Un nuovo disegno di legge proposto dal governo tedesco permetterebbe ai bambini con confusione di genere a partire dai 14 anni di cambiare il loro primo nome e il genere documentato nei registri del governo, indipendentemente dai desideri dei loro genitori.

Un articolo di Raymond Wolfe, pubblicato su Lifesitenews, nella mia traduzione. 

 

simbolo transgender

 

Un nuovo disegno di legge proposto dal governo tedesco permetterebbe ai bambini con confusione di genere a partire dai 14 anni di cambiare il loro primo nome e il genere documentato nei registri del governo, indipendentemente dai desideri dei loro genitori.

La legislazione, che è stata redatta dal Ministero degli Interni (guidato da un democristiano) e dal Ministero della Giustizia (guidato da un socialdemocratico), cerca di rivedere i requisiti di documentazione della Germania, consentendo ai tribunali di modificare le voci di genere sulla base di una singola “perizia”. L’attuale legge tedesca – già radicalmente pro-LGBT – richiede una doppia valutazione.

Il cambiamento della regola si applicherebbe ai minori con disforia di genere che cercano di cambiare i loro documenti, con i tribunali che decidono “il migliore interesse del bambino” in caso di resistenza dei genitori.

“Per la domanda … il minore deve aver raggiunto l’età di 14 anni” e ottenuto “il consenso del suo rappresentante legale”, afferma il disegno di legge. “Se il rappresentante legale non è d’accordo, il tribunale della famiglia sostituirà il consenso se il cambiamento di genere o di nome non è in contraddizione con il migliore interesse del bambino”.

Il tipo di “opinione di esperti” che i tribunali tedeschi potrebbero usare per usurpare l’autorità dei genitori potrebbe anche non aver bisogno di venire da professionisti medici, indica il progetto di legge.

“Se la persona è minorenne nel procedimento … il tribunale raccoglierà la perizia di una persona che, per la sua formazione ed esperienza professionale, è sufficientemente familiare con le specificità del transessualismo”, si legge.

“Secondo la formulazione, la persona non deve essere formata come specialista o psicoterapeuta, quindi il certificato di consulenza potrebbe anche essere rilasciato da un’organizzazione trans”, ha detto International Family News.

Più di 19.000 persone hanno firmato una petizione lanciata da Demo Für Alle, un importante gruppo tedesco pro-famiglia, per fermare l’avanzamento della proposta di legge.

“Il governo federale sta adottando la tesi radicale e non scientifica dell’ideologia gender, secondo la quale il genere è puramente soggettivo e non può essere verificato scientificamente. Il sesso è di fatto abolito”, ha detto Demo Für Alle, definendo il progetto di legge come una “trappola per i bambini”.

La proposta della Germania di permettere agli adolescenti di “cambiare” il loro genere arriva solo tre mesi dopo che un alto tribunale inglese ha ampiamente vietato i farmaci di “transizione di genere” per i minori di 16 anni, citando la loro incapacità di dare un consenso significativo.

“La corte ha considerato che era altamente improbabile che un bambino di 13 anni o meno fosse competente a dare il consenso alla somministrazione di bloccanti della pubertà”, diceva la sentenza. “Era anche dubbio che un bambino di 14 o 15 anni potesse capire e soppesare i rischi e le conseguenze a lungo termine della somministrazione di farmaci che bloccano la pubertà”.

L’alta corte ha sottolineato i rischi di “perdita di fertilità” e “conseguenze fisiche sconosciute” legate ai farmaci ormonali transgender, chiamando l’interruzione della pubertà “un percorso verso interventi medici molto più grandi”.

Esperti medici hanno analogamente denunciato gli effetti del transgenderismo sui minori, avvertendo di danni fisici e mentali permanenti. Secondo il dottor Michael Laidlaw, un endocrinologo formatosi all’University of Southern California, “gli anni di sviluppo osseo persi non possono essere riguadagnati” dai bambini a cui vengono somministrati bloccanti della pubertà.

Il loro “sviluppo osseo, cerebrale, pelvico e psichiatrico… potrebbe non verificarsi mai completamente”, ha aggiunto.

La soppressione degli ormoni naturali durante la pubertà lascia anche gli adolescenti “sterili senza alcuna possibilità di avere prole genetica in futuro”, ha detto l’American College of Pediatrics (ACP).

Inoltre, “dall’80 al 95 per cento dei bambini in età prepuberale con [disforia di genere] sperimenteranno la risoluzione entro la tarda adolescenza se non esposti all’affermazione sociale e all’intervento medico”, ha osservato l’ACP. Addirittura il 100% degli stessi bambini, se la loro disforia di genere venisse sostenuta, proseguirebbe nel sottoporsi a interventi chirurgici mutilanti per transgender.

“Il sesso biologico non viene assegnato”, ha scritto la dottoressa Michelle Cretella, capo dell’ACP, in un articolo per LifeSiteNews. “Il sesso è determinato al concepimento dal nostro DNA ed è impresso in ogni cellula del nostro corpo”. “La promozione attiva del transgenderismo ha portato a una massiccia sperimentazione incontrollata e non consensuale su bambini e adolescenti”, ha continuato.

“Questo è un abuso di bambini”, ha detto la dottoressa Cretella.

In Germania, i democristiani sotto il cancelliere Angela Merkel hanno guidato il governo federale dal 2005. Tuttavia, il “matrimonio” omosessuale è stato introdotto nel 2017, anche se avrebbe potuto essere bloccato dalla Merkel e dai suoi alleati.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1