Di seguito un articolo scritto dallo scrittore e giornalista Phil Lawler statunitense, pubblicato su Catholic Culture. Eccolo nella mia traduzione. 

 

preghiera-pregare-rosario

 

Dalla Gran Bretagna, la nazione che ci ha dato la nostra tanto ammirata tradizione giuridica, arriva la notizia che un uomo è stato multato per aver pregato in pubblico. E non per aver pregato ad alta voce, ma per aver pregato in silenzio.

Se Adam Smith-Connor non avesse riconosciuto di aver pregato, non ci sarebbero state prove concrete contro di lui. È stato sanzionato non per un’azione esterna, ma per quello che succedeva nella sua testa. La legge, nella sua maestosità, propone ora di regolare i suoi pensieri.

Questo caso riguarda l’aborto, ovviamente. Ogni volta che una decisione legale sconfina nell’assurdo, c’è da scommettere che il responsabile sia “la distorsione dell’aborto”. Quando la legge dichiara che alcuni esseri umani non sono esseri umani, e quindi non meritano protezione legale, è necessaria ogni sorta di ginnastica intellettuale per sostenere la fragile facciata dell’equità.

Smith-Connor si è scontrato con l’Ordine di protezione degli spazi pubblici, che rende illegale, nelle vicinanze di una clinica abortiva, esprimere disapprovazione per l’aborto “con qualsiasi mezzo”. L’Ordine rende esplicitamente illegale riunirsi e “pregare in modo udibile”. Ma Smith-Connor, pregando in silenzio da solo, è stato considerato in violazione.

Tecnicamente, l’Ordine rende illegale anche esprimere approvazione per l’aborto nelle vicinanze di una clinica. Ma qualcuno crede seriamente che un passante che si sia fermato fuori dalla clinica e abbia detto tra sé e sé: “Accidenti, sono contento che l’aborto sia legale”, possa essere trascinato in tribunale? Ecco di nuovo la “distorsione dell’aborto”. Il linguaggio può suggerire equità, ma la legge è a senso unico. Solo gli oppositori dell’aborto sono soggetti a punizione.

Lo stesso tipo di legge verrà introdotta negli Stati Uniti? Potrei essere in pericolo un giorno in Massachusetts, per aver camminato per strada davanti a una clinica abortista e aver recitato in silenzio i salmi imprecatori, come, confesso, ho fatto in passato? Sembra un’ovvia violazione della nostra tradizione giuridica anglo-americana punire qualcuno per ciò che pensa. Eppure ora sta accadendo in Inghilterra.

Ancora una volta, Smith-Connor ammette che stava pregando. (Ma un’altra imputata, Isabel Vaughan-Spruce, accusata di un “crimine” simile, ammetterà solo che “potrebbe” aver pregato quando si trovava in silenzio davanti a un aborto. A quanto pare, è considerata un pericolo per la società perché la sua preghiera (se di questo si trattava) avrebbe potuto intimidire i richiedenti l’aborto.

La preghiera silenziosa è una forma di intimidazione? Fermatevi un attimo prima di rispondere a questa domanda. I senza Dio hanno motivo di temere quando i cristiani invocano la potenza dell’Onnipotente? Gli assassini dovrebbero preoccuparsi quando ci appelliamo a Dio per ottenere giustizia? Spero di sì. Dovrebbero.

“Il timore del Signore è l’inizio della saggezza e la conoscenza del Santo è l’intuizione”. [Prov. 9:10]

Phil Lawler

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email