Segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog un articolo scritto da Jennifer Margulis e Joe Wang su uno studio che ha riscontrato danni al cervello e al cuore dopo iniezione da vaccini. L’articolo è stato pubblicato su The Epoch Times e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Cervello virus
“Trombocitopenia immunitaria indotta dal vaccino che causa una forma grave di trombosi venosa cerebrale con alto tasso di mortalità: Una serie di casi”

 

Scienziati tedeschi hanno scoperto che la vaccinazione con mRNA, e non l’infezione COVID-19 in sé, ha causato danni cerebrali e cardiaci in un adulto anziano con patologie di base.

Lo studio è stato pubblicato nell’ottobre 2022 sulla rivista Vaccines: “A Case Report: Multifocal Necrotizing Encephalitis and Myocarditis after BNT162b2 mRNA Vaccination against COVID-19”. Il rapporto esaminava la situazione di un uomo tedesco di 76 anni affetto da morbo di Parkinson.

Il paziente è morto tre settimane dopo aver ricevuto la terza iniezione di COVID-19.

Il primo vaccino ricevuto nel maggio del 2021 è stato quello di Oxford/AstraZeneca. A questo sono seguite altre due iniezioni a luglio e a dicembre dello stesso anno. I due vaccini successivi erano entrambi prodotti da Pfizer.

Dopo il secondo vaccino, la famiglia del paziente ha notato notevoli cambiamenti nel suo comportamento. Ha iniziato a provare più ansia, è diventato più letargico e non voleva essere toccato. Si è chiuso in sé stesso, anche nei confronti dei familiari più stretti, e i sintomi della malattia di Parkinson preesistente sono peggiorati notevolmente.

Data l’ambiguità dei sintomi clinici che hanno preceduto la sua morte, la famiglia ha richiesto un’autopsia.

I risultati insoliti e affascinanti dell’autopsia hanno portato alla pubblicazione di un caso di morte indotta da vaccino.

Il paziente non aveva mai avuto un’infezione da COVID-19 in passato. Questa storia clinica è stata confermata dall’esame patologico.

“Possiamo affermare con certezza che questo danno è stato causato dal vaccino”, ha insistito l’educatore infermieristico John Campbell, Ph.D., che ha spiegato lo studio in dettaglio in un video di 14 minuti su YouTube che ha condiviso con i suoi 2,68 milioni di abbonati il 16 febbraio.

 

Infezione naturale da COVID-19

La pandemia COVID-19 è stata causata da un virus chiamato SARS-CoV-2, abbreviazione di Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2. Si tratta di un virus a RNA appartenente al gruppo di virus della SARS. Si tratta di un virus a RNA appartenente alla famiglia Coronaviridae. Il nome di questa famiglia di virus deriva dalla parola latina “corona”, che significa appunto corona. Ciò è dovuto al fatto che il virus, al microscopio elettronico, appare come una corona a causa delle piccole proiezioni bulbari formate dalle proteine spike (S) virali.

Come molti altri virus respiratori, i coronavirus si diffondono rapidamente attraverso le goccioline che una persona proietta dalla bocca o dal naso quando respira, tossisce, starnutisce o parla. Le goccioline possono essere inalate da un’altra persona.

Una volta all’interno del sistema respiratorio del ricevente, la proteina spike virale svolge un ruolo chiave nella comunicazione tra virus e cellule ospiti. Una comunicazione riuscita fa sì che il virus venga accettato dalla cellula del ricevente, completando il processo di infezione naturale.

 

Vaccini COVID-19 approvati dalla FDA

Oltre alla proteina spike, il SARS-CoV-2 possiede altre proteine strutturali essenziali, come le proteine dell’involucro (E), della membrana (M) e del nucleocapside (N).

Poiché la proteina spike è la proteina virale più abbondante e più “esposta”, è stata la scelta più ovvia come antigene virale per lo sviluppo del vaccino.

Infatti, senza eccezioni, tutti i vaccini COVID-19 approvati dalla FDA utilizzano la proteina spike come antigene virale. Nessuno dei vaccini autorizzati utilizza altre proteine del SARS-CoV-2 come antigeni virali.

In qualità di ex sviluppatore di vaccini con un dottorato in genetica molecolare, Joe Wang ha messo in dubbio la progettazione di questi vaccini. Allo stesso tempo, però, questo design del vaccino rende facile distinguere la patologia causata dall’infezione del virus da quella causata dal vaccino.

“Se si vede la proteina spike da sola, significa che si tratta di un vaccino; se si vede la proteina spike e la proteina nucleocapside, significa che si tratta di un’infezione virale naturale. Questa è la differenza tra le due cose”, ha spiegato Campbell.

Al fine di condurre un’autopsia per determinare la causa del decesso del paziente 76enne affetto da morbo di Parkinson, i ricercatori hanno trattato i tessuti del suo corpo con formalina, li hanno tagliati in sezioni e li hanno colorati con ematossilina ed eosina per esaminarli.

Hanno confrontato i loro campioni con i controlli, sia con le cellule coltivate di pazienti COVID-19 positivi alla SARS-CoV-2 (che contenevano sia la proteina spike che il nucleocapside), sia con le cellule coltivate che contenevano l’espressione della proteina spike indotta dal vaccino ma non la proteina nucleocapside.

L’autopsia ha evidenziato un’infiammazione sia nel cervello che nel cuore.

Il paziente ha subito un danno cerebrale acuto non correlato alla diagnosi di malattia di Parkinson. Nella parte anteriore del cervello erano presenti chiazze di degenerazione e infiammazione e il cervello conteneva tre tipi di reperti patologici: morte neuronale (cellule nervose morte), infiltrazione microgliale (cellule di difesa del cervello) e linfociti, che sono associati all’infezione virale. Hanno trovato la proteina spike nel lobo frontale del cervello e in altre sezioni del cervello. Ma non era presente la proteina nucleocapside.

È stata riscontrata una miocardite, cioè un rigonfiamento del cuore. Dall’autopsia è emerso chiaramente che la miocardite non era causata da un’infezione naturale, bensì dalle proteine spike indotte dal vaccino.

Questa ricerca ha dimostrato molto chiaramente che la patologia del paziente era causata dai vaccini e non da un’infezione naturale.

Il rapporto sul caso includeva fotografie dettagliate dei tessuti colpiti del paziente. Le immagini parlano da sole: Gli scienziati o i medici che negano il collegamento tra i vaccini e le anomalie dei tessuti non hanno che da rivedere le immagini.

 

“I vaccini hanno causato il danno cerebrale”

I patologi hanno scoperto che il paziente presentava diversi punti del cervello danneggiati, oltre a un gonfiore generalizzato nel cuore. Hanno anche confermato che soffriva del morbo di Parkinson e che aveva un indurimento di lunga data nelle arterie. Infine, hanno trovato prove di polmonite, che potrebbe essere stata causata dall’aspirazione della sua stessa saliva o di altri fluidi corporei.

“Sembra che sia stato il vaccino a causare il danno cerebrale”, afferma Campbell. Sembra che il danno cerebrale indotto dal vaccino abbia causato al paziente delle convulsioni.

Poi le convulsioni (che Campbell ha definito “adattamento”) gli hanno fatto perdere i sensi e, mentre era incosciente, ha respirato un po’ del suo stesso vomito o della sua stessa saliva, che ha contribuito alla sua causa di morte.

“Il vaccino che circola nel corpo entra in contatto con i vasi sanguigni. Quindi le lipo-nanoparticelle contenenti l’mRNA entrano nei vasi sanguigni. E saranno le cellule stesse dei vasi sanguigni a esprimere la proteina spike”, ha spiegato Campbell. Quando la proteina spike viene prodotta nel cervello e nel cuore, provoca una risposta infiammatoria e porta alla morte di diverse parti del cervello.

 

Perché non vengono condotte più autopsie?

È una domanda che Campbell ha posto nel suo video e per la quale non ha avuto risposta. Perché i patologi tedeschi conducono autopsie e i medici americani e britannici no?

Il dottor Robert Lowry, neurologo texano specializzato in medicina dello sport, ritiene che non condurre autopsie sia un grave errore. Lowry, che esercita la professione medica da oltre 30 anni, ha insistito già nel luglio del 2022 sul fatto che le autopsie dovrebbero essere effettuate su ogni giovane che muore improvvisamente e inaspettatamente.

Inoltre, sulla base delle sue ricerche e di ciò che ha visto nella sua pratica clinica, Lowry non esita a dire che non dovremmo più fare iniezioni di mRNA.

“Dobbiamo fermare questi vaccini perché non funzionano”, ha dichiarato Lowry a The Epoch Times.

Non prevengono le malattie e il rischio immediato e a lungo termine di subire gravi danni è maggiore di quello di avere la malattia vera e propria”. L’immunità naturale ai virus della corona è di gran lunga migliore e più duratura di quella offerta da questi vaccini”.

Jennifer Margulis e Joe Wang

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments