Un articolo del giornalista Will Jones, pubblicato su The Daily Sceptic, che cerca di far luce sui decessi correlati ai vaccini covid. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

 

I vaccini COVID-19 sono in uso tra il pubblico da oltre un anno, essendo stati approvati e lanciati nel dicembre 2020 nel Regno Unito e in Israele. Le sperimentazioni li hanno segnalati come sicuri, ma il periodo di tempo era breve e la popolazione di studio relativamente piccola, e ci sono preoccupazioni che una sperimentazione gestita dalla società che cerca di portare il vaccino sul mercato può non essere sempre gestita secondo i più alti standard di onestà e trasparenza. Rivelazioni successive sulle sperimentazioni hanno suggerito che alcuni eventi avversi possono essere stati trascurati o peggio.

Cosa sappiamo ora sulla sicurezza dei vaccini?

Per prima cosa, distinguiamo due tipi di lesioni da vaccino, a breve termine e a lungo termine. Le lesioni a breve termine si verificano entro 28 giorni dalla ricezione del vaccino. Sono quelli che sono tipicamente segnalati ai sistemi di segnalazione di eventi avversi come VAERS e Yellow Card, e i dati da VAERS mostrano le segnalazioni di loro cluster nei primi giorni dopo il vaccino (vedi sotto). Ci aspetteremmo che qualsiasi segnale di essi nei dati di mortalità sia correlato al lancio del vaccino. Le lesioni a lungo termine, d’altra parte, non ci aspetteremmo di avere alcuna correlazione con il lancio del vaccino, il che significa che potrebbe essere più difficile individuare i segnali o associarli con i vaccini.

Le colonnine indicano i numeri di decessi, mentre in orizzontale il numero dei giorni dalla iniezione in cui si è verificato il decesso
Le colonnine indicano i numeri di decessi, mentre in orizzontale il numero dei giorni dalla iniezione in cui si è verificato il decesso

Fonte: OpenVaers

 

Guardando prima i danni a breve termine, fino al 18 marzo 2022, 26.059 morti sono state segnalate a VAERS, tra cui 11.943 americani. Come mostra il grafico qui sotto, questo è molto di più di quanto sia stato riportato negli anni precedenti, il che è dovuto ovviamente ai vaccini Covid. Nel 2021, sono stati segnalati 21.940 decessi, rispetto ai 605 del 2019, l’anno successivo più alto, un aumento di oltre 36 volte. Altri eventi avversi mostrano livelli simili di aumento sugli anni precedenti. Nel Regno Unito, 2.061 decessi sono stati segnalati al sistema Yellow Card dall’inizio della pandemia fino al 9 marzo 2022.

 

Numero di decessi per tutti i vaccini per ogni anno
Numero di decessi per tutti i vaccini per ogni anno

Fonte: OpenVaers

 

I sistemi di segnalazione passiva come VAERS e Yellow Card non sono progettati per stabilire i tassi di effetti avversi (anche se tali confronti possono essere informativi se i loro limiti sono compresi). Sono progettati per raccogliere segnali di potenziali effetti avversi che possono poi essere adeguatamente indagati. Sfortunatamente, questo permette alle autorità di regolamentazione di liquidare anche un gran numero di segnalazioni indagando su di esse e concludendo che non c’è alcun legame. Mentre un alto numero di segnalazioni di eventi avversi si stava accumulando già nel gennaio 2021, è stato solo a metà marzo che il problema dei coaguli di sangue dal vaccino AstraZeneca è stato riconosciuto dalle autorità di regolamentazione, e poi solo perché è stato portato alla loro attenzione da scienziati in Norvegia e Danimarca, non perché le agenzie di regolamentazione nella maggior parte dei paesi stessero facendo il loro lavoro nel monitoraggio della sicurezza. Non dobbiamo dare per scontato che se ci sono segnali forti, i governi li raccolgano necessariamente e li seguano.

Alcune delle segnalazioni di eventi avversi saranno ovviamente accidentali. Un numero molto maggiore di effetti avversi non sarà segnalato. Un’analisi delle prime segnalazioni di Covid a VAERS ha concluso che fino all’86% dei decessi fino a quel punto (quasi tutti negli anziani e ad alto rischio, dato che questo era all’inizio del lancio) erano collegati ai vaccini. Un metastudio pre-Covid 2006 ha riscontrato che i sistemi di segnalazione degli eventi avversi ai farmaci in genere raccolgono circa dal 5% al 20% degli eventi, suggerendo un under-reporting factor (URF) tra cinque e 20, cioè il numero reale di eventi avversi è da cinque a 20 volte maggiore del numero riportato. La MHRA ha precedentemente stimato che il tasso di segnalazione del cartellino giallo può essere circa il 10% delle cifre reali, suggerendo un URF di 10.

Si potrebbe pensare che con il maggior numero di eventi avversi segnalati con i vaccini Covid, e con il più alto profilo dei sistemi di sicurezza dei vaccini nella pandemia, i tassi di sottosegnalazione sarebbero diminuiti. Tuttavia, questo non è necessariamente il caso. Il governo israeliano ha intrapreso quello che è, purtroppo, un esercizio molto raro nella sicurezza dei vaccini – un sondaggio proattivo in cui ha chiesto a un campione rappresentativo di 2.049 destinatari della terza dose la loro esperienza di eventi avversi.

Il Dr. Josh Guetzkow, docente senior all’Università Ebraica di Gerusalemme, ha analizzato e riassunto i risultati:

Due terzi degli intervistati (66%) hanno riferito almeno un effetto collaterale entro tre o quattro settimane dopo il vaccino (75% delle donne).
Quasi un terzo degli intervistati (29%) ha riferito di avere “difficoltà a svolgere le attività quotidiane” a causa degli effetti collaterali del richiamo (51% delle donne).
Un intervistato su trecento (0,3%) ha riferito di essere stato ricoverato in ospedale (non solo cure mediche) a causa degli effetti collaterali.
Quasi il 10% delle donne sotto i 54 anni ha riportato interruzioni del ciclo mestruale dopo l’iniezione. La metà di queste donne ha riferito sintomi mestruali in corso in un sondaggio di follow-up due o tre mesi dopo.
Circa il 5,5% degli intervistati ha riportato dolore al petto (7% delle donne), e il 4,2% ha riportato ingrossamento dei linfonodi (6% delle donne).
Quasi il 5% ha riportato problemi neurologici (6,9% delle donne), tra cui paralisi di Bell (paralisi facciale; 0,5%), disturbi agli occhi (0,5%), problemi di memoria (0,4%), problemi di udito (0,4%), convulsioni (0,2%) e perdita di coscienza (0,2%).
Circa il 4% ha riportato reazioni allergiche (5,3% delle donne).
Circa il 25% delle persone con preesistenti disturbi auto-immuni, depressione o ansia hanno riportato un peggioramento dei loro sintomi dopo l’iniezione.
Circa il 5-10% delle persone con diabete, ipertensione e malattie polmonari e cardiache hanno anche riportato un peggioramento della loro malattia.
Confrontando questi tassi (che sono scandalosamente alti) con i rapporti VAERS, il dottor Guetzkow ha stimato i fattori di sottosegnalazione per i diversi eventi su VAERS (supponendo che le popolazioni israeliana e americana siano ampiamente comparabili). Ha trovato un fattore di sottosegnalazione di circa 120 per i ricoveri, 700 per le convulsioni o gli attacchi, 3.000 per la paralisi di Bell e 6.000 per i linfonodi ingrossati – il che significa che il numero reale di questi effetti avversi è centinaia o addirittura migliaia di volte superiore alle cifre riportate. Per ovvie ragioni, l’indagine non ha incluso i decessi, ma è difficile vedere come i decessi sarebbero molto meno sotto segnalati di questi eventi avversi.

 

 

Questi valori, sebbene estremamente elevati, sono generalmente coerenti con altri dati. Lo studio di richiamo Pfizer ha trovato linfonodi ingrossati nel 5% dei destinatari, rispetto al 4,2% del sondaggio. Il sondaggio V-Safe del CDC ha trovato che lo 0,9% dei destinatari di un richiamo Pfizer ha richiesto cure mediche, simile ai dati israeliani. Un membro del consiglio di amministrazione di una compagnia assicurativa tedesca ha rivelato che i dati della sua compagnia suggerivano che circa il 4% dei tedeschi aveva richiesto cure mediche dopo la vaccinazione. Un sondaggio britannico ha rilevato che il 20% delle donne ha riportato cambiamenti mestruali dopo la vaccinazione con AstraZeneca, rispetto al 10% del sondaggio (con Pfizer).

Questo suggerisce che il numero di decessi riportati, come il numero di lesioni, è probabile che sia una frazione del numero reale. Esattamente quale frazione è difficile da dire, ma è difficile che sia più del 10%, e forse meno, il che significa che il numero reale di morti potrebbe essere dieci volte più alto o più del numero riportato.

Questo non è un piccolo numero (circa 20.000 nel Regno Unito e 120.000 in America secondo le cifre attuali). Quindi dovremmo aspettarci di vedere un chiaro segnale per questo nei dati di mortalità complessiva, correlato al lancio del vaccino? La difficoltà con questo è che i dati di mortalità complessiva sono pesantemente confusi. Per esempio, Covid ha causato ondate di elevata mortalità, in particolare in inverno, e queste ondate poi portano a successivi cali di mortalità, a causa di persone che sarebbero morte nelle settimane successive e che sono morte presto nell’ondata di Covid. Questi modelli possono nascondere le morti associate alla vaccinazione. Nel Regno Unito, i più anziani e i più fragili hanno ricevuto le loro prime dosi nel dicembre 2020 e nel gennaio 2021, proprio nel mezzo dell’onda Alpha. Le morti non-Covid erano sotto la media quell’inverno, il che significa che le morti Covid stavano spostando le morti da altre cause, in molti casi come una causa secondaria (‘con’ non ‘di’ Covid). Quante morti legate al vaccino negli anziani e nei fragili sono state registrate come morti per Covid? Vale la pena ricordare che la Norvegia ha smesso di vaccinare i fragili nel gennaio 2021 perché i suoi scienziati hanno notato che stavano morendo per gli effetti avversi del vaccino, ma il Regno Unito non ha dato alcuna indicazione che avrebbe seguito l’esempio.

Dopo l’inverno, c’è stato un periodo di bassa mortalità dovuto allo spostamento della mortalità, che può nascondere un segnale per le morti legate al vaccino – in più le morti da vaccino nelle persone più giovani che vengono vaccinate non saranno di solito in numeri che si mostrano nelle statistiche generali di mortalità, che sono dominate dai vecchi. Fattori come questi significano che anche un numero significativo di morti per lesioni da vaccino a breve termine potrebbe non dare un chiaro segnale nei dati di mortalità in eccesso. Quello che si può dire, tuttavia, è che i dati internazionali di eccesso di mortalità nel 2021 sono certamente compatibili con i livelli di lesioni da vaccino a breve termine che stiamo vedendo riportati. Inoltre, a volte appaiono segnali più chiari, come in Israele nella primavera del 2021. Anche una compagnia assicurativa dell’Indiana, USA, ha riportato un numero allarmante di decessi in persone in età lavorativa nel 2021. Inoltre, tra i calciatori e gli atleti, più di 500 a livello globale sono stati finora segnalati come morti in seguito alla vaccinazione Covid (vedi sotto), per lo più di infarto, apparentemente un aumento considerevole rispetto agli anni precedenti.

 

 

Decessi e infarti in atleti 2021-2022
Decessi e infarti in atleti 2021-2022

 

A volte si sostiene che qualsiasi evento avverso dei vaccini non sarà sempre (o quasi sempre) peggiore dei sintomi e degli effetti collaterali del Covid. Ma questo è un falso binario, in quanto la vaccinazione non impedisce a una persona di essere infettata, quindi i rischi da vaccinazione sono in aggiunta ai rischi da Covid. Inoltre non è necessariamente vero. Gli scienziati hanno notato che mentre il virus di solito rimane confinato in gran parte al tratto respiratorio, il vaccino, iniettato nel muscolo e passando da lì al sangue, può causare il rilascio di proteine spike in tutto il corpo. Gli studi hanno dimostrato che l’mRNA del vaccino e le proteine spike persistono nel corpo per mesi, mentre con l’infezione il virus viene eliminato molto più rapidamente e non si trova così ampiamente distribuito. L’mRNA del vaccino e le proteine spike, non essendo parte delle particelle del virus, si comportano diversamente, interagendo e fondendosi con una più ampia varietà di cellule.

Su 15 autopsie condotte su persone vaccinate, 14 hanno mostrato “chiare prove di patologia autoimmune indotta dal vaccino in più organi”, con il cuore e i polmoni colpiti in quasi tutti i casi. Uno studio sui topi ha scoperto che il muscolo cardiaco assorbe l’mRNA del vaccino, facendogli produrre la proteina spike, viene attaccato dal sistema immunitario e subisce infiammazioni e danni cellulari. Gli imbalsamatori hanno segnalato strani coaguli nei vaccinati, mentre nel sangue dei vaccinati sono state segnalate grandi strutture insolite.

La preoccupazione sollevata da queste osservazioni non è solo quella di un danno vaccinale a breve termine, ma anche che i vaccini, per citare il professor Sucharit Bhakdi, “diano origine a una malattia infiammatoria persistente e lentamente progressiva”. A sostegno di questo, gli effetti della dose sono stati osservati in alcuni studi, suggerendo che i problemi possono aggravarsi con dosi aggiuntive.

Nella seconda metà del 2021, la maggior parte dell’Europa occidentale e l’America hanno visto un alto numero di morti in eccesso non-Covid (vedi sotto), a causa di una varietà di cause, molte cardiovascolari, che rimangono inspiegabili. Il modello di morti qui rispecchia quello degli atleti nel grafico sopra, aumentando dall’estate all’autunno.

 

Eccesso di mortalità
Eccesso di mortalità

 

Perché questa ondata di morti non-Covid è iniziata solo nell’estate del 2021? Era legata alle seconde dosi? Era legata all’onda Delta con cui coincide (vedi grafico sopra)? Sembra essere finita con l’ondata Omicron, anche se i recenti dati di eccesso di morti possono essere confusi dalla mitezza di Omicron come virus respiratorio invernale, così come dallo spostamento della mortalità. Il contatto con la variante Delta Covid ha innescato un ulteriore peggioramento nei vaccinati, o non era collegato ai vaccini?

Un ulteriore problema con i vaccini è che causano una soppressione immunitaria temporanea nei giorni successivi all’iniezione (un problema che la Pfizer ha rilevato nella sperimentazione, anche se non l’ha rivelato fino a poco tempo fa), che può portare ad un aumento del rischio di infezione da Covid in particolare in tempi di alta prevalenza, aggiungendo carburante ad un’ondata di Covid esistente e mettendo i vaccinati ad un rischio maggiore prima che qualsiasi protezione dai vaccini faccia effetto.

Qui c’è molto fumo che sale da quello che sembra essere una notevole quantità di fuoco. Mentre non è possibile, con i dati pubblicamente disponibili, quantificare con precisione il numero di persone che i vaccini stanno mandando in una tomba prematura, i dati che ci sono indicano che il numero non è piccolo, e può essere molto grande – nelle decine di migliaia nel Regno Unito, certamente più che sufficiente per far suonare campanelli d’allarme che avrebbero dovuto molto tempo fa innescare sospensioni di farmaci, indagini urgenti, studi controllati adeguati e relazioni dettagliate. Che molto poco di questo sembra accadere – e che le autorità continuano a ripetere il mantra che i vaccini sono sicuri mentre li distribuiscono a gruppi di età sempre più giovani – è inquietante, per non dire altro.

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email