Le persone di destra spesso caratterizzano il wokeismo come una sorta di marxismo, mentre le persone di sinistra respingono abitualmente questa caratterizzazione come una calunnia da quattro soldi che riflette l’ignoranza della teoria marxista. Chi ha ragione?

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Edward Feser e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

cultura woke

 

Nel suo libro Conservatism: A Rediscovery, Yoram Hazony sostiene che esiste un legame significativo tra il wokeismo e il marxismo. Paul Gottfried risponde a Chronicles, sostenendo che le somiglianze tra i due sono state sopravvalutate. Diamo uno sguardo alle loro argomentazioni.

È importante sottolineare subito che la questione non è se ci siano differenze significative tra il wokeismo, da un lato, e le idee di Marx stesso e dei principali pensatori marxisti che lo hanno seguito, dall’altro. Nessuno nega che ci siano. La questione è piuttosto se sia meglio pensare al wokeismo come a una specie di marxismo, o almeno se le somiglianze siano abbastanza significative da rendere il confronto con il marxismo illuminante piuttosto che offuscante.

A questo proposito è fondamentale comprendere il rapporto di entrambi i movimenti con il liberalismo. L’ampia tradizione liberale, da Locke a Mill a Rawls, è individualista e sottolinea i diritti e le libertà degli individui, la loro uguaglianza di base e il loro consenso a essere governati come precondizione della legittimità del governo. Hazony osserva che la critica marxista del liberalismo sottolinea l’inadeguatezza di questo individualismo a dare un senso alla vita politica reale. Per il marxismo, il liberalismo è cieco di fronte alla tendenza degli esseri umani a formare classi sociali e alla tendenza intrinseca di una classe a opprimere un’altra e a utilizzare lo Stato a questo scopo.

Il wokeismo, sottolinea Hazony, riprende questo tema centrale del marxismo e si limita a sostituire lo status economico con la razza, il sesso, l’orientamento sessuale e simili come chiavi di demarcazione tra classi oppresse e oppressori. Laddove il marxista tradizionale si concentra sul conflitto tra capitalisti e proletari, il wokester parla invece di “supremazia bianca” contro le persone di colore, “patriarcato” contro le donne, “eteronormatività” contro LGBTQ e così via. Ma l’enfasi sull’identità di gruppo piuttosto che sull’individualismo deriva dal marxismo e segna una rottura con il liberalismo. Inoltre, sottolinea Hazony, il disprezzo del wokeismo per le norme del discorso razionale e l’inclinazione a cancellare e censurare gli avversari piuttosto che impegnarsi nelle loro argomentazioni differisce dall’idealizzazione della tradizione liberale del libero dibattito.

Gottfried riconosce che tutto questo è abbastanza vero. Riconosce anche che nella storia del marxismo c’è un precedente per la virata del wokeismo verso l’ossessione per la razza e il sesso piuttosto che per la classe economica: la “teoria critica” della Scuola di Francoforte, rappresentata in particolare dal lavoro di Herbert Marcuse. Tuttavia, egli ritiene che Hazony e altri sopravvalutino il legame tra il wokeismo e il marxismo e non apprezzino il legame del wokeismo con il liberalismo.

Da un lato, nel XX secolo il liberalismo ha iniziato ad ammorbidire il suo individualismo, con il suffragio universale e lo stato sociale che hanno segnato una svolta in senso fortemente egualitario. Negli ultimi decenni, e prima che la wokeness si imponesse al centro della scena, i liberali mainstream erano già diventati essi stessi più intolleranti nei confronti del dissenso e poco disposti a confrontarsi razionalmente con gli argomenti dei loro critici. Sebbene molti liberali si lamentino ora dell’intolleranza del wok, i wokters hanno semplicemente attraversato una porta che i liberali stessi avevano aperto.

Inoltre, i marxisti di vecchio stampo non avevano nulla a che fare con la direzione presa dalla Scuola di Francoforte, tanto meno con le ossessioni dei wokesters. Anzi, potevano censurare questa direzione come qualsiasi conservatore sociale. Inoltre, durante la Guerra Fredda, i Paesi comunisti erano spesso altrettanto conservatori in materia di sesso e famiglia della società occidentale, se non addirittura di più. Né le società comuniste erano inclini, come il wokeismo, a distruggere la fedeltà alla patria o a un generale nichilismo. Il marxismo, inoltre, dava importanza alla scienza e alla razionalità, almeno in teoria.

Poi c’è il fatto che il wokeismo si è alleato al capitalismo in un modo in cui il marxismo non avrebbe potuto. I capitalisti e le aziende non hanno abbracciato il wokeismo semplicemente per paura ma, sostiene Gottfried, hanno trovato nel loro interesse abbracciarlo. Infatti, sono i poveri e la classe operaia, piuttosto che i ricchi, a soffrire per le idiozie delle politiche pubbliche woke, e le aziende possono assorbire i costi di tali politiche mentre i loro concorrenti più piccoli ne sono distrutti.

Infine, se la narrazione dell’oppressore e dell’oppresso è effettivamente una caratteristica del marxismo, è anche, sottolinea Gottfried, una caratteristica della retorica del fascismo e del nazismo. In tutti e tre i casi, sostiene, si tratta di una variante moderna e secolarizzata dell’antica distinzione biblica tra i giusti e coloro che li perseguitano. Quindi, il fatto che una narrazione dell’oppressione sia centrale nel wokeismo non basta a renderlo in qualche modo interessante marxista, così come non lo sono questi altri punti di vista.

Quindi, secondo Gottfried, per capire il wokeismo è più illuminante studiarne le origini nel crollo del liberalismo che cercare paralleli con il marxismo.

Cosa dobbiamo pensare di tutto questo? Io stesso sono incline a quella che potrebbe essere una posizione intermedia tra Hazony e Gottfried, anche se forse le differenze tra noi sono più questioni di semantica e di enfasi che qualcosa di più profondo. Da un lato, scrivendo su questi temi io stesso non ho caratterizzato il wokeismo come una specie di marxismo, ma piuttosto ho semplicemente notato che ci sono influenze marxiste sul wokeismo e parallelismi tra i punti di vista. D’altra parte, anche se Gottfried solleva alcuni punti importanti, credo che le influenze e i parallelismi siano più importanti e illuminanti di quanto egli sembri ammettere. Ritengo inoltre che egli sopravvaluti le differenze.

Per esempio, Gottfried contrappone l’impegno fittizio del marxismo verso la scienza e la ragione all’irrazionalismo del wokeismo. Ma da un lato, i wokeisti in generale non rifiutano esplicitamente la scienza e la ragione più di quanto facesse il marxismo vecchio stile. Al contrario, in genere affermano che la scienza sostiene le loro idee (ad esempio sul genere). Certo, queste affermazioni sono fasulle e la “scienza” è pura ideologia truccata in modo pseudoscientifico. Ma la stessa cosa valeva per le rivendicazioni marxiste di rispettabilità scientifica. (Qualcuno ha parlato di lisenkoismo?).

Inoltre, sebbene si sostenesse che la teoria marxista dell’ideologia fosse parte di un resoconto scientifico delle istituzioni sociali, in pratica la sua “ermeneutica del sospetto” tende a sovvertire piuttosto che a facilitare il discorso razionale. Le critiche al marxismo vengono liquidate a priori come semplici paraventi per gli interessi acquisiti dei capitalisti, così come le critiche al wokeismo vengono liquidate a priori come semplici paraventi per il razzismo, il patriarcato, l’omofobia, ecc. Ci sono poi i paralleli che molti hanno notato tra l’isteria di massa del wokeismo (che si manifesta nei Twitter mob, nella cancel culture e nelle rivolte del 2020) e la Rivoluzione culturale di Mao.

Certo, le influenze postmoderniste sul wokeismo sono un punto a favore del punto di vista di Gottfried, secondo cui c’è un’importante differenza, almeno in teoria, tra il marxismo tradizionale e il wokeismo nei loro atteggiamenti verso la ragione e la scienza. Ma la pratica effettiva del marxismo e del woke (a cui Gottfried stesso si appella per sostenere la sua tesi) supporta il giudizio che su questo punto sono meno distanti di quanto Gottfried supponga.

Lo stesso vale per le altre differenze descritte da Gottfried. Sì, durante la Guerra Fredda, i Paesi comunisti erano socialmente molto più conservatori di quanto qualsiasi wokester potesse tollerare. Ma ciò avveniva nonostante la teoria marxista, non a causa di essa. Engels, dopo tutto, ha notoriamente attaccato la famiglia tradizionale e l’ordine morale borghese. E la teoria marxista enfatizzava la solidarietà internazionale dei lavoratori rispetto alle lealtà nazionali, anche se nella pratica le cose non andavano così. Anche l’alleanza tra corporazioni e wokeismo trova un parallelo nella pratica marxista reale, nell’adozione da parte del Partito Comunista Cinese di mezzi capitalisti per fini socialisti.

C’è poi il fatto che i teorici del woke riconoscono esplicitamente la tradizione marxista come una delle influenze su di loro. Ad esempio, i teorici critici della razza riconoscono tale influenza, in particolare quella di Antonio Gramsci (anche se, naturalmente, ci sono anche differenze con il marxismo). E lo stesso Gottfried riconosce i parallelismi tra il wokeismo e la Scuola di Francoforte neomarxista.

Questi punti non implicano che il wokeismo sia esattamente un figlio del marxismo, ma ciò non significa che non sia un parente di qualche altro tipo – un fratello o un cugino, per esempio. E anche notare relazioni familiari di questo tipo può essere illuminante. Eric Voegelin ha notoriamente sostenuto che il marxismo, il nazionalsocialismo e altre ideologie politiche moderne sono meglio comprese come variazioni dello gnosticismo. Ho sostenuto altrove che anche la wokeness è meglio compresa come una sorta di gnosticismo. E ho anche sostenuto che i paralleli tra le idee woke sulla razza e il nazionalsocialismo non sono meno sorprendenti o inquietanti di quelli con il marxismo. Questo non significa che il wokeismo sia solo un tipo di nazionalsocialismo, così come non è solo un tipo di marxismo. È una cosa a sé stante, non proprio uguale a nessuna di queste nefaste visioni del mondo. Ma non è meno irrazionale e potenzialmente altrettanto pericoloso.

Edward Feser

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments