Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto ieri un ampio discorso al Valdai Club, a Mosca, “molto importante”. Ecco un articolo di Tyler Durden che parla dell’evento e di quello che Putin ha detto. L’articolo è stato pubblicato su Zero Hedge e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa
Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa

 

Aggiornamento(1534ET): Nel suo discorso annuale al Valdai Discussion Club, durato quasi quattro ore (che comprendeva anche una lunga parte di domande e risposte), Putin “è apparso rilassato”, ha osservato la Reuters, mentre a volte veniva interrogato da giornalisti e relatori sulla prospettiva di una guerra nucleare.

È importante notare che ha respinto di petto le accuse dell’Occidente di aver anche solo accennato a piani di dispiegamento di armi nucleari in Ucraina, descrivendo un attacco nucleare nel contesto dell'”operazione speciale” come in definitiva inutile. “Non ne vediamo la necessità”, ha detto Putin. “Non ha senso, né politico né militare”. Ha sottolineato che “non ha senso per noi farlo”.

Ha poi sottolineato che la Russia “non ha mai detto nulla di proattivo sul possibile uso di armi nucleari da parte della Russia”. Allo stesso tempo si è scagliato contro Washington, per essere “l’unico Paese al mondo che ha usato armi nucleari contro uno Stato non nucleare” – in riferimento alla Seconda Guerra Mondiale e alle bombe su Hiroshima e Nagasaki.

Ha fatto riferimento in particolare a precedenti dichiarazioni di Liz Truss e a vaghi riferimenti alla sua dichiarazione di essere disposto a difendere la Russia “con tutti i mezzi disponibili” come se fossero stati intenzionalmente male interpretati e distorti:

Putin ha detto che un suo precedente avvertimento di essere pronto a usare “tutti i mezzi disponibili per proteggere la Russia” non equivaleva a una sciabolata nucleare, ma era solo una risposta alle dichiarazioni occidentali sul loro possibile uso di armi nucleari.

Ha citato in particolare Liz Truss, che in agosto aveva detto di essere pronta a usare le armi nucleari se fosse diventata primo ministro britannico, un’osservazione che secondo lui ha preoccupato il Cremlino.

“Cosa avremmo dovuto pensare?” Ha detto Putin. “L’abbiamo vista come una posizione coordinata, un tentativo di ricatto”.

Proprio mentre Putin parlava, il Pentagono ha deciso che era il momento giusto per svelare una sorprendente inversione della strategia nucleare, affermando che non avrebbe più escluso l’uso di armi nucleari contro una minaccia non nucleare.

Come abbiamo riportato in precedenza, il Dipartimento della Difesa ha dichiarato nell’atteso documento pubblicato giovedì che “entro il 2030 gli Stati Uniti, per la prima volta nella loro storia, dovranno affrontare due grandi potenze nucleari come concorrenti strategici e potenziali avversari”. In risposta, gli Stati Uniti “manterranno una soglia molto alta per l’impiego del nucleare”, senza escludere l’uso delle armi come rappresaglia a una minaccia strategica non nucleare alla patria, alle forze statunitensi all’estero o agli alleati.

Nel documento, redatto ben prima dell’invasione, il Pentagono afferma che la Russia continua a “brandire le sue armi nucleari a sostegno della sua politica di sicurezza revisionista”, mentre si prevede che il suo moderno arsenale crescerà ulteriormente.

Naturalmente, Putin ora sta essenzialmente puntando il dito contro Washington e i suoi alleati accusandoli di essere la vera minaccia nucleare nel mondo. Il briefing del Dipartimento della Difesa non ha certo danneggiato il suo caso, almeno dal punto di vista di Mosca e dei suoi alleati.

***

“La Russia non sta sfidando l’élite occidentale. Non stiamo cercando di diventare l’egemone”, ha dichiarato il Presidente russo Vladimir Putin all’inizio di un importante discorso tenuto giovedì davanti al Valdai Discussion Club fuori Mosca. Ogni anno il discorso di Valdai è uno dei più importanti e viene seguito da vicino dai funzionari e dai media occidentali.

Quest’anno è stato presentato con il titolo accattivante di “Un mondo post-egemonico: Giustizia e sicurezza per tutti”. Naturalmente, l’incontro di Valdai di quest’anno si svolge sullo sfondo della più grande guerra che l’Europa abbia mai visto alle sue porte orientali dalla seconda guerra mondiale.

Putin ha detto nelle sue osservazioni che la Russia vuole solo “difendere il suo diritto di esistere” e “non si lascerà distruggere e cancellare dalla mappa geopolitica”. Questo mentre la retorica nucleare e le minacce di difendere le linee rosse tra Mosca e l’Occidente hanno raggiunto livelli mai visti dai tempi della Guerra Fredda.

Ha ripetuto un ritornello familiare, ovvero che la crisi si sta sviluppando perché gli alleati occidentali stanno usando l’Ucraina per il loro “gioco sporco”, in un’ottica di dominio mondiale. “Il potere sul mondo è ciò che l’Occidente ha messo in gioco nel suo gioco. Questo gioco è certamente pericoloso, sanguinoso e lo definirei sporco”, ha detto secondo la traduzione dei media statali.

“Ma nel mondo moderno, stare in disparte non è certo un’opzione. Chi semina il vento raccoglierà la tempesta, come dice il proverbio”, ha aggiunto. Ripetendo un suo tema ben noto, che contrappone il crollo dell’ordine unipolare alla multipolarità, ha affermato che “i nuovi centri di potere nel mondo multipolare e l’Occidente dovranno iniziare a parlare da pari a pari del nostro futuro comune”.

“Questo gioco nega la sovranità delle nazioni e dei popoli, la loro identità e unicità e non ha alcun riguardo per gli altri Paesi”, ha aggiunto Putin.

Commentando un segmento del discorso, il New York Times ha affermato che il discorso di Valdai ha cercato di fare appello ai conservatori in Europa e negli Stati Uniti:

Putin ha insistito sul fatto che la Russia non si considera fondamentalmente un “nemico dell’Occidente”. Piuttosto, ha detto – come ha già fatto in passato – che è contro le “élite occidentali” che sta combattendo, che stanno cercando di imporre i loro valori “piuttosto strani” a tutti gli altri.

“Ci sono almeno due Occidenti”, ha detto Putin nel suo discorso alla sessione plenaria di una conferenza annuale di politica estera a Mosca. Uno, ha detto, è l’Occidente dei “valori tradizionali, principalmente cristiani”, a cui la Russia è vicina.

Ma Putin ha sottolineato che “c’è un altro Occidente – aggressivo, cosmopolita, neocoloniale, che agisce come arma dell’élite neoliberale”.

I funzionari ucraini hanno osservato attentamente il discorso e lo hanno commentato:

 

Traduzione del tweet: “La fiducia nella propria infallibilità è uno stato molto pericoloso, a un passo dal distruggere chi non piace” – Putin sa di cosa parla a Valdai.

 

E più specificamente sul conflitto ucraino, il leader russo ha accusato le azioni dell’Occidente: “Stanno sempre cercando di intensificare… Stanno alimentando la guerra in Ucraina, organizzando provocazioni intorno a Taiwan, destabilizzando i mercati mondiali del cibo e dell’energia”.

E ancora, attraverso la traduzione dei media statali:

Putin ha avvertito che la fiducia dell’Occidente nella sua “infallibilità” è una condizione “molto pericolosa”, e che c’è solo “un passo” tra questa fiducia in se stessi e l’idea che “possono semplicemente distruggere quelli che non gli piacciono, o come dicono loro, ‘cancellarli'”.

Sottolineando che la Russia non è un “nemico” naturale dell’Occidente, Putin ha esortato le élite politiche occidentali a smettere di vedere “la mano del Cremlino” dietro tutti i loro problemi interni.

Per quanto riguarda il multipolarismo, il messaggio di Putin all’Europa è essenzialmente “prendere o lasciare”…

 

Traduzione del tweet: “Putin ci riprova. Nuovo discorso di Monaco III alla conferenza di Valdai. Sta gettando le basi di un nuovo ordine mondiale multipolare. Il messaggio all’Europa è ‘prendere o lasciare'”.

 

I funzionari occidentali tengono d’occhio anche le parole di Putin riguardo alla dottrina e all’uso del nucleare. Al Valdai Putin ha sottolineato di non vedere “alcuna ragione politica o militare” per condurre un attacco nucleare in Ucraina. Ha anche sottolineato che la dottrina nucleare di Mosca è di natura difensiva. “La Russia non ha mai parlato di uso del nucleare, ha solo risposto”, ha detto.

Ha poi avvertito che la Russia non ” tollererà mai quello che l’Occidente le dice di fare” e che, pur non dovendo essere vista come una sfida diretta all’Occidente, si riserva il diritto di svilupparsi. Stabilito questo tema, Putin ha affermato che Washington ha screditato la finanza internazionale “usando il dollaro come un’arma”, e ha quindi ipotizzato che in futuro continueranno a prevalere “i regolamenti nelle valute nazionali”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments