Rilancio un articolo scritto da Oscar Silva-Valladares e pubblicato su The Ron Paul Institute. Eccolo nella mia traduzione. 

 

crisi economica fallimento

 

Con il protrarsi del conflitto ucraino, è emersa una domanda di fondo di dimensioni etiche a cui i politici europei dovranno presto rispondere: quanto è morale sostenere l’Ucraina “finché serve” contro la necessità di proteggere il benessere dei propri cittadini e il dovere costituzionale di seguire il mandato del proprio popolo, che è la regola fondamentale della democrazia?

L’appoggio cieco e senza riserve dell’Europa alle politiche statunitensi nel conflitto ucraino, e le terribili conseguenze economiche e politiche che ha scatenato, stanno portando l’architettura politica del continente a un momento cruciale che può essere risolto solo attraverso la fine del regime dell’Unione Europea (UE) e l’emergere di un nuovo e ancora indefinito accordo politico.

Scommettendo sulla sconfitta della Russia e sulla scomparsa di Vladimir Putin, l’UE ha seguito la guerra economica guidata dagli Stati Uniti contro la Russia attraverso sanzioni che ora superano di gran lunga quelle dirette contro qualsiasi altro Paese del mondo, ma che tuttavia hanno fallito. D’altra parte, al di là dell’impatto negativo sui consumatori e sulle piccole e medie imprese causato dall’aumento delle bollette energetiche, dall’inflazione generale e dalla prospettiva di una grave carenza di riscaldamento quest’inverno, le sanzioni dell’UE contro la Russia stanno causando danni irreparabili all’economia del continente.

Le aziende manifatturiere ad alta intensità energetica stanno fallendo o si stanno trasferendo all’estero, attratte dai costi energetici più bassi, provocando la chiusura di attività, il deterioramento dei saldi commerciali, una grave erosione della valuta euro, la perdita di posti di lavoro, la distruzione del vantaggio competitivo del continente nel settore manifatturiero costruito per decenni e un’inevitabile e grave recessione nei prossimi mesi. L’impatto politico e sociale complessivo di questi eventi sul futuro del continente non è ancora chiaro, poiché non si può sfuggire alla mancanza di risorse naturali.

Le decisioni dell’UE a sostegno dell’Ucraina sono state prese in nome della democrazia, dello stato di diritto e dei valori occidentali e contro un’azione militare della Russia considerata non provocata e illegale. L’UE sembra essere stata anche preoccupata per l’assestamento dei confini del secondo dopoguerra – o meglio delle frontiere nazionali che hanno seguito la fine della Guerra Fredda – e ha espresso timori infondati che le azioni della Russia in Ucraina siano il preludio di ulteriori aggressioni in Europa.

Nel profondo, attraverso le sue azioni contro la Russia, la psiche della leadership europea sembra aver avuto una liberazione catartica, scatenando una vecchia russofobia che si è manifestata in Europa nel corso di decenni, se non secoli, fondendo insieme la Russia zarista, l’Unione Sovietica e la Federazione Russa nel tentativo di ritrarre e convincere l’europeo medio di un’intrinseca malignità russa che deve essere sradicata una volta per tutte.

Nella sua difesa unilaterale dell’Ucraina, l’UE non è stata disposta a riconoscere e ad accettare il carattere di guerra civile del conflitto ucraino, le legittime preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza e i suoi continui avvertimenti al riguardo nel corso degli anni, lo sfondo storico di un conflitto che affonda le sue radici nel maltrattamento della popolazione ucraina di lingua russa, aggravatosi dopo il colpo di Stato in Ucraina sponsorizzato dagli Stati Uniti nel 2014, e il suo mancato sostegno a una soluzione diplomatica nel 2015 – ossia gli accordi di Minsk -, in cui ha svolto un importante ruolo di facilitatore. L’UE ignora i profondi difetti dell’attuale governo ucraino e della società che ha cercato di creare, entrambi definiti ora da una palese corruzione, dalla persecuzione politica dell’opposizione e da un’ideologia ultranazionalista, tutto ciò che difficilmente riflette i cosiddetti valori europei.

Purtroppo, l’UE è stata incapace di sviluppare un’alternativa europea autonoma e giustamente autosufficiente nel conflitto ed è diventata ostaggio dell’agenda egemonistica statunitense. Rifiutandosi di adottare un approccio equilibrato, l’UE si sta squalificando per essere un onesto mediatore nei negoziati di pace che prima o poi dovranno iniziare nel conflitto. Paesi extraeuropei come la Turchia e l’Arabia Saudita stanno ora assumendo un ruolo guida, come dimostra il recente scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina, un ruolo di primo piano impensabile solo fino a pochi mesi fa e imbarazzante per l’Europa, visto il suo tradizionale ruolo nella diplomazia.

La capitolazione dell’Europa all’agenda degli Stati Uniti non è certo una novità e ha avuto un precedente lampante nel sostegno ai bombardamenti della NATO sulla Serbia nel 1999 e al suo smembramento con la creazione dell’enclave del Kosovo. Oggi la nomenklatura dell’UE calpesta i principi fondamentali della democrazia e della sovranità con i suoi tentativi di far cadere il principio dell’unanimità nel processo decisionale dell’UE. Inoltre, la leadership dell’UE sta sfruttando opportunisticamente il conflitto ucraino per preservare la propria esistenza e sta persino cercando di trasformarsi in un’alleanza militare de facto, un’aberrazione rispetto ai suoi obiettivi originari.

Il comportamento dell’UE riflette un marasma politico e militare che ha le sue radici nell’esito della Seconda Guerra Mondiale. Il Regno Unito ha avuto una traiettoria simile nelle relazioni internazionali, ma almeno è stato coerente con le sue vecchie posizioni filoatlantiche e ha avuto un po’ più di cura e preoccupazione per la propria indipendenza e sovranità, almeno per quanto riguarda l’Europa continentale.

Solo uno shock esistenziale in Europa, che potrebbe verificarsi il prossimo inverno a causa di un blackout energetico, permetterà alla società e ai suoi politici di capire dove si trovano i loro veri interessi e come agire in modo adeguato.


Oscar Silva-Valladares è un ex banchiere d’investimento che ha vissuto e lavorato in America del Nord e Latina, Europa occidentale e orientale, Arabia Saudita, Giappone, Filippine e Africa occidentale. Attualmente fornisce consulenza strategica su questioni finanziarie nei mercati emergenti.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments