Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ashley Sadler e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Project Veritas-Twitter Screenshot
Project Veritas-Twitter Screenshot

 

Nella prima puntata di una serie investigativa che denuncia l’industria multimiliardaria dei transgender, Project Veritas ha rivelato che le cliniche di genere lavorano con pazienti di otto anni per avviarli a un percorso di farmaci sterilizzanti e interventi chirurgici mutilanti.

Nel video pubblicato giovedì sui social media, i reporter in incognito dell’agenzia investigativa hanno parlato con i dipendenti delle cliniche di genere di New York e del Texas per scoprire se iniziassero il processo di transizione per bambini confusi sulla percezione del proprio genere già a otto o dieci anni.

Il rapporto è il primo di una serie di video investigativi in tre parti in cui i giornalisti di Project Veritas hanno parlato con i professionisti di 50 cliniche di genere in tutta la nazione. È anche uno dei più importanti reportage del gruppo da quando si è separato dal fondatore James O’Keefe, che è stato ampiamente pubblicizzato.

 

 

In uno scambio, una donna identificata nel video come Nora Scott, assistente sociale autorizzata presso il Dell Children’s Medical Center di Austin, Texas, ha detto a un reporter sotto copertura che il centro “ha pazienti che iniziano” interventi transgender “a partire dagli otto, nove anni”.

Descrivendo i bambini confusi sul genere come “persone più giovani”, Scott ha detto che il centro ha “un elenco di terapisti che confermano il genere che possiamo fornire”.

“Per quanto riguarda la prescrizione, è a discrezione del medico”, ha proseguito. “Potrebbero richiedere un paio di appuntamenti solo per vedere; potrebbe essere appropriato dopo uno”.

La Scott ha detto che la prescrizione di farmaci che bloccano la pubertà “non è qualcosa che vogliamo tenere sotto controllo e che richiede che qualcuno venga a trovarci 10 volte prima che venga prescritto”.

In un’altra registrazione, il dottor John Steever, medico del Mount Sinai Adolescent Health Center di New York, ha dichiarato a un giornalista di Project Veritas che il centro prescriverebbe farmaci per il blocco della pubertà a un bambino di 10 anni confuso.

“Seguo le linee guida della WPATH, l’Associazione Professionale Mondiale per la Salute dei Transgender, e in realtà quello che dicono è che la strada da percorrere a questa età, 10 anni, sarebbe qualcosa come un bloccante della pubertà”, ha detto Steever. “E questo blocca la pubertà molto rapidamente, in modo che non si verifichi un ulteriore sviluppo dei caratteri sessuali secondari. Quindi, ad esempio, non c’è un vero e proprio sviluppo del petto. Non ci sono mestruazioni. Cose del genere”.

Secondo gli Standard di cura della WPATH, “le adolescenti possono essere idonee a ricevere ormoni per la soppressione della pubertà non appena sono iniziati i cambiamenti puberali”. L’associazione osserva che “alcuni bambini possono arrivare a questa fase in età molto giovane (ad esempio, nove anni)”.

Osservando che i farmaci ormonali possono avere “effetti permanenti”, il Dr. Steever ha detto che si asterrebbe dal somministrare ormoni cross-sessuali a un bambino fino a quando non raggiunge la prima adolescenza, momento in cui, secondo lui, è in grado di “prendere una decisione relativamente informata”, nonostante il fatto che i quattordicenni non possano legalmente acquistare alcolici o sigarette, guidare un’auto, votare, farsi un tatuaggio o sposarsi (in tutti gli Stati tranne due).

“Quando si arriva a 14 anni, è allora che prendo in considerazione la possibilità di avere ormoni cross-gender”, ha detto Steever. “Quattordici anni è un’età ragionevole. La maggior parte dei ragazzi è abbastanza matura per prendere una decisione relativamente informata”.

Project Veritas ha parlato anche con il dottor Quentin van Meter, endocrinologo pediatrico certificato e presidente dell’American College of Pediatricians. Van Meter ha criticato gli interventi di genere sui bambini piccoli, sottolineando che gli effetti a lungo termine sono ancora sconosciuti e che i processi biologici naturali come la pubertà sono buoni e necessari.

Nel video, van Meter ha affermato che i bloccanti della pubertà “sono progettati in modo molto intelligente per interrompere le segnalazioni della ghiandola pituitaria alla gonade, che sarebbe l’ovaio o il testicolo, per farli iniziare”. L’interruzione del naturale progresso della pubertà, ha aggiunto, “toglie al bambino qualcosa di necessario e veramente fisiologico. Non sappiamo se questo possa essere recuperato se viene bloccato nel bel mezzo dell’adolescenza. Non ci sono studi che dimostrino che sia sicuro”.

“La pubertà non è una malattia, non è qualcosa di cui ci si vuole sbarazzare”, ha detto van Meter.

Nel frattempo, in un video su Zoom ottenuto da Project Veritas e incluso nel rapporto investigativo, un endocrinologo pediatrico dell’ospedale pediatrico della British Columbia ha espresso la preoccupazione che i bambini che scelgono di sottoporsi alla transizione di genere spesso non comprendano l’impatto sterilizzante della loro decisione.

“Cerchiamo di parlarne, ma la maggior parte dei bambini non ha il cervello per affrontare l’argomento in modo serio. Questo mi preoccupa sempre, ma vogliamo comunque che i bambini siano felici”, ha detto. “Felici in quel momento, giusto?”.

LifeSiteNews ha ampiamente riportato che gli interventi chirurgici e i farmaci transgender, oltre ad affermare la falsa realtà che il proprio sesso possa essere cambiato, sono collegati a gravi danni fisici e psicologici permanenti, tra cui malattie cardiovascolari, osteoporosi, cancro, ictus, infertilità e un drastico aumento dei casi di suicidio.

Ciononostante, negli ultimi anni i tassi crescenti di identificazione transgender sono stati accolti con celebrazione e adulazione nella cultura mainstream, e i tassi di mutilazione chirurgica per i minori hanno subito un’impennata. In molte classi delle scuole pubbliche, i bambini vengono attivamente incoraggiati a rinnegare la loro biologia e a vivere nel sesso opposto.

Nel frattempo, il video di giovedì di Project Veritas è uno dei primi rapporti investigativi dell’organizzazione no-profit dopo la tanto pubblicizzata rottura con O’Keefe.

Come LifeSiteNews ha riportato in precedenza, il mese scorso O’Keefe ha annunciato il lancio di una nuova impresa giornalistica, O’Keefe Media Group, dopo essersi separato dall’organizzazione non profit che aveva contribuito a fondare. O’Keefe afferma di essere stato costretto a lasciare il Project Veritas dal suo consiglio di amministrazione, ma la società ha insistito sul fatto che non lo ha licenziato e che vuole vederlo tornare.

Ashley Sadler

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments