L’articolo che segue, di Ronan Manly di Bullionstar.com, è stato rilanciato su ZeroHedge. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

 

Con la banca centrale russa che ha appena alterato profondamente il commercio internazionale e il sistema monetario collegando il rublo russo sia all’oro che alle materie prime, i giornalisti di Mosca mi hanno chiesto di scrivere un articolo su cosa significano questi sviluppi e le ramificazioni di questi cambiamenti sul rublo russo, il dollaro USA, il prezzo dell’oro e il sistema globale delle valute. Questo articolo è stato pubblicato sul sito RT.com qui.

Poiché RT.com è ora bloccato e censurato in molte località occidentali come l’UE, il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Canada, e poiché molti lettori potrebbero non essere in grado di accedere al sito web RT.com (a meno che non si usi una VPN), le mie Domande e Risposte che sono nel nuovo articolo di RT.com sono ora pubblicate qui nella loro interezza.

Chi avrebbe mai pensato che i cittadini dei paesi occidentali di ‘libertà di parola’ avrebbero avuto bisogno di una VPN per leggere un sito di notizie russo?

***

Perché è significativo fissare un prezzo fisso per l’oro in rubli?

Offrendo di comprare oro dalle banche russe a un prezzo fisso di 5000 rubli al grammo, la Banca di Russia ha collegato il rublo all’oro e, poiché l’oro viene scambiato in dollari USA, ha fissato un prezzo minimo per il rublo in termini di dollari USA.

Possiamo vedere questo collegamento in azione da venerdì 25 marzo, quando la Banca di Russia ha fatto l’annuncio del prezzo fisso. Il rublo era scambiato a circa 100 per il dollaro americano in quel momento, ma da allora si è rafforzato e si sta avvicinando a 80 per il dollaro americano. Perché? Perché l’oro è stato scambiato sui mercati internazionali a circa 62 dollari al grammo, che è equivalente a (5000 / 62) = circa 80,5, e i mercati e gli operatori di arbitraggio hanno ora preso nota, spingendo il tasso di cambio RUB / USD più in alto.

Così il rublo ora ha un pavimento rispetto ai dollari USA, in termini di oro. Ma anche l’oro ha un pavimento, per così dire, perché 5000 rubli al grammo sono 155.500 rubli per oncia troy di oro, e con un pavimento RUB / USD (cambio Rublo-Dollaro, ndr) di circa 80, è un prezzo dell’oro di circa 1940 dollari. E se i mercati dell’oro di carta (certificati cartacei che garantiscono una conversione del loro valore in oro effettivo, compravenduti sui mercati internazionali, ndr) occidentali di LBMA / COMEX cercano di far scendere il prezzo dell’oro in dollari USA, dovranno cercare di indebolire anche il rublo, altrimenti le manipolazioni di carta saranno allo scoperto.

Inoltre, con il nuovo legame tra oro e rublo, se il rublo continua a rafforzarsi (per esempio a causa della domanda creata dai pagamenti obbligatori di energia in rubli), questo si rifletterà anche in un prezzo dell’oro più forte.

 

Cosa significa questo per il petrolio?

La Russia è il più grande esportatore di gas naturale del mondo e il terzo esportatore di petrolio. Stiamo vedendo proprio ora che Putin sta chiedendo che gli acquirenti stranieri (importatori di gas russo) devono pagare questo gas naturale usando rubli. Questo collega immediatamente il prezzo del gas naturale ai rubli e (a causa del legame fisso con l’oro) al prezzo dell’oro. Così il gas naturale russo è ora collegato tramite il rublo all’oro.

Lo stesso può essere fatto con il petrolio russo. Se la Russia comincia a chiedere il pagamento delle esportazioni di petrolio in rubli, ci sarà un immediato ancoraggio indiretto all’oro (attraverso il collegamento prezzo fisso rublo – oro). Poi la Russia potrebbe iniziare ad accettare direttamente l’oro in pagamento per le sue esportazioni di petrolio. In realtà, questo può essere applicato a tutte le materie prime, non solo al petrolio e al gas naturale.

 

Cosa significa questo per il prezzo dell’oro?

Giocando su entrambi i lati dell’equazione, cioè collegando il rublo all’oro e poi collegando i pagamenti energetici al rublo, la Banca di Russia e il Cremlino stanno alterando fondamentalmente l’intero presupposto di funzionamento del sistema commerciale globale, accelerando al contempo il cambiamento nel sistema monetario globale. Questo muro di acquirenti in cerca di oro fisico per pagare le materie prime reali potrebbe certamente silurare e far saltare i mercati dell’oro cartaceo della LBMA e del COMEX.

L’ancoraggio fisso tra il rublo e l’oro mette un pavimento sul tasso RUB / USD, ma anche un quasi-floor (quasi-pavimento, ndr) sul prezzo dell’oro in dollari USA. Ma al di là di questo, il collegamento dell’oro ai pagamenti energetici è l’evento principale. Mentre l’aumento della domanda di rubli dovrebbe continuare a rafforzare il tasso RUB / USD e mostrarsi come un prezzo dell’oro più alto, a causa del legame fisso rublo – oro, se la Russia inizia ad accettare direttamente l’oro come pagamento per il petrolio, allora questo sarebbe un nuovo cambiamento di paradigma per il prezzo dell’oro, in quanto collegherebbe il prezzo del petrolio direttamente al prezzo dell’oro.

Per esempio, la Russia potrebbe iniziare specificando che ora accetterà 1 grammo d’oro per barile di petrolio. Non deve essere 1 grammo, ma dovrebbe essere un’offerta scontata rispetto all’attuale prezzo di riferimento del greggio in modo da promuovere l’acquisto, ad esempio 1,2 grammi per barile. Gli acquirenti si precipiterebbero a comprare oro fisico per pagare le esportazioni di petrolio russo, il che a sua volta creerebbe enormi tensioni nei mercati dell’oro cartaceo di Londra e New York, dove l’intera scoperta del “prezzo dell’oro” è basata su “oro” sintetico e frazionato regolato in contanti e “derivati” sul prezzo dell’oro.

 

Cosa significa questo per il rublo?

Collegare il rublo all’oro attraverso il prezzo fisso della Banca di Russia ha ora messo un pavimento sotto il tasso RUB/USD, e quindi ha stabilizzato e rafforzato il rublo. Chiedere che le esportazioni di gas naturale siano pagate in rubli (e possibilmente il petrolio e altre materie prime più avanti) agirà di nuovo come stabilizzazione e sostegno. Se la maggioranza del sistema commerciale internazionale comincia ad accettare questi rubli per gli accordi di pagamento delle materie prime, questo potrebbe spingere il rublo russo a diventare una valuta globale importante. Allo stesso tempo, qualsiasi mossa da parte della Russia di accettare l’oro diretto per i pagamenti del petrolio causerà un maggiore afflusso di oro internazionale nelle riserve russe, il che rafforzerebbe anche il bilancio della Banca di Russia e a sua volta rafforzerebbe il rublo.

Parlare di un gold standard formale per il rublo potrebbe essere prematuro, ma un rublo sostenuto dall’oro deve essere qualcosa che la Banca di Russia ha considerato.

 

Cosa significa questo per le altre valute?

Il panorama monetario globale sta cambiando rapidamente e le banche centrali di tutto il mondo stanno ovviamente prendendo nota. Le sanzioni occidentali, come il congelamento della maggior parte delle riserve di valuta estera della Russia e il tentativo di sanzionare l’oro russo, hanno reso ovvio che i diritti di proprietà sulle riserve FX (valutarie, ndr) detenute all’estero potrebbero non essere rispettati, e allo stesso modo, che l’oro delle banche centrali straniere detenuto in caveau, come alla Banca d’Inghilterra e alla Fed di New York, non è al di là della confisca.

Altri governi e banche centrali non occidentali saranno quindi molto interessati al fatto che la Russia colleghi il rublo all’oro e colleghi i pagamenti delle esportazioni di materie prime al rublo. In altre parole, se la Russia inizia ad accettare il pagamento del petrolio in oro, allora altri paesi potrebbero sentire il bisogno di seguire l’esempio.

Guardate chi, a parte gli Stati Uniti, sono i più grandi produttori di petrolio e gas naturale del mondo – Iran, Cina, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Qatar. Ovviamente, anche tutti i paesi BRICS e i paesi eurasiatici stanno seguendo tutto questo molto da vicino. Se la scomparsa del dollaro USA è vicina, tutti questi paesi vorranno che le loro valute siano beneficiarie di un nuovo ordine monetario multilaterale.

 

Cosa significa questo per il dollaro USA?

Dal 1971, lo status di riserva globale del dollaro USA è stato sostenuto dal petrolio, e l’era dei petrodollari è stata possibile solo grazie all’uso continuo di dollari USA nel mondo per commerciare il petrolio e alla capacità degli USA di impedire qualsiasi concorrente al dollaro USA.

Ma quello che stiamo vedendo ora sembra l’inizio della fine di quel sistema cinquantennale e la nascita di un nuovo sistema monetario multilaterale sostenuto da oro e materie prime. Il congelamento delle riserve di valuta estera della Russia è stato il fattore scatenante. I paesi giganti del mondo, forti delle materie prime, come la Cina e le nazioni esportatrici di petrolio, possono ora sentire che è il momento di passare a un nuovo sistema monetario più equo. Non è una sorpresa, ne hanno discusso per anni.

Mentre è ancora troppo presto per dire come il dollaro USA sarà influenzato, uscirà da questo periodo più debole e meno influente di prima.

 

Quali sono le conseguenze di questi sviluppi?

La mossa della Banca di Russia di collegare il rublo all’oro e di collegare i pagamenti delle materie prime al rublo è un cambiamento di paradigma che i media occidentali non hanno ancora colto. Mentre i domini cadono, questi eventi potrebbero riverberarsi in diversi modi. Aumento della domanda di oro fisico. Esplosione dei mercati dell’oro cartaceo. Una rivalutazione del prezzo dell’oro. Un allontanamento dal dollaro USA. Aumento del commercio bilaterale di materie prime tra paesi non occidentali in valute diverse dal dollaro USA.

 

 

Facebook Comments