Rilancio di seguito un articolo scritto da Israel Shamir, pubblicato su The Unz Review, che fa un ottimo punto sulla guerra. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Ucraina carri armati

 

La guerra è stata prevalentemente noiosa, con poco movimento. Guerra di trincea come nella prima guerra mondiale. Il grande errore è stato all’inizio, quando la Russia ha cercato di conquistare un Paese di 40 milioni di abitanti con pochi soldati. Il capo dell’intelligence russa Naryshkin ha recentemente ammesso che la Russia non disponeva di informazioni affidabili sull’Ucraina. Per molti anni, dal 1991, i servizi segreti russi non hanno seguito gli sviluppi in Ucraina. Così la Russia è entrata in guerra, sperando che gli ucraini salutassero i loro soldati con dei fiori. La guerra si è conclusa con una grande ritirata delle truppe russe. Putin pensava di poter trovare un accordo con Kiev, ma si scopre che l’Ucraina firma accordi un giorno e li rinnega il giorno dopo. Così è andata avanti, finché mezzo anno dopo l’esercito russo ha iniziato la mobilitazione delle sue riserve.

Non è stato tutto negativo: La Russia ha avuto momenti buoni e cattivi nella sua lotta con l’Ucraina. Un momento positivo è stata la conquista di Mariupol, sulla costa del Mar d’Azov. Un momento negativo è stata la ritirata di Kharkov. Un momento sciocco è stato l’accordo sul grano e il ritiro dall’Isola dei Serpenti. Momenti di difficoltà sono stati quando i marines statunitensi e britannici hanno fatto esplodere i gasdotti e quando Daria Dougin è stata assassinata. Un momento di verità è l’attuale critica ai comandanti dell’esercito, con tanto di appello al Ministro della Difesa affinché si spari. La gente non è soddisfatta del modo in cui l’esercito russo si sta comportando. L’esplosione sul ponte di Crimea ha acuito questa sensazione.

In questo momento Putin ha chiamato il generale Surovikin a dirigere la guerra in Ucraina. Surovikin è un generale popolare che ha comandato l’operazione in Siria ed è stato soprannominato “Generale Armageddon” per ovvie ragioni. E il generale Armageddon ha fatto ciò che il popolo voleva: ha lanciato decine di missili da crociera sulle città ucraine. Kiev è stata attaccata per la prima volta; l’elettricità è stata interrotta in molti luoghi, tra cui Kharkov. Finora Putin si era preso cura delle infrastrutture ucraine come se fossero sue. Ora la situazione è cambiata. Una cosa è rimasta: i russi cercano di preservare i civili, al contrario dei militari ucraini che non si preoccupano di uccidere i civili.

La guerra è iniziata perché dal colpo di Stato del 2014 gli ucraini hanno bombardato il Donbas, un’area a prevalenza russa nel sud-est del Paese. Putin ha cercato di risolvere il conflitto con l’accordo di Minsk, che prometteva un Donbas autonomo all’interno dell’Ucraina federale. Gli ucraini hanno firmato l’accordo di Minsk, ma non avevano intenzione di rispettarne gli articoli. Hanno ucciso migliaia di persone del Donbas, soprattutto bombardando i loro negozi, le scuole e persino le strade. I nazionalisti del Battaglione Azov erano particolarmente feroci nei confronti della popolazione del Donbas. Quando le truppe russe sono arrivate in aiuto del Donbas nel febbraio di quest’anno, i combattenti dell’Azov si sono ritirati nelle vaste caverne sotterranee delle acciaierie di Mariupol.

Tuttavia, si sono arresi presto: essere chiusi in una caverna non è molto divertente, anche se avevano cibo e acqua. Circa duemila combattenti sono finiti in prigione. Gli abitanti del Donbas volevano mandarli davanti a un tribunale insieme a mercenari stranieri. Ma Mosca li ha scavalcati e sono stati scambiati con prigionieri di guerra russi e, fastidiosamente, con un politico dell’opposizione. Alcuni prigionieri di guerra dell’Azov sono stati uccisi dai bombardamenti di Kiev sul campo di prigionia: a quanto pare avevano iniziato a rivelare verità dannose sulle loro azioni. I combattenti Azov scambiati sono stati trasportati da un oligarca, l’ebreo russo Roman Abramovitch, nel suo jet privato fino agli Emirati Arabi Uniti. Anche questo ha infastidito la popolazione, che avrebbe preferito che fossero processati.

I russi patriottici erano piuttosto contrariati dal modo in cui era stata condotta la guerra. Ritenevano che i comandanti russi fossero troppo morbidi con l’Ucraina, mentre gli ucraini continuavano a bombardare il Donbas. Scrittori e artisti russi hanno spesso sostenuto l’Ucraina. A Mosca si raccoglievano fondi per l’Ucraina, non per l’esercito russo. Ora, il blitz del generale Armageddon ha cambiato questo sentimento, ma l’Ucraina ha ancora molti sostenitori in Russia nei circoli filo-occidentali. Non è detto che la situazione cambi presto: 30 anni di politica filo-occidentale non possono essere cancellati in un attimo. La frustrazione era alta, perché il Donbas è stato bombardato ma Kiev è rimasta illesa.

Sembra che Putin stia attenuando la campagna: spera ancora in cambiamenti positivi dopo le elezioni di midterm negli Stati Uniti e nel mantenimento del Terzo Mondo dalla sua parte. Il tempo dimostrerà se si tratta di una speranza ragionevole. I media mainstream occidentali si schierano a favore dell’Ucraina. I russi uccisi sono presentati come vittime della pulizia etnica russa, come a Bucha e Izium. L’accordo sul grano è stato concluso solo perché i media hanno gridato alla fame in Africa. È stato un flop: solo il 2% del grano è andato ai Paesi poveri, mentre il resto è andato all’UE. I russi hanno anche ceduto l’Isola del Serpente, una base perfetta per avviare un’operazione di sbarco a Odessa.

L’élite ucraina ha ricevuto molto denaro, contatti e apprezzamenti di alto livello. La signora Zelensky è stata ricevuta da S.A.R. la Principessa del Galles. Non apprezzeranno la pace e l’essere relegati nell’oscurità. I desideri di Putin sono del tutto irrilevanti ora che il grande cliente dell’Ucraina sono gli Stati Uniti e il Regno Unito, che guadagnano dalla guerra. La guerra è pagata dall’Europa; gli Stati Uniti ne traggono profitto. Ora gli Stati Uniti vendono gas liquefatto a un prezzo 4 volte superiore a quello russo, e gli europei pagano.

Certo, è costoso per il popolo ucraino, che soffre sotto i missili russi. Ma agli Stati Uniti non importa. Per loro è redditizio. Le industrie tedesche probabilmente andranno in crisi: ancora meglio per gli Stati Uniti. Sperano che si trasferiscano negli Stati Uniti.


Non c’è dubbio che i gasdotti russi siano stati danneggiati da sabotaggi statunitensi e britannici. Fonti russe citano persino il nome del responsabile (il tenente Chris Bianchi). Ora apprendiamo che la NATO ha tentato per la prima volta di bombardare i gasdotti nel 2015, ma è stata fermata. Solo ora si è saputo. Ahimè, la Svezia non vuole permettere ai russi di accedere al luogo dell’esplosione, né vuole condividere i risultati delle sue indagini. I terroristi hanno fatto un lavoro disordinato: hanno lasciato intatto un gasdotto, quindi i russi e i tedeschi possono iniziare subito a pompare gas se c’è la volontà politica. Ma non è chiaro se i tedeschi abbiano una volontà politica che non sia quella di conformarsi ai desideri degli Stati Uniti.

Il partito della guerra degli Stati Uniti è molto forte e i russi non hanno alcuna possibilità di sconfiggerlo. Ma questo non significa che una guerra nucleare sia inevitabile. Né i presidenti degli Stati Uniti né quelli della Russia la vogliono. Probabilmente la guerra convenzionale continuerà senza arrivare alla soglia nucleare. L’accordo di pace probabilmente non sarà all’altezza dei desideri di entrambe le parti, ma i russi non sono disposti a sottoscrivere un altro accordo di Minsk solo per essere abusati da Kiev.

 

Russia e sanzioni

Le principali armi degli Stati Uniti e dell’Unione Europea contro la Russia sono le sanzioni e la cortina di ferro. Mentre le sanzioni hanno intaccato solo in minima parte il tessuto della società russa, non è così per la cortina di ferro. È dolorosa e fastidiosa. Negli ultimi 30 anni, i russi si sono abituati a viaggiare in Europa. Ora devono cambiare le loro abitudini. Sì, i russi possono recarsi in Turchia e in Israele, in India e in America Latina, ma l’Europa era vicina e amichevole. Ora è difficile da raggiungere: di solito possono farlo con un volo per Istanbul, ma spendendo molto di più. È particolarmente doloroso per i russi ricchi: un tempo trascorrevano i loro fine settimana a Parigi e Londra, ora non più.

Le sanzioni sono probabilmente fastidiose per gli uomini d’affari, ma la gente comune le nota meno in Russia che in Europa. La carne è buona e abbondante; il gas è a buon mercato; il teatro è buono e poco costoso. L’intero Anello dei Nibelunghi (quattro opere extra-lunghe) si può ascoltare per cento dollari.

L’inflazione si verifica in Russia, come ovunque. Ma non c’è la follia verde o la mania del gender. Non ci sono insegnamenti o canzoni patriottiche. La Russia è abbastanza progressista, ma non troppo. Le chiese sono aperte e piene di fedeli. In realtà, la vita è normale. Forse troppo normale per un Paese il cui fronte è appena crollato per mancanza di soldati.

La mobilitazione è arrivata per correggere questa mancanza. Per la prima volta in 80 anni i russi si stanno mobilitando, ed è andata male. I volontari sono stati rifiutati, mentre i malati e gli anziani sono stati arruolati. Molti giovani relativamente filo-occidentali sono fuggiti in Georgia e in Israele, dove non c’è bisogno di visti. Ma comunque è stato arruolato il numero necessario di persone. Tra due mesi, l’esercito russo avrà abbastanza soldati per mantenere il fronte.

Nel frattempo si sta occupando del terrore. L’esplosione del ponte di Crimea è stata oggetto di indagini. Si è scoperto che gli esplosivi sono stati inviati fuori dall’Ucraina da un’imbarcazione apparentemente carica di grano secondo l’accordo sul grano. Il carico mortale è passato attraverso la Bulgaria e la Georgia per arrivare in Russia. Proprio ora la sicurezza russa ha arrestato gli ucraini che hanno contrabbandato due missili antiaerei Igla con lanciatori attraverso l’Estonia. Avevano intenzione di abbattere aerei civili in Russia. L’Estonia è stata coinvolta nell’uccisione di Daria Dougin, una giovane donna russa, figlia del filosofo Alexander Dougin, nei pressi di Mosca. Il ministro estone si è congratulato con l’Ucraina per l’atto terroristico sul ponte di Crimea. La Lituania ha cercato di impedire l’accesso dei russi alla sua enclave nella Prussia orientale. In breve, l’Ucraina non è sola e la Russia ha molti simpatizzanti neutrali, ma pochi alleati.

La guerra continua…

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments