Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Tyler Durden e pubblicato su Zero Hedge. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da noi curata. 

 

Carlson-Putin intervista

 

(L’intera intervista con i sottotitoli in italiano può essere vista qui)

 

La scorsa settimana Tucker Carlson si è recato in Russia per intervistare il Presidente Vladimir Putin. Questo ha mandato in fibrillazione la sinistra, alcuni dei quali hanno chiesto che il giornalista venisse sanzionato o peggio.

Prima dell’intervista, che può essere vista per intero su tuckercarlson.com, Carlson ha spiegato che il suo lavoro di giornalista è “informare le persone”, poiché “la maggior parte degli americani non è informata” su ciò che sta accadendo in Ucraina.

A tal fine, entriamo nel merito.

Tucker inizia l’intervista chiedendo a Putin perché ha invaso l’Ucraina, “e la risposta che abbiamo ricevuto ci ha scioccato”.

Putin ha continuato ad approfondire la storia dell’Ucraina, risalendo al Medioevo. Tucker ha ribattuto dicendo: “Non sono sicuro che sia rilevante per quello che è successo due anni fa”, al che Putin ha continuato con la lezione di storia.

“Ma perché nei primi 22 anni di presidenza non ha sostenuto questa tesi, che l’Ucraina non era un vero Paese?”. ha chiesto Tucker.

“L’Unione Sovietica ricevette una grande quantità di territori che non le erano mai appartenuti, compresa la regione del Mar Nero. A un certo punto, quando la Russia li ricevette come risultato delle guerre russo-turche, furono chiamati Nuova Russia o un’altra Russia. Ma questo non ha importanza. Ciò che conta è che Lenin, il fondatore dello Stato sovietico, ha stabilito l’Ucraina in questo modo”, ha risposto Putin. “Per decenni, la Repubblica Sovietica Ucraina si è sviluppata come parte dell’URSS. E per ragioni sconosciute, ancora una volta, i bolscevichi erano impegnati nell’ucrainizzazione”.

La causa scatenante della guerra in Ucraina: “Inizialmente è stato il colpo di Stato in Ucraina a provocare il conflitto… Hanno lanciato la guerra nel Donbas nel 2014 con l’uso di aerei e artiglieria contro i civili. Da lì è iniziato tutto”.

 

L’espansione della NATO

Entrando nel vivo della guerra in Ucraina, Putin ha detto a Carlson che “l’ex leadership russa presumeva che l’Unione Sovietica avesse cessato di esistere e che quindi non ci fossero più linee di demarcazione ideologiche. La Russia ha persino acconsentito volontariamente e proattivamente al crollo dell’Unione Sovietica, credendo che questo sarebbe stato compreso dal cosiddetto Occidente civilizzato come un invito alla cooperazione e all’associazione”.

“Ci è stato promesso di non avere la NATO a est, non un centimetro a est, come ci è stato detto. E poi? Hanno detto, beh, non è sancito sulla carta, quindi ci espanderemo”.

“Questo è ciò che la Russia si aspettava, sia dagli Stati Uniti che dal cosiddetto Occidente collettivo nel suo complesso. Ci sono state persone intelligenti, anche in Germania, Egon Bahr, un importante politico del Partito Socialdemocratico, che ha insistito nelle sue conversazioni personali con la leadership sovietica sull’orlo del crollo dell’Unione Sovietica, che sapevano che i sistemi di sicurezza dovevano essere stabiliti in Europa. Si dovrebbe aiutare la Germania unificata, ma si dovrebbe anche creare un nuovo sistema che includa Stati Uniti, Canada, Russia e altri Paesi dell’Europa centrale. Ma la NATO non deve espandersi. Questo è ciò che ha detto. Se la NATO si espandesse, tutto sarebbe come durante la Guerra Fredda, solo più vicino ai confini della Russia. Tutto qui. Era un vecchio saggio, ma nessuno gli dava retta. Anzi, una volta si arrabbiò. Se non mi ascoltate, disse, non metterò mai più piede a Mosca. Tutto è successo proprio come aveva detto”.

 

Lo stato dei negoziati:

Vladimir Putin: Ho già detto che non abbiamo rifiutato di parlare. Siamo disposti a negoziare. È la parte occidentale, e l’Ucraina è ovviamente uno Stato satellite degli Stati Uniti. È evidente. Non voglio che la prendiate come se cercassi una parola forte o un insulto. Ma entrambi capiamo cosa sta succedendo. Il sostegno finanziario. Sono stati stanziati 72 miliardi di dollari. La Germania è al secondo posto, poi vengono altri Paesi europei. Decine di miliardi di dollari americani stanno andando in Ucraina. C’è un enorme afflusso di armi. In questo caso, dovreste dire all’attuale leadership ucraina di fermarsi e di venire al tavolo dei negoziati, revocando questo assurdo decreto. Non ci siamo rifiutati.

Tucker: Certo, ma l’ha già detto. Non pensavo fosse un insulto, perché ha già detto bene che è stato riferito che l’Ucraina è stata impedita di negoziare un accordo di pace dall’ex primo ministro britannico che ha agito per conto dell’amministrazione Biden. Quindi, è ovvio che sono un satellite. I grandi Paesi controllano i piccoli Paesi. Non è una novità. Ecco perché ho chiesto di trattare direttamente con l’amministrazione Biden, che sta prendendo queste decisioni, e non con il Presidente ucraino Zelensky.

Vladimir Putin: Se l’amministrazione di Zelensky in Ucraina si è rifiutata di negoziare, presumo che lo abbia fatto su ordine di Washington. Se Washington ritiene che sia una decisione sbagliata, che la abbandoni. Che trovi una scusa delicata in modo che nessuno si senta offeso. Che trovi una via d’uscita. Non siamo stati noi a prendere questa decisione. Sono stati loro. Quindi lasciateli tornare indietro. Questo è quanto. Tuttavia, hanno preso la decisione sbagliata. E ora dobbiamo cercare una via d’uscita da questa situazione per correggere i loro errori. L’hanno fatto, quindi lasciamo che si correggano da soli. Noi lo sosteniamo.

Tucker: Voglio solo assicurarmi di non aver frainteso quello che sta dicendo. Non credo di averlo fatto. Credo che lei stia dicendo di volere una soluzione negoziata a quanto sta accadendo in Ucraina.

Vladimir Putin: Giusto. E l’abbiamo fatto. Abbiamo preparato a Istanbul l’enorme documento che è stato siglato dal capo della delegazione ucraina. Ha apposto la sua firma su alcune disposizioni, non su tutte. Ha apposto la sua firma e poi ha detto che eravamo pronti a firmarlo, e la guerra sarebbe finita molto tempo fa. 18 mesi fa. Tuttavia, il Primo Ministro Johnson è venuto a parlarci e abbiamo perso questa occasione. Ebbene, l’avete persa. Avete commesso un errore. Lasciate che ci tornino sopra. Questo è tutto. Perché dobbiamo preoccuparci di correggere gli errori di qualcun altro? So che si può dire che l’errore è nostro. Siamo stati noi a intensificare la situazione e a decidere di porre fine alla guerra iniziata nel 2014, nel Donbas. Come ho già detto, con le armi. Torno ad approfondire la storia. Ve l’ho già detto. Ne stavamo giusto discutendo. Torniamo al 1991, quando ci fu promesso che la NATO non si sarebbe espansa, al 2008, quando le porte della NATO si aprirono alla Dichiarazione di Sovranità dello Stato dell’Ucraina, che dichiarava l’Ucraina uno Stato neutrale. Torniamo al fatto che le basi militari della NATO e degli Stati Uniti hanno iniziato ad apparire sul territorio ucraino creando minacce per noi. Torniamo al colpo di Stato in Ucraina nel 2014. Ma è inutile, non è vero? Possiamo andare avanti e indietro all’infinito, ma loro hanno interrotto i negoziati. È un errore? Sì, è un errore. Correggetelo. Noi siamo pronti. Cos’altro serve?

Guardate qui Putin che spiega di aver firmato un accordo di pace (prima dell’arrivo di BoJo):

 

 

Ancora:

  • Sul processo negoziale e il suo fallimento: “Ci sono stati [colloqui] che hanno raggiunto uno stadio molto alto di coordinamento delle posizioni in un processo complesso, ma erano comunque quasi finalizzati. Ma dopo che abbiamo ritirato le nostre truppe da Kiev… la controparte ha buttato via tutti questi accordi”.
  • Sulla sua ultima conversazione con Joe Biden: “Beh, sì, lui finanzia, ma ho parlato con lui prima dell’operazione militare speciale, naturalmente… Credo che stiate commettendo un enorme errore di proporzioni storiche sostenendo tutto ciò che sta accadendo lì, in Ucraina, respingendo la Russia”.
  • Sulla possibilità di un conflitto globale: “È contrario al buon senso farsi coinvolgere in una sorta di guerra globale e una guerra globale porterà tutta l’umanità sull’orlo della distruzione”.
  • Sul concetto di de-nazificazione: “De-nazificazione… significa la proibizione di tutti i tipi di movimenti neonazisti… Dobbiamo sbarazzarci di coloro che mantengono questo concetto e sostengono questa pratica e cercano di preservarla”.
  • Sulle ambizioni territoriali della Russia: “Semplicemente non abbiamo alcun interesse [in Polonia, Lettonia o altrove]. Si tratta solo di minacce”.

 

Elon Musk e Neuralink

Putin ha poi suggerito che Elon Musk è inarrestabile, dicendo: “Farà ciò che ritiene opportuno. Tuttavia, dovrete trovare un terreno comune con lui. Cercate dei modi per persuaderlo. Penso che sia una persona intelligente. Credo davvero che lo sia. Quindi dovrete trovare un accordo con lui perché questo processo deve essere formalizzato e sottoposto a determinate regole. L’umanità deve considerare cosa accadrà a causa dei più recenti sviluppi della genetica o dell’intelligenza artificiale. Si può fare una previsione approssimativa di ciò che accadrà”.

Ancora di più:

  • Sull’esplosione del Nord Stream: “Si dice sempre che in questi casi bisogna cercare qualcuno che sia interessato. Ma in questo caso, non dovremmo solo cercare qualcuno che sia interessato, ma anche qualcuno che abbia delle capacità… Chi è interessato e chi è in grado di farlo?”.

Tucker: “Chi ha fatto saltare il Nord Stream?”. Putin: ” Lei di sicuro”. Tucker: “Quel giorno ero occupato. Non ho fatto saltare il Nord Stream”. Putin: “Lei personalmente può avere un alibi, ma la CIA non ha questo alibi”.

  • Sulla presentazione delle prove del coinvolgimento della NATO: “Nella guerra di propaganda, è molto difficile sconfiggere gli Stati Uniti, perché gli Stati Uniti controllano tutti i media del mondo… Possiamo semplicemente puntare i riflettori sulle nostre fonti di informazione e non otterremo risultati”.
  • Sul silenzio della Germania riguardo al Nord Stream: “L’attuale leadership tedesca è guidata dagli interessi dell’Occidente collettivo piuttosto che dai suoi interessi nazionali”.
  • Sulle alleanze globali e la sicurezza: “La sicurezza dovrebbe essere condivisa piuttosto che destinata al miliardo d’oro. Questo è l’unico scenario in cui il mondo potrebbe essere stabile, sostenibile e prevedibile”.
  • Sull’uso del dollaro USA come strumento politico: “Usare il dollaro come strumento di lotta in politica estera è uno dei più grandi errori strategici commessi dalla leadership politica statunitense”.
  • Sull’impatto delle sanzioni e dell’allontanamento dal dollaro USA: “Anche gli alleati degli Stati Uniti stanno riducendo le loro riserve di dollari… Non siamo stati noi a vietare l’uso del dollaro. È stata la decisione degli Stati Uniti a limitare le nostre transazioni in dollari”.
  • Sulle relazioni con la Cina: “La filosofia della politica estera cinese non è aggressiva. La sua idea è quella di cercare sempre il compromesso”.
  • Sul potenziale cambiamento nelle relazioni tra Stati Uniti e Russia: “Non si tratta della personalità del leader. Si tratta della mentalità delle élite, dell’accordo con i leader. Se l’idea del dominio ad ogni costo, basato anche su azioni di forza, domina la società americana, non cambierà nulla”.
  • Sulla natura del potere negli Stati Uniti: “Per noi è molto difficile risolvere la questione. Chi prende le decisioni nelle elezioni? Ogni Stato si regola da solo… Ci sono due partiti che dominano: i repubblicani e i democratici”.
  • Sul cristianesimo e la violenza: “È molto facile quando si tratta di proteggere se stessi e la propria famiglia, la propria patria. Non attaccheremo nessuno… E noi stavamo proteggendo il nostro popolo, noi stessi, la nostra patria e il nostro futuro”.

Tucker ha anche chiesto di parlare del giornalista del WSJ Evan Gershkovich, che è stato imprigionato:

Tucker: Devo farle un’ultima domanda. Riguarda qualcuno che è molto famoso negli Stati Uniti. Probabilmente non qui. Evan Gershkovich, giornalista del Wall Street Journal. Ha 32 anni. È in prigione da quasi un anno. Questa è una storia enorme negli Stati Uniti. Vorrei chiederle direttamente, senza entrare nei dettagli o nella sua versione dell’accaduto, se, come segno di stile, sarebbe disposto a rilasciarlo a noi e noi lo riporteremo negli Stati Uniti.

Vladimir Putin: Abbiamo fatto così tanti gesti di buona volontà per correttezza che credo li abbiamo esauriti. Non abbiamo mai visto nessuno ricambiarci in modo simile. Tuttavia, in teoria, possiamo dire che non escludiamo di poterlo fare se i nostri partner compiono passi reciproci. Quando parlo di partner, mi riferisco innanzitutto ai servizi speciali. I servizi speciali sono in contatto tra loro. Stanno parlando del problema in questione. Non c’è alcun tabù per risolvere la questione. Siamo disposti a risolverla, ma ci sono alcuni termini che vengono discussi attraverso i canali dei servizi speciali. Credo che si possa raggiungere un accordo.

Guarda l’intervista completa qui su X:

 

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments