momento. È lo studio più completo in quanto ha documentato la sieroconversione dopo la prima infezione, ha mostrato genomi virali drasticamente diversi con 34 differenze nucleotidiche, e ha escluso errori di campioni con tecniche comunemente utilizzate per le identificazioni forensi”.

Questo studio merita una seria riflessione. Se è corretto, abbiamo almeno un caso ben documentato con una durata di 4 mesi tra le infezioni.

Tuttavia, uno studio molto recente in Qatar (Lancet) ha trovato che “l’infezione naturale sembra suscitare una forte protezione contro la reinfezione con un’efficacia ~95% per almeno sette mesi”. Hall in Lancet ha riportato lo stesso.

“Lo studio in Austria ha anche trovato che la frequenza di reinfezione da COVID-19 ha causato l’ospedalizzazione solo in cinque persone su 14.840 (0,03%) e la morte in una su 14.840 (0,01%)“.

Un recentissimo studio osservazionale britannico di Lumley pubblicato su CID (luglio 2021) ha esaminato l’incidenza dell’infezione da SARS-CoV-2 e della variante B.1.1.7 negli operatori sanitari in base allo stato degli anticorpi e della vaccinazione. “I ricercatori hanno analizzato le registrazioni di Curative, un laboratorio clinico con sede a San Dimas che è specializzato nei test COVID-19 e che durante la pandemia ha condotto uno screening di routine della forza lavoro. Nessuno dei 254 dipendenti che hanno avuto il COVID-19 e sono guariti si sono reinfettati, mentre quattro dei 739 che erano completamente vaccinati hanno contratto la malattia… dovrebbe dare fiducia alle persone che hanno recuperato che sono a bassissimo rischio di ripetere l’infezione e alcuni esperti, compreso me, credono che la protezione sia uguale alla vaccinazione”.

“Israel National News riporta che questi dati sono stati presentati al Ministero della Salute israeliano e hanno prodotto la seguente ripartizione delle infezioni di rottura di quelli vaccinati contro quelli con infezione precedente:

Con un totale di 835.792 israeliani riconosciuti guariti dal virus, i 72 casi di reinfezione ammontano allo 0,0086% delle persone che erano già infette da COVID.

“Al contrario, gli israeliani vaccinati avevano 6,72 volte più probabilità di essere infettati dopo l’iniezione che dopo l’infezione naturale, con oltre 3.000 dei 5.193.499, o lo 0,0578%, degli israeliani vaccinati che si sono infettati nell’ultima ondata… I ricercatori irlandesi hanno recentemente pubblicato una revisione di 11 studi di coorte con oltre 600.000 pazienti COVID guariti totali che sono stati seguiti per oltre 10 mesi. Hanno trovato che il tasso di reinfezione era solo lo 0,27% “senza che nessuno studio riportasse un aumento del rischio di reinfezione nel tempo”.

Il dottor Marty Makary della Johns Hopkins ha scritto che “la reinfezione è estremamente rara e anche quando accade, i sintomi sono molto rari o [questi individui] sono asintomatici”.

Il dottor Peter McCullough (comunicazione personale del 27 giugno 2021) consiglia: “Ho preteso che, se qualcuno propone un caso ricorrente [di reinfezione], siano rispettate le seguenti condizioni: 90 giorni tra le due malattie. Gli episodi presentino entrambi i segni e sintomi cardinali con test SARS-CoV-2 con almeno due o più risultati concordanti (ad esempio RT-PCR, antigene, sequenziamento). Che io sappia, questo non è mai successo. In una delle occasioni il primo o il secondo episodio è stato semplicemente un falso positivo alla PCR o un risultato anticorpale ambientemente positivo, senza alcuna sindrome clinica”.

Il Dr. Peter McCullough e il Dr. Harvey Risch (18 luglio 2021) hanno suggerito come un altro modello da considerare sia “Le persone hanno suggerito di richiedere più della positività nominale della PCR e di avere segni/sintomi per stabilire la reinfezione. Quindi, PCR Ct<25 in entrambi i casi, test anticorpali che confermano le infezioni, sintomi entrambe le volte, e separati da più di 90 giorni sono alcune considerazioni che la gente ha suggerito.”

È importante che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) abbia recentemente (10 maggio 2021 Scientific brief, WHO/2019-nCoV/Sci_Brief/Natural_immunity/2021.1) alluso a ciò che è stato chiaro per molti mesi (un anno ormai), ovvero che le persone si reinfettano molto raramente. L’OMS è molto in ritardo, ma meglio tardi che mai.

I punti chiave che sono stati indicati in questo briefing che spiccano e meritano una menzione (ancora una volta abbiamo sempre saputo questo e cercato di informare il CDC e l’OMS di questo nell’ultimo anno) è che:

i) Entro 4 settimane dall’infezione, il 90-99% degli individui infettati dal virus SARS-CoV-2 sviluppa anticorpi neutralizzanti rilevabili.

ii) I dati scientifici disponibili suggeriscono che nella maggior parte delle persone le risposte immunitarie rimangono robuste e protettive contro la reinfezione per almeno 6-8 mesi dopo l’infezione (il follow up più lungo con forti prove scientifiche è attualmente di circa 8 mesi).

iii) Gli studi mirati a rilevare la memoria immunologica, compresa la valutazione dell’immunità cellulare mediante test per la presenza di cellule B di memoria e di cellule T CD4+ e CD8+, hanno osservato una robusta immunità a 6 mesi dall’infezione nel 95% dei soggetti in studio, che comprendeva individui con infezioni asintomatiche, lievi, moderate e gravi.

iv) L’evidenza attuale indica che la maggior parte degli individui sviluppa forti risposte immunitarie protettive dopo l’infezione naturale con SARS-CoV-2.

Una discussione molto recente sul COVID-19 lieve che induce una protezione anticorpale duratura, si basa su una pubblicazione su Nature. La ricerca ha dimostrato che le persone che hanno avuto una malattia lieve sviluppano cellule che producono anticorpi che possono durare tutta la vita.

“Mesi dopo essersi ripresi da lievi casi di COVID-19, le persone hanno ancora cellule immunitarie nel loro corpo che pompano anticorpi contro il virus che causa la COVID-19, secondo uno studio dei ricercatori della Washington University School of Medicine di San Louis. Tali cellule potrebbero persistere per tutta la vita, producendo anticorpi per tutto il tempo”.

Per quanto riguarda Omicron, non vediamo dati o prove per concludere che l’immunità naturale sia stata violata. Infatti, crediamo, a meno che non ci venga dimostrato il contrario, che l’immunità naturale abbia effettivamente tenuto e funzionato meravigliosamente. Sulla base dei sintomi e delle sequele riportate, può essere considerato un “rechallenge” immunitario e non una reinfezione in buona fede.

Sulla base delle prove attuali, l’immunità naturale sta facendo il suo lavoro e l’immunità innata e l’immunità naturale stanno lavorando mano nella mano e Omicron ce lo dimostra. Il ruolo dell’immunità innata è quello di proteggere come prima linea di difesa e tipicamente completa il compito e specialmente nei bambini e nei giovani.

I migliori esperti di immunologia e virologia sostengono che più le varianti sono diverse l’una dall’altra, più l’immunità innata è responsabile della protezione incrociata. Il Dr. Geert Vanden Bossche (comunicazione personale 29 dicembre 2021) spiega che:

L’immunità innata e quindi gli anticorpi innati vengono “addestrati” e “imparano” con le riesposizioni. Gli anticorpi innati hanno un’ampia copertura e le cellule immunitarie innate che li secernono si adattano ai diversi stimoli a cui l’ospite viene esposto. L’esposizione ripetuta durante una pandemia avrà quindi come risultato un maggiore addestramento delle cellule B innate secernenti IgM. Questo costruisce la base per una prima linea di difesa immunitaria ampiamente protettiva che è in grado di affrontare tutti i tipi di varianti diverse. Questa protezione è probabilmente il pilastro chiave della protezione, specialmente durante una pandemia di varianti più infettive in continua evoluzione.

In caso di varianti altamente infettive (come Omicron), la prima linea di difesa immunitaria (Anticorpi innati) potrebbe non riuscire a catturare tutti i virioni abbastanza rapidamente da impedire l’ingresso del virus nella cellula (poiché quest’ultimo avviene in modo molto efficace: questo è per definizione il caso delle varianti altamente infettive). Quindi, l’immunità innata si occupa del picco della carica virale. Quindi, anche nei casi in cui il virus sfonda la difesa immunitaria innata, il decorso della malattia è mite perché gli Anticorpi acquisiti e altamente specifici arrivano in tempo per sopprimere l’infezione causata da quella specifica variante”.

Dobbiamo continuare ad esaminare la questione ed essere aperti in entrambe le direzioni. Tuttavia l’evidenza in toto indica una rarità o suggerisce che è molto limitata, e potenzialmente improbabile che accada del tutto.

 

 

Il dottor Paul Alexander è un epidemiologo che si concentra sull’epidemiologia clinica, sulla medicina basata sull’evidenza e sulla metodologia di ricerca. Ha una laurea in epidemiologia alla McMaster University e un master alla Oxford University. Ha conseguito il suo dottorato presso il Dipartimento di Metodi di Ricerca Sanitaria, Evidenza e Impatto della McMaster. Paul è un ex consulente dell’OMS e consulente senior del Dipartimento HHS degli Stati Uniti nel 2020 per la risposta al COVID-19.

 

 

Facebook Comments