Ecco come sta cambiano il panorama delle nostre città visto che sta cambiando quello della famiglia. E’ un cambiamento che fa pensare. Ce lo racconta Michael Hendrix, direttore della politica statale e locale del Manhattan Institute, in questo suo articolo pubblicato su City-journali.org.

La traduzione è di Elisa Brighenti.

cane uomo

 

Il Prospect Park di Brooklyn è il paradiso dei cani. Nei sabati mattina soleggiati, lo spazio verde del parco di Long Meadow si riempie di centinaia di cani di diverse razze che si divertono in libertà. I proprietari dei cani restano  nelle vicinanze come genitori vigili che, quando la ricreazione finisce, si dirigono verso il vicino mercato degli agricoltori o escono per il brunch. Più tardi, potrebbero trovare il tempo per lo yoga canino o la panetteria per animali domestici, prima di tornare a casa, nei loro condomini, in cui sono previsti  bagni per cani e toilettes per animali.

Circa 600.000 cani vivono a New York City, insieme a mezzo milione di gatti. Circa la metà delle famiglie statunitensi possiede un animale domestico, che raggiungono almeno 77 milioni di cani e 54 milioni di gatti. Generalmente, i millennial ( i nati negli anni 80, 90 , detti anche Echo Boomers) sono i più entusiasti proprietari di animali domestici, con circa il 70% che ne vanta almeno uno.

Quello che si ha meno probabilità di vedere, specialmente nelle più grandi città americane, sono i bambini. Gli animali domestici sono ora più comuni dei bambini in molte città degli Stati Uniti. San Francisco, ad esempio, ospita
quasi 150.000 cani, ma solo 115.000 bambini di età inferiore ai 18 anni. Più a nord, Seattle ha più famiglie con gatti che con bambini. A livello nazionale, gli animali domestici nei condomini superano i bambini. Nei quartieri di New
York come Long Island City e Williamsburg, i single ricchi hanno il più alto numero di cagnolini pro capite.
In un recente saggio sull’Atlantico, Derek Thompson ha scritto di come “alla rinascita urbana americana manchi un elemento chiave: le nascite”. Si prevede che la popolazione infantile di Manhattan si dimezzerà tra 30 anni. Le città ad alta densità stanno perdendo le famiglie con bambini di età superiore ai sei anni, mentre aumentano i residenti con istruzione universitaria senza figli. In effetti, la percentuale di ragazzi sotto i 20 anni che vivono nelle grandi
città è in calo da 40 anni.

Gli amici a quattro zampe dei giovani professionisti hanno sostituito quei bambini. Mentre le statistiche sono imprevedibili, i segni culturali di uno spostamento verso la genitorialità degli animali domestici nelle principali
città sono evidenti: nelle pubblicità degli appartamenti, nella progettazione dei parchi, nei mix di vendita al dettaglio e nell’esplosione di servizi per “l’economia della pelliccia”. In carenza di bambini, un cane o un gatto fungono come qualcosa di simile ad una famiglia in formazione. I giovani americani rivolgono ai loro animali domestici la cura che andrebbe riservata ai bambini, con regali di compleanno sontuosi o “ritratti di famiglia” su Instagram.

Il costo di proprietà nel corso della vita di un cane di taglia media è cresciuto al doppio del tasso di inflazione, dal 2008 a $ 12,700. L’anno scorso, gli americani hanno speso 70 miliardi di dollari per prendersi cura degli animali domestici e nutrirli; hanno speso 59 miliardi di dollari per l’assistenza all’infanzia. Non c’è da meravigliarsi se l’assicurazione per animali domestici sia ora “il più grande vantaggio per l’occupazione”, specialmente quando arriva a più di  100 dollari al mese a New York, per le pianificazioni più complete. Nel mio quartiere di Chelsea, la pensione per animali domestici locale include uno chef, un autista e una stanza privata più grande della mia.

Mentre i mercati e i datori di lavoro rispondono a queste mosse con meno servizi adatti alle famiglie, le città senza figli stanno diventando la norma. Quando Zappos fece un sondaggio presso i suoi dipendenti sui servizi che avrebbero voluto in una nuova sede, la richiesta principale fu l’asilo per cani. Un numero crescente di aziende offre
persino un congedo ai propri dipendenti e consente agli animali domestici di far loro visita sul lavoro.

Cani e gatti dovrebbero essere i benvenuti nelle città, ovviamente, ma la loro crescente popolarità tra i giovani professionisti – e il conseguente declino presso i bambini – fa presagire un cambiamento nell’America urbana con
cui dovremo fare i conti nei prossimi decenni. Più americani vivono da soli oggi che in qualsiasi altro momento nella storia del Paese. I single rappresentano il 28% delle famiglie, rispetto al 13% nel 1960. Le dimensioni delle famiglie
stanno diminuendo a New York, come in gran parte del paese, da circa 3,5 persone a metà del secolo fino a 2,67 oggi.

Viviamo più a lungo e ci sposiamo più tardi. Non c’è da stupirsi che la proprietà di animali domestici tra uomini e
donne che vivono da soli sia cresciuta del 25% dal 2006, in particolare tra le donne single. Cani e gatti forniscono una pronta fonte di compagnia, eventualmente sostituendo figli e sposi. Secondo il Bureau of Labor Statistics, le coppie sposate senza figli spendono il più possibile per i loro animali domestici. Il primo animale domestico di un millennial è considerato una pietra miliare importante.

Nelle città fioriscono parchi per cani e boutiques per animali domestici, ma le famiglie si stanno assottigliando. A New York, i “cani da borsetta” viaggiano comodamente in metropolitana, mentre una madre muore cadendo dalle
scale mentre porta il figlio nel passeggino. I bambini aggiungono molto di più alla vita di quanto possano fare una poppata mattutina o una passeggiata. Le famiglie hanno bisogno di ciò che le città stanno lottando per offrire oggi:
alloggi a prezzi accessibili, buone scuole, ordine pubblico e spazi pubblici di qualità, ma i politici devono ancora realizzare un programma urbano adatto alle famiglie. Crescere una famiglia è difficile anche  nelle migliori circostanze. Le città americane hanno bisogno di più bambini, non solo di animali domestici.

 

___________________________





 

 

Facebook Comments