Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Rochelle Walensky , direttrice dei CDC
Rochelle Walensky , direttrice dei CDC

 

Un alto funzionario della sanità statunitense ha riconosciuto il 19 aprile che le persone che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 possono trasmettere la malattia ad altri.

La dottoressa Rochelle Walensky, direttrice dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), nel 2021 ha affermato, senza alcun supporto, che le persone che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 “non portano il virus” e “non si ammalano”.

“C’è stata un’evoluzione della scienza e un’evoluzione del virus”, ha dichiarato Walensky a un comitato del Congresso a Washington, aggiungendo che l’affermazione “non è più corretta con le sottovarianti di Omicron che abbiamo in questo momento”.

L’incaricata di Biden ha anche raddoppiato la sua affermazione iniziale.

“Questa affermazione era corretta?”. Ha chiesto il deputato Andrew Clyde (R-Ga.).

“All’epoca lo era”, ha risposto Walensky. “Si trattava di un virus wildtype che avevamo, prima ancora della variante Alpha, era la variante wildtype iniziale, e tutti i dati all’epoca suggerivano che le persone vaccinate, anche se si fossero ammalate, non avrebbero potuto trasmettere il virus a nessun altro”.

Alla richiesta di citazioni per l’affermazione, l’addetto stampa di Walensky, Jason McDonald, ha fornito quattro studi (qui e qui), tra cui due (qui e qui) pubblicati dalla quasi-rivista del CDC.

“Nessuno di questi studi è randomizzato e tutti presentano vari limiti. A prescindere da ciò, tutti dimostrano – e credo che nessuno possa negarlo – che una parte degli individui vaccinati si ammala e, quando si ammala, presenta anche test PCR positivi che indicano la possibilità di espellere il virus”, ha dichiarato in un’e-mail a The Epoch Times Christine Stabell Benn, docente di salute presso l’Università della Danimarca meridionale. “Conclusione: gli individui vaccinati possono ammalarsi e possono trasmettere”.

Anche il dottor Tracy Hoeg, epidemiologo californiano, ha affermato che i documenti non supportano l’affermazione di Walensky.

“Tutti riportano riduzioni osservate, ma nessuno di loro ha rilevato che ‘le persone vaccinate non portano il virus, non si ammalano'”, ha detto Hoeg a The Epoch Times in un messaggio su Twitter. “Stanno scherzando? Sembra delirante arrivare a questa conclusione da questi articoli”.

Anche nel marzo 2021, l’affermazione di Walensky ha attirato le critiche degli scienziati.

“Quello che sappiamo è che i vaccini sono sostanzialmente efficaci contro l’infezione – ci sono sempre più dati al riguardo – ma nulla è al 100%”, ha dichiarato al New York Times John Moore, virologo della Weill Cornell Medicine.

“È possibile che alcune persone completamente vaccinate possano contrarre la COVID-19. Non è chiaro se queste persone possano diffondere il virus ad altri”, ha dichiarato il CDC all’epoca.

La Food and Drug Administration statunitense, che ha autorizzato i vaccini, ha dichiarato al momento dell’autorizzazione che gli studi clinici non hanno testato la trasmissione e ha mantenuto questa posizione fino ad oggi.

Appena due settimane dopo la dichiarazione iniziale di Walensky, rilasciata durante un’apparizione alla MSNBC, il CDC ha dichiarato che circa 5.800 americani avevano contratto la COVID-19 nonostante fossero vaccinati, con 74 morti. In seguito, il CDC ha smesso di contare le cosiddette infezioni dirompenti, mentre i numeri aumentavano. I dati hanno dimostrato che la protezione del vaccino diminuisce considerevolmente dopo alcuni mesi e inizia a essere bassa contro le attuali sottovarianti di Omicron, con alcuni documenti che stimano che le persone vaccinate hanno maggiori probabilità di infettarsi nel tempo.

 

Un’altra affermazione dubbia

Walensky è stata anche interpellata in merito a una revisione Cochrane sulle mascherine contro l’influenza e la COVID-19. I ricercatori hanno riscontrato che, sulla base delle attuali informazioni, le mascherine non sono in grado di prevenire l’infezione.

I ricercatori hanno scoperto che, sulla base delle prove attuali, le mascherine non sono efficaci nel ridurre la diffusione dei virus respiratori.

Sotto la pressione di gruppi esterni, il capo redattore della Cochrane Karla Soares-Weiser ha dichiarato a marzo che la revisione non dimostra che le mascherine non funzionano.

Gli autori hanno detto nel loro riassunto che “non siamo sicuri che indossare mascherine o respiratori N95/P2 aiuti a rallentare la diffusione dei virus respiratori sulla base degli studi che abbiamo valutato”. Questa formulazione “si è prestata a un’interpretazione errata, per la quale ci scusiamo”, ha detto Soares-Weiser, aggiungendo che “ci stiamo impegnando con gli autori della revisione con l’obiettivo di aggiornare il riassunto in linguaggio semplice e l’abstract per chiarire che la revisione ha esaminato se gli interventi per promuovere l’uso della mascherina aiutano a rallentare la diffusione dei virus respiratori”.

“La Cochrane è conosciuta come un gold standard”, ha detto Walensky mercoledì, “e penso che sia notevole che il caporedattore della Cochrane abbia effettivamente detto che il riassunto di quella revisione, ha ritrattato il riassunto di quella revisione e ha detto che era un riassunto impreciso”.

Al 20 aprile, la revisione non è stata aggiornata e nessuna parte è stata ritrattata.

“Se non è stata ancora modificata, forse è il caso di contattare la Cochrane”, ha dichiarato McDonald a The Epoch Times.

La Cochrane non ha risposto a una richiesta di commento.

Tom Jefferson, l’autore principale della revisione, ha dichiarato alla giornalista Maryanne Demasi (qui l’intervista in italiano, ndr) che l’affermazione della ritrattazione di Walensky non è vera.

“Walensky si sbaglia di grosso. Non c’è stata alcuna ritrattazione”, ha dichiarato. “Vale la pena ribadire che siamo i detentori dei diritti d’autore della recensione, quindi decidiamo noi cosa inserire o meno nella recensione e non cambieremo la nostra recensione sulla base di ciò che vogliono i media o di ciò che dice Walensky”.

Zachary Stieber

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments